Venerdì 14 Dicembre 2018 - 17:41

Campania meta preferita delle vacanze primaverili

Aumentano i viaggi per vacanze, mentre diminuiscono quelli per lavoro. È quanto emerge dall’ultimo report dell’Istat da cui si rileva che lo scorso anno gli italiani hanno compiuto complessivamente 66 milioni e 347mila viaggi con almeno un pernottamento, pari ad un incremento dello 0,44% rispetto al 2016. In crescita è pure la durata media dei viaggi che si attesta a 5,8 notti (6 per quelli di vacanza e 3,5 per quelli di lavoro), per un totale di circa 383 milioni di pernottamenti (+7,7%). In particolare, gli spostamenti per motivi di vacanza sono circa il 91% del totale e risultano in aumento del 2,27%, soprattutto quelli con oltre quattro pernottamenti (+9,1%); il restante 9% è rappresentato da viaggi per motivi di lavoro, in calo del 15,58%, raggiungendo il livello più basso dal 2007 (5,7 milioni). Il 21,8% degli italiani, nel 2017, ha compiuto almeno un viaggio, in media, in un trimestre (+2,6 punti percentuali rispetto all’anno precedente): i più attivi appaiono i residenti nel Nord-Est (1,6 viaggi medi procapite all’anno), mentre quelli del Mezzogiorno sembrano più stanziali (0,6). In ogni caso, si viaggia di più nella “bella stagione”: il trimestre estivo si conferma, infatti, quello con la maggiore concentrazione di vacanze. Tra luglio e settembre parte più di un terzo della popolazione (34,8%): il 28,8% dei residenti fa almeno una vacanza lunga, il 9,8% almeno una breve. I vacanzieri aumentano del 7,6% rispetto all’estate del 2016, soprattutto tra i ragazzi fino a 14 anni (+19,0%) e nella popolazione di età compresa fra 25-34 anni (+10,4%) e tra i 55-64 anni (+22,4%). Nell’81% dei casi i viaggi hanno come destinazione principale località nazionali, mentre nel restante 19% sono privilegiate le mete estere situate, principalmente, nei Paesi dell’Unione europea (13,4%). Le vacanze lunghe estive in Italia si svolgono più frequentemente in Emilia-Romagna (13,6%) e Puglia (12,4%), mentre il Trentino-Alto Adige è la meta preferita in inverno (14,0%) e in autunno (12,4%). Per le vacanze lunghe primaverili emerge la Campania, che risulta prima nella graduatoria del trimestre aprile- giugno (18,6%). Tra le destinazioni straniere, invece, spiccano la Spagna per le vacanze lunghe (13,6%) e la Francia per quelle brevi (15,8%) e per i viaggi di affari (17,7%). Oltre i confini europei, spicca la preferenza per gli Stati Uniti sia nel caso delle vacanze lunghe (4,1%) che per i viaggi d’affari (7,1%). Gli alloggi privati si confermano la sistemazione prediletta (54,3% dei viaggi e 62,3% dei pernottamenti), soprattutto per le vacanze lunghe (59,1% dei viaggi, 65,5% delle notti), mentre il ricorso alle strutture alberghiere è più frequente nei viaggi di lavoro (80,6% dei viaggi e 70,7% delle notti). Nel 2017 aumenta l’incidenza dei viaggi con prenotazione diretta (55,7%, contro il 50,2% del 2016), soprattutto attraverso internet (44,1). La prenotazione tramite agenzia o tour operator, che riguarda complessivamente il 7,4% dei viaggi, è stabile e più frequente per gli spostamenti di affari (9,5%) e per le lunghe ferie (8,9%). Infine, l’auto si conferma il mezzo di trasporto più utilizzato per viaggiare (61,4%), sebbene in leggera diminuzione in confronto al 2016 (64,2%). Seguono, a grande distanza, l’aereo (18,6%, in crescita rispetto al 16,1% del 2016) ed il treno (9,8% nel 2017 e 10,3% l’anno precedente). Stabile si mantiene il ricorso a nave (2,2%) e camper (1,5%), mentre aumenta l’appeal del pullman (5,1% dei viaggi nel 2017 contro il 3,4% dell’anno prima).

di Automobile Club Napoli

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno