Mercoledì 21 Novembre 2018 - 22:00

Le ultime novità in materia di carburanti

Sono entrate in vigore questo mese le nuove norme in materia di etichettatura dei carburanti che interessano i 28 Stati membri dell’Unione Europea, i Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein, Norvegia), ma anche Serbia, Macedonia, Svizzera e Turchia. L’obiettivo è quello di consentire agli utenti la corretta individuazione del carburante adatto al proprio veicolo, attraverso specifiche etichette, uniformi in tutta Europa, da apporre sui nuovi veicoli e su tutte le pompe delle stazioni di servizio. Secondo la Direttiva Ue 2014/94, recepita in Italia con il Decreto Legislativo di attuazione 257/2016, la rappresentazione grafica per l’identificazione del carburante deve essere semplice, facile da comprendere e collocata, in maniera chiaramente visibile, sui corrispondenti apparecchi di distribuzione, e relative pistole, di tutti i punti di rifornimento, nonché sui tappi dei serbatoi di carburante, o nelle immediate vicinanze, dei veicoli a motore immessi sul mercato per la prima volta o immatricolati a partire dallo scorso 12 ottobre. Le informazioni sulla nuova etichettatura dei carburanti devono essere disponibili anche presso i concessionari di veicoli a motore ubicati sul territorio nazionale e all’interno dei manuali di istruzione dei veicoli stessi. In pratica, ciascun carburante è identificato con una sagoma, una lettera ed un numero, in modo da consentire ai consumatori europei, ovunque si trovino al momento del rifornimento, di individuare sulla pistola del distributore e sul tappo del serbatoio lo stesso simbolo univoco e impossibile da confondere. Un cerchio con la lettera E al centro seguita da un numero indica le benzine. La lettera E sta per etanolo, mentre il numero indica la percentuale di componenti bio presente nella benzina. Pertanto, le sigle E5, E10 ed E85 indicano, rispettivamente, le percentuali di etanolo presente nella benzina. La forma di un quadrato rappresenta il gasolio: al suo interno si possono trovare le lettere B per indicare i componenti biodiesel presenti nel gasolio oppure XTL che sta per gasolio sintetico non derivato dalla raffinazione del greggio. Anche in questo caso le sigle B7 e B10 stanno a significare la percentuale di biodiesel. Attenzione, quindi a non confondersi, la lettera B non identifica la benzina che è invece rappresentata dal cerchio con la E. Infine, il rombo è il simbolo che denota i carburanti gassosi. A seconda del tipo, al suo interno è apposta una specifica combinazione di lettere: LPG per gas di petrolio liquefatto, CNG per gas naturale compresso (ovvero il metano per autotrazione), LNG per gas naturale liquefatto e H2 per l’idrogeno. Ogni carburante, quindi, ha la sua etichetta uguale in tutta Europa che sui nuovi veicoli (non è cioè obbligatoria su quelli già in circolazione prima del 12 ottobre) è apposta il tappo del serbatoio o nelle sue vicinanze. Per quanto riguarda la benzina, i veicoli di nuova produzione interessati dalla nuova norma sono: i ciclomotori, i motocicli, i tricicli, i quadricicli, le autovetture, i mezzi commerciali leggeri (furgoni) e quelli pesanti (camion) e gli autobus. Nel caso dei veicoli elettrici o ibridi plug-in che, ovviamente, vanno riforniti con il “carburante” (vettore energetico) appropriato, sono in via di sviluppo le relative etichette da applicare sui veicoli stessi e sulle stazioni di ricarica in modo da indicare agli utenti la maniera più adatta per ricaricare le batterie. Con il nuovo sistema, dunque, non dovrebbero più verificarsi errori di rifornimento. Ad oggi, infatti, non è insolito che per distrazione venga introdotta benzina in un veicolo a gasolio. Più difficile, invece, è il verificarsi del caso opposto essendo il collo del bocchettone del serbatoio del veicolo a benzina appositamente più piccolo della pistola della pompa per l’erogazione del diesel.

di Automobile Club Napoli

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici