Mercoledì 23 Gennaio 2019 - 23:39

Roccocò da fare in casa

I Roccocò rappresentano un must della cucina partenopea, immancabili come fine pasto per tutti il periona della feste di natale. Duri o Morbidi. La tradizione lo impone duro per inzupparlo in un vino dolce corposo.

INGREDIENTI: 1 kg di farina 00 debole 900 gr di zucchero 900 gr di mandorle con buccia la buccia grattuggiata di 1 arancio grande la buccia tagliata di 3 mandarini la buccia grattuggiata di 1 limone grande 25 gr di pisto (misto di spezie: cannella,chiodi di garofalo,noce moscata, cardamomo) 2 gr di ammoniaca per dolci obicarbonato di ammonio in polvere 150 g caditi scorzetta e cedro 100 ml di acqua tiepida 50 g di miele 200 ml succo di arancia e mandarini un pizzico di sale 1bs di vanillina Per decorare la loro superficie 2 uova + cucchiaino di zucchero 100 gr di mandorle

PREPARAZIONE: Tostate leggermente le mandole fatele raffreddare e tritate in maniera grossolana. Disponete la farina sul tavolo dandole la classica forma “a fontana”, poi praticate un foro nel centro e versateci dentro lo zucchero, le mandorle tritate, la buccia grattugiata del limone, la buccia di arancio e mandarini a dadini, il pisto, i caditi tagliati a dadini e la vaniglia premente gli agrumi filtrate e aggiungete l'acqua e intiepidite sul fuoco. Togliere dal fuoco scioglierci il miele e aggiungere l'ammoniaca e versare gradualmentesull’impasto. Adesso lavorate a mano tutti gli ingredienti e aiutatevi aggiungendo gradualmente il liquido tiepido. Amalgamate bene il composto in modo da ottenere un impasto che sia morbido ma non appiccicoso. Ora non vi resta che dare forma all'impasto, stagliate l’impasto a pezzi da 100 g e stendetelo a bastoncinoformandouna ciambellina. Rivestite di carta forno una teglia ampia e adagiatevi sopra i roccocò cosi formati. abbiate cura di lasciarli abbastanza distanziati gli uni dagli altri perché in cottura tendono a gonfiarsi un po’ e quindi potrebbero attaccarsi. Appoggiate 4 mandorle sui roccoco premendo leggermete. Pennellateli con l'uovo e zucchero sbattuto, e poi infornateli a 150 ° per 30/40 minuti circa. Sfornateli e sollevarli dalla teglia, con una spatola e capovolgeteli e aspettate che si siano raffreddati: appena sfornati sono infatti troppo morbidi e rischiano di rompersi, mentre una volta freddi saranno duri e croccanti.. e potete conservarli ben chiusi in buste di carta.

di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale