Mercoledì 19 Settembre 2018 - 23:14

Quando i legumi incontrano la birra

Oggi è l’ultima delle tre giornate di Leguminosa, la manifestazione internazionale organizzata da Slow Food Campania che racconta il mondo dei legumi. Nel pieno centro di Napoli, in Piazza Dante, sono state allestite delle tensostrutture che ospitano la terza edizione di questa manifestazione che cresce ogni anno sempre più, con le 30.000 presenze del 2016. Oltre 60 produttori, arrivati da ogni parte d’Italia, danno vita al mercato, intorno al quale sono stati creati tantissimi appuntamenti di approfondimento sul tema dei legumi, risorsa fondamentale per la sopravvivenza dei territori e per una sana e corretta alimentazione. Decine di social cooking, laboratori del gusto e dibattiti tematici, coinvolgono decine di produttori, relatori e chef, tutti protagonisti di un progetto che vuole essere rivoluzionario rispetto al mondo che viviamo, che spesso dimentica i prodotti veri della terra. In questo contesto, insieme all’olio extra vergine d’oliva e il vino, grande protagonista è anche la birra artigianale campana, che accompagna il percorso degustativo dei presenti. Dieci i birrifici campani presenti (Aeffe, Birrificio del Sannio, Birrificio dell'Aspide, Birrificio Sorrento, Birrificio Ventitre, Karma, Lievito e Nuvole, Okorei, Saint John's e Serrocroce) con una selezione delle loro birre espressamente scelte per rappresentare la vasta offerta di tipologie prodotte nella nostra regione. I primi due giorni di Leguminosa hanno registrato una grande affluenza di pubblico alla postazione della birra artigianale, a partire dalla giornata inaugurale di venerdì, quando i dirigenti regionali di Slow Food Campania, capitanati dal presidente Giuseppe Orefice, e il sindaco di Napoli De Magistris hanno brindato alla partenza della terza edizione con un calice di birra (foto). Oggi si concluderà la manifestazione, ma fino al tardo pomeriggio sarà possibile degustare le birre presenti, magari scoprendo anche i possibili abbinamenti con i legumi. Questo è un aspetto davvero molto interessante, visto che i legumi e la birra sono complementari tra loro a tavola e l’interazione è molto intrigante. Qualche esempio pratico di abbinamento? La zuppa di ceci è un piatto a tendenza dolce e spesso lo si aromatizza con il rosmarino per equilibrare questa caratteristica. Consiglio di abbinare a questo piatto una Stout, birra scura di tradizione irlandese, contraddistinta dalle note tostate dei malti scuri, che conferiscono un leggero amaro finale e acidità. Queste caratteristiche compensano ed equilibrano proprio la tendenza dolce dei ceci. Avete nel piatto della pasta e fagioli “arricchita” con cotica? Perfetta una Double Ipa, con l’alcool giusto per contrastare la grassezza della cotica e l’amaro che equilibra la tendenza dolce del piatto. Se al contrario vogliamo enfatizzare le caratteristiche dei fagioli, possiamo abbinare una Scotch Ale, più rotonda e meno amara della Double Ipa, pur conservando un buon grado alcolico. Cheers

di Alfonso Del Forno

Commenta


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno