Martedì 26 Settembre 2017 - 18:22

Ritrarre il corpo nudo del partner

Un incontro originale impresso su una tela: sembra essere proprio questa l'ultima originale tendenza messa in atto da uomini e da donne. A che cosa ci riferiamo nello specifico? Ad una sorta di stuzzicante gioco tra le parti che prevede la possibilità di ritrarre su una tabula completamente bianca, il corpo nudo, o quasi, del proprio partner. Spazio ad acrilici, a tempere, a pastelli colorati tradizionali oppure ad olio, spazio insomma ad un mix perfetto di sfumature per riuscire ad immortalare non solo il volto ed i muscoli di un Lui o di una Lei, ma anche evidenti e forti stati d'animo.Altro che macchine fotografiche: la magia che si sprigiona tra due innamorati complici in questo momento così accattivante non ha euguali.Poco importa se si sa disegnare o meno: come novelli pittori su quella tela bianca si riusciranno, comunque, ad imprimere tutte le sensazioni nascoste del momento. Ma qual è il tempo migliore per ritrarre il corpo nudo del proprio partner? Si dice che sia proprio quello dopo aver fatto l'amore: già, in quei minuti eterni e dolci, che seguono ad una travolgente passione sembra che ci si senta, infatti, più liberi e meno problematici, più seducenti e desiderosi di esporre il proprio corpo ed i propri pensieri, anche se si diventa pure, in un certo senso, più vulnerabili.Gli occhi sono languidi, i seni turgidi, il colorito è acceso, la pelle appare morbida e vellutata..Ed ecco, allora, che mai quadro vi riuscirà meglio e, soprattutto, mai espressione del viso apparirà più lieta e distesa, se non in questa calda occasione ricca di pathos. Provare per credere... m.poggiagliolmi@email.it

di Mariagrazia Poggiagliolmi

Commenta

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici