Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Senatori Pd: «Pronti a firmare con M5S per commissariare de Magistris»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Sab 08 Giugno 2019 14:44


NAPOLI. «Noi lo diciamo da anni, finalmente adesso anche da parte dei grillini arrivano parole chiare e nette. L'amministrazione finanziaria targata De Magistris è un totale fallimento e stamattina 58 senatori del M5S chiedono al ministro Salvini di commissariare il sindaco di Napoli proprio per la sua pessima gestione dei conti». Lo dichiarano i senatori del Pd Valeria Valente, Teresa Bellanova, Caterina Biti, Eugenio Comincini, Dario Parrini, Simona Malpezzi, Dario Stefano, Francesco Verducci. «Era ora!



Salvini contro de Magistris: «Supercazzole pur di attaccarmi»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Ven 07 Giugno 2019 19:44


PADERNO DUGNANO. «Abbiamo approvato la norma per mettere i sistemi di videosorveglianza nelle case di riposo e negli asili, una norma su cui penso sia d'accordo il 90% degli italiani. Il sindaco di Napoli ha detto no, perché ha detto è un provvedimento di repressione e ha fatto tutta una supercazzola sulla prevenzione... Questo è un signore che pur di andare contro Salvini sarebbe capace di dire che oggi non è venerdì. Sapete, chi insulta ha già perso». Lo dice Matteo Salvini in un comizio a Paderno Dugnano, attaccando il primo cittadino di Napoli Luigi De Magistris. 



Un'ora di faccia a faccia


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 06 Giugno 2019 17:31


È durato circa un'ora, a Palazzo Chigi, l'atteso faccia a faccia tra i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Un incontro su cui, fino all'ultimo, è stato mantenuto il massimo riserbo, con il leader della Lega che ha depistato i cronisti, assicurando, lasciando l'abitazione romana, che nessun vertice era in programma e di essere diretto al Viminale. La sua auto, invece, ha imboccato la strada per Palazzo Chigi, entrando nella sede del governo da Piazza del Parlamento.



Teatro San Carlo, ancora scintille tra De Luca e de Magistris


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 06 Giugno 2019 15:04


NAPOLI. Nel Foyer del Teatro San Carlo va in scena lo scontro tra il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, e il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.


«De Luca fa bullismo politico-istituzionale, è disperato»

CONDIVIDI:

De Magistris, intervenuto subito dopo, non ha raccolto la provocazione spiegando che «questa conferenza è incentrata sul programma culturale del San Carlo e, a queste argomentazioni destituite di ogni fondamento, risponderò in altro modo». Il sindaco non ha comunque mancato di far notare che «da 8 anni io ci sono sempre stato e ci sarò anche nei prossimi 2, nelle forme che ci competono e con la passione di essere napoletano. Questa - ha aggiunto - è una giornata importante che non va riempita di momenti grevi e politici che appartengono ad altri contesti. Sono convinto che anche nei prossimi anni le istituzioni ci saranno, indipendentemente dalle persone che le rappresenteranno. Il Comune ci sarà, anche la Città metropolitana che, chissà perché, non viene mai citata».


«Nessun taglio a reddito e quota 100»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Gio 06 Giugno 2019 13:39


Il taglio a quota 100 e reddito di cittadinanza "non è assolutamente all'ordine del giorno". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte ai cronisti ad Hanoi. "E' da escludere qualsiasi taglio a misure di protezione sociale, perché si prefigurano risparmi di spesa. Questo significa che abbiamo accantonato somme che sono sovradimensionate. Quindi nessun taglio, quelle misure restano intatte", ha assicurato il premier. 



L'Ue all'Italia: debito alto, procedura giusta

L'infrazione decisa da Bruxelles anche per Belgio, Francia e Cipro


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mer 05 Giugno 2019 13:45


L'avvio di una procedura per debito nei confronti dell'Italia è "giustificato". Lo ha stabilito la Commissione Europea, che nel collegio di oggi ha adottato relazioni ex articolo 126.3 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea "nei confronti di Belgio, Francia, Italia e Cipro, in cui esamina la conformità̀ di questi paesi con i criteri relativi al disavanzo e al debito previsti dal trattato.



Sblocca cantieri, c'è l'accordo


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 04 Giugno 2019 14:56


Movimento 5 Stelle e Lega hanno trovato l'accordo sul dl sblocca cantieri. E' quanto rendono noto fonti del governo. Un'intesa che segue la telefonata chiarificatrice tra Luigi Di Maio Matteo Salvini. Da mercoledì il provvedimento sarà votato in Aula al Senato. 



Verso accordo su Sblocca cantieri


di  Redazione

CONDIVIDI:

Mar 04 Giugno 2019 14:00


Sarebbe stato trovato in Senato l'accordo M5S-Lega per dare il via libera all'emendamento Salvini, che prevede lo stop al codice degli appalti per due anni. Il testo proposto dalla Lega, al centro dello strappo di ieri sera a Palazzo Chigi con il premier Conte, a quanto apprende l'AdnKronos, è in fase di revisione, con alcune modifiche che integrano il lavoro fatto nelle Commissioni di merito.



Ultimatum Conte: «Se non ci sono le condizioni, rimetterò il mandato»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 03 Giugno 2019 18:40


Assicura che non c'è "nessuno stallo nel governo", poi avverte: "Se non ci sono le condizioni rimetterò il mandato". Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte nel corso dell'attesissima conferenza stampa a Palazzo Chigi fa un bilancio del primo anno di governo e stringe i tempi con i due vicepremier: "Da Di Maio e Salvini attendo una risposta rapida".


"Sarà il governo del cambiamento fino all'ultimo giorno - assicura ancora Conte -. Non posso essere certo della durata, non dipende solo da me, ma fino all'ultimo sarà un governo del cambiamento. Non posso essere certo della durata del governo: non dipende solo da me". Però, le polemiche sterili - osserva ancora - sottraggono energie preziose e distolgono dagli obiettivi di governo". Bisogna "uscire dagli schemi delle campagne elettorali e dei proclami a mezzo stampa". Il motto, scandisce, è "sobri nelle parole e operosi nelle azioni".

Per il presidente del Consiglio "bisogna recuperare lo spirito di coesione" del primo anno "per andare avanti", altrimenti diventa "difficile operare". "Leale collaborazione vuol dire che se il ministro dell'Economia e il presidente del consiglio dialogano con l'Ue per evitare una procedura d'infrazione che ci farebbe molto male, le forze politiche non intervengono ad alterare quel dialogo riducendo quella trattativa a terreno di provocazione...".

E ancora, Conte ricorda "le parole declamate" nel giorno del giuramento alla presidenza del governo: "Non ho mai giurato altra fedeltà al di fuori di questa, è stata e sempre sarà il faro della mia azione di presidente". "Ho sempre ritenuto che il contratto fosse un elemento di forza del governo - ha sottolineato Conte - è la modalità più lineare e trasparente per dar vita a un governo tra due distinte forze politiche con contenuti programmatici diversi e contesti valoriali distinti".

Poi detta l'agenda: "Dobbiamo lavorare a una legge sul conflitto d'interessi, una legge che il Paese aspetta da decenni, dobbiamo contrastare questo virus epidemico che incancrenisce". Quanto alle voci di un rimpasto che si sono rincorse nei giorni scorsi, rispondendo ai cronisti, Conte taglia corto: "Sul mio tavolo al momento non è pervenuta nessuna richiesta".

Il premier si lascia infine andare a una battuta. Quando i giornalisti gli chiedono dell'ipotesi di una 'lista Conte' in caso di caduta del governo, lui scherza: "Se ancora è libero" il posto "sarei disposto ad allenare la Roma", giocando sull'omonimia con il neo allenatore dell'Inter, Antonio Conte.

SALVINI - A stretto giro la replica di Matteo Salvini: "Se tutti mantengono la parola data il governo va avanti" dice il titolare dell'Interno a margine del suo comizio a Porto Mantovano, rispondendo a chi gli chiede un commento alle parole di Conte.


Ballottaggi, Meloni a Bacoli: «Puntiamo a rilanciare il settore turistico»


di  Redazione

CONDIVIDI:

Lun 03 Giugno 2019 17:40


BACOLI. «Qui a Bacoli dopo 4 anni di precarietà amministrativa puntiamo con il nostro candidato sindaco a dare stabilità e continuità al governo cittadino e a rilanciare il settore turistico. Questo tipo di economia può dare impulso all'economia locale e dare ricchezza alla città». Così il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che in vista del ballottaggio di domenica ha incontrato i sostenitori del candidato sindaco del centrodestra a Bacoli, Nello Savoia. «Puntiamo a dare stabilità a tutti i comuni in cui governiamo con sindaci onesti e capaci.



Pagine