Martedì 26 Settembre 2017 - 18:07

Roma, allarme bilancio: presto incontro con il Governo

ROMA. Il Governo mette nel mirino la gestione dei conti di Roma Capitale. E se i contatti con il Tesoro si erano intensificati prima della pausa estiva, i recenti sviluppi, con l'ennesimo avvicendamento alla guida dell'assessorato al Bilancio e il 'benservito' ad Andrea Mazzillo, sono considerati "un ulteriore elemento di preoccupazione". In particolare, la Ragioneria Generale dello Stato ha evidenziato problemi per la gestione della partita sui salari accessori e, soprattutto, per il piano di rientro. Entrambi i temi saranno al centro del confronto con il nuovo assessore, Gianni Lemmetti, che sarà convocato al Tesoro entro la metà di settembre, secondo quanto riferiscono all'Adnkronos fonti vicine al dossier.

 
In gioco ci sono anche i fondi che il Tesoro assicura alla Capitale ogni anno, 110 milioni di extracosti. Il Campidoglio per vedere confermate le risorse deve chiarire qual è la strada intrapresa per centrare l'obiettivo di tagli alla spesa per 440 milioni, e rispettare le regole previste per tutti gli enti locali. L'intenzione del Governo, come ha spiegato il sottosegretario Paola De Micheli, è quella di non concedere deroghe né, tantomeno, di ricorrere a un nuovo provvedimento 'Salva Roma'.

In sostanza, servono risposte chiare che finora non sono arrivate. E il nuovo assessore Lemmetti deve riuscire a ottenerle in tempi stretti, per arrivare entro un paio di settimane con le carte in regola all'incontro con il Tesoro.

Attacca soldati con machete, paura a Bruxelles

BRUXELLES. Un uomo armato di coltello, forse un machete, ha attaccato due soldati sulla boulevard Emile-Jacqmain, nel centro di Bruxelles, prima di venire colpito dalla loro reazione. Si tratta di un somalo che è poi deceduto in ospedale. Lo rendono noto i media belgi citando le forze di sicurezza.

L'aggressione ha avuto luogo verso le 20:20 e intorno alla zona è stato disposto un ampio perimetro di sicurezza. Secondo 'RTBF Info' l'uomo, un somalo di circa 30 anni, avrebbe gridato 'Allah Akbar' durante l'attacco. "La situazione è sotto controllo", afferma la polizia federale.

Sgombero Roma, scintille Raggi-Regione

ROMA. Scintille tra Virginia Raggi e la Regione Lazio sullo sgombero di piazza Indipendenza, a Roma. "In Italia l’accoglienza è ormai una vera e propria emergenza ma, piuttosto che affrontare la questione, stiamo assistendo a un vergognoso scaricabarile. C’è chi si indigna ma poi volta la faccia dall’altra parte. C’è ipocrisia" scrive in un lungo post su Facebook la sindaca di Roma.

La Raggi fa il punto sull'accaduto nell'edificio "occupato abusivamente e sottratto ad un gruppo di imprenditori" e rivendica la correttezza dell'operato della sua amministrazione, contestando invece a Regione e governo di non aver fatto il proprio dovere.

IL SINDACO - "Centinaia di uomini, donne e bambini finiti in strada senza un tetto. Questa è la conseguenza di anni di disinteresse, è il segno dell’inadeguatezza della attuale politica sull’immigrazione e sull’accoglienza", scrive la sindaca, spiegando: "Il Comune di Roma ha compiuto fino in fondo il proprio dovere, attenendosi alla legge e offrendo un’alternativa alloggiativa a coloro che tra gli occupanti dello stabile ne hanno diritto: madri con bambini, anziani, disabili, tutti quelli che vengono definiti soggetti con fragilità. Nei mesi scorsi abbiamo provato a fare un censimento per capire chi avesse diritto a ricevere assistenza ma agli operatori del Comune di Roma è stato impedito più volte di entrare nel palazzo dagli stessi occupanti. La Prefettura nei dati che ci ha comunicato il giorno dello sgombero non ha citato la presenza di 37 bambini. Siamo stati avvisati dello sgombero a poco più di 12 ore dall’inizio. Abbiamo messo in campo tutte le nostre forze, offrendo accoglienza mediante la Sala Operativa Sociale (SOS)".

"Un dovere che non tutti hanno compiuto. Mi riferisco senza mezzi termini alla Regione che ha disatteso il decreto legge Minniti che la chiama direttamente in causa. Ma mi riferisco anche all’assenza di adeguate politiche nazionali", prosegue Raggi.

REGIONE LAZIO - A stretto giro la risposta della Regione: "Il 31 maggio la Regione Lazio ha firmato la delibera per lo stanziamento mediamente convenzione al Comune di Roma di 40 mln di euro, parte di un investimento più ampio, pari a 161 mln di euro, per l'emergenza abitativa. Il 6 giugno mediante PEC Roma Capitale è stata messa a conoscenza di tale disponibilità con la richiesta di sottoscrivere o modificare la convenzione. Da quella data la Regione Lazio non ha avuto alcuna risposta da parte di Roma capitale".

Uova al fipronil, un altro caso nelle Marche

ANCONA. Continuano le attività di controllo per rintracciare e verificare i prodotti potenzialmente inquinati dal fipronil e contemporaneamente stanno arrivando i risultati delle analisi sugli ulteriori campionamenti effettuati dai Servizi veterinari dell’Asur Marche in collaborazione con il comando regionale del Nas. Lo fa sapere la Regione Marche spiegando che "una positività è stata rilevata su campionamento uova in un impianto di produzione di pasta fresca di Civitanova Marche".

"L’istituto zooprofilattico sperimentale dell’Umbria e delle Marche che ha rilevato la contaminazione ha comunicato che la quantità di fipronil presente nelle uova campionate è pari a 0,033 mg/kg - prosegue la Regione - Anche in questo caso il valore è ben al di sotto del limite di tossicità acuta (0,72 mg/kg). Le attività svolte hanno messo in evidenza che le uova provengono da un centro di imballaggio con annesso allevamento di Castelfidardo".

"Questo centro di imballaggio, avendo ricevuto uova dalla azienda di Ostra Vetere (primo allevamento marchigiano coinvolto nell’allerta), ha già provveduto volontariamente sia al blocco della commercializzazione delle uova in deposito, che al ritiro di quelle commercializzate - conclude - L’Autorità competente locale ha provveduto comunque ad emanare un provvedimento di blocco della commercializzazione".

L’Isis minaccia il Papa: «Arriveremo a Roma»

ROMA. L’Isis ha pubblicato un video, girato a Marawi, nelle Filippine, nel quale minaccia Papa Francesco (nella foto). Un jihadista dice «arriveremo a Roma». Nel filmato, pubblicato da Al-Hayat Media Center - uno dei network ufficiali dell'Isis - diversi jihadisti devastano statue di Cristo, poi strappano un poster con il volto di Bergoglio. «Ricordate questo miscredenti, saremo a Roma», afferma uno dei jihadisti in inglese identificandosi come “Abu Jindal”.

Barcellona, terrorista si pente: chiedo perdono

BARCELLONA. Mohamed Houli Chemlal, il terrorista rimasto ferito nell'esplosione di Alcanar, ha chiesto "perdono" e si è detto "pentito" quando è comparso davanti al giudice. Lo scrive 'el Pais'.

Il giovane, 21 anni, originario dell'enclave spagnola di Melilla, ha reso un'ampia confessione alla polizia sui piani del gruppo jihadista responsabile degli attacchi di Barcellona e Cambrils.

Uova al fipronil a Viterbo e Ancona

ROMA. Altri due casi di uova contaminate dal fipronil, l'insetticida moderatamente tossico e vietato da utilizzare negli animali destinati al consumo alimentare. Lo comunicano i carabinieri del Nas spiegando le attività di controllo, "attualmente in piena fase esecutiva sull’intero territorio nazionale, hanno evidenziato due ulteriori positività di uova contaminate per presenza della sostanza insetticida denominata fipronil rispetto a quelle già comunicate dal ministero della Salute".

ANCONA e VITERBO - I due casi di positività al fipronil sono state rilevate in uova prodotte da due allevamenti ad Ancona e Viterbo. I carabinieri per la Tutela della Salute hanno sequestrato 6mila uova e 12mila galline ad Ancona, mentre a Viterbo 32mila uova destinate all'alimentazione zootecnica e 53mila destinate all'alimentazione umana.

LA CONTAMINAZIONE - Per le uova al fipronil in Italia "è plausibile l'ipotesi di una contaminazione accidentale" ha affermato il comandante dei Nas, generale Adelmo Lusi, facendo il punto dei controlli eseguiti finora. Al momento, ha precisato, sono allo studio diverse ipotesi di indagine.

LE INDAGINI - Non è esclusa la possibilità che, in passato, una forma di disinfezione delle aree dove sono tenuti gli animali possa aver lasciato residui che oggi si ritrovano nell'ambiente. Ma si indaga anche sul sistema di alimentazione degli animali, che potrebbe avere dei risvolti illegali.

LE DENUNCE - Cinque o sei persone sono state denunciate ad oggi in Italia nell'ambito dei controlli, per 7 casi di contaminazione rilevati, ha riferito il comandante dei Nas.

I SEQUESTRI - Il Nucleo dei carabinieri della Salute, anche congiuntamente alle Asl, ha effettuato 253 ispezioni in allevamenti, centri di distribuzione e lavorazione delle uova, industrie e laboratori di prodotti dolciari, salse e paste all'uovo, sequestrando cautelativamente oltre 91mila chili di uova e ovoprodotti, di cui 106 kg con implicazione penale. Al momento si attendono le risposte per 107 campioni inviati agli Istituti zooprofilattici di Teramo e Roma.

UOVA SICURE - "Le uova italiane sono sicure, ci si può fidare" ha detto poi il generale Lusi. "Le uova italiane sono sane: vengono controllate inizialmente dallo stesso produttore e successivamente dalle aziende che acquistano queste uova prima dell'immissione in commercio", ha assicurato, sostenendo che "si può stare tranquilli quando si acquistano uova su cui sono impressi i dati di nazionalità, data di deposizione e addirittura dell'allevamento da cui l'uovo proviene. Direi che ci possiamo fidare".

LE PERCENTUALI - Inoltre, "per quanto riguarda l'attuale contaminazione da fipronil - ha precisato il comandante dei Nas - le percentuali rilevate fino ad oggi sono bassissime e il fatto stesso che siano state rilevate va al merito della eccellenza degli Istituti che eseguono questi controlli".

È morto Guido Rossi, fu presidente Consob e Telecom

ROMA. È morto Guido Rossi, avvocato e giurista. Nato nel 1931 a Milano, aveva 86 anni. In passato, Rossi è stato presidente della Consob e di Telecom. Ricoprì, inoltre, la carica di commissario della Figc nel 2006, durante la stagione di 'calciopoli'.

Ius soli, il Papa: riconoscere nazionalità alla nascita

"Nel rispetto del diritto universale a una nazionalità, questa va riconosciuta e opportunamente certificata a tutti i bambini e le bambine al momento della nascita". E' la sollecitazione di Papa Francesco, contenuta nel messaggio per la Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato 2018, che si celebrerà il prossimo 14 gennaio.

"La apolidia in cui talvolta vengono a trovarsi migranti e rifugiati può essere facilmente evitata attraverso 'una legislazione sulla cittadinanza conforme ai principi fondamentali del diritto internazionale'", scrive Francesco.

"Non sono una idonea soluzione le espulsioni collettive e arbitrarie di migranti e rifugiati, soprattutto quando esse vengono eseguite verso Paesi che non possono garantire il rispetto della dignità e dei diritti fondamentali" è il monito di Francesco. "Torno a sottolineare l’importanza di offrire a migranti e rifugiati una prima sistemazione adeguata e decorosa", aggiunge Bergoglio.

"Le condizioni di migranti, richiedenti asilo e rifugiati, postulano che vengano loro garantiti la sicurezza personale e l’accesso ai servizi di base. In nome della dignità fondamentale di ogni persona - chiede il Pontefice - occorre sforzarsi di preferire soluzioni alternative alla detenzione per coloro che entrano nel territorio nazionale senza essere autorizzati".

Sottolinea ancora Francesco: "Se opportunamente riconosciute e valorizzate, le capacità e le competenze dei migranti, richiedenti asilo e rifugiati, rappresentano una vera risorsa per le comunità che li accolgono".

Uova contaminate, due casi in Italia

Due campioni positivi al fipronil in Italia . E' l'esito delle prime analisi completate ad oggi dagli Istituti zooprofilattici del Belpaese su 114 dei campioni raccolti nell'ambito dell'attività di monitoraggio per la ricerca di eventuali contaminazioni su uova, prodotti derivati e alimenti che li contengono. A darne notizia è il ministero della Salute che parla di ulteriori accertamenti in corso sui due positivi, per individuare le cause della contaminazione.

"Sono state rilevate due positività con conseguente segnalazione alle Regioni e Asl competenti territorialmente per ulteriori accertamenti sulla fonte di contaminazione e l'adozione, in esito ad essi, di eventuali provvedimenti restrittivi", chiarisce il dicastero in una nota, annunciando che "l'attività delle autorità sanitarie centrali e periferiche prosegue, anche alla luce di quanto concordato nel corso di una riunione di verifica e coordinamento con le autorità regionali e i carabinieri Nas in corso questa mattina presso il ministero".

Il ministero fa il punto sull'attività di monitoraggio che è proseguita nella scorsa settimana, su uova e prodotti sia di provenienza estera che nazionale, in collaborazione con le autorità sanitarie regionali e il Comando Carabinieri per la tutela della salute.

Ad oggi, si legge in una nota, "sono stati effettuati 42 campionamenti conoscitivi dai Nas su prodotti trasformati contenenti uova o derivati, prelevati nei negozi e supermercati su disposizione del ministero del 14 agosto; 181 campionamenti dalle Regioni, nell'ambito del Piano di ricerca su pollame, uova, derivati disposto dal ministero l'11 agosto; 60 campionamenti dagli Uffici periferici del ministero della Salute per gli adempimenti comunitari (Uvac), per merci provenienti dai Paesi interessati dall'allerta. Sono stati inoltre gestiti, con segnalazioni alle autorità territoriali e attività di rintraccio, i 6 messaggi sul sistema di allerta comunitario Rasff che riguardavano anche l'Italia".

Pagine

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici