Mercoledì 14 Novembre 2018 - 14:41

De Luca: «Mai più discariche in Campania

"In Campania non ci saranno piu' discariche". Lo annuncia il governatore campano, Vincenzo De Luca, a margine di una riunione operativa in prefettura per affrontare l'emergenza roghi. Per l'ex sindaco di Salerno, "in quei luoghi si accumula il rifiuto tal quale, queste discariche non ci saranno piu' - spiega - ma solo siti di stoccaggio di materiale inertizzato che non ha emissioni e percolato, praticamente terriccio che dobbiamo mettere da qualche parte. Prenderemo il piano delle cave che e' stato definito dal vecchio commissario e cercheremo di fare il riempimento delle cave". De Luca punta il dito contro gli attivisti antidiscarica campani, rei di "sparare chiacchiere a ruota libera, qualcuno - dice - si inventa qualche sotto-finto comitato. Se cominciamo a dire 'no' alla discarica facciamo solo ammuina, qualche titolo di giornale che fa perdere tempo, ci da' fastidio e non ci fa risolvere il problema. Cio' che e' ragionevole - aggiunge - va fatto senza ideologismi senno' arrivano i termovalorizzatori perche' l'Europa non sta a guardare"

Giornalismo napoletano in lutto, muoiono Vittorio Raio e Paolo Prestisimone

NAPOLI. Doppio lutto nel mondo del giornalismo napoletano. Si sono spenti  Vittorio Raio (nella foto), 69 anni, storica firma del quotidiano “Il Mattino” e direttore responsabile della sezione sportiva di “Radio Marte”, e Paolo Prestisimone, 58 anni, attuale opinionista del "Roma" ed ex inviato del Giorno e di Repubblica Kataweb.

Nella sua carriera, Raio ha lavorato per quaranta anni (1969-2009) nel gruppo editoriale de “Il Mattino”. Prima presso il quotidiano “Corriere di Napoli” ed il settimanale “Sport Sud” (Capo Servizio), successivamente da inviato della redazione sportiva de “Il Mattino” scrivendo del Napoli dal 1970, poi ha seguito anche manifestazioni come i Mondiali e gli Europei di calcio. È stato anche per oltre venti anni corrispondente sportivo da Napoli de “La Stampa”. Nel 1976 fu il primo direttore di una delle prime radio private nate a Napoli, “Radio Antenna Capri”, infine, ha collaborato con riviste giapponesi come “Number”. I funerali si terranno giovedì alle ore 10,30 nella chiesa San Giovanni dei Fiorentini a piazza degli Artisti.

Paolo Prestisimone è stato colpito da infarto nella sua casa di San Nicola la Strada. Grande appassionato di basket, da quando era andato in prepensionamento per motivi di salute collaborava con il "Roma" e con "Napoli Magazine". I funerali oggi alle ore 16 a San Nicola la Strada. 

 

 

 

 

Forze dell'ordine sui mezzi pubblici in Campania

NAPOLI. Questa mattina in Prefettura a Napoli e' stato sottoscritto il protocollo d'intesa tra il presidente della Regione Campania, i questori della Campania e i vertici regionali dei Carabinieri, Guardia di Finanza, Corpo Forestale dello Stato e Polizia Penitenziaria per la presenza a bordo dei mezzi del trasporto pubblico di personale delle forze di polizia. Il personale viaggera' gratuitamente presentandosi al conducente e svolgendo cosi', anche in borghese, compiti di vigilanza e intervento in caso di episodi di illegalità. "Abbiamo sottolineato piu' volte - ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca - quanto sia una priorita' per le nostre comunita' la questione della sicurezza in particolare nel trasporto pubblico, per i roghi, per le violenza che si manifesta in maniera drammatica in alcuni quartieri.

Rifiuti, terremoto a Caserta: 20 arresti. C'è anche il presidente della Provincia

CASERTA. La Guardia di finanza e i carabinieri di Caserta stanno eseguendo 20 misure di custodia cautelare, emesse dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta della locale Procura, nei confronti di amministratori locali, pubblici funzionari e noti imprenditori. Le attività di indagine, coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, hanno consentito di portare alla luce un vero e proprio sistema criminale finalizzato all’assegnazione illecita di appalti milionari in diversi Comuni del Casertano. Tra i destinatari delle misure cautelari ci sono anche il presidente della Provincia di Caserta e il sindaco di Alvignano, Angelo Di Costanzo, nei confronti del quale è stata applicata la custodia cautelare in carcere, l'assessore all'ambiente del Comune di Alvignano, Simone Giannetti, il sindaco del Comune di Piedimonte Matese, Vincenzo Cappello, l'ex sindaco del Comune di Casagiove, Elpidio Russo e il presidente del Consorzio di Bonifica del Sannio Alifano, Pietro Cappella. L'inchiesta riguarda la presunta assegnazione illecita di appalti, in particolare nel settore dei rifiuti, in diversi Comuni del Casertano. Oltre ai provvedimenti cautelari personali è stato disposto il sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo di oltre 1,5 milioni di euro.

Un "vero e proprio mercimonio di commesse pubbliche" a fronte della "corresponsione di denaro e altre utilità illecite" ad amministratori e funzionari pubblici. Così la Procura di Santa Maria Capua Vetere definisce quanto scoperto nell'inchiesta.

Dramma familiare a Benevento: uccide il figlio disabile e tenta il suicidio

BENEVENTO. Un uomo di 62 anni ha ucciso il figlio 39enne e ha tentato di suicidarsi. È successo a Montesarchio, in provincia di Benevento, dove i carabinieri sono intervenuti per far desistere l'uomo dal suo proposito di lanciarsi da un appartamento al quinto piano di un palazzo in via Lavinia. Dopo aver convinto il 62enne Luigi Piacquadio a non lanciarsi, i militari sono poi entrati nell'abitazione, scoprendo il corpo senza vita di Domenico Piacquadio, 39enne, disabile, ucciso a coltellate. Il 62enne è stato fermato dai carabinieri che indagano su quanto accaduto.

Sanità convenzionata, appello di De Luca: non interrompere i servizi

NAPOLI. No all'interruzione dei servizi nella sanità convenzionata. È l'appello lanciato dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, in merito alle prese di posizione delle associazioni della sanità convenzionata con, si legge nella nota, "minacce di interruzione dei servizi e di ricorso alla cassa integrazione" in merito al "decreto del commissario che definisce i tetti di spesa e sui contratti per la sanità convenzionata per il 2017-2018, non ancora firmati". De Luca fa appello "al senso di responsabilità" e invita a "non interrompere alcun servizio e a evitare drammatizzazioni. Le risorse risultano insufficienti - dichiara - e non si parte dalla reale analisi del fabbisogno. Incontrerò tutti e lavorerò nei prossimi giorni per trovare le risorse necessarie, per valorizzare le tante eccellenze che esistono nel settore e per bonificare il settore da parassitismi e inefficienze. Impegnerò i direttori generali delle Asl a presentare al commissario un quadro aggiornato di esigenze economiche aggiuntive per risolvere, sulla base di una valutazione dei fabbisogni, i rapporti con il privato accreditato".

Furbetti del cartellino all'ospedale di Aversa: sospesi 3 dipendenti

AVERSA. Si allontanavano ripetutamente dal posto di lavoro per "adempiere a incombenze di natura privata". Per questo motivo tre dipendenti dell'ospedale "G. Moscati" di Aversa, nel Casertano, sono stati sospesi dalle funzioni con un'ordinanza emessa dal gip del Tribunale di Napoli Nord ed eseguita dai Carabinieri della stazione di Aversa.

Il provvedimento cautelare è scaturito da un'articolata indagine volta al contrasto del fenomeno dell'assenteismo tra i dipendenti del presidio ospedaliero aversano, condotta dai Carabinieri con il supporto del Nas di Caserta tra novembre 2015 e marzo 2016. I dipendenti, secondo quanto emerso, utilizzavano irregolarmente il sistema di rilevazione delle presenze e si allontanavano ripetutamente dal posto di lavoro. Si tratta di un dirigente medico, di un collaboratore professionale sanitario esperto e di un operatore socio sanitario. Nell'ambito della stessa indagine si procede anche nei confronti di altre persone per omesso controllo e vigilanza sull'effettiva presenza in servizio di personale dipendente.

Caso Raggi, De Luca: grillini approssimativi e volgari

NAPOLI. «Quanto sta accadendo è l’anticipazione di quello che potrebbe succedere con un governo a 5 Stelle, abbiamo avuto un esempio dei risultati che possono produrre e cioè approssimazione, propagandismo, volgarità, moralismo da quattro soldi e presunzione. Un concentrato di risultati più che prevedibile». Così, in diretta a Radio Kiss Kiss Napoli, è il governatore campano, Vincenzo De Luca.Va all’attacco anche de Magistris. «Io se fossi stato a Roma avrei votato Raggi perché penso che ce ne fosse bisogno dopo lo scandalo di Mafia Capitale e tutto quello che c’è stato, però devo dire di essere particolarmente sorpreso in negativo». «Meriterebbe una coppa - afferma il sindaco di Napoli - È evidente che c’è una questione di potere interno, di poltrone.

È morto il "re della pasta" Giuseppe Amato

SALERNO. È morto mentre era in vacanza a Castellabate il cavalier Giuseppe Amato (nella foto). Aveva 90 anni. Nel 1982 era stato nominato Cavaliere del Lavoro dall’allora Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, per la sua attività iniziata nel 1958 al timone Pastificio Antonio Amato fondato da suo zio. Aveva portato l’azienda ad essere il più grande polo produttivo del Mezzogiorno. La sua carriera era iniziata nel 1951 quando divenne socio della Rinaldo & C di Salerno e della Lucio Garofalo di Gragnano, molini e pastifici. È stato presidente degli industriali salernitani e della Salernitana: in quest’ultimo caso, la sponsorizzazione iniziò nel 1985, con Amato che fu nominato presidente onorario del club granata, e fu coronata dalla promozione in serie B della squadra che aveva come capitano Agostino Di Bartolomei. Nel 2006 il pastificio Amato aveva sponsorizzato anche la Nazionale italiana di calcio campione del mondo in Germania. Dal 2009 il pastificio era stato sponsor ufficiale della nazionale svizzera di sci. Nel 2011 il fallimento dell’azienda che nel 2012 fu rilevata in fitto dal pastificio Di Martino di Gragnano. Nel 1986, Peppino Amato aveva perso il figlio Mimmo, poi la moglie Maria e, pochi anni fa, anche la figlia Gabriella. Cordoglio è stato espresso dal presidene degli industriali salernitani, Mauro Maccauro, che ha parlato di «grave perdita per la comunità salernitana. Con Peppino Amato scompare una figura storica dell’imprenditoria salernitana». 

Commissione Terra dei fuochi, sopralluogo a Sessa Aurunca

NAPOLI. La commissione speciale Terra dei Fuochi del Consiglio regionale della Campania ha effettuato un sopralluogo presso la discarica “La Selva” a Sessa Aurunca. Presenti il presidente Gianpiero Zinzi (nella foto), i consiglieri regionali Francesco Emilio Borrelli e Vincenzo Viglione; il sindaco di Sessa Aurunca, Silvio Sasso; il consigliere comunale Alberto Verrengia; Patrizia Reale e Francesco Del Piano, rispettivamente dirigente e funzionario Arpac; il presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo; la responsabile del circolo Legambiente di Sessa Aurunca, Giulia Casella e la Protezione civile. Assente la giunta regionale. «Abbiamo risposto nella maniera più rapida possibile - ha dichiarato Zinzi - alle sollecitazioni provenienti dalle associazioni e dal consigliere comunale Verrengia. In sinergia con Legambiente abbiamo effettuato il sopralluogo ed abbiamo immediatamente chiesto ad Arpac di effettuare ulteriori indagini, al termine delle quali convocheremo un’audizione in Commissione».

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici