Mercoledì 23 Agosto 2017 - 19:43

Grimaldi Lines "traghetta" i giovani alla scoperta di "FuturoRemoto"

NAPOLI. Grimaldi Lines sostiene attivamente la cultura scientifica e l'innovazione tecnologica. La Compagnia è infatti main sponsor della XXXI Edizione di  Futuro Remoto, la più grande festa dedicata alla scienza, alla tecnologia, all'innovazione, all'arte e alla cultura in programma a Napoli da oggi fino al 28 maggio: una vera e propria piattaforma vivente di "social innovation", promossa dalla Fondazione Idis - Museo della Scienza, dalle sette Università della Regione Campania e dal MIUR - Ufficio Scolastico Regionale della Campania, in partnership con le principali istituzioni cittadine e regionali.

Le Connessioni sono il tema di Futuro Remoto 2017, declinato in 12 isole tematiche allestite nel cuore di Piazza del Plebiscito e in una fitta proposta di attività quali laboratori, incontri, grandi conferenze, lezioni in piazza, spettacoli e show. Sono le stesse connessioni e gli stessi valori che Grimaldi Lines ben conosce e sperimenta quotidianamente trasportando passeggeri in tutto il Mar Mediterraneo: il mare stesso è infatti sinonimo di connessione, di cooperazione e di condivisione.

Lo stand Grimaldi Lines si trova presso il Padiglione 8 dedicato ai Mezzi e sistemi per la mobilità dove verranno presentate le attività della Compagnia, leader mondiale nel trasporto di veicoli, di passeggeri e nella logistica integrata.

Presso lo spazio espositivo verrà inoltre presentato Grimaldi Educa, il grande progetto che la Compagnia dedica agli studenti italiani e che dal 2015 è oggetto di un Protocollo d'Intesa con il MIUR. L'obiettivo di Grimaldi Educa è quello di favorire l'orientamento professionale e la crescita personale dei giovani, grazie a percorsi di alternanza scuola/lavoro creati ad hoc per le necessità di ogni singolo istituto scolastico e a innovativi viaggi d'istruzione. Le proposte di Grimaldi Educa si rivolgono a tutto il mondo dell'Istruzione Secondaria, con particolare riferimento a Licei, Istituti Tecnici e Professionali a indirizzo turistico, nautico e alberghiero.
Oggi e domani sono in programma brevi laboratori conoscitivi dedicati all'offerta di percorsi formativi.

Infine, sul palcoscenico di Futuro Remoto 2017, la Compagnia di Navigazione sarà inoltre presente con tre interventi: il primo sul tema "I consumi energetici delle navi del futuro", previsto il 25 maggio alle ore 16.20, il secondo sul tema "Grimaldi Lines: investimenti in innovazione per un trasporto sostenibile di merci e passeggeri" previsto il 26 maggio alle ore 15.00 e il terzo sul tema "Il mondo della scuola a bordo delle navi Grimaldi Lines" previsto il 27 maggio alle ore 12.30.

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di 120 navi e ha circa 13 mila dipendenti. Facente capo alla famiglia Grimaldi, il Gruppo è uno dei più grandi operatori di navi Ro/Ro e traghetti nel mondo.  Nel settore Passeggeri, oltre a Grimaldi Lines, il Gruppo controlla Finnlines, leader nel Mar Baltico, e la greca Minoan Lines, operante tra il Pireo (il porto di Atene) e l'Isola di Creta.
 

Aziende napoletane al top

NAPOLI. Confindustria ha consegnato a Roma il Premio “Imprese X Innovazione – Andrea Pininfarina” a 21 aziende che hanno investito con successo in ricerca e innovazione. Il Premio, realizzato in collaborazione con la Fondazione Giuseppina Mai, Intesa Sanpaolo e con il supporto tecnico dell’Associazione Premio Qualità Italia (APQI), si distingue per essere sull’innovazione, il primo in Europa ad aver adottato i parametri dell’European Foundation for Quality Management (EFQM). Tra le aziende vincitrici due aziende appartenenti all’ Unione Industriali di Napoli: la SMS Engineering e Telecom Italia Spa che il 20 settembre 2016 hanno anche ricevuto il Premio Nazionale per L’Innovazione, PREMIO DEI PREMI, al Quirinale dal Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella.

Le aziende vincitrici del 2016 sono: Arcadia Consulting Srl; BTO Spa; Calzoni Srl; Comer Industries Spa; Consulenza aziendale per l’informatica SCAI Spa; Dedagroup; Epta Spa; Farmalabor Srl; Fluid-o-Tech Srl; Inaz Srl; Leonardo Srl; Marlegno Srl; Microtec Srl; Prisma Telecom Testing; Qui! Group Spa; Raytec Vision Spa; Roboze by Mekatronika Srl; Sidam Srl; SMSEngineering Srl; STMicroelectronics Srl; Telecom Italia Spa. Il Premio “Imprese X Innovazione – Andrea Pininfarina” di Confindustria partecipa, per la categoria Industria e Servizi, al Premio dei Premi, riconoscimento istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su mandato del Presidente della Repubblica. Delle 21 imprese premiate da Confindustria, 9 hanno ottenuto anche il Premio dei Premi: Arcadia Consulting Srl; BTO Spa; Comer Industries Spa; Dedagroup; Fluid-o-Tech Srl; Marlegno Srl; SMS Engineering Srl; STMicroelectronics Srl; Telecom Italia Spa.

La SMS Engineering è stata fondata nel 1998 da Antonio Ascione, Francesco Castagna e Massimiliano Canestro, tre studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. A quegli studenti negli anni si è aggiunta Rosangela Capasso come socio, ex collega di studio. Dal 1998 è presente prima sul mercato campano e poi su quello nazionale ed internazionale. Nell’ultimo anno fiscale sono state erogate più di 28.000 ore di consulenza dalle nostre 35 risorse nell’ambito delle soluzioni ICT proposte alla clientela. SMS Engineering ha la sua sede centrale a Napoli e una sede commerciale a Londra. L’ultimo quinquennio, caratterizzato dalla crisi economica globale, ha visto la SMS Engineering affermarsi sul mercato quasi triplicando di fatto il valore del fatturato che nel 2015, si attesta intorno ai € 2.700.000. La Mission si fonda sull’idea che le nostre soluzioni informatiche sono un fattore di crescita, innovazione e successo. Ascoltiamo le esigenze, prendiamo in carico i bisogni, miglioriamo i processi, ottimizziamo i costi e le performance attraverso le nostre soluzioni ICT, frutto di una ventennale e consolidata esperienza maturata nel manifatturiero, nella distribuzione, nel settore della difesa e nel terziario avanzato. Realizziamo un’azione costante di trasferimento tecnologico modellando, sui bisogni reali dei nostri clienti, le più innovative soluzioni ICT disponibili sul mercato. L’azienda opera sul mercato ICT per lo sviluppo e la fornitura chiavi in mano di soluzioni applicative software, anche fortemente personalizzate, nonché in qualità di System Integrator per la realizzazione di Datacenter. Le soluzioni applicative per l’aeronautica, la logistica ed i trasporti (installate anche in Fiat e Maserati), insieme alle soluzioni software di Business Intelligence vengono proposte sui mercati esteri così come le competenze tecniche sulla cyber security per le quali l’azienda ha un Basic Order Agreement con NATO. SMS Engineering ha una elevata propensione nell’investimento in ricerca e sviluppo, che ne fa un’azienda leader nell’innovazione, comprovata dai numerosi premi nazionali ed internazionali ricevuti quali, tra gli altri: il Premio Nazionale per l’Innovazione 2016, Premio dei Premi, della Presidenza della Repubblica Italiana; il Premio IxI 2016, Imprese per Innovazione di Confindustria; Microsoft SMB Italian Partner of the Year 2014; European Business Awards National Finalist 2012/2013; European Business Awards Country Representative 2011; Nomination for Dow Jones Innovations Awards of the Wall Street Journal 2010;  UK Trade & Investments Market Entrant Award del Governo Britannico 2010; Impresa di Eccellenza nell’Innovazione premio Presidenza Repubblica Italiana 2008.

Nel 2016 la SMS Engineering ha ricevuto il Seal of Excellence per aver presentato un Progetto di Ricerca e Sviluppo nel settore Aeronautico per la realizzazione di una applicazione software chiamata AQUIS (Aeronautic Quality Improvement System) nell’ambito del Programma Europeo Horizon 2020. Un’altra Soluzione Software myWMS JIS (Warehouse Management System con logica just in sequence) nata da un’altra attività di R&S per il settore automotive è attualmente installata negli stabilimenti Fiat di Melfi e Maserati di Grugliasco.

Voucher, Cgil Campania pronta alla mobilitazione

NAPOLI - La Cgil in Campania è pronta alla mobilitazione contro il tentativo del governo di far approvare l'emendamento al decreto legge n.50/2017 che di fatto reintroduce lo strumento dei voucher. "Verrebbero meno, in questo modo - sottolinea il sindacato - gli impegni assunti formalmente dell'esecutivo in tema di lavoro occasionale. Secondo la Cgil, si tratta di una iniziativa "inqualificabile e inaccettabile". "In molte fabbriche e aziende della regione - riferisce il segretario generale della Cgil Campania, Giuseppe Spadaro - già si sta discutendo sulle forme di protesta da attuare per far arrivare alle Prefetture il dissenso del mondo del lavoro in merito a questa azione dal sapore chiaramente anticostituzionale".

Ragionieri, nuove opportunità per esperti contabili

ROMA - Giovani a farsi le ossa negli studi professionali, ricevendo in cambio fino a 500 euro per l'iscrizione all'Università. È questo il cuore dell'emendamento a firma del presidente della Commissione parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, Lello Di Gioia, che ha presentato la proposta al Forum della Cassa di previdenza dei Ragionieri dedicato a “Le opportunità per l'esperto contabile”. L'obiettivo è “il completamento di un percorso virtuoso che vede più esperti contabili, già ricondotti nell'alveo della Cassa, maggiore sostenibilità per le pensioni e più giovani che hanno maggiori garanzie e opportunità di crearsi il lavoro, e di conseguenza più iscritti alla Cassa”. All'incontro ha preso parte anche Mariastella Gelmini, già ministra dell'Istruzione e attuale vice presidente vicaria del gruppo di Forza Italia alla Camera, che ha sottolineato l'importanza di questa nuova figura professionale in un momento storico in cui “il 40% dei giovani è senza lavoro, occorre farsi carico e assumersi la responsabilità di individuare nuovi sbocchi”, dunque “il progetto pilota deve diventare un modello da esportare e applicare nei contesti professionali più diversi”. Il presidente della Cnpr, Luigi Pagliuca, ha infatti ricordato la “vasta campagna informativa che stiamo portando avanti da tempo” per promuovere “la nostra idea, che è quella di consentire ai giovani di frequentare gli studi professionali e le imprese ancora prima di raggiungere l'abilitazione”, che “consentirebbe – ha proseguito - un collegamento diretto tra teoria e pratica applicata, permettendo agli studenti di raggiungere il prima possibile l'esperienza necessaria per entrare nel mondo del lavoro”. Anche perché “si tratta di un professionista a tutto tondo, tenuto al rispetto dei canoni deontologici e, in particolare, all'obbligo di formazione continua, per essere all'altezza delle mutate aspettative del mercato”, ha precisato il vice presidente dei Commercialisti italiani, Davide Di Russo. Infatti “l’esperto contabile svolge un servizio di pubblica necessità”. E anche l'Associazione nazionale commercialisti “appoggia fortemente il progetto lanciato da Cassa Ragionieri”, ha rimarcato il presidente Marco Cuchel, “che tra l’altro ha incontrato il favore del Ministero del Lavoro di prevedere un percorso di alternanza università/lavoro, già dal primo anno di corso e permettere così una professionalizzazione anticipata rispetto ai tempi tradizionali”. La figura dell’esperto contabile “offre ai giovani l’opportunità di intraprendere in tempi brevi, già con la laurea triennale ed il superamento dell’esame per l’abilitazione, un’attività lavorativa autonoma”, ecco perché il presidente Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili, Giuseppe Diretto, ritiene “importante diffonderne la conoscenza informando gli studenti dei licei e degli istituti tecnici superiori, in procinto di scegliere il percorso di studi universitario”. Così come “l’accesso alla professione in età meno avanzata rispetto ad altre professioni può garantire una carriera previdenziale più lunga”, ha ricordato il consigliere di amministrazione della Cassa dei ragionieri, Paolo Longoni, dunque “un’accumulazione di montante contributivo maggiore e di conseguenza una prestazione pensionistica più soddisfacente al momento della quiescenza”. Ovviamente “il futuro professionale dell’esperto contabile dipenderà da opportunità, vincoli e scelte”, ha affermato Marco Micocci, ordinario di matematica finanziaria e attuariale, sottolineando però che questa importante innovazione nel mondo delle professioni “e la sua iscrizione alla Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri rappresenta, da un punto di vista simbolico, il completamento di un percorso molto importante che Cnpr ha realizzato negli anni”.

L'esperto contabile, un’opportunità per i giovani

ROMA - “La figura dell’esperto contabile rappresenta per i più giovani un’opportunità dalle grandi potenzialità che non va lasciata cadere nel vuoto. In un momento di crisi economica e di incertezza per il mondo professionale, è necessario informare gli studenti sulla possibilità di anticipare l’ingresso nel mondo del lavoro, costruendo da subito un adeguato montante previdenziale, ed avviando nuove collaborazioni con gli studi professionali e le imprese”. Lo ha detto Luigi Pagliuca, presidente della Cassa di previdenza dei Ragionieri presentando il forum promosso per oggi alle 14.30, a Roma presso la sala cristallo dell’’Hotel Nazionale (Piazza Monte Citorio, 131).

All’incontro interverranno Lello Di Gioia, presidente della Commissione Parlamentare di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorio di previdenza e assistenza sociale; Mariastella Gelmini delle Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati; Davide Di Russo, vicepresidente del Cndcec; Marco Cuchel, presidente Anc; Giuseppe Diretto, numero uno Unagraco; Marco Micocci, ordinario di matematica finanziaria e attuariale e Paolo Longoni, consigliere d’Amministrazione della Cnpr.

Carenzo (Apsti): dagli investimenti nella ricerca nuove opportunità di lavoro

FISCIANO – “L’Italia è un paese che ha grandissime capacità di produrre pubblicazioni scientifiche, i nostri ricercatori sono tra i migliori in Europa ma, abbiamo ancora difficoltà di sistema nel tradurre questa massa enorme di ricerche scientifiche e di pubblicazioni in tecnologie su aziende e prodotti che andranno commercializzati sul mercato internazionale”.

Lo ha detto Gianluca Carenzo, presidente di Apsti, l’Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani, che ha partecipato al Forum della "Borsa della Ricerca", nel Campus di Fisciano.

“E’ il momento migliore per fare questo tipo di investimenti - ha continuato il numero uno di Apsti, il network italiano dei Parchi Scientifici e Tecnologici, nato per contribuire attivamente allo sviluppo della filiera dell’innovazione nel Paese -  il governo ha messo a disposizione dei fondi pubblici,  si tratta di fare sistema, massa critica, unire i poli e le competenze; le ricadute sono in termini di posti di lavoro e nuova attrazione di talenti”.

 

Crisi da sovraindebitamento, focus dei commercialisti

NAPOLI - “Gestore della crisi da sovraindebitamento” è il tema del forum che si terrà oggi pomeriggio dalle 14.30 presso la sede dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli (Piazza dei Martiri 30).

Introdurranno i lavori Vincenzo Moretta, presidente Odcec Napoli; Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti; Lucio Di Nosse, presidente VII sezione Tribunale di Napoli; Matteo De Lise, consigliere delegato Odcec Napoli e Riccardo Izzo, presidente di Medì.

All’incontro interverranno i magistrati Nicola Graziano, Stanislao De Matteis, Angelo Napolitano e Fabio Maffei; i commercialisti Immacolata Vasaturo, tesoriere Odcec Napoli; Ciro Esposito, presidente Commissione Fallimentare Odcec Napoli; Alfio Pulvirenti, componente comitato direttivo fondazione ADR commercialisti; Erika Capobianco; gli avvocati Claudio De Filippi, Raffaello Caldarazzo, Valeria Manzo e Marianna Quaranta.

L'Ue: reintrodurre l'Imu sulla prima casa per i redditi alti

BRUXELLES. La Commissione europea "conferma che le misure aggiuntive di bilancio per il 2017 sono state adottate" dalle autorità italiane "e che pertanto non sono considerati necessari ulteriori provvedimenti per rispettare la regola del debito in questa fase". Malgrado "molti impegni sulle riforme" presi dall'Italia "appaiano sufficientemente ambiziosi per affrontare nel modo giusto le sfide che il Paese ha di fronte a sé, la loro credibilità dipende dall'implementazione delle riforme stesse", sottolinea la Commissione europea, nella comunicazione al Consiglio, al Consiglio europeo e al Parlamento europeo sul semestre europeo 2017, che include le raccomandazioni specifiche per Paese. L'Italia, come Cipro e il Portogallo, soffre di "squilibri macroeconomici eccessivi", ma la Commissione europea ha concluso "che non c'è base analitica per passare alle fasi successive della procedura, a patto che i tre Paesi implementino appieno le riforme delineate nelle raccomandazioni specifiche per Paese". Ma l'Italia dovrà "perseguire la propria politica di bilancio in linea con i requisiti del braccio preventivo del patto di stabilità", cosa che "si traduce in uno sforzo sostanzioso per il 2018", scrive ancora la Commissione europea. In ogni caso la Commissione europea "riesaminerà il rispetto della regola del debito" da parte dell'Italia "sulla base delle previsioni economiche di autunno", ha spiegato il commissario europeo agli Affari economici e finanziari Pierre Moscovici, in conferenza stampa a Bruxelles. La commissione europea ha però sottolineato nelle sue raccomandazioni all'Italia di «spostare il carico fiscale dai fattori di produzione a misure meno dannose per la crescita prendendo decisioni per ridurre il numero e la copertura delle detrazione e delle deduzioni, riformando il sistema catastale e reintroducendo la tassa sulla prima casa per le famiglie ad alto reddito».

Vincenzo Boccia aprirà la "Borsa della Ricerca" a Fisciano

FISCIANO (SA) - “In una società aperta il confronto e la sana contaminazione tra mondi diversi e diverse esperienze rappresentano il lievito della crescita economica e culturale. Due facce della stessa medaglia. Ecco perché Confindustria guarda con interesse alle iniziative di Fondazione Emblema come la Borsa della Ricerca”. Lo ha detto presidente Vincenzo Boccia, numero uno di Confindustria, che domani, lunedì 22 maggio alle ore 10,00, aprirà i lavori della sessione plenaria del Forum Nazionale “Borsa della Ricerca” con un keynote speech su “Ricerca, Formazione, Innovazione: i drivers della crescita” nell’aula magna dell’Università di Salerno (Via Giovanni Paolo II, 132 a Fisciano).

All’iniziativa, promossa dalla Fondazione Emblema e dall’Università di Salerno e realizzato in collaborazione con Sviluppo Campania e il Ministero per lo Sviluppo Economico, che favorirà il contatto fra il mondo della ricerca e quello delle imprese interverranno , i sottosegretari Vito De Filippo (Miur) e Antonio Gentile (Mise); Gaetano Manfredi, presidente del Crui (Conferenza dei rettori delle università italiane); Massimo Inguscio, Presidente del Cnr (Consiglio nazionale delle ricerche) e Bernardo Mattarella, direttore degli incentivi di Invitalia. La sessione mattutina sarà conclusa dal Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Introdurrà i lavori Aurelio Tommasetti, rettore dell’Ateneo salernitano: “Anche quest’anno avremo il piacere di ospitare presso il nostro campus università provenienti da tutta Italia, importanti imprese di rilievo nazionale insieme a grandi finanziatori. La Borsa della Ricerca – ha evidenziato Tommasetti - rappresenta, dunque, una grande opportunità per i nostri giovani talenti, gruppi di ricerca e spinoff, di incontrare e presentare le proprie idee imprenditoriali a degli stakeholder concretamente interessati. Un progetto, quello della Borsa, che ben si affianca, alimentandolo, al percorso avviato dall’Università di Salerno mediante la promozione del trasferimento tecnologico e del sostegno alla ricerca universitaria”.

“La Borsa della Ricerca si conferma come un appuntamento di riferimento per chi in Italia è interessato a fare concretamente trasferimento tecnologico. Questo VIII Forum  - afferma Tommaso Aiello, direttore generale della Fondazione Emblema e ideatore del progetto -si consolida nella collaborazione con l’Università di Salerno e la Regione Campania, mentre cresce quanto a regioni rappresentate e presenze assolute. I risultati ottenuti sinora, le tante collaborazioni nate tra ricercatori e imprese nell’ambito della Borsa, ci motivano ancor di più nel portare avanti il modello relazionale di Emblema che punta sulla costruzione di rapporti diretti tra il mondo accademico e potenziali finanziatori, superando qualsiasi logica di intermediazione”.

Tra le novità di maggior rilievo della manifestazione spicca la partecipazione dell’Associazione dei Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani (Apsti), il network nato per contribuire attivamente allo sviluppo della filiera dell’innovazione nel Paese. “Per Apsti - sottolinea il Vice Presidente dell’associazione, Edoardo Imperiale - la Borsa è un’importante occasione di respiro nazionale per rilanciare la nostra missione, rappresentare i soci e dar conto del contributo strategico che gli ecosistemi innovativi e i cluster tecnologici offrono al sistema Paese. La nostra presenza alla Borsa - continua Imperiale - rappresenta inoltre un’opportunità di far conoscere Apsti anche al Centro Sud come un generatore di sviluppo che facilita i processi di trasferimento tecnologico, la nascita di startup innovative e l’attrazione di investimenti, mettendo a disposizione un network di open innovation dove competenze, infrastrutture e piattaforme tecnologiche sono in rete”. Nell’ambito del Forum, Apsti organizzerà una tavola rotonda tra il sistema dei parchi scientifici e tecnologici e i principali attori dell’ecosistema italiano dell’innovazione sul tema del trasferimento tecnologico.

Il 23 maggio Campus si trasformerà in uno spazio interattivo fra università, aziende e territorio: per tutta la giornata si svolgeranno gli incontri one to one fra ricercatori e aziende o possibili finanziatoriNelle settimane precedenti la manifestazione, attraverso il portale www.borsadellaricerca.it, ogni partecipante ha l’opportunità di organizzare un’agenda di appuntamenti in base ai propri interessi, programmando fino a 16 incontri con aziende e investitori.

Negli oltre 800 appuntamenti in programma saranno presentati 370 progetti di ricerca che spaziano da Ict, E-Healt, Smart Cities e Green Economy.

Tra questi, Sostinnovi, programma agroalimentare dell’Università di Modena e Reggio Emilia: scopo del progetto è portare l’innovazione lungo tutta la filiera di produzione del vino, dal vigneto alla distribuzione, ad esempio monitorando la maturazione con uno smartphone o gestendo gli scarti della cantina con tecniche innovative.

Un altro progetto che sarà presentato alla Borsa è Math &Sport, la piattaforma sviluppata nel laboratorio Mox del Politecnico di Milano per applicare matematica e statistiche agli sport agonistici, ottimizzando performance degli atleti e modificare in tempo reale le strategie di gara.

Sono, infine, dedicate al biomedicale E-Health le attività di ricerca di Irisina, gruppo di ricerca del Dipartimento Emergenza e Trapianti di Organi (D.E.T.O.), Università di Bari Aldo Moro concentrato su nuove tecniche per combattere l’osteoporosi, un male che colpisce 200 milioni di persone nel mondo. Il team di Irisina ha da poco dato via a una collaborazione con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), con quella Europea (Esa) e quella Americana (Nasa) per partecipare al prossimo volo spaziale (Dragon - SpaceX) programmato per dicembre 2017: l’obiettivo è di realizzare una ricerca medica sugli astronauti che, come noto, in assenza di gravità durante le missioni perdono massa ossea e massa muscolare.

Il 24 maggio il Forum si conclude con i BdR Awards, la competizione che vedrà la partecipazione di 62 progetti innovativi che saranno raccontati con dei pitch, veloci presentazioni di 3 minuti che impegneranno i delegati per tuta la giornata.

La giuria, composta da 11 giurati provenienti da università ed aziende, assegnerà un premio per ciascuno dei 5 cluster individuati, mentre ogni sponsor del premio, Electrolux, FCA, Digital Magics, Zcube e Unicredit sceglierà un progetto da incubare ed accelerare al termine della manifestazione.

Alla Borsa della Ricerca sono attesi complessivamente più di 300 delegati e l’auspicio degli organizzatori è che si possano almeno replicare i risultati degli anni precedenti, dal momento che ogni edizione del Forum ha dato vita ad oltre 100 nuove collaborazioni, contribuendo a trasformare tanti dei progetti di ricerca presentati in reale innovazione.

 

Stato lumaca con i fornitori, deve alle imprese 46 miliardi

ROMA. Nel 2016, tra gli acquisti di beni e servizi e gli investimenti fissi lordi, la Pubblica amministrazione italiana ha fatturato ai propri fornitori e alle imprese appaltatrici 160 miliardi di euro. In totale assenza di dati ufficiali, si stima che una parte di questi non siano stati saldati e che questa fetta oscilli tra un valore minimo di 32 miliardi fino a un massimo di 46 miliardi. È quanto ha provato a calcolare la Cgia di Mestre.

"Suddividendo in via puramente teorica i 160 miliardi di euro nell’arco dell’anno e 'pesandoli' su 12 mensilità nel caso delle Pa che pagano a 30 giorni e in 6 mensilità per quelle che invece saldano a 60 giorni (come la sanità), si ottiene la cifra di 19 miliardi di debiti fisiologici che non vengono onorati nell’arco dell’anno perché non sono ancora scaduti i termini di pagamento previsti dalla legge. In realtà, lo stock da onorare è molto superiore".

Pagine

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale