Venerdì 20 Aprile 2018 - 5:10

Borse in rialzo per l'ok sulla Grecia, ma Milano resta la peggiore

MILANO. Aprono in territorio positivo le piazze finanziarie europee sull'annuncio dell'accordo raggiunto a Bruxelles per la Grecia dopo 70 ore di maratona. Una notizia che arriva proprio qualche minuto prima dell'avvio delle negoziazioni. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi cala a 115,21 punti base con un rendimento del 2,11%. Le piazze del vecchio Continente sono in rialzo con Parigi che avanza dell'1,46%, Francoforte +1,02%, Amsterdam +0,97%, Bruxelles +1,01%, Londra +0,7%, Lisobna +0,08%, Madrid +1,35%. Inverte alle 9,15 Milano che azzera il guadagno iniziale per poi recuperare e segnare un progresso dello 0,5% (Ftse Mib) alle 9,24.

 
Pesante Mps dopo i primi scambi quando cede il 2,26% a 1,68 euro. Ben presto però recupera e alle 9,24 segna un leggero calo (-0,17%). La peggiore del listino milanese è StMicroelectronics (-1,11%). In calo Prysmian (-0,6%). Vola Salvatore Ferragamo che guadagna il 3,59%. Al rialzo Unicredit (+1,96%), Banco Popolare (+1,87%), Tod's (+1,52%), Fca (+1,32%), intesa Sanpaolo (+1,25%).

L'Inps avverte: a rischio povertà ora sono i 40enni

ROMA. La lunga e durissima crisi economica italiana ha modificato anche il profilo dei soggetti a rischio povertà: non più minori e anziani come per lungo tempo è stato ma persone comprese nella fascia di età intermedia tra i 40 e i 59 anni con incrementi percentuali di oltre il 70% nella fascia 50-59 anni. È l'Inps a certificare così, nel suo Rapporto annuale 2014, l'impatto sociale della recessione. «La crisi ha cambiato il profilo di rischio della povertà per età mentre le persone già fuori dal mercato del lavoro, tipicamente le persone con più di 70 anni, sono quelle che hanno sofferto meno gli effetti della crisi», si legge ancora. Non solo.

 
La contrazione della crescita dal 2008 al 2013 ha lasciato esposti anche quei nuclei familiari tradizionalmente ritenuti a basso rischio: in bilico ora ci sono le famiglie monoparentali under 60 che hanno registrato il 57% in più di poveri; le famiglie numerose di soli adulti, «tra i quali i poveri sono aumentati dell'80%»; le coppie senza figli under 60 (50% in più di poveri).

Anche i figli, più di 2, espongono ad un rischio povertà maggiore dato che, aggiunge l'Inps, «si registra una crescita dei tassi di povertà al crescere del numero di figli». Nessuna sorpresa, invece, nell'analisi dei rischi povertà su base territoriale: resta una forte distanza tra i tassi Nord e Sud che tra il 2008 ed il 2013 è nettamente aumentata. Prima del 2008 infatti il gap tra i tassi povertà Nord-Sud era di 24 punti percentuali (11% al Nord e 35% al Sud).

Negli ultimi 5 anni la forbice si è ulteriormente allargata toccando i 30 punti percentuali (14% al Nord e 43% al Sud). Tuttavia, osserva l'Inps, «è soprattutto il Nord-Est l’area del paese che ha fatto registrare gli incrementi proporzionalmente maggiori del numero di poveri (+61 per cento), seguita dal Centro (+50 per cento) e dal Nord-Ovest (+33 cento)».

Prevedibile, infine per l'Inps, un rischio povertà maggiore tra i disoccupati.Tuttavia, dice ancora l'Inps, tra questi, la classe di età che ha subito l’aumento relativamente maggiore del numero dei poveri sono i disoccupati con più di 50 anni, il cui numero è più che triplicato nell’arco di 6 anni.

L'estate premia i part time stagionali: 80mila posti in più

ROMA. L'estate 2015 premia il lavoro stagionale nel settore del turismo. Quest'anno infatti saranno impiegati ben 79.766 dipendenti in più, con un incremento del 3,1% rispetto al periodo luglio/settembre 2014 nei settori della ristorazione, dell'intrattenimento e negli stabilimenti balneari.

A segnalare il dato è la Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi di Confcommercio sottolineando due aspetti, la presenza delle donne e del personale italiano. Il tricolore domina con ben il 73,4% degli addetti di nazionalità italiana rispetto al 26,6% di stranieri e tantissime sono le donne impiegate nel settore che hanno praticamente raggiunto gli uomini con il 49,9%.

Nel lavoro estivo prevalgono i contratti part time (59,2%) rispetto ai full time (41,8%). Le professioni più gettonate sono: camerieri (64%), chef (18%), barman (13%), bagnini (5%). Le retribuzioni sono in media 1.200 euro mensili.

8xmille, l'80% alla Chiesa Cattolica

ROMA. L'80% dell'8xmille va alla Chiesa Cattolica. Sia in termini di scelte che di importo, pari a oltre 1 miliardo di euro. È quanto emerge dai dati comunicati dal Mef. Per quanto riguarda i redditi 2011 ripartiti nel 2015, spetta alla Chiesa cattolica il 79,945 degli importi e l'80,2% delle scelte; allo Stato va il 15,7% degli importi (195,6 milioni) e il 15,35% delle scelte. Tra le altre confessioni che si spartiscono il residuo la quota maggiore spetta alla Chiesa Evangelica Valdese, che incassa il 3,2% del totale, pari a 40,2 milioni.

 
Quanto al 2xmille, arrivano ai partiti solo 325mila euro. Primo risulta il Pd, con 199.069 euro. Segue la Lega cui andranno 28.140 euro, poi Forza Italia con 24.712. Sel riceverà 23.287 euro; alla Svp vanno 16.600 euro. A seguire, Fratelli d'Italia con 9.326 euro, Scelta Civica 7.102 euro. Chiude la lista Partito Autonomista Trentino Tirolese con appena 656 euro.

Tornano a salire i prezzi dei carburanti,

ROMA. Tornano a salire i prezzi della benzina. Con i mercati internazionali dei prodotti petroliferi ancora in salita, i prezzi raccomandati sulla rete carburanti italiana, dopo i ritocchi in saliscendi di ieri, prendono oggi un orientamento più definito, con Eni a rialzare la benzina di 2 cent/litro.

 
Sul territorio, in base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della verde va, a seconda dei diversi marchi, da 1,624 a 1,648 euro/litro (no-logo 1,601). Per il diesel si rilevano prezzi medi self che passano da 1,440 a 1,468 euro/litro (no-logo a 1,426).

Quanto al servito, per la benzina i prezzi medi nazionali praticati sugli impianti colorati vanno da 1,694 a 1,798 euro/litro (no-logo a 1,627), il diesel da 1,516 a 1,616 euro/litro (no-logo a 1,454) e il Gpl da 0,589 a 0,620 euro/litro (no-logo a 0,582).

Lavoro, a maggio 185mila contratti in più

ROMA. A maggio il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro in tutti i settori di attività economica è stato pari a 934.258. Se confrontato al numero di cessazioni di rapporti di lavoro, pari a 749.551, si tratta di 184.707 contratti in più. È quanto emerge dai dati sulla dinamica dei contratti di lavoro diffusi oggi dal ministero del lavoro. A maggio sono stati attivati 179.643 nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato (133.885 a maggio 2014) mentre sono cessati 179.372 contratti di lavoro a tempo indeterminato (151.539 a maggio 2014).

 
A maggio il numero di attivazioni di nuovi contratti di lavoro in tutti i settori di attività economica è stato pari a 934.258: il 3,8% rispetto ai 899.796 di maggio 2014 . Di queste 934.258 attivazioni, 179.643 (circa il 19%), sono contratti a tempo indeterminato, 643.032 sono contratti a tempo determinato, 19.728 sono contratti di apprendistato, 36.376 sono collaborazioni e 55.479 sono le forme di lavoro classificate nella voce 'Altro'.

A maggio sono state 30.325 le trasformazioni di rapporti di lavoro a tempo determinato in rapporti a tempo indeterminato rilevate su tutti i settori di attività. Rispetto allo stesso periodo del 2014 crescono dell’43,2% (erano 21.184 a maggio 2014).

Il numero di cessazioni di rapporti di lavoro per tutti i settori è stato pari a maggio a 749.551, in crescita del 4,3% rispetto alle 718.633 cessazioni di maggio 2014. Di queste circa 750mila cessazioni, 179.372 (circa il 24%) sono relative a contratti a tempo indeterminato, 458.220 a contratti a tempo determinato, 13.230 sono contratti di apprendistato, 46.570 sono collaborazioni e 52.159 sono le forme di lavoro classificate nella voce 'Altro'.

Ocse, in Italia il 42,3% dei giovani
è senza lavoro

ROMA. Il tasso di disoccupazione giovanile «è inquietante» in paesi come Spagna (51,8%), Grecia (50,1%) e Italia (42,3%) nel 2014. Lo afferma l'Ocse nel rapporto sull'Occupazione, aggiungendo che «in questi paesi - si aggiunge - sembra che la disoccupazione giovanile abbia raggiunto l'apice» e di recente sono stati registrati alcuni cali. «La disoccupazione giovanile è rimasta a livelli molto elevati in alcuni paesi dell'Ocse, da qui il timore che le prospettive lavorative di molti giovani usciti da poco dal sistema scolastico siano compromesse in modo permanente», osserva l'Ocse, osservando che paesi come Spagna, Grecia e Italia hanno anche registrato «un forte aumento» dei Neet, giovani che non lavorano e non studiano. L'Italia risulta al terzo posto della graduatoria Ocse in termini di percentuale di Neet, oltre il 25%, superata solo da Grecia e Turchia (che però ha visto il livello di Neet scendere dal 40% pre-crisi al 29% nel 2014.

 

In generale il tasso dei senza lavoro nel Belpaese si è attestato al 13% nel 2014 e dovrebbe scendere al 12,4% nel 2015 e all'11,9% nel 2016. Quanto alla zona euro la disoccupazione è stata all'11,4% nel 2014 e dovrebbe declinare al 10,8% nel 2015 e al 10,3% nel 2016. Nell'area Ocse in generale i senza lavoro nell'area sono poco più di 43 milioni, 11 milioni in più rispetto a prima che iniziasse la crisi, in termini percentuali al 7,1%, 1,6 punti percentuali in più rispetto al livello pre-crisi.

 

Nell'area Ocse «la disoccupazione - afferma l'ocse nel rapporto - si manterrà a livelli elevati da qui a fine 2016. Il deficit di occupazione si manifesta essenzialmente in una disoccupazione maggiore più che nell'inattività». In salita la disoccupazione di lunga durata, aumentata del 77,2% rispetto al quarto trimestre del 2007 con il timore che «molti di questi siano usciti dal mercato del lavoro, il che renderà più difficile il calo della disoccupazione», conclude l'Ocse.

Atene chiederà aiuti entro domani. Affonda Piazza Affari: -3%

MILANO. La crisi greca si arricchisce di un nuovo colpo di scena: il governo Tsipras si presenta all'Eurogruppo senza nuove proposte a dispetto delle attese dei leader europei e degli investitori. Una doccia fredda che si fa sentire sui mercati finanziari: se Piazza Affari crede, a inizio seduta, a una possibile risoluzione, nel corso delle ore prevalgono le vendite e a fine seduta il bilancio segna una flessione del 3% su un'eventuale Grexit.

Il premier greco Alexis Tsipras - dopo un colloquio trilaterale con Merkel e Hollande - domani mattina parlerà al Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria. «I greci ci manderanno una richiesta di aiuti Esm entro domattina, e un nuovo Eurogruppo telefonico la valuterà, poi ci invieranno una lista di riforme. Vorremmo ricevere una proposta scritta - da parte della Grecia - molto rapidamente», assicura il presidente Jeroen Dijsselbloem alla fine dell'Eurogruppo.

Whirlpool, accordo raggiunto: salva Carinaro e nessun esubero

Accordo fatto tra Whirlpool e Fim, Fiom e Uilm sul piano industriale con cui la multinazionale americana rilancerà la produzione italiana dei siti ex Indesit. L'intesa, firmata al termine di un nuovo round al Mise, chiude un braccio di ferro tra azienda e Sindacati lungo 5 mesi, scongiura il rischio licenziamento per gli oltre 2000 lavoratori del gruppo, riassorbe tutti gli esuberi inizialmente previsti, salva i siti di Carinaro e None dalla chiusura, assegna ad ogni stabilimento una missione produttiva e soprattutto investe 513 milioni in tre anni. Già venerdì l'accordo sarà sottoposto al voto di tutti i lavoratori del gruppo. Un impegno, quello di non licenziare fino al 2018, che si accompagna ad un piano di esodi e trasferimenti incentivati, ad una ricollocazione e riqualificazione professionale per gli impiegati le cui funzioni vengono trasferite in altra regione; all'utilizzo della cassa integrazione e di contratti di solidarietà.

Pensioni, ad agosto via ai minirimborsi

ROMA. Dal primo agosto prossimo l'Inps pagherà a titolo di arretrati la rivalutazione delle pensioni all'inflazione sancita dalla sentenza della Consulta, che aveva dichiarato illegittimo il blocco della perequazione, e recepita nei giorni scorso dal decreto legge del governo. Ad essere interessate dall'erogazione una tantum, le pensioni da 3 volte il minimo fino a 6 volte (oltre questo tetto non è previsto nessun rimborso), secondo un meccanismo di decalage confermato da una circolare Inps pubblicata oggi. E per le pensioni fino a 1.500 arriverà un rimborso di 796,27 euro a valere per gli anni dal 2012 al 2015. In particolare saranno restituiti 210,6 euro di adeguamento all'inflazione per il 2012 e 447,2 per il 2013. Per il 2014 e 2015, invece, la restituzione sarà pari rispettivamente a 89,96 euro e 48,51 euro.

 
Per il 2012 e 2013 dunque, percepiranno un reintegro del 100% dell'inflazione tutti i trattamenti di importo complessivo fino a tre volte il minimo; del 40% quelli superiori a 3 volte il minimo e fino a 4 volte; del 20% quelli sopra a 4 volte il minimo e fino a 5 volte; del 10% per quelli sopra 5 volte il minimo e fino a 6 volte. Per il 2014 e il 2015 invece la rivalutazione sarà riconosciuta a partire dalle pensioni superiori a 3 volte il minimo e fino a 6 volte e sarà pari al 20% della percentuale assegnata per ogni fascia di reddito per gli anni 2012-2013. Dal 2016 le percentuali di perequazione verranno incrementate nella misura del 50% del 40% fino a quattro volte il minimo, del 50% del 20% fino a cinque volte e del 50% del 10% fino a sei volte. Così per gli assegni superiori a 3 volte il minimo e fino a 4, che costituiscono la maggior parte dei casi, la base della pensione diventerà da agosto di 1.525 euro mensili per arrivare dal gennaio 2016 e 1.541 euro.

Il nuovo importo della pensione dell’anno 2016 sarà poi, la nuova base per il calcolo della perequazione a regime. A decorrere dal 2017 torneranno comunque in vigore le disposizioni sulla rivalutazione automatica delle pensioni della legge 388 del 2000.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno