Mercoledì 23 Agosto 2017 - 19:41

Moretta, “Mini-bond possono dare nuovo impulso all’economia del Mezzogiorno”

NAPOLI – “L’evoluzione della gestione aziendale è una priorità. Oggi viviamo una realtà nuova, sempre più europea, in cui il sistema bancario deve essere affiancato da altre fonti finanziarie che siano complementari. In questo senso, nei primi tre mesi del 2017 i mini-bond a brevissimo termine (short term) hanno dato grande impulso all’economia delle pmi. Al tempo stesso il nostro obiettivo è formare gli iscritti a diventare rating advisor con grandi competenze, per essere un valore aggiunto al fianco degli imprenditori”.

Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, aprendo il convegno “L’attività di rating advisor e i mini-bond short term quale percorso di evoluzione della finanza aziendale”.

“Lo scenario che si presenta dinanzi ai nostri occhi è in continua evoluzione – ha evidenziato Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti –. La realtà che riguarda da vicino professionisti ed imprenditori si profila sempre più orientata verso la specializzazione e l’internazionalizzazione: sono le scommesse sulle quali occorre puntare”.
Mario Bowinkel, presidente Aira (Associazione Italiana Rating Advisory), ha presentato un caso concreto di azienda napoletana, Innovaway S.p.A., che “ha mosso i primi passi in Borsa Italiana proprio in questi giorni, emettendo il primo mini-bond short term. L’azienda ha avviato un percorso evolutivo interno e di avvicinamento ai mercati finanziari a supporto dello sviluppo del business aziendale”.

Bowinkel ha inoltre curato la pubblicazione del volume Aira “Il nuovo modello della Finanza per le Pmi italiane”, pubblicato con l’Istituto Armando Curcio - University Press. Tra gli autori, professionisti associati Aira ed esponenti di prestigio di Banca d'Italia, Borsa Italiana, Frigiolini & Partners Merchant.

Secondo Mariano Bruno, vicepresidente Unione Industriali Napoli, “il tema è  all’attenzione di tutti gli imprenditori. Le pmi devono riqualificare il proprio debito, essenzialmente bancario, e andare verso un’ottica più europea, di diversificazione del debito. I mini-bond sono una strada anche nella crescita culturale delle imprese”.

“Oggi le piccole e medie imprese - ha sostenuto Mario Michelino, consigliere delegato Odcec Napoli - non possono fare a meno di una corretta pianificazione e della modulizzazione dei pagamenti finanziari. Parliamo di settori che daranno sbocchi ulteriori nei prossimi anni alla funzione di tutela del dottore commercialista”.

Al forum hanno partecipato anche Fabio Brigante, Small & Mid Caps Italy; Leonardo Frigiolini, Founder & Ceo Frigiolini & Partners Merchant; Marco Barbero, Direttore Generale Cofiter; Bartolo Mililli, Confeserfidi; Antonio Giacomini, Ceo Innovaway S.p.A.; Sabrina Aulitto, Direttore Scientifico International School Istituto Armando Curcio.

Bagnoli, Confapi: «Rilancio con pubblico-privato»

«Su Bagnoli l'investimento pubblico non è sufficiente. Servono imprenditori con progetti e mezzi per realizzarli».

Lo ha detto Gianpiero Falco, presidente Confapi Napoli.

«Fa piacere che il ministro De Vincenti e l'ad di Invitalia Domenico Arcuri condividano le nostre stesse posizioni – continua – sull'importanza di una collaborazione tra pubblico e privato nei programmi di riqualificazione territoriale. Bagnoli è un campo di prova importantissimo per la città e per i suoi amministratori».

«Il project financing può essere la soluzione – aggiunge il numero uno dell'associazione datoriale – per trasformare l'area di Coroglio in uno straordinario attrattore di investimenti. Per riuscirci, però, è necessario fare due cose: aprire davvero la cabina di regia ai privati, e ottenere procedure semplificate a livello amministrativo».

«I soldi che scarseggiano – conclude Falco – sono spesso un problema minore delle leggi e dei lacci burocratici che, al contrario, sovrabbondano. Confidiamo nella sensibilità del governatore De Luca di cogliere le difficoltà degli imprenditori nel confrontarsi con macchine burocratiche che invece di risolvere moltiplicano i problemi».

Forum sulla finanza aziendale promosso dai commercialisti

NAPOLI - "L'attività di rating advisory e i mini-bond short term quale percorso di evoluzione della finanza aziendale" è il tema del forum che si terrà lunedì 8 maggio alle ore 15, presso la sede dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli (Piazza dei Martiri 30).

Al forum parteciperanno Vincenzo Moretta, presidente Ordine Dottori Commercialisti di Napoli; Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti; Mario Michelino, Consigliere delgato dell'Odcec Napoli; Mario Bowinkel, Presidente Aira - Associazione Italiana Rating Advisory; Mariano Bruno, Vicepresidente Unione Industriali Napoli; Fabio Brigante, Small & Mid Caps Italy; Leonardo Frigiolini, Founder & Ceo Frigiolini & Partners Merchant; Marco Barbero, Direttore Generale Cofiter; Bartolo Mililli, Confeserfidi; Antonio Giacomini, Ceo Innovaway S.p.A.; Sabrina Aulitto, Direttore Scientifico International School Istituto Armando Curcio.

Nel corso dell'evento sarà presentato un caso concreto di Impresa campana - la Innovaway S.p.A. - che ha avviato un percorso evolutivo interno (Rating Advisory) e di avvicinamento ai Mercati Finanziari (il primo vero e proprio caso in Campania di Mini-Bond short term quotati sul segmento Extra Mot Pro di Borsa Italiana) a supporto della crescita e sviluppo del business aziendale (Advisor: Studio M. Bowinkel e Frigiolini & Partners Merchant).

Verrà inoltre presentato il volume Aira "Il nuovo modello della Finanza per le Pmi italiane", pubblicato con l'Istituto Armando Curcio - University Press, a cura dI Mario Bowinkel; tra gli autori: professionisti associati Aira ed esponenti di prestigio di Banca d'Italia, Borsa Italiana, Frigiolini & Partners Merchant.

Raffaele Marcello confermato ai vertici dell'Organismo di Contabilità

SANTA MARIA CAPUA VETERE - Il commercialista Raffaele Marcello è stato confermato nel Consiglio di Gestione dell’Organismo Italiano di Contabilità, nell’ambito del rinnovo dei vertici dell’Oic, composto dai massimi esperti negli specifici settori economici cui sono destinati i principi contabili.

Il commercialista di Santa Maria Capua Vetere, che ricopre attualmente anche la carica di consigliere nazionale dei commercialisti e di membro del consiglio dei garanti dell'Organismo Italiano di Valutazione (OIV), rimarrà in carica per il prossimo triennio.

L’Organismo Italiano di Contabilità, costituito nel 2001 con la veste giuridica di una fondazione, emana i principi contabili nazionali per la redazione dei bilanci secondo le disposizioni del codice civile e fornisce supporto all’attività del Parlamento e del Governo in materia di normativa contabile. OIC partecipa inoltre al processo di elaborazione dei principi contabili internazionali adottati in Europa, intrattenendo rapporti con l’International Accounting Standards Board (IASB), con l’European Financial Reporting Advisory Group (EFRAG) e con gli organismi contabili di altri paesi.

Crolla l'ultima bugia: col Pd spesa pubblica boom

ROMA. La spesa pubblica continua a crescere nonostante sia in atto un percorso di spending review. A evidenziarlo è l'Ufficio studi della Cgia di Mestre che prende in considerazione l'andamento delle finanze pubbliche nel corso di questa legislatura (2013-2017). I tagli alla spesa pubblica ottenuti ammontano a 30,4 miliardi di euro, le uscite correnti al netto degli interessi sul debito, invece, non hanno invertito la tendenza. Anzi, hanno continuato a crescere: +31,8 miliardi. "Le uscite correnti al netto degli interessi - segnala il coordinatore dell’Ufficio studi della Cgia Paolo Zabeo - continuano ad aumentare, in particolar modo, a causa della spesa pensionistica e delle prestazioni sociali".

"Se in una fase di crisi economica l’incremento delle misure a sostegno del reddito di chi si trova in difficoltà è più che giustificabile - aggiunge - lo è molto meno quello per le pensioni. Con l’ultima Legge di bilancio, ad esempio, è stata estesa la 14esima mensilità per i pensionati a basso reddito, è stata innalzata la no tax area Irpef per gli under 74 e sono state aperte delle finestre in uscita attraverso l’Ape. Misure che, in larga parte, non prevedono una copertura finanziaria sufficiente".

Oltre la metà dei tagli pari a 16,4 miliardi (il 54,1% del totale), verrà richiesto alle Regioni e agli Enti locali. "Lo Stato, insomma, comincia a tagliare, ma il sacrificio più importante lo impone alle strutture periferiche, in particolar modo a quelle guidate dai Governatori" osserva la Cgia.

"E com’era facilmente prevedibile, nonostante in questi ultimi 2 anni il governo abbia imposto l’obbligo di non aumentare le tasse locali - prosegue l'analisi della Cgia - gli amministratori si sono 'difesi' tagliando i servizi o aumentando le tariffe che, per loro natura, non contribuiscono ad appesantire la pressione fiscale, anche se hanno un impatto molto negativo sui bilanci di famiglie e imprese".

Infatti, tra il 2013 e il 2016, in tre anni, "l’andamento delle tariffe regolamentate a livello locale sono aumentate in misura spesso ingiustificata. Se le bollette dell’acqua/fognatura sono 'esplose' del 20% circa, il servizio di asporto rifiuti è salito dell’8,4%, i trasporti multimodali del 5,5%, l’iscrizione alle scuole secondarie del 5,1%, le mense scolastiche del 4,2%, i biglietti dell’autobus del 3% e quelli dei taxi del 2,8%. L’inflazione, invece, in questo triennio è aumentata solo dello 0,2%".

S&P conferma la tripla B- per l'Italia

WASHINGTON. L'agenzia S&P Global Ratings conferma il rating BBB- sul debito italiano di lungo termine e A-3 per quello di breve termine con outlook stabile. In una nota, l'agenzia motiva la decisione con una crescita del Pil italiano nel 2017 solo dello 0,9% mentre l'aumento dell'occupazione dovrebbe registrare un rallentamento, con un calo del tasso di senza lavoro all'11,3%, prima di una discesa all11,0% nel 2018. L'agenzia stima poi per il 2017 un deficit pari al 2,3% rispetto alla stima del governo del 2,1%.

Fisco, Confapi: Pmi a rischio usura con nuove norme Iva

«Buono nelle intenzioni, ma eccessivamente gravoso per le pmi: lo “split payment”, il cosiddetto “pagamento diviso” rischia di prosciugare del tutto la liquidità delle aziende e di esporle al rischio usura, soprattutto al Sud».

Lo ha detto Francesco Cacciapuoti, componente del consiglio direttivo Confapi Napoli.

«Il nuovo sistema di liquidazione che consente alla Pubblica Amministrazione di trattenere l'Iva alla fonte e di versarla direttamente allo Stato – aggiunge – significa privare le piccole e medie imprese di un “cash flow” che, seppur limitato nel tempo, rappresenta spesso uno strumento fondamentale per la continuazione dell'attività».

«Siamo davanti a un finanziamento a costo zero per le casse dello Stato – prosegue Cacciapuoti – e tutto a carico del sistema produttivo. È un grave errore non prendere in considerazione i tempi lunghissimi (quasi due anni) dei rimborsi dei crediti Iva e soprattutto non rendersi conto che, nel Meridione, si fa sempre più difficile l'accesso al credito da parte delle aziende».

«In questo modo, le imprese che non hanno adeguati livelli di liquidità – conclude l'esponente Confapi – si trasformano in “vittime perfette” del mercato del credito illegale che tanti danni ha procurato, e continua purtroppo a procurare, alla nostra economia».

Alitalia, cda chiede il commissariamento

Il Consiglio di amministrazione di Alitalia ha deciso all'unanimità di presentare l'istanza di ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria come disposta dalla legge. Ad annunciarlo è stato la compagnia al termine della riunione del board, che si è svolta dopo l'Assemblea dei soci della compagnia. Il Cda ha preso atto "della grave situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società, del venir meno del supporto dei soci e dell'impraticabilità in tempi brevi di soluzioni alternative". I voli e le operazioni di Alitalia non subiranno alcuna modifica e continueranno secondo la programmazione prevista. Il ministero dello Sviluppo economico sta lavorando al decreto per aprire la procedura di e contestualmente nominare i commissari. E' quanto si apprende da fonti vicine al dossier. Il Tesoro, riferiscono le stesse fonti, sta lavorando a un decreto che definisce i termini del prestito ponte.

“Borsa della ricerca 2017”, a Napoli la presentazione del forum

Giovedì 4 maggio, dalle ore 11.00, presso il Grand Hotel Oriente di Napoli (Via A. Diaz, 44), si terrà la presentazione della ottava edizione del Forum della Borsa della Ricerca, il progetto promosso da Fondazione Emblema per favorire concretamente il raccordo tra le imprese e il mondo della ricerca. Il Forum nazionale è co-organizzato da Fondazione Emblema e dall'Università degli Studi di Salerno con il sostegno di Sviluppo Campania e del Ministero per lo Sviluppo Economico: si terrà dal 22 al 24 maggio presso il Campus di Fisciano (SA).

Alla conferenza stampa parteciperanno Tommaso Aiello, Direttore Generale della Fondazione Emblema e coordinatore della "Borsa della Ricerca"; Aurelio Tommasetti, Rettore dell’Università di Salerno; Umberto Minopoli, Presidente di Sviluppo Campania e Pietro Campiglia, Delegato al Fundraising dell'Università di Salerno.

Il Forum della Borsa della Ricerca è un evento unico nel suo genere: mondo della ricerca universitaria, startup, aziende e investitori hanno qui l’occasione di incontrarsi e determinare l’avvio di collaborazioni fra chi fa ricerca e chi è interessato ad applicarla. Il progetto, dal 2010 al 2016, ha visto l’organizzazione di oltre 6.000 incontri, che hanno dato vita a innumerevoli collaborazioni.
Partecipanti dell’ottava edizione e ad oggi già confermati numerosi gruppi aziendali, fondi di investimento e delegazioni universitarie. In particolare saranno circa cinquanta le aziende e gli investitori, fra cui: 3M, Angelini, Panakès Partners, Fincantieri, STMicroelectronics e Innogest. Saranno presenti uffici di trasferimento tecnologico, gruppi di ricerca e Spin Off provenienti da 22 atenei di 13 regioni fra cui Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Bari Aldo Moro, Università degli Studi di Genova, Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e Università Federico II di Napoli.

“La Borsa si conferma come un appuntamento di riferimento per chi in Italia è interessato a fare concretamente trasferimento tecnologico. Questo VIII Forum - spiega Tommaso Aiello - si consolida nella collaborazione con l’Università di Salerno e la Regione Campania, mentre cresce quanto a Regioni rappresentate e presenze assolute. I risultati ottenuti sinora, le tante collaborazioni nate tra ricercatori e imprese nell’ambito della Borsa, ci motivano ancor di più nel portare avanti il modello relazionale di Emblema che punta sulla costruzione di rapporti diretti tra il mondo accademico e potenziali finanziatori, superando qualsiasi logica di intermediazione”.

“Borsa della Ricerca - sottolinea Aurelio Tommasetti - rappresenta un impegno ancora maggiore per l’Università degli Studi di Salerno verso la Terza Missione, a partire soprattutto dalle opportunità offerte dal nostro campus, che, con questo progetto, vuole configurarsi come spazio di incontro tra i giovani, le loro idee, gli acceleratori di imprese, gli istituti di credito e i venture capitalist”

Vincenzo Boccia, presidente di Confindustria, aprirà i lavori il 22 maggio, con un keynote speech: “In una società aperta il confronto e la sana contaminazione tra mondi diversi e diverse esperienze rappresentano il lievito della crescita economica e culturale. Due facce della stessa medaglia. Ecco perché Confindustria - evidenzia Boccia - guarda con interesse alle iniziative di Fondazione Emblema come la Borsa della Ricerca e sarà presente a Salerno alla manifestazione del 22, 23 e 24 maggio alla quale non farà mancare il suo contributo.”

Il programma prevede una sessione plenaria di apertura, il 22 maggio, dedicata a “Ricerca, Formazione e Innovazione: i drivers della crescita”. La tavola rotonda sarà moderata da Alessandro Barbano, direttore del quotidiano “Il Mattino” e vedrà gli interventi di Domenico Arcuri, AD Invitalia, Pietro Campiglia, Delegato al Fundraising Università di Salerno, Vito De Filippo, Sottosegretario di Stato MIUR, Marcella Bonchio, Prorettore alla ricerca scientifica e al coordinamento della Commissione scientifica dell’Università degli Studi di Padova, Antonio Gentile, Sottosegretario di Stato MISE, Massimo Inguscio, Presidente CNR (Consiglio Nazionale di Ricerche) e Gaetano Manfredi, Presidente CRUI (Conferenza rettori università italiane). Concluderà i lavori Vincenzo De Luca, Presidente della Regione Campania.
La seconda parte della giornata inaugurale sarà dedicata a un workshop dal titolo “Comunicare la Ricerca” guidato da Davide Bennato, Professore Sociologia dei Media Digitali dell’Università di Catania.

Il 23 maggio si svolgeranno gli incontri "one to one" fra ricercatori e aziende o possibili finanziatori. I colloqui "one to one" rappresentano il cuore dell’evento: infatti, nelle settimane precedenti la manifestazione, attraverso il portale www.borsadellaricerca.it, ogni partecipante ha l’opportunità di organizzare autonomamente un’agenda di appuntamenti, programmando fino a 16 incontri con aziende e investitori, tramite uno scouting mirato in base ai propri interessi. All’apertura dei lavori i partecipanti riceveranno la propria agenda con indicato l’orario e il box nel quale si svolgeranno gli incontri.

Nel corso della mattinata si terrà la riunione annuale dell’Assemblea Nazionale di APSTI (Associazione Parchi Scientifici e Tecnologici Italiani), dedicata a “valorizzazione dei beni culturali, innovazione e attività di terza missione”. Presenze già confermate: Area Science Park, Toscana Life Sciences, Friuli Innovazione, Polo Tecnologico di Pavia, Trentino Sviluppo.

L’ultimo giorno, il 24 maggio, sarà dedicato alla sessione di pitch (bevi presentazioni delle realtà partecipanti) riservati a spin off, startup e gruppi di ricerca che illustreranno il proprio progetto alla platea di aziende e investitori. Anche per l’edizione 2017 è confermata, nell’ultima giornata, la consegna dei Borsa della Ricerca Awards, premi in servizi che saranno assegnati alle migliori idee innovative dai partners Electrolux, Fiat Chrysler Automobyles, Digital Magics e ZCube – Zambon Farma.

Durante la giornata saranno presentati circa 60 progetti, che spaziano da ICT, E-Healt, Smart Cities e Green Economy.
L’edizione 2017 di Borsa della Ricerca sarà organizzata con l’intervento di Sviluppo Campania, società in house della Regione impegnata nello sviluppo del sistema territoriale regionale.

Napoli Nord, i commercialisti approvano all’unanimità il bilancio 2016

AVERSA - L’Assemblea degli iscritti dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli Nord, presieduta da Antonio Tuccillo, ha approvato all’unanimità il Bilancio 2016.

“Esprimo grande soddisfazione per la partecipazione dei professionisti iscritti al nostro ordine – ha osservato Tuccillo - abbiamo predisposto un documento contabile estremamente  trasparente ed equilibrato che ha messo in evidenza i criteri adottati dalla governance con l’obiettivo di ottimizzare le spese e ridurre la quota d'iscrizione di oltre 10%, che rappresenta un segnale concreto di corretta amministrazione delle risorse finanziarie”.

“Nell’ambito delle progettualità allo studio – ha aggiunto il numero uno dell’Odcec Napoli Nord - particolare attenzione è stata destinata alla Scuola di Alta Formazione, all’aggiornamento professionale degli iscritti, in maniera sempre più qualificata, al coordinamento della Regione Campania. I commercialisti stanno contribuendo allo sviluppo economico che si sta registrando nel settore agroalimentare e nel terziario affiancando le pmi del territorio che hanno intrapreso nuovi modelli di business”.

“Il bilancio 2016 evidenzia in maniera incontrovertibile l’efficacia e l’efficienza dell’azione amministrativa ed organizzativa che è stata messa in campo dall’Ordine di Napoli Nord – ha sottolineato Vincenzo Natale, consigliere tesoriere dell’Odcec con sede ad Aversa - per rappresentare un punto di riferimento sul territorio a Nord di Napoli sia per i colleghi commercialisti ed esperti contabili, che per il mondo imprenditoriale ed istituzionale”.

Pagine

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale