Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Il Cilento e i "Dialoghi sul male"


di  

CONDIVIDI:

Ven 19 Aprile 2019 16:25


Nella paradisiaca cornice posillipina del lido Sirena, incastonato tra il monumentale Palazzo Don

Fotografia, i cavallucci marini di Punta Campanella conquistano “Obiettivo Terra"


di  

CONDIVIDI:

Ven 19 Aprile 2019 15:58


ROMA. Due cavallucci marini che flirtano nei fondali dell'Area Marina Protetta d

L'eroe di Hugo Pratt sbarca a Napoli, al Mann la mostra su Corto Maltese


di  

CONDIVIDI:

Mer 17 Aprile 2019 17:55


NAPOLI. ​Un affascinante e misterioso marinaio sta per approdare a Napoli: si sv

Il pianto della bimba migrante vince il World Press Photo


di  

CONDIVIDI:

Ven 12 Aprile 2019 13:47


Il dramma della migrazione cristallizzato in un'immagine.

Spettacolare Caravaggio


di  

CONDIVIDI:

Ven 12 Aprile 2019 13:33


Il suo nome era  Michelangelo Merisi, ma per tutti era Caravaggio, dal nome del paese lombardo in

Ogni soggetto caravaggesco è individuato come focus di un nucleo tematico intorno al quale sono collocate non solo le opere dei “napoletani” Battistello Caracciolo, Ribera, Massimo Stanzione, Carlo Sellitto, Bernardino Azzolino e Filippo Vitale; ma anche quelle del romano Giovanni Baglione, e dei fiamminghi Luis Finson e Hendrick van de Somer. Grazie ai contatti con il mondo fiammingo e con la Spagna, sarà proprio a Napoli che il caravaggismo troverà spazio «lasciando una traccia indelebile – sottolinea la curatrice – con Ribera, Giordano e Stanzione, che seguiranno le linee caravaggesche fin quasi agli anni Cinquanta. Da allora, si può dire che Caravaggio entrerà nel dna della pittura napoletana fino al Solimena, in pieno Settecento. A differenza di Roma dove il caravaggismo deflagra rapidamente».
Spettacolare l’allestimento che impegna il visitatore in un viaggio dentro la sensibilità dell’artista. Immerso in uno spazio oscuro, lo  sguardo è guidato soltanto verso le opere, che così risplendono drammaticamente nella loro stupefacente verità.
La mostra, se ne è parlato tanto, si sdoppia fisicamente al Pio monte della Misericordia, sul cui altare maggiore campeggiano “Le sette opere di misericordia”. «Devo dire – dice il Direttore Sylvain Bellenger – che proprio per questo doppio allestimento, ho percepito il supporto e l’entusiasmo di Napoli». Sulla stessa linea, il Soprintendente del Pio Monte, Alessandro Pasca di Magliano: «Abbiamo un nuovo dispositivo di illuminazione che enfatizza la leggibilità dei dipinti». Non è la prima volta che il Pio Monte collabora con il museo di Capodimonte. Proprio adesso, accanto alla pala caravaggesca, oltre alle opere dei grandi maestri del naturalismo barocco, c’è anche “L’uomo che sorregge la croce”, la scultura in cera di Jan Fabre, che e in questo periodo espone contemporaneamente a Capodimonte, al Pio Monte e alla Galleria Trisorio. «Si tratta di un’opera autonoma – spiega il Soprintendente - ma che per forza intrinseca è riuscita a stabilire un dialogo con Caravaggio, riuscendo a trovare un’armonia spirituale con la sua opera».
Sull’importanza del dialogo con il contemporaneo insiste il governatore della Campania, Vincenzo De Luca : «Noi stiamo tentando di fare un doppio sforzo: valorizzare una storia immensa e contemporaneamente aprirci alla modernità, ai nuovi linguaggi». La Regione infatti, oltre a questa mostra e a quella in corso al Mann su Canova, sostiene anche due altri grandi eventi che avranno luogo a Capodimonte: a luglio un grande concerto di Roberto De Simone, «uno dei figli traditi di questa città» chiosa De Luca, e a novembre l’esposizione  dei lavori di Calatrava, l’archistar che è anche un creativo della porcellana.
Una mostra che, se prima dell’inaugurazione ha scatenato non poche polemiche, non può che trovare tutti concordi nell’apprezzare la qualità delle scelte espositive e della proposta didattica. Da sottolineare, in proposito, il contributo di Google, che ha digitalizzato la Flagellazione, il Martirio di Sant’Orsola e le Sette opere di Misericordia:  su tre touch screeen differenti si possono zoomare a piacimento in modo da vederne meglio i sorprendenti dettagli. Molto ben fatto il film, proposto a fine percorso, che ricostruisce i due soggiorni partenopei di Caravaggio.
In occasione di “Caravaggio Napoli”, l’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli mette a disposizione dei visitatori nei fine settimana, dalle 8,30 alle 19,30, una navetta che parte da via Duomo, vicino al Museo Filangieri, con fermate all’incrocio con via Tribunali e davanti al Mann. Inoltre, tutti i giorni, è in funzione, ogni ora,  una navetta Citysightseeing che collega Capodimonte con il Pio Monte.

Armida Parisi

Gaetano Russo dedica una poesia al campione Ciro Ferrara


di  

CONDIVIDI:

Mar 09 Aprile 2019 19:30


Una vita ricca di emozioni quella di Gaetano Russo, una vita che accanto alla passione per la buo

"Era proprio necessario", domani l'anteprima a Napoli Città Libro


di  

CONDIVIDI:

Sab 06 Aprile 2019 19:48


Scrivere un libro a più mani è una cosa che mi ha sempre affascinato, come si fa a farlo?

Fotografia, al Mann il 71esimo congresso Fiaf


di  

CONDIVIDI:

Sab 06 Aprile 2019 16:18


NAPOLI. Mostre, dibattiti, incontri d'autore, premiazioni.

Stabiae sfruttata per la mostra a San Pietroburgo e la città non ne sa nulla

Inaugurata al Museo Nazionale Ermitage la mostra "Pompei, Uomini, Dei ed Eroi" alla quale contribuisce anche il patrimonio archeologico dell'Antiquarium Stabiano


di  

CONDIVIDI:

Ven 05 Aprile 2019 21:20


CASTELLAMMARE DI STABIA.

Libriamoci, incontro con Aldo Di Mauro


di  

CONDIVIDI:

Ven 05 Aprile 2019 13:27


Interessante appuntamento alla “Libreria del Cinema e del Teatro Napoli” di Alessandro e Andrea C

Pagine