Sabato 21 Gennaio 2017 - 7:24

Gigi D’Alessio a Sanremo con “La prima stella”

Gigi D'Alessio torna al Teatro Ariston per la 67°edizione del Festival di Sanremo, che lo vedrà in gara tra i Campioni con il brano "La prima Stella", di cui firma testo e musiche, diretto sul palco dal Maestro Adriano Pennino. La canzone racconta di un'esperienza vissuta almeno una volta da ognuno di noi: trovare una fotografia di una persona amata e desiderare di averla ancora con noi, di poterci confidare con lei, sentire cosa ha da dire. Una fotografia ci dà l'illusione che quella persona sia ancora presente, come in quel momento immortalato. Ma se prima, ogni volta che le parlavamo, avevamo davanti i suoi occhi, adesso avvertiamo un grande vuoto. "Come le immagini di un film, frammenti di vita che scorrono e si lasciano guardare, contemplare, senza che noi possiamo afferrarli, così quel ricordo che resta intatto, nel suo essere materiale, non è più nostro", spiega D'Alessio. "Questo è in parte il dramma di una fotografia: ricrea un istante ma lascia l'amara consapevolezza che non possiamo più viverlo. Possiamo definirlo "nostro" perché lo abbiamo vissuto, ma allo stesso tempo lo abbiamo perso, nello scorrere del tempo". Ma non basta che qualcuno non sia più davanti a noi per smettere di avvertirne la presenza. Finiamo per cercare un luogo in cui ritrovare quella persona, quando sentiamo di non poterne più fare a meno, mentre il tempo passa e il mondo sembra andare più veloce di noi, e vorremmo fermare tutto. Quella persona adesso è ferma mentre noi continuiamo ad andare avanti, e non sempre riusciamo a dare un senso a questo movimento. Lei ora è lontana, come una stella, eppure è abbastanza vicina da emanare tutta la luce di cui ha bisogno per lasciarsi ancora guardare. "La prima Stella" sarà contenuta nel nuovo album di Gigi D'Alessio "24/2/67" (GGD Edizioni Srl/Sony Music) che sarà pubblicato il 24 febbraio 2017, giorno del cinquantesimo compleanno dell'artista. Nell'album anche la reinterpretazione de "L'immensità" di Don Backy e Mogol, brano che Gigi porterà sul palco dell'Ariston nella serata dedicata alle cover: una vera sfida per D'Alessio che si cimenterà con un difficile arrangiamento in 5/4. Oltre ai brani "sanremesi", il disco conterrà 10 canzoni inedite. Per l'artista si tratta della sesta volta all'Ariston, la quinta in gara al Festival: nel 2000 partecipa con "Non dirgli mai" che ha per mesi il più alto airplay radiofonico di tutte le canzoni in gara, nel 2001 con "Tu che ne sai", che porta subito alla conquista del primo posto della classifica dei dischi più venduti l'album Il cammino dell'età, e ancora, nel 2005, con "L'amore che non c'è", ultimissima figlia del clima creativo di "Quanti amori, album che in appena quattro mesi supera le 300.000 copie, registrando 12 settimane di permanenza nella top ten. L'edizione 2007 lo vede sul palco tra i super ospiti, mentre nel 2012 torna in gara con "Respirare" in coppia con Loredana Bertè.

Gina Lollobrigida in ospedale, paura per una polmonite

ROMA. "Una brutta influenza con un principio di polmonite ma ora Gina Lollobrigida sta meglio". È quanto apprende l'Adnkronos dall'entourage dell'attrice che ieri è stata ricoverata al Policlinico universitario Campus Bio-Medico di Roma. L'attrice, che compirà a luglio 90 anni, è stata sottoposta ad un serie di accertamenti da parte dei medici. Accanto alla 'Bersagliera', questo il soprannome della Lollobrigida nel film di successo 'Pane, amore e fantasia', il figlio Andrea e il nipote Dimitri.

Sal Da Vinci, periodo magico tra musica e teatro

Sal Da Vinci sta vivendo un periodo magico. Compirà 40 anni di carriera il prossimo 25 dicembre e li festeggerà con l’uscita del suo nuovo disco ed uno spettacolo inedito a teatro.

“Non si fanno prigionieri” è l’album che vede la direzione artistica di Renato Zero. Com’è nata questa collaborazione?

«Ci conoscevamo già da molti anni, e grazie a Maurizio Fabrizio si è consolidata l’amicizia ed è nato il sodalizio artistico. Gli ho fatto ascoltare alcuni provini, lui ne è rimasto molto entusiasta ed ha scelto di sposare il progetto discografico. Renato si è sempre occupato delle produzioni sue e raramente ha preso carta e penna per scrivere per altri artisti. Crede fermamente in me ed in questa nuova avventura divertente, curiosa, passionale, ricca di fatica e di impegno artistico. Anche la scelta del titolo nasce da una sua intuizione dopo un lungo viaggio in autostrada trascorso ascoltando l’album più volte. Durante il percorso si è anche lasciato trasportare dall’onda emotiva ed ha deciso di duettare con me nel brano “Singoli”, nato per una sola voce».

Una bella emozione per te...

«Sì perché sono sempre stato affascinato dalla sua arte, il suo modo di raccontarsi, di raccontare la vita, una vita ricca di fantasia e di colori ma anche complicata a colorarla. È fantastico il suo modo di spettacolarizzare, di recitare il suo brano, e su questo piano trovo una certa affinità col mio modo di intendere la musica. Conoscendolo più a fondo ho scoperto che come me è molto legato alla famiglia, agli affetti, che trova sfogo nelle melodie. Credo sia un’icona vivente, un mito. Mi ha sempre colpito il suo essere trasformista, dal saper passare dai panni di “Mister triangolo” al cantare l’omofobia, la violenza, il femminicidio, l’abuso, la disfatta, la redenzione, la fatica, l’amore. Ho imparato tanto da lui in questo anno di gestazione dell’album, tra le tante altre cose mi insegnato soprattutto ad essere più semplice e diretto per farmi capire da tutti e di questo non posso che ringraziarlo».

Ed è proprio Renato Zero che ha dato il titolo al tuo nuovo spettacolo “Italiano di Napoli”, in scena al teatro Augusteo di Napoli dal 20 dicembre…

«È perfetto perché racchiude il concetto che dobbiamo riprenderci l’appartenenza del posto in cui viviamo e portarlo avanti senza vergogna. Come stile lo spettacolo è vicino allo stile di di Tim Burton, misterioso, una fabbrica di sogni, un cantiere aperto. Racconto il Paese che è come una bella donna che viene calpestata da un marito bugiardo e violento ma non perde mai la propria dignità. Lo racconto anche con guizzi divertenti grazie ad uno spumeggiante Davide Marotta, un bravissimo Lello Radice, e Lorena Cacciatore che rappresenta l’Italia. Lorena è una ragazza che ho trovato sul mio cammino, l’ho provinata, mi ha sorpreso ed ho scelto di prenderla nello spettacolo di comune accordo con Alessandro Siani che ne cura la regia. Con lui siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Ha compreso la mia idea di spettacolarizzazione della musica ed ha saputo ampliarla. Cerchiamo il giusto compromesso tra un musical e un concerto. Raccontiamo un mondo attraverso le canzoni dell’album, che interpreterò per la prima volta dal vivo, e brani che mi hanno da sempre accompagnato rivedendoli negli arrangiamenti. Durante lo show ricorderò anche mio padre (Mario Da Vinci, ndr)».

Una bella sinergia quella tra te e Siani…

«Siamo di nuovo insieme dopo il successo clamoroso quanto inaspettato di “Stelle a metà” forte di una compagnia composta da attori e ragazzi straordinari. Tra questi ho ritrovato anche mio figlio Francesco, è stata una grande soddisfazione vedere che si innamora di queste tavole, del pubblico che lo osserva, della favola d’arte. Il sodalizio nacque con il film “Ti lascio perché ti amo troppo” con Alessandro protagonista ed io firmai la colonna sonora, poi, dopo aver collaborato nella trasmissione televisiva “Movida” ci simo staccati per un periodo. Ci siamo ritrovati a scrivere delle cose insieme in occasione del brano “Tu stella mia” che lui usò nel suo film “Si accettano miracoli”. Siamo la forza di un territorio che si unisce e si mette insieme smentendo i luoghi comuni. Farci la guerra non aiuta nessuno. Più uniti siamo e più siamo forti».

Uno spettacolo che produrrai in prima persona…

«È la prima volta lo faccio. Non sono stato aiutato da nessuno, è tutto frutto dei miei risparmi tra dischi, concerti ed ospitate. Non ho mai avuto denaro pubblico ma dal mio pubblico quello che mi segue ed io senza di loro non potrei fare quello che faccio. Ho curato tutto nei minimi dettagli come i bellissimi costumi di Claudia Tortora, Daniela Antoci e della sartoria Romeo Gigli Plus. Le scene spettacolari sono di Roberto Crea e il disegno luci di Francesco Adinolfi, ragazzo di talento che mi segue dai tempi di “Scugnizzi”. Coreografie che mi hanno lasciato a bocca aperta sono di Marcello e Mommo Sacchetta. La scenotecnica è dei fratelli Giustiniani, artigiani napoletani che hanno un laboratorio straordinario. Investo sulla mia credibilità e affidabilità e la gente riesce sempre a regalarmi una bella emozione. Si sono sempre divertiti con me, gli offrirò una serata spensierata, un momento di aggregazione».

Pagine

Rubriche

DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli