Venerdì 20 Luglio 2018 - 23:50

Via al Napoli Teatro Festival

NAPOLI. Inizia l'undicesima edizione del Napoli Teatro Festival Italia. Finanziato dalla Regione Campania, diretto da Ruggero Cappuccio e organizzato dalla Fondazione Campania dei Festival presieduta da Luigi Grispello presenta una programmazione, fino al 10 luglio, che propone tra teatro, danza, letteratura, cinema, video/performance, musica e mostre, 215 eventi, 34 location coinvolte per 33 giorni di spettacoli. L'edizione 2018 comincia l'8 giugno con l'apertura delle mostre su Tomasi di Lampedusa e sul popolo saharawi, con i debutti del Teatro de los Sentidos ("Un attimo prima", ore 18,19.30 e 21 a Palazzo Fondi), di Carlo Cerciello ("Regina Madre" con Imma Villa e Fausto Russo Alesi, ore 19 al Teatro Nuovo), di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri del Teatro Vadoca ("Il seme della tempesta", ore 21 al Teatro Bellini), di Lorenzo Salveti e gli allievi della Scuola di Teatro dello Stabile di Napoli ("Shakespeare & Shakespeare", ore 21.30 al Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale) e con i buskers del "Napoli Strit Festival" il progetto speciale di Ettore De Lorenzo (dalle ore 19 nel Centro Storico). L'inaugurazione del Festival è in mattinata, a mezzogiorno nella Sala d'Ercole di Palazzo Reale, con l'apertura al pubblico della mostra Giuseppe Tomasi di Lampedusa (1896-1957): un lettore europeo, dedicata all'autore de Il Gattopardo. Curata da Gioacchino Lanza Tomasi e José Vicente Quirante Rives, con il coordinamento di Kalimera estudio, è prodotta dalla Fondazione Campania dei Festival con Palazzo Reale - Polo Museale della Campania. Anna Imponente, Gioacchino Lanza Tomasi e Ruggero Cappuccio introdurranno al percorso tra manoscritti, oggetti personali, fotografie e libri della biblioteca personale di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. La mostra resterà aperta fino al 10 luglio. Istantanee appassionate dal Sahara Occidentale, dal Fronte Polisario, nel lavoro di Romeo Civilli. Inaugura a Palazzo Fondi, alle ore 17, la seconda mostra fotografica del Napoli Teatro Festival Italia, "Sahara te quiero", (aperta fino all'8 luglio) il racconto di un viaggio che si fa testimonianza viva di una della tante guerre dimenticate che si combattono nel mondo. "L'obiettivo del mio reportage - così Romeo Civilli - è portare l'attenzione su una questione della quale si parla pochissimo. Non è trovare una risposta, ma condividere le mie domande, accendere una piccolissima luce dove ora c'è il buio". Il movimento Polisario viene fondato il 10 maggio 1973 con l'intento di ottenere l'indipendenza del Sahara Occidentale dall'occupazione militare della Spagna, del Marocco e della Mauritania. Nel 1975, la Spagna cede i territori alle altre due nazioni e nello stesso anno il Polisario ottiene il riconoscimento dall'Onu e il diritto all'autodeterminazione del popolo saharawi dalla Corte dell'Aja. Nel 1976 è proclamata la Repubblica Democratica Araba dei Sahrawi, attualmente riconosciuta da 76 stati. Contemporaneamente il Marocco realizza militarmente l'annessione unilaterale dei territori. Nel 1979 la Mauritania si ritira e cede al Fronte il territorio occupato ma l'accordo è respinto dal Marocco che invade l'area. I combattimenti continuano tuttora sebbene dal 1991 sia stato siglato il "cessate il fuoco". Sull'argomento si segnala, martedì 12 giugno alle ore 17.00 si l'incontro con Fatima Mahfud, vice rappresentante del Fronte Polisario per l'Italia, Repubblica Sahrawi. Alle ore 18.00, a Palazzo Fondi (in via Medina) debutta lo spettacolo Un attimo prima - Un esperienza poetica, frutto del laboratorio tenuto per il Festival da Gabriella Salvaterra del Teatro de Los Sentidos fondato da Enrique Vargas. Un lavoro teatrale che immerge il pubblico in un'esperienza di drammaturgia sensoriale: parole e silenzi, immagini ed oscurità, sollecitazione di tutti i sensi. E non è dunque un caso se nei crediti dello spettacolo si ritrova la voce "paesaggio olfattivo" a cura di Giovanna Pezzullo e Nelson Jara. In scena Laura Bernard, Loredana D'Agruma, Paola De Cicco, Chiara Donizelli, Giulia Eugeni, Anna Gallo Selva, Claudia Gilardi, Umberto Giorgione, Gabriella Indolfi, Maria Livia Passaretta, Francesco Maria Punzo, Massimo Risi, Monica Varroni. Lo spettacolo replica alle 19.30 e alle 21.00 e sarà in scena fino a martedì 12 giugno. Si prosegue alle ore 19.00 al Teatro Nuovo con la prima assoluta di Regina Madre, tra i testi più importanti di Manlio Santanelli, che viene proposto nella rilettura di Carlo Cerciello con Fausto Russo Alesi e Imma Villa. "Una commedia di volta in volta avvincente, tragica, divertente e acuta" secondo il giudizio che sul testo Eugene Ionesco espresse trent'anni fa in un suo articolo su Le Figaro. Regina Madre prende le mosse da un classico 'ritorno a casa'. Alfredo, grigio cinquantenne segnato dal fallimento si presenta a casa della madre, Regina, dichiarandosi deciso a rimanervi, per assisterla o morire ai suoi piedi. Ma la vecchia signora, seppure affetta da ogni specie di infermità, appartiene alla categoria delle matriarche indistruttibili. Tra i due personaggi in scena si instaura così un teso duello, condotto mediante uno scambio ininterrotto di ricatti e ritorsioni, di menzogne e affabulazioni da cui scaturisce un duello psicologico combattuto con l'arma micidiale della parola. Le scene sono di Roberto Crea, le musiche di Paolo Coletta, i costumi di Daniela Ciancio, le luci di Cesare Accetta, regista assistente Walter Cerrotta. Lo spettacolo è in scena fino al 10 giugno. Sempre alle ore 19, le strade del Centro storico di Napoli accoglieranno le performance del Napoli Strit Festival un progetto di Ettore De Lorenzo, che nelle nove edizioni precedenti ha portato in strada (e non solo a Napoli) oltre duemila artisti provenienti da tutto il mondo e più di un milione di spettatori. Progetto speciale del Ntfi, la decima edizione di questa manifestazione costuisce la sua direzione artistica intorno all'idea del silenzio. Circa 20 spettacoli al giorno, tra mimi, seguipersone, one man band, saranno distribuiti lungo tutto il percorso che va da piazza Dante a Piazza Bellini, passando per Portalba e allungandosi fino al Cortile dell'Accademia di Belle Arti. Si replica anche sabato 9 giugno. Alle ore 21.00, al Teatro Bellini, debutta Il seme della tempesta - Trilogia dei Giuramenti del Teatro Valdoca. La trilogia è diretta da Cesare Ronconi, scritta da Mariangela Gualtieri - che ne è anche interprete nella seconda parte - ed intepretata da 12 giovani attori/danzatori ai quali si aggiungono i 20 giovani allievi, selezionati e formati a Napoli nelle settimane precedenti il debutto, in un laboratorio diretto da Cesare Ronconi, con Mariangela Gualtieri (versi), Lucia Palladino (movimento), Elena Griggio (voce e canto), Lorella Barlaam (studium). "Ora che la parola vana dà così abbondante spettacolo, bisogna tentare in teatro una parola sacramentale. Abitare lì dove la parola viene rimessa nella vita, nel tentativo di dotarla di nuovo delle proprie potenze". Inizia con il concerto, Non ancora, eppure già. In scena due musicisti, Enrico Malatesta (alle percussioni) e Attila Faravelli al suono, che riprercorrono la fase preverbale del linguaggio. Poi il Discorso ai vivi e ai morti, che vede al centro una figura arcaica ed esausta, interpretata da Mariangela Gualtieri, attorniata dal vociferare del coro. E rappresenta un lascito in versi di chi sta per disimparare tutto, per dimenticare ogni cosa, entrando nel grande mistero. La terza parte della trilogia, Giuramenti, convoca la solennità della parola attraverso appunto la massima espressione di impegno. In realtà qui nessun giuramento viene pronunciato. È l'intero spettacolo che si configura come un giuramento al teatro in primo luogo, "una dichiarazione d'amore che ha l'apertura di un abbraccio e l'impeto di una bestemmia, e poi alla vita, a ciò che tiene gli uomini vicini e vivi". Replica il 9 e il 10 giugno alle ore 19.00. La prima giornata di spettacoli si chiude nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, dove alle 21.30, nell'ambito della sezione Osservatorio, gli allievi del primo Triennio della Scuola di Teatro dello Stabile di Napoli portano in scena Shakespeare & Shakespeare, per la drammaturgia e la regia di Lorenzo Salveti. Sharon Amato, Alessandro Balletta, Angela Bertamino, Clara Bocchino, Anna Bocchino, Marialuisa Bosso, Antonia Cerullo, Emanuele D'errico, Vincenzo Esposito, Francesca Fedeli, Rebecca Furfaro, Katia Girasole, Sara Guardascione, Elisa Guarraggi, Fortuna Liguori, Annabella Marotta, Serena Mazzei, Gaetano Migliaccio, Teresa Raiano, Dario Rea, Francesco Roccasecca, Umberto Salvato, Francesco Scolaro, Marilia Testa, Beatrice Vento, Gaetano Balzano, Carlo Geltrude, presentano un giocoso attraversamento tra i caratteri di tanti celebri personaggi shakespeariani, da Romeo e Giulietta a Macbeth, da Il Mercante di Venezia al Sogno di una notte di mezza estate, da La Tempesta a Molto rumore per nulla e Rosalinda. Il Giardino Romantico di Palazzo Reale, alle ore 23.00, prende vita con il Dopofestival, che convoglia pubblico e artisti della manifestazione in uno dei luoghi più suggestivi della città, per condividere un momento di convivialità.

“Ammore e Malavita", 5 Ciak d'oro alla commedia musicale napoletana

Nuova edizione del 'Ciak d'oro', il premio del cinema italiano il magazine diretto da Piera Detassis. A vincere sono i film italiani di grande respiro internazionale, musical, film d'animazione, cinema tutto femminile e commedia d'autore. Su tutti si affermano i film 'Ammore e Malavita' dei Manetti Bros che incassa 5 Ciak d'oro e 'Chiamami col tuo nome' di Luca Guadagnino. La cerimonia di premiazione dei Ciak d'oro 2018 (che prendono in considerazione i film usciti tra il primo maggio 2017 e il 30 aprile di quest'anno) si terrà questa sera a Roma per il secondo anno consecutivo alla Link Campus University, l'ex residenza estiva di Papa Pio V che oggi ospita un'Università che fa dell'innovazione il suo tratto caratteristico, con corsi di laurea e master capaci di interpretare le esigenze del mercato del lavoro. A consegnare i 'Ciak d'oro', gli unici premi al cinema italiano votati direttamente dal pubblico, è, per la prima volta, l'attrice, conduttrice e scrittrice Geppi Cucciari. 'Ammore e malavita' dei Manetti Bros conquista la giuria dei critici, aggiudicandosi 5 Ciak d'oro. Alla fortunata commedia musicale napoletana vanno i seguenti riconoscimenti: Miglior regia, Migliore colonna sonora (Pivio & Aldo De Scalzi), Miglior canzone originale ('Bang Bang'). Claudia Gerini, grazie al ruolo di donna Maria, è la Migliore attrice non protagonista. La redazione di Ciak premia il musical dei Manetti Bros con il Ciak d'oro Colpo Di Fulmine assegnato a Serena Rossi per la sua "straordinaria interpretazione della bella Fatima".

L'ambito Ciak d'oro Miglior film va a 'Chiamami col tuo nome' di Luca Guadagnino, che riceve anche i premi per il Miglior Montaggio e il Miglior Manifesto. Migliori protagonisti dell'anno sono Paola Cortellesi e Antonio Albanese, interpreti della commedia 'Come un gatto in tangenziale' di Riccardo Milani, successo italiano dell'ultima stagione cinematografica. Buon risultato per 'Napoli Velata' di Ferzan Ozpetek: Ciak d'oro Miglior Scenografia e Migliori Costumi. Due targhe vanno anche a 'Cuori Puri' di Roberto De Paolis: il 'Ciak-Alice Giovani' (nato dalla collaborazione del magazine con Alice nella Città) e il 'Ciak d'oro' Migliore Opera Prima, quest'anno firmato da Mini. A Luciano Ligabue, ritornato alla regia con Made in Italy, va il Superciak d'oroassegnato dalla redazione, mentre il Ciak d'oro Classic va a Carlo Buccirosso, protagonista del film dei Manetti Bros, per l'insieme della sua brillante carriera d'attore. Il Miglior attore non protagonista è Massimo Ghini per 'A casa tutti bene', mentre Nicola Nocella è il Colpo di Fulmine per 'Easy - Un viaggio facile facile' votato dalla redazione di Ciak.

Maria Carolina Terzi e Luciano Stella di Mad Entertainment, e a Paolo Del Brocco di Rai Cinema va il Ciak d'oro Miglior Produttore per 'Gatta Cenerentola' di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone. Il Ciak d'oro Bello&Invisibile, votato dalla giuria dei 100 critici e giornalisti, va al bellissimo Dove non ho mai abitato di Paolo Franchi. Per il quarto anno il premio del mensile di cinema allarga lo sguardo alla serialità d'autore, con il Ciack d'oro Speciale Serial Movie assegnato a Salvatore Esposito per il ruolo di Gennaro Genny Savastano nella serie 'Gomorra' e per l'interpretazione cinematografica in 'Puoi baciare lo sposo'. Anche Ornella Muti si aggiudica il premio per il ruolo di zia Ingrid in 'Sirene', la prima fiction fantasy della Rai. Questi i migliori film e protagonisti della stagione secondo i lettori della rivista e la giuria di critici e giornalisti cinematografici. I lettori di 'Ciak' hanno votato per la categorie principali: Miglior film; Miglior attore e Migliore attrice protagonista, Miglior regia. Tutte le altre categorie sono votate dalla giuria professionale.

Il Ciak d'oro miglior manifesto va al film 'Chiamami col tuo nome' di Luca Guadagnino, Chen Li e Carmelo Pirrone, il Ciak d'oro bello&invisibile è assegnato a 'Dove non ho mai abitato' di Paolo Franchi. A vincere il Ciak d'oro miglior sonoro in presa diretta è Giuseppe Tripodi (AITS) per 'A Ciambra' mentre il 'Ciakd'oro migliore scenografia' va a Ivana Gargiulo e Deniz Gokturk Kobanbay per 'Napoli Velata'; il Ciak d'oro migliore colonna sonora viene dato a Pivio & Aldo De Scanzi per 'Ammore e malavita'. Quanto al Ciak d'oro migliore canzone originale a vincerlo è Bang bang nel film 'Ammore e malavita' con le musica di Pivio & Aldo De Scanzi e testi di Nelson e con gli interpreti Giampaolo Morelli, Franco Ricciardi e Serena Rossi. Il Ciak d'oromiglior montaggio va a Walter Fasano per 'Chiamami col tuo nome' mentre il Ciak d'oro miglior fotografia va a Luca Bigazzi 'Sicilian Ghost Story' mentre il 'Ciak d'oro migliore sceneggiatura' viene assegnato a Susanna Nicchiarelli per 'Nico.1988'. Ciak d'oromigliori costumi a Alessandro Lai per 'Napoli velata'; il CiakAlice/Giovani va a 'Cuori puri' di Roberto De Paolis mentre il 'Ciakd'oro miglior produttore va a Maria Carolina Terzi e Luciano Stella di Mad Entertainment e Paolo Del Brocco di Rai Cinema per 'Gatta Cenerentola'; il Ciak d'oro migliore attore non protagonista Massimo Ghini per 'A casa tutti bene'.

Il 'Ciak d'oro migliore attrice non protagonista' va a Claudia Gerini per 'Ammore e malavita' mentre il Ciak d'oro - premio mini migliore opera prima va a 'Cuori puri' di Roberto De Paolis. Il Ciak d'oro migliore attrice protagonista va a Paola Cortellesi per 'Come un gatto in tangenziale'. A vincere il Ciak d'oro migliore attore protagonista è Antonio Albanese per 'Come un gatto in tangenziale' e a vincere il Ciak d'oro miglior regia sono i Manetti bros. per 'Ammore e Malavita'. Il Ciak d'oro miglior film va, invece, a 'Chiamami col tuo nome' di Luca Guadagnino. Quanto ai Premi speciali il Ciak d'oro speciale serial movie viene assegnato a Salvatore Esposito mentre il Ciak d'oro speciale serial Movie va ad Ornella Muti per 'Sirene'. Il Ciak d'oro colpo di fulmine maschile viene dato a Nicola Nocella per 'Easy - Un viaggio facile facile', mentre il Ciak d'oro colpo di fulmine femminile viene assegnato a Serena Rossi per 'Ammore e malavita'. Il Superciak d'oro va a Luciano Ligabue mentre il Ciak d'oro classic viene dato a Carlo Buccirosso. 

Pino è, in 45mila a Napoli per il concerto-tributo

di Ivano Avolio

NAPOLI. Ci siamo, è il giorno di Pino, è la notte di Pino, è lo stadio di Pino, insomma “Pino è”. Sono volati via tre anni e mezzo dalla sua scomparsa, anche se la sua musica è rimasta quotidianamente in mezzo a noi. Quello di stasera è il più grande tributo live della musica italiana a Pino Daniele, si aspettano oltre 45mila spettatori ai piedi del palco allestito avanti ai Distinti, con due zone differenziate sul prato e poi posti a sedere in tribuna centrale e laterali. 

IN DIRETTA SU RAI UNO. E poi si aspettano milioni di telespettatori e radioascoltatori dal momento che l’evento “Pino è”, sarà trasmesso in diretta in prima serata su Raiuno alle ore 20.30, e sarà proposto quasi “a reti unificate” dai più grandi network radiofonici come Rtl 102.5, Radio Italia, Radio Kiss Kiss, Radio2, Rds, Radio Deejay, Radio Capital, Radio Monte Carlo e Radio Zeta, Radio Marte che hanno promosso per mesi l’evento e trasmetteranno il concerto raggiungendo una platea di milioni di radioascoltatori. 

UNA LUNGA CARRELLATA DI AMICI SUL PALCO. Saranno tantissimi i suoi amici musicisti che si ritroveranno a cantare le sue canzoni: oltre ai già annunciati Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francesco De Gregori, Tullio De Piscopo, Elisa, Emma, Tony Esposito, Giorgia, J-Ax, Lorenzo Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti, Ron, Tiromancino, Giuliano Sangiorgi, James Senese, Antonello Venditti, Gigi De Rienzo, Rosario Jermano, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo per questa grande occasione saliranno sul palco dello stadio San Paolo anche Clementino, Teresa De Sio, Enzo Gragnaniello, Irene Grandi, Il Volo, Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Raiz, Massimo Ranieri, Red Canzian, Francesco Renga, Paola Turci, Ornella Vanoni.
gli interventi e i ricordi di tanti attori. Non mancheranno gli interventi di Alessandro Siani, Giorgio Panariello, Pierfrancesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Marco Giallini, Marco D’Amore, Salvatore Esposito, Mariangela D’abbraccio, Enzo Decaro e non solo! Logicamente saranno protagoniste le band storiche di Pino Daniele, “Vai mo’” e “Nero a Metà”, amici, prima che colleghi, che hanno condiviso con Pino momenti di musica e di vita negli oltre 40 anni di carriera del cantautore napoletano. 

I PROGETTI DI BENEFICENZA. Gli introiti netti legati alla manifestazione saranno devoluti ai progetti benefici di Pino Daniele Forever Onlus gemellata con Save the children, e alla Pino Daniele Trust Onlus, gemellata all' Associazione oncologia pediatrica e neuroblastoma - Open onlus. Nello specifico, questi i due progetti a favore dei bambini: - il progetto europeo “PassPort” di Open onlus.  Un passaporto elettronico, in più lingue, che permetterà ad ogni adolescente malato di tumore di essere monitorato e assistito per tutta la vita e di condividere la sua storia clinica per la ricerca contro il tumore pediatrico. Il progetto “Punti Luce” di Save the Children, per il contrasto alla povertà educativa nei minori in Italia. Centri che sorgono nei quartieri e nelle periferie maggiormente svantaggiate delle città, per offrire opportunità formative ed educative gratuite a bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni. È attivo fino a sabato, il numero solidale 45585 “In Aid Of Children”, per sostenere Open Onlus nella lotta contro il tumore pediatrico e per supportare Save the Children nel contrasto alla povertà educativa dei minori.

IL BRANO INEDITO. È attualmente in radio e disponibile in digitale e su tutte le piattaforme streaming, “Resta quel che resta”, lo straordinario nuovo brano inedito di Pino Daniele, composto e inciso oltre 9 anni fa e ritrovato solo adesso, a tre anni e mezzo dalla scomparsa del cantautore napoletano, proprio adesso che ogni singolo verso assume per tutti un significato ancora più profondo. È possibile vedere il video, diretto da Sebastiano Bontempi digitando youtu.be/p09uYY8ol6E. Domani, intanto, esce “Le corde dell’anima-Studio & Live” (Sony Music/Legacy Recording) la nuova raccolta dedicata a Pino Daniele contenente 4 cd e 40 pagine di musica, racconti scritti da John Vignola e fotografie di Luciano Viti.

Al San Paolo il tributo a Pino Daniele

NAPOLI. Un evento straordinario per un artista mai dimenticato: “PINO È", il piu' grande tributo live della musica italiana a Pino Daniele, in programma giovedi' 7 giugno nello Stadio San Paolo di Napoli, verra' trasmesso in diretta da Rai1 e Rai Radio2 a partire dalle 20.35. “PINO È” sara' un'occasione unica e irripetibile per omaggiare la musica di Pino Daniele nel luogo simbolo della sua citta', insieme ad alcuni tra i piu' grandi artisti del panorama musicale, nonche' amici del cantautore napoletano. Oltre ai gia' annunciati Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francsco De Gregori, Tullio De Piscopo, Elisa, Emma, Tony Esposito, Giorgia, J-Ax, Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti, Ron, Tiromancino, Giuliano Sangiorgi, James Senese, Antonello Venditti, Gigi De Rienzo, Rosario Jermano, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo, per questa grande occasione saliranno sul palco dello Stadio San Paolo di Napoli anche Loredana Berte', Clementino, Teresa De Sio, Enzo Gragnaniello, Irene Grandi, Il Volo, Marcus Miller, NCCP - Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Raiz, Massimo Ranieri, Red Canzian, Francesco Renga, Paola Turci, Ornella Vanoni. E con la testimonianza di Alessandro Siani, Giorgio Panariello, Pierfrancesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Marco Giallini, Marco D'Amore, Salvatore Esposito, Mariangela D'Abbraccio, Enzo Decaro e altri ancora... Inoltre, non potranno mancare le band storiche di Pino Daniele, Vai mo' e Nero a Meta', amici, prima che colleghi, che hanno condiviso con Pino momenti di musica e di vita negli oltre 40 anni di carriera del cantautore napoletano. "Rai1 non poteva restare in disparte in un appuntamento cosi' importante per la cultura, la musica, l'arte napoletana e quindi italiana - dichiara Angelo Teodoli, direttore di Rai1 - Lo fa affidando a una grande prima serata, emotiva e intensa, le parole e la musica di Pino Daniele. Lo fa tramite grandissimi interpreti e in una ambientazione da brividi: quella Napoli che ha fatto nascere Pino, che lo ha fatto diventare quello che era e che gli ha permesso di raccontarla al mondo intero sia con le lacrime che con il sorriso, ma sempre con grande amore". Per rendere la festa ancora piu' grande, a partire da oggi, venerdi' 25 maggio, e' online il video di "Resta quel che resta", lo straordinario nuovo brano inedito di Pino Daniele, composto e inciso oltre 9 anni fa e ritrovato solo adesso, a tre anni e mezzo dalla scomparsa del cantautore napoletano. Il video, diretto da Sebastiano Bontempi, e' un omaggio al popolo e alla citta' del cantautore napoletano: le immagini girate per le strade di Napoli rappresentano "l'amore intorno" che e' rimasto. "PINO E'" e' un programma di Paolo Biamonte, Simone Di Rosa, Alessandra Scotti, Chicco Sfondrini, Francesco Valitutti. Direzione artistica di Giampiero Solari. Regia di Cristian Biondani.

Musica, condivisione e solidarietà

Domenica 10 giugno a partire dalle 18:00, al Cafè Street 45 di Torre del Greco, si terrà una lunga serata all’insegna della musica, condivisione e solidarietà.

 

Una miscela vincente protagonista dell’evento ideato da SolchiePuntine.

Più di 20 djs (tra cui ALFONSO DI CAPUA, ANGELO PERNA, CICCIO FUNK, CIRO MONT, D FLAKS, DANIELE PERNA, GIANLUCA BRANCACCIO, LOUIEL, LUCA ESSE, MARCO VISCUSI, OPIUM, PAOLO CARAVANO, RAFFAELE SESSA, SAPIENS, SARA SCARABINO, SONAKINE, SKAT BUSTED, STEMI, TITO, TREP ONE, UGO ROMANO, VICKY MONTEFUSCO) e  un’accurata selezione di musica esclusivamente in formato “33 giri” per una serata che alla condivisione e alla passione per la musica unisce un’importante finalità benefica.  

 

Nel pieno dello spirito e dell’impegno nel sociale del Rockalvi Festival di Peppe Guarino (coorganizzatore dell’evento) nel corso della serata, infatti, sarà allestita una raccolta fondi destinata a sostenere l’associazione Onlus “Camilla la Stella che brilla”, da anni impegnata nella ricerca delle malattie rare e nell’aiuto alle famiglie dei bambini affetti da gravi patologie a vedersi garantite maggiori ore da destinare alle terapie.

L’ingresso alla serata sarà totalmente gratuito. 

 

Marco Sica

Slam Poetry a Piazza Bellini

Il 9 giugno sera, il collettivo Caspar - Campania Slam Poetry, sarà ospite dello Slam Poetry che si terrà in piazza Bellini, a partire dalle 22:30, nell’ambito della rassegna Napoli Strit Festival, area "Poesia Narrativa".

 

Sabato sera - racconta Nello Luciano, membro del collettivo - il nostro gruppo gareggerà in uno Slam Poetry con altri poeti provenienti da diverse realtà di poesia performativa. Tali eventi sono iniziative importanti per promuovere un genere d’arte che purtroppo, malgrado l’impegno e gli sforzi, non ha ancora la visibilità che merita. Lo Slam del 9, si svolgerà secondo il regolamento nazionale anche se ci saranno delle piccole modifiche, soluzione ammessa per tutte le gare che non rientrano nel calendario del campionato ufficiale, e che comunque non snatureranno l'essenza di un slam "competitivo". Le basi, del resto, saranno quelle tradizionali: poesie proprie, edite o meno, turni da 3 minuti per "performarle" e il pubblico a decretare il vincitore”.

Tra i partecipanti ci saranno Vittorio Zollo, quattro volte campione campano di Poetry Slam, ed Eugenia Giancaspro, finalista 2017/18 del campionato italiano di Poetry Slam, organizzato dalla LIPS - Lega Italiana Poetry Slam.

Lo Slam chiuderà il programma del 9, dell'area "Poesia Narrativa" dello Srit Festival, che vedrà in scaletta:

18.30-19.30  “Far Oer, Le Isole del Silenzio”. Incontro con l’autrice Siri Ranva Hjelm Jacobsen. 
Letture tratte dal bestseller “Isola” accompagneranno l’autrice durante il percorso. SPECIAL EVENT
19.45-20.15  “Voci Confinanti”.  Quattro poeti campani Maria Pia Dell’Omo, Antonio Di Lorenzo, Milena Di Rubbo, Alfredo Martinelli                                        
20.30-21.15   “Le mani in volo: che poesia”. Poesie in Lingua dei Segni Italiana, a cura della Sezione Provinciale di Napoli dell’Ente Nazionale Sordi
21.30-22.30  “Dalle parti del Silenzio”. A cura di Edoardo Sant’Elia. Il silenzio di oggi, attraverso sette poeti e quattordici inediti.
22.30 – 00.30  Poetry Slam. Gara di poesia performativa.

Marco Sica 

I Greta & The Wheels "Senza Spina"

Altro appuntamento per "Senzaspina", la rassegna musicale unplugged che si tiene ogni venerdì al Mamamu, in cui vari artisti cantano e suonano in totale assenza di corrente elettrica, quindi senza amplificazione.

L’8 giugno sul palco del locale partenopeo, si esibiranno i Greta & The Wheels

I Greta & The Wheels, formati da Greta Zuccoli (voce), Emiliano Attolini (chitarre) e Lorenzo Campese (tastiere e voci), propongono un new-folk dal sapore nordeuropeo con testii in lingua inglese.

Nel gennaio 2018 la band partenopea sbarca in RAI per un evento speciale - si legge nel comunicato stampa - La sigla di testa del programma in quattro puntate “Grazie dei fiori”, condotto in prima serata su Rai Tre da Pino Strabioli, dedicato alla storia del Festival di Sanremo, viene affidata a “Greta & The Wheels”, che hanno così reinterpretato la storica canzone cantata da Nilla Pizzi e vincitrice della prima edizione del Festival nel 1951. Due generazioni diverse e generi musicali lontani a confronto che danno il senso della fusione dell’arte e quasi di un passaggio di consegne che unisce due secoli in un’unica emozione.  Greta Zuccoli è una giovane cantautrice. Affascinata e incuriosita sin da bambina dalla voce delicata di Norah Jones, scopre la sua attitudine al canto jazz grazie al maestro Carlo Lomanto, che la guiderà poi nel suo percorso alla scoperta del jazz. Attualmente frequenta il terzo anno di Canto Jazz presso il Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, sotto la guida della maestra Giuppi Paone. Versatile in diversi generi musicali, ha collaborato ad alcuni progetti musicali che la vedono interprete e cantautrice. Da sempre affascinata dalla musica folk-pop britannica, compone la sua musica prevalentemente in lingua inglese.  La giovane cantautrice, leader del gruppo Greta & The Wheels, lo scorso 11 dicembre ha condiviso con il noto songwriter Damien Rice il palco dello storico teatro L’Olympia di Parigi, in occasione del suo concerto per Amnesty International. Il giorno successivo, in occasione del “Damien Rice Soireeè de Poche“ secret house concert (organizzato da La Blogotheque e Arte Concert), si esibirà nuovamente insieme all’artista, duettando con lui per buona parte del concerto.
Al suo rientro a Napoli, Greta riceve il Premio Carpisa-Yamamay “Donne per Napoli” come “Giovane promessa nella musica”.

Marco Sica

Tutto pronto per l'atteso "Pino è"

di Ivano Avolio

NAPOLI. Mancano solo 48 ore a “Pino è”, il più grande tributo live della musica italiana a Pino Daniele (nella foto), che si terrà giovedì sera allo stadio San Paolo: si aspettano 50 mila spettatori nel catino di Fuorigrotta, dove il palco sarà allestito ai piedi dei settore “Distinti”, con due zone differenziate sul prato e poi posti a sedere in tribuna centrale e laterali. 

LA DIRETTA SU RAIUNO E SU TUTTE LE RADIO. Ma non saranno i soli a godere dell’evento dal momento che milioni di telespettatori e radioascoltatori potranno partecipare all’emozione che contraddistinguerà la serata. L’evento “Pino è”, sarà trasmesso in diretta in prima serata su Raiuno alle ore 20.30, e sarà proposto quasi “a reti unificate” dai più grandi network radiofonici (Rtl 102.5, Radio Italia, Radio Kiss Kiss, Radio2, Rds, Radio Deejay, Radio Capital, Radio Monte Carlo, Radio Zeta, Radio Marte) che hanno promosso per mesi l’evento e trasmetteranno il concerto raggiungendo una platea di milioni di radioascoltatori. 

TANTISSIMI GLI OSPITI ANNUNCIATI. Saranno tantissimi i suoi amici musicisti che si ritroveranno a cantare le sue canzoni: oltre ai già annunciati Alessandra Amoroso, Biagio Antonacci, Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francesco De Gregori, Tullio De Piscopo, Elisa, Emma, Tony Esposito, Giorgia, J-Ax, Lorenzo Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti, Ron, Tiromancino, Giuliano Sangiorgi, James Senese, Antonello Venditti, Gigi De Rienzo, Rosario Jermano, Agostino Marangolo, Ernesto Vitolo per questa grande occasione saliranno sul palco dello stadio San Paolo anche Clementino, Teresa De Sio, Enzo Gragnaniello, Irene Grandi, Il Volo, Nuova Compagnia Di Canto Popolare, Raiz, Massimo Ranieri, Red Canzian, Francesco Renga, Paola Turci, Ornella Vanoni. Non mancheranno gli interventi di Alessandro Siani, Giorgio Panariello, Pierfrancesco Favino, Enrico Brignano, Edoardo Leo, Vincenzo Salemme, Marco Giallini, Marco D’amore, Salvatore Esposito, Mariangela D’Abbraccio, Enzo Decaro e non solo. Logicamente saranno protagoniste le band storiche di Pino Daniele, “Vai mo’” e “Nero a metà”, amici, prima che colleghi, che hanno condiviso con Pino momenti di musica e di vita negli oltre 40 anni di carriera del cantautore napoletano. 

EVENTO LEGATO AD ATTIVITà BENEFICHE. Gli introiti netti legati alla manifestazione saranno devoluti ai progetti benefici di Pino Daniele “Forever” onlus gemellata con “Save the children”, e alla “Pino Daniele Trust” onlus gemellata all’“Associazione oncologia pediatrica e neuroblastoma-Open” onlus. Nello specifico, questi i due progetti a favore dei bambini: il progetto europeo “PassPort” di “Open”: un passaporto elettronico, in più lingue, che permetterà ad ogni adolescente malato di tumore di essere monitorato e assistito per tutta la vita e di condividere la sua storia clinica per la ricerca contro il tumore pediatrico; il progetto “Punti Luce” di “Save the children”, per il contrasto alla povertà educativa nei minori in Italia. Centri che sorgono nei quartieri e nelle periferie maggiormente svantaggiate delle città, per offrire opportunità formative ed educative gratuite a bambini e ragazzi tra i 6 e i 17 anni. È attivo fino a sabato il numero solidale 45585 “In Aid Of Children”, per sostenere Open Onlus nella lotta contro il tumore pediatrico e per supportare “Save the Children” nel contrasto alla povertà educativa dei minori. Il valore della donazione al numero 45585 è di 2 euro per ciascun sms. 

IN ROTAZIONE IL SINGOLO INEDITO. È attualmente in radio e disponibile in digitale e su tutte le piattaforme streaming, “Resta quel che resta”, lo straordinario nuovo brano inedito di Pino Daniele, composto e inciso oltre 9 anni fa e ritrovato solo adesso, a tre anni e mezzo dalla scomparsa del cantautore napoletano, proprio adesso che ogni singolo verso assume per tutti un significato ancora più profondo. Il video è diretto da Sebastiano Bontempi. Venerdì esce “Le corde dell’anima-Studio & Live” (Sony Music/Legacy Recording) la nuova raccolta dedicata a Pino Daniele contenente 4 cd e 40 pagine di musica, racconti scritti da John Vignola e fotografie di Luciano Viti. 

DIVIETI DI CIRCOLAZIONE. In occasione dell’evento è stato istituito, al momento, il divieto di sosta in via Tansillo e via Galeota, fino a sabato, con rimozione coatta, eccetto i veicoli a servizio dell’organizzazione dell’evento per consentire le operazioni di carico e scarico delle merci. Se non dovessero esserci ulteriori comunicazioni, dovrebbe funzionare il sistema di traffico che viene adottato in occasione delle partite di calcio.

Medaglia della città a Peppino di Capri

NAPOLI. Domani, martedì 5 giugno alle ore 10, al secondo piano di Palazzo San Giacomo, il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris consegnerà a Peppino Di Capri la medaglia della città in occasione dei 60 anni di carriera del celebre artista. 

Malore per Lucio Allocca, operato al “Cardarelli” dove gli hanno applicato uno stent

NAPOLI. Tanto spavento per Lucio Allocca (nella foto), storico protagonista della soap opera “Un posto al sole” in onda su Raitre dove indossa i panni di Otello, il vigile urbano. Nella notte tra sabato e domenica, infatti, ha accusato un malore ed ha prontamente chiamato il “118”. I sanitari, portatisi presso la sua abitazione al Vomero, gli hanno effettuato un elettrocardiogramma a bordo del mezzo di soccorso e, automaticamente, dalla centrale operativa hanno indirizzato il mezzo con a bordo Allocca verso l’ospedale Cardarelli. Nel nosocomio collinare, presso l’Unità di terapia intensiva coronarica e emodinamica diretta da Ciro Mauro, l’attore è stato operato d’urgenza e gli è stata praticata un’angioplastica ed applicato uno stent. Allocca è uscito dalla sala operatoria intorno alle 7,30 di domenica mattina ed ora è fuori pericolo.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano