Martedì 13 Novembre 2018 - 21:30

Napoli non interessato a Dybala
Arriva il comunicato del club azzurro

NAPOLI. Il Napoli non ha gradito alcune voci che avrebbero visto Bigon parlare con i procuratori di Dybala per trattare l'acquisto dell'attaccante argentino. Per questo motivo è arrivata una secca nota di smentita sul sito ufficiale: "In merito ad alcune fonti stampa secondo le quali a Palermo, nei giorni scorsi, ci sarebbe stato un incontro tra il Direttore Sportivo del Napoli Riccardo Bigon e gli agenti del calciatore Dybala, il Napoli comunica che questa “notizia” è priva di qualsiasi fondamento".

Insigne si arrabbia con Mario Rui dopo il gol del Genoa, il portoghese reagisce ed interviene la panchina

NAPOLI. Quando la voglia di vincere è tanta c’è il rischio di arrabbiarsi se si prende gol. È successo a Mario Rui sabato sera a Marassi contro il Genoa. Quando Romulo ha calciato in area e Kouamé si è alzato in area e ha messo alle spalle di Ospina c’è stata una situazione tesa in campo. Il portoghese si è arrabbiato molto con Insigne e Zielinski al punto che è dovuta intervenire la panchina per calmarlo. Ma lui nonostante ciò ha continuato. Non si sa per quale motivo abbia sbroccato. Naturalmente poi è tornato tutta alla normalità. Solo chi non ha giocato a certi livelli non può capire cosa accade in campo tra compagni. Magari una parola in più detta al momento sbagliato e si accendono gli animi. Una volta andati negli spogliatoi, però, l’allarme è rientrato e si è tornati in campo con la voglia di vincere a tutti i costi la partita. Ed è successo. 

 

Panchina d’oro, vince Allegri

Massimiliano Allegri ha vinto la Panchina d'Oro 2017-18. Il tecnico della Juventus e' stato eletto miglior allenatore della scorsa stagione con 17 voti e ha preceduto Maurizio Sarri e Simone Inzaghi, secondi ex aequo con 8 preferenze. "Ringrazio tutti ma soprattutto la societa' e i giocatori, sono loro che vanno in campo e vincono le partite - le parole dal palco di Coverciano del tecnico della Juventus, alla quarta Panchina d'Oro della carriera - Per me e' sempre un piacere essere qui, sono emozionato come sempre. Il merito, ripeto, e' sempre di tutti quelli che lavorano con me, sono molto fortunato ad avere uno staff che lavora molto bene e mi toglie molto lavoro". Allegri spera di ripetersi il prossimo anno, magari con una Champions in bacheca. "Raggiungere l'ottavo scudetto e' per la Juve l'obiettivo principale, e poi c'e' questa benedetta Champions: bisognera' arrivare a marzo preparati e fortunati, la Champions e' una cosa per pochi, speriamo quest'anno di riuscirci. Negli ultimi 4 anni abbiamo fatto due finali ma abbiamo incontrato anche le due squadre piu' forti del momento. Vediamo se quest'anno un pizzico di fortuna e' anche dalla nostra parte: in Champions non puoi sbagliare, il livello di qualita' si e' alzato, molte squadra sono in grado di poterla vincere. Oggi e' una Champions e a marzo sara' un'altra e sara' importante arrivare li' in ottime condizioni per creare i presupposti per arrivare fino in fondo. Potrebbe essere il momento buono? Lo era anche il primo anno ma e' andata male - sorride Allegri - Ma in questi anni la squadra, la societa', l'ambiente, i tifosi stessi sono cresciuti tanto che dopo la partita persa col Manchester in modo incredibile, tutti fuori dallo stadio erano soddisfatti. E la cosa non mi e' piaciuta". Ma la Juve non mollera' in campionato. "Il Napoli di Ancelotti e l'Inter di Spalletti, anche se Luciano non vuole sentirselo dire, ci daranno filo da torcere fino alla fine. E' un obiettivo molto importante, dobbiamo continuare a lavorare su noi stessi, alzare l'asticella, migliorarsi giorno dopo giorno: se pensiamo di gestire il campionato, diventa un problema anche per la Champions". Con ben 30 voti, Aurelio Andreazzoli ha vinto invece la Panchina d'Argento come miglior allenatore della serie B 2017-18. Il tecnico, che ha ottenuto la promozione con l'Empoli salvo poi essere esonerato una settimana fa ("sono le vicende del calcio"), ha battuto Roberto D'Aversa (Parma), secondo, e Filippo Inzaghi, lo scorso anno al Venezia, terzo. In serie C il premio e' andato a Paolo Zanetti: il tecnico del Sudtirol ha ricevuto 11 preferenze, battendo la concorrenza di Fabio Liverani (Lecce), secondo con 10 preferenze. Terzi ex aequo con 8 voti Bisoli, Braglia e Sottil. Per quanto riguarda gli altri riconoscimenti consegnati oggi a Coverciano, nel calcio a 5 premiati in campo femminile Gianluca Marzuoli (Montesilvano) e in quello maschile Faustino Perez-Moreno Gomez (Acqua&Sapone), fra le donne in serie B miglior allenatore Manuela Tesse (Lazio), in serie A Giampiero Piovani (Brescia). 

Ancelotti: "Cori offensivi solo in Italia. Sospendere le gare"

Carlo Ancelotti ha rilasciato alcune considerazioni da Coverciano, dove era presente in occasione della premiazione della Panchina d'Oro: "L'aspetto tattico è sicuramente quello più carente all'estero, il calcio italiano resta competitivo sotto questo aspetto dove la tattica è molto considerata. La prima volta che sono stato in Inghilterra ho trovato un gruppo di lavoro diverso dal mio staff e le mie conoscenze si sono aperte. Il problema più grande potrebbe essere la lingua perchè non sempre hai una comunicazione diretta e immediata con i calciatori. Ora il calcio si è globalizzato, ma all'estero sono più avanti nelle strutture e a livello culturale rispetto all'Italia che resta ancora indietro. Qui si vive ancora il calcio come a una battaglia, all'estero è difficile essere insultati, in Inghilterra addirittura impossibile. In Spagna la rivalità è molto forte tra le grandi squadre, ma non c'è mai maleducazione. In Italia possiamo migliorare molto, ora si possono sospendere le partite, non solo per la pioggia". 

Higuain si scusa dopo la figuraccia con la Juventus

Attraverso Instagram, Gonzalo Higuain ha voluto scusarsi nuovamente per il suo comportamento in occasione dell'espulsione di ieri contro la Juventus: "Voglio chiedere scusa a tutti per il comportamento avuto ieri in campo, ai miei compagni, alla società, ai tifosi che da ieri mi stanno dimostrando ancor di più il loro affetto. Mi faccio carico delle mie responsabilità e farò il possibile perchè non ricapiti".

Napoli, sette gol sono arrivati dalla panchina

Sette reti dalla panchina. Questo il dato incoraggiante sulle mosse a gara in corso fatte da Carlo Ancelotti. Nessuno in serie A abbia fatto meglio degli azzurri in questa particolare statistica. Nel dettaglio le reti arrivate da subentranti sono state le 2 di Fabian (Ad Udine e poi e Genova), le 2 di Mertens contro Milan e Roma, Insigne in Napoli Sassuolo, Rog ancora ad Udine e Milik nella gara interna con l’Empoli.

Mertens scherza sui social con Fabian: "Quanto mi vuoi bene?"

Clima sereno e spensierato in casa Napoli dopo la vittoria del Ferraris. Cosi anche Mertens ha scherzato su Instagram chiamando in causa Fabiàn ed il gol siglato proprio contro il Genoa: "Fabian quanto mi vuoi bene per l’assist che ti ho fatto".

Fabiàn decisivo: "La vittoria è di tutta la squadra"

Tra le esultanze social compare anche quella di Fabiàn, uno dei protagonisti di Marassi, che ha scritto cosi su Twitter: "Una vittoria importantissima su un campo difficile...complementi a tutta la squadra".

Davide Ancelotti: "A Genova abbiamo vinto tutti insieme"

Ai microfoni di Sky Sport, dopo la vittoria col Genoa, è intervenuto Davide Ancelotti, figlio di Carlo e vice allenatore del Napoli: “Più che una svolta è un’altra tappa del nostro percorso di crescita. Oggi era una gara difficile, il Genoa gioca in modo particolare. Siamo riusciti a fare una grande partita. I cambi? Si decidono insieme con lo staff tecnico e si prendono le decisioni. È stata una decisione condivisa, anche se alla fine decide sempre il mister. Sicuramente sapendo che loro giocano in un modo particolare abbiamo cambiato un po’ la costruzione e non siamo abituati a farlo, questo si è visto. Più che all’atteggiamento le difficoltà erano dovute a un posizionamento non corretto”.

Sulla sospensione e successiva ripresa della gara: “Le condizioni erano difficili, volevamo la sospensione definitiva. Ha deciso l’arbitro. Lì abbiamo fatto la differenza e l’abbiamo fatto tutti insieme, è la cosa che ci rende più orgogliosi”.

Su Milan-Juventus: “Dobbiamo continuare a vincere le nostre partite e poi quello che sarà sarà”.

Napoli più forte della pioggia: vittoria in rimonta contro il Genoa

GENOVA. Il Napoli batte il Genoa 2-1 nell'anticipo della 12esima giornata di Serie A. Al Ferraris, Kouame' firma il vantaggio genoano, poi nella ripresa dopo una sospensione di circa 15' per pioggia arriva il pari firmato Fabian Ruiz e infine l'autorete decisiva di Biraschi all'86' che decide il match. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici