Martedì 19 Settembre 2017 - 15:27

Restauro Teatro Grande, sequestro da 6 milioni di euro all'ex commissario straordinario degli Scavi

POMPEI. Il restauro che cementificò il Teatro Grande di Pompei negli Scavi avrebbe provocato un danno da 6 milioni di euro alle casse dello Stato. Questa, dunque è la somma sequestrata questa mattina dalla Guardia di Finanza al commissario straordinario dell'emergenza Scavi di Pompei, Marcello Fiori.

Il restauro, per il quale era stata programmata una spesa pari a 450mila euro, lieviò nei costi fino a 8 milioni di euro.

Le indagini erariali condotte dai finanzieri oplontini, diretti dal colonnello Carmine Virno e coordinati dal procuratore Donato Luciano, hanno permesso di accertare il danno pe le forniture in lavori condotti con aggiudicazioni dirette nel 2010.

Per questa vicenda è già in corso un procedimento penale davanti al tribunale di Torre Annunziata. Insieme a Marcello Fiori, la Procura della Corte dei Conti di Napoli indaga per danno erariale i funzionari Salvatore Nastasi, Giuseppe Proietti, Stefano De Caro, Raffaele Tamiozzo, Maria Grazia Falciatore, Roberto Cecchi, Jeannette Papadopoulos, Bruno De Maria e Maria Pezzullo.

Agguato a Caivano, gli sparano sotto casa: morto 52enne al Parco Verde

CAIVANO. Agguato nella notte al Prco Verde di Caivano. Giuseppe Raimo, di 52 anni, già noto alle forze dell'ordine con precedenti per furto e stupefacenti, è stato ucciso sotto casa. Un vicino, sentiti gli spari vicino l'abitazione in via Circumvallazione Ovest è accorso e lo ha caricato in auto per portarlo all'ospedale. Al San Giovanni di Dio di Frattamaggiore, però, l'uomo è giunto già privo di vita. Ad allertare la polizia sono stati proprio i medici del nosocomio frattese. Gli agenti della Polizia Scientifica di Frattamaggiore, giunti sul posto dell'agguato, hanno trovato tracce ematiche e un bossolo. Sulla dinamica, ancora da accertare, e sul movente indagano gli agenti del commissariato di Afragola.

“Centro sportivo polivalente a Capri”, parte la gara sull'isola

CAPRI. Il Sindaco Giovanni De Martino (nella foto) con l'assessore allo Sport, Vincenzo Ruggiero, l’amministratore delegato di Coni Servizi, Alberto Miglietta presenteranno mercoledì mattina, alle ore 11, presso la Sala Donna Lucia del Grand Hotel Quisisana, l’avvio della gara per la realizzazione in Finanza di Progetto del “Centro sportivo polivalente a Capri”. Sarà presente anche il Presidente della Federazione Nuoto Campania, Paolo Trapanese.
 Si tratta di un’iniziativa pubblico–privata per la costruzione e la gestione trentennale di un complesso sportivo comunale, con piscine e copertura mobile.
 A inizio 2016, l’Amministrazione comunale ha chiesto supporto alla Coni Servizi, leader nel mercato dell’assistenza per l’impiantistica sportiva, al fine di intraprendere una procedura per la costruzione del centro sportivo in oggetto in località San Costanzo. L’obiettivo è quello riqualificare una zona nella quale in passato era prevista la realizzazione di un Palazzetto dello sport, costruito solo in parte e ad oggi incompiuto. Si tratta di un progetto molto ambizioso, finalizzato alla costruzione di un complesso natatorio comprendente due piscine (di cui una per le attività fisioterapiche), dotate di una performante copertura apribile, tribune, servizi ed impianti tecnici. La struttura sarà inoltre integrata con una palestra piccola, un bar-ristorante, una sala fitness, un centro fisioterapico, un centro medico sportivo, spazi per attività ludiche ed arti marziali, una foresteria, oltre ad aree attrezzate all'aperto.
Saranno presenti i tecnici che hanno redatto il progetto in tutte le sue fasi, l’arch. Livio Talamona per la parte tecnica  e il dott. Marco Sanetti per lo studio di fattibilità redatto dal Coni Servizi.
Il presidente Malagò già nella conferenza di presentazione a Roma, aveva espresso l'orgoglio dello sport italiano per il progetto di Capri.
  
L'Assessore allo Sport, Vincenzo Ruggiero dichiara :“il Comune di Capri sta mettendo in campo un progetto molto ambizioso, una risposta concreta ai tempi che cambiano nell’ottica della realizzazione di un centro sportivo polivalente per tutto l'anno, destinato a colmare tutti i gap del territorio. L’Amministrazione Comunale auspica l’interesse dei privati perché Capri è un brand unico che va valorizzato. Si tratta di un progetto da poco più di 5 milioni e il Comune è disposta a concedere una cifra per garantire la fruibilità della struttura a livello locale. Il potenziale investitore potrà godere anche di agevolazioni fiscali. La pubblicazione della gara è di 120 giorni per dare la possibilità a tutti i potenziali investitori di lavorare in modo serio e con una progettualità che deve rimanere nel perimetro delle linee guida redatte grazie al fondamentale contributo di Coni Servizi”.

Inizia il processo alla camorra puteolana

Questa mattina presso l'aula bunker del carcere di Poggioreale è iniziato il processo agli eredi del clan Longobardi – Beneduce, organizzazione operante in Pozzuoli ed in comuni limitrofi.  Il giudice dell'udienza preliminare chiamato a verificare le pesanti accuse, tra le quali quella di associazione di stampo mafioso e quella di traffico internazionale di stupefacenti, è il Giudice presso il Tribunale di Napoli, dottor De Chiara. La direzione distrettuale antimafia ritiene che dall'anno 2010 all'anno 2013 il gruppo criminale sarebbe stato retto dai fratelli Ferro Antonio ed Andrea, indicati a capo di entrambe le organizzazioni criminali e  difesi dagli avvocati Massimo Fumo e Dario Vannetiello. I germani avrebbero raccolto l'eredità criminale del gruppo a suo tempo promosso e facente capo a Longobardi Gennaro ed a Beneduce Gaetano. Il teorema accusatorio  può contare su un numero notevole di dichiarazioni di collaboratori di giustizia, i quali hanno riferito sui mutamenti subiti dalla associazione flegrea negli ultimi anni. Infatti, agli atti si registrano  le dichiarazioni rese alcuni anni orsono da Perrone Roberto, De Felice Francesco, Giugliano Luigi, Giogli Raffaele, Di Lanno Biagio, Sartore Alfredo, per arrivare alle più recenti dichiarazioni accusatorie rese dai pentiti Del Sole Napoleone, De Felice Ciro, Di Roberto Antonio e Roco Giuseppe. All'udienza odierna, il giudice dopo aver risolto alcune questioni preliminari, ha disposto il rinvio del procedimento all'udienza del 4 ottobre, giorno in cui gli imputati dovranno decidere se proseguire con rito ordinario o decidere per il rito abbreviato.

 

San Gennaro, annullo filatelico e folder

Martedì 19 settembre, in occasione della manifestazione “Solenne Celebrazione In Onore Di San Gennaro”, sarà disposto un servizio di annullo filatelico figurato, recante la dicitura: “80134 Spazio Filatelia Napoli - 19.8.2017 – Solenne Celebrazione In Onore Di San Gennaro”.

Sarà possibile bollare con tale annullo speciale, richiesto dalla Cappella del Tesoro di San Gennaro, tutte le corrispondenze presentate presso l’ingresso del Museo del Tesoro di San Gennaro in via Duomo, 149 - 80134 Napoli, il giorno 19 settembre, dalle ore 10 alle ore 16. Per l’occasione è stato predisposto un folder con il francobollo del Santo Protettore di Napoli, (emesso a settembre del 2009) e due cartoline sulle quali sono riprodotti due preziosi pezzi del tesoro mentre sulla copertina c’è la tiara del Santo. Eventuali commissioni filateliche devono essere inoltrate allo Spazio Filatelia, via Monteoliveto, 46 – 80134 Napoli, telefono 081-4289670.

 

 

Scampia, ucciso il nipote del neo pentito Gennaro Notturno “’o sarracino"

NAPOLI. Ritorna il terrore a Scampia. durante notte, intorno alle 3, con 10 colpi di pistola è stato ammazzato in via Ghisleri Nicola Notturno, incensurato 21enne, figlio del ras Raffaele nipote del neo collaboratore di giustizia Gennaro "o' sarracino". Indagano i poliziotti della sezione Omicidi della squadra mobile della questura e del commissariato Scampia: Due le piste seguite: la vendetta per il pentimento dello zio e la ripresa della faida. 

Napoli, rapina farmacia: la polizia arresta un 43enne

Gli Agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Giovanni Barra a Napoli, hanno fermato ieri C.V., 43enne napoletano, gravemente indiziato dei reati di rapina aggravata ai danni di una farmacia in via Figurelle. La rapina era avvenuta la mattina dello scorso 7 settembre, quando un uomo, armato di pistola, si è fatto consegnare dalla proprietaria circa 700 euro. La titolare della farmacia, che aveva tentato di inseguire il rapinatore, è riuscita a memorizzare la marca e la targa del motorino usato dal rapinatore per fuggire, consegnando inoltre agli agenti le immagini di videosorveglianza del locale. I poliziotti sono così riusciti a identificare e rintracciare il rapinatore. L'arma utilizzata, risultata essere una pistola giocattolo sprovvista del tappo rosso, e il motorino, di proprietà della ex fidanzata dell'uomo, sono stati recuperati dagli agenti. Come disposto dall'Autorità Giudiziaria il 43enne è stato sottoposto a fermo e condotto al carcere di Poggioreale. 

Tre arresti per furto aggravato e danneggiamento

La Polizia di Napoli ha arrestato questa notte Adel Chwaya 27enne tunisino, pregiudicato, Marwan Rtib tunisino di 32 anni, conosciuto alle forze dell'ordine anche come Ratib Marouen e Khalile Hakimi di 26 anni, nato in Marrocco, responsabili di furto aggravato e danneggiamento. Poco prima di mezzanotte, mentre passavano sulla via Cristoforo Colombo, all'altezza dell'Hotel Romeo, i poliziotti hanno visto i tre cittadini extracomunitari che avevano rotto il vetro posteriore di una auto Toyota Aygo, lì parcheggiata ed avevano portato via un borsone. All'arrivo dei poliziotti hanno tentato la fuga ma sono stati prontamente bloccati: con loro avevano il borsone rubato e nella cintola dei pantaloni del 32enne c'era una grossa tenaglia di ferro, successivamente sottoposta a sequestro. I tre sono stati condotti presso gli Uffici di polizia dove è giunto anche il proprietario dell'auto per formalizzare la denuncia e riprendere il borsone. Il pm di turno presso la Procura della Repubblica di Napoli ha disposto per i tre il giudizio con rito direttissimo che si terrà domani. 

Scippa catenina ad anziana e la nasconde in bocca, arrestato

Trovato dai carabinieri con la refurtiva in bocca e arrestato in flagranza per rapina a Pomigliano, nel Napoletano, un 35enne del posto. L'uomo, approfittando dell'imbrunire ha avvicinato in strada una pensionata 78enne, l'ha aggredita spingendola a terra e le ha strappato dal collo la catenina d'oro per poi dileguarsi alla guida di uno scooter. La donna ha chiesto subito aiuto al 112. I militari, giunti sul posto, hanno ricostruito la dinamica e identificato lo scippatore, rintracciandolo a casa dove si era rifugiato. Bloccato e perquisito, aveva nascosto in bocca la catenina rubata, che è stata restituita alla vittima. L'anziana è stata accompagnata in ospedale per le lesioni riportate, giudicate guaribili in 10 giorni mentre l'uomo si trova ora in carcere. 

Omicidio Noemi, convalidato fermo del fidanzato

È stato convalidato dal gip del tribunale dei minorenni di Lecce il fermo del 17enne di Montesardo, frazione di Alessano, che ha confessato di aver ucciso la fidanzata Noemi Durini, 16 anni, di Specchia.

Ieri si è svolto l'interrogatorio di garanzia durante il quale, assistito dai suoi legali, il giovane si è avvalso della facoltà di non rispondere. Il gip, che ha emesso una ordinanza cautelare nei suoi confronti, ha disposto il trasferimento del giovane in un istituto per minorenni fuori regione.  Il 17enne deve rispondere di omicidio premeditato aggravato dalla crudeltà e dai futili motivi.

Pagine

Rubriche

IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)