Mercoledì 01 Marzo 2017 - 18:58

Restauro Teatro Grande, sequestro da 6 milioni di euro all'ex commissario straordinario degli Scavi

POMPEI. Il restauro che cementificò il Teatro Grande di Pompei negli Scavi avrebbe provocato un danno da 6 milioni di euro alle casse dello Stato. Questa, dunque è la somma sequestrata questa mattina dalla Guardia di Finanza al commissario straordinario dell'emergenza Scavi di Pompei, Marcello Fiori.

Il restauro, per il quale era stata programmata una spesa pari a 450mila euro, lieviò nei costi fino a 8 milioni di euro.

Le indagini erariali condotte dai finanzieri oplontini, diretti dal colonnello Carmine Virno e coordinati dal procuratore Donato Luciano, hanno permesso di accertare il danno pe le forniture in lavori condotti con aggiudicazioni dirette nel 2010.

Per questa vicenda è già in corso un procedimento penale davanti al tribunale di Torre Annunziata. Insieme a Marcello Fiori, la Procura della Corte dei Conti di Napoli indaga per danno erariale i funzionari Salvatore Nastasi, Giuseppe Proietti, Stefano De Caro, Raffaele Tamiozzo, Maria Grazia Falciatore, Roberto Cecchi, Jeannette Papadopoulos, Bruno De Maria e Maria Pezzullo.

Tessere Pd gratis, Orfini: possibili espulsioni

NAPOLI "Ho chiesto a Emanuele Fiano di andare a Napoli e a Napoli sta cercando di verificare i casi emersi". Lo dice Matteo Orfini, "reggente" del Pd, al Corriere Live sulla vicenda delle tessere gratis a Napoli. "Ci sono altri casi anomali e - sottolinea Orfini - se queste cose sono emerse, è proprio perchè il nostro meccanismo di controllo funziona". "Se qualcuno ha pagato le tessere per conto di altri, quelle tessere non saranno considerate valide. E le persone coinvolte saranno deferite". Saranno anche possibili espulsioni? "Sì, quando si verificano comportamenti non conformi al nostro Statuto -spiega Orfini- si può anche arrivare all'espulsione. Io stesso ho cacciato persone a Roma".

IL CASO. Il caso è esploso dopo la pubblicazione di un video sul sito del quotidiano "la Repubblica" che ritrae le concitate fasi dell'ultimo giorno utile per il tesseramento al partito nel quartiere Miano, zona Nord di Napoli. "Dovete portare tessera e codice fiscale, i 10 euro ve li danno loro", spiega una donna all'esterno della sede di un'associazione a chi chiede come ci si deve muovere per tesserarsi al Pd. Un'amica aggiunge: "I 10 euro ve li darà Michel all'interno, se la vede lui".

FIANO. Fiano, arrivato a Napoli per verificare le eventuali irregolarità nel tesseramento al partito, ha spiegato che "gli anticorpi alle infiltrazioni nel Pd a Napoli hanno funzionato. Circa 300 soggetti le cui preiscrizioni erano avvenute in modo irregolare non sono stati iscritti al Pd".

Torre Annunziata, sbloccata l'aggiudicazione del servizio mensa scolastica

TORRE ANNUNZIATA. L'amministrazione comunale di Torre Annunziata sta procedendo all'affidamento del servizio della mensa scolastica, bloccato a causa dei ricorsi presentati da due ditte, con le quali sono stati risolti i contenziosi. L'appalto per la mensa sarà dunque aggiudicato alla ditta Global Service, risultata vincitrice del bando emesso dal comune nel mese di luglio, per il quale erano state già stanziate le risorse necessarie.

Acerra, rapina con sequestro di persona nella villa dell'ex deputato

ACERRA. Terrore ieri ad Acerra, dove almeno sei banditi - forse dell'Est europeo -  hanno messo a segno una rapina nella villa dell'ex deputato del Pds Michele Giardiello, minacciando e tenendo in ostaggio la moglie dell'uomo. Sotto la minaccia di bastoni e coltelli, i malviventi hanno tenutom la donna in ostaggio costringendola a consegnare le chiavi di una piccola cassaforte rubando gioielli e denaro. Poi i banditi sono fuggiti facendo perdere le loro tracce.

Sfilò portafogli a 66enne, preso ladro vicino ai D'Alessandro

CASTELLAMMARE.  I carabinieri della stazione di Castellammare hanno tratto in arresto in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Torre Annunziata Maurizio Del Sorbo, un 46enne del luogo, sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, ritenuto vicino al clan D'Alessandro attivo a castellammare. Dalle indagini dei Carabinieri è emerso che si è reso responsabile di un furto con destrezza il 27 gennaio, quando ha approfittato della distrazione di un 66enne di Pimonte che stava raccogliendo acqua nella zona dell'“Acqua della Madonna” per sfilargli il portafogli. I militari lo hanno velocemente identificato e la perquisizione personale e domiciliare ha permesso di recuperare il denaro contante provento del furto. Dopo le formalità Del Sorbo è stato portato al carcere di Poggioreale.

San Gennaro Vesuviano, doppio sequestro di droga

SAN GENNARO VESUVIANO. I carabinieri della stazione di San Gennaro Vesuviano e del Nucleo Cinofili di Sarno, nel Salernitano, hanno scovato nella credenza della sala da pranzo di N.C., un 34enne del luogo incensurato, 4 panetti di hashish. In totale circa 3 etti, in più un bilancino di precisione. Il 34enne è stato arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio e, dopo le formalità di rito, è stato tradotto ai domiciliari in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Nel corso della stessa operazione antidroga i militari hanno invece denunciato un 35enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine. Perquisendo il suo domicilio, anche in questo caso avvalendosi delle unità cinofile, i militari lo hanno trovato in possesso di 2 dosi di hashish nascoste in un mobiletto della camera da letto.

 

Truffe agli anziani in trasferta a Benevento: presi due napoletani, caccia al terzo complice

NAPOLI. Da Napoli a Benevento per truffare: arrestati in due. I carabinieri della Compagnia di Caserta, in viale Principe di Napoli a Benevento, coadiuvati dai militari della locale Stazione hanno proceduto all’arresto, in flagranza del reato per truffa, di Giuseppe Cardillo (nella foto), 26enne, e di Giuseppe Esposito, 27 anni, entrambi di Napoli.

I due, a seguito di un mirato servizio di pedinamento, sono stati sorpresi mentre stavano eseguendo una truffa in danno di una ottantanovenne di Benevento. In particolare, dopo che un terzo complice in corso di identificazione, aveva convinto al telefono l’anziana pensionata di essere il nipote e le aveva chiesto di consegnare ad un corriere la somma di 1.200,00 euro Gquale corrispettivo per un pacco a suo nome,  Giuseppe Cardillo ha raggiunto la vittima nei pressi dell’ufficio postale dove la stessa aveva prelevato il denaro e si è fatto consegnare i soldi in cambio di una scatola, poi risultata contenere  4 paia di calzini ed un bagno schiuma. In quel momento, Cardillo ed il complice, Giuseppe Esposito che lo attendeva in macchina, sono stati fermati dai carabinieri che hanno recuperato i soldi e li hanno restituiti alla vittima. Gli arrestati sono stati accompagnati presso la casa circondariale di Benevento.  

Colpo alle Poste di Marigliano, in tre presi durante la fuga: avevano cambiato abiti e auto

MARIGLIANO. Banda in fuga intercettata dai carabinieri dopo un colpo all’ufficio postale: si erano cambiati d’abito e avevano pronta altra vettura. In carcere sono finiti: Giuseppe Pavone, 29 anni, di San Gennaro Vesuviano, Valerio Amati, 35 anni, residente a Roma, già noto per reati specifici e Benito Tranchese, 32 anni, domiciliato a Palma Campania, già noto.

I tre avevano fatto irruzione nell’ufficio postale di Marigliano in via San Francesco, col volto parzialmente coperto e armati di pistola (nella foto una foto dei banditi che stanno per entrare nell'ufficio). Intimando ai clienti di stare fermi e minacciando gli impiegati avevano costretto questi ultimi a consegnare il denaro delle casse. Subito dopo l’allarme i carabinieri della stazione di Marigliano sono stati attivati dalla centrale operativa di Castello di Cisterna e poco dopo sono riusciti a intercettare i malviventi in via Sentino: erano a bordo di una Bmw e stavano tentando di allontanarsi dalla zona. Durante i primi minuti di fuga si erano addirittura già cambiati d’abito ma i carabinieri sono riusciti a trovare e sequestrare i capi d'abbigliamento indossati per il colpo e la pistola semiautomatica che i banditi avevano usato per la rapina, una calibro 9 con matricola abrasa e 15 cartucce nel caricatore. Recuperato e restituito anche il bottino, 275 euro in denaro contante. In via Elisabetta d’Ungheria c’era un'altra auto, una Renault Megane intestata a un pregiudicato di Roma, risultata in uso ai malfattori e verosimilmente usata in analoghi raid. 

Incidente d'auto, attore di "Un posto al sole" in rianimazione

CASTELLAMMARE DI STABIA. Un attore 55enne di Castellammare di Stabia, Giuseppe De Rosa, che ha recitato anche in alcuni episodi della soap "Un posto al sole", è rimasto ferito in un incidente stradale ed è ricoverato in rianimazione all'ospedale Loreto Mare.

Lo scontro è avvenuto all'incrocio tra via Petraro e la traversa Favorito: l'auto guidata da un 34enne di Nocera Inferiore ha impattato contro la fiancata sinistra di quella alla cui guida vi era De Rosa.Entrambi i guidatori sono stati portati da personale del 118 al pronto soccorso dell'ospedale San Leonardo: al primo sono stati riscontrati traumi al cranio, alla schiena e al ginocchio sinistro guaribili in 3 giorni, al secondo è stato invece diagnosticato un trauma cranico con ematoma celebrale. E' stato pertanto disposto il ricovero in rianimazione all’ospedale Loreto Mare di Napoli.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri dell'aliquota radiomobile di Castellammare di Stabia che stanno studiando la dinamica dell’incidente e che, dopo aver proceduto ai previsti rilievi, hanno sequestrato le due vetture.

Investe bimbo a Pozzuoli, bloccato il pirata della strada

POZZUOLI. I carabinieri della stazione di Pozzuoli hanno denunciato un 19enne di fuorigrotta già noto alle forze dell'ordine ritenuto responsabile di omissione di soccorso a seguito di incidente stradale. Ieri pomeriggio un 34enne ha denunciato che verso le 16.30 del 21 febbraio stava attraversando via annecchino di pozzuoli insieme al figlio di 6 anni e che durante l'attraversamento il bambino era stato investito da uno scooter honda sh 150 guidato da un giovane. Quest'ultimo dopo l'impatto si era allontanato approfittando della confusione creatasi sul posto.
Il piccolo era stato portato dallo stesso genitore all'ospedale santa maria delle grazie ove i medici gli avevano diagnosticato un trauma cranico non commotivo ed escoriazioni al volto guaribili in 10 giorni.
Le attività investigative effettuate anche con l'acquisizione di immagini di videosorveglianza da esercizi commerciali vicini all'area dell'incidente hanno consentito di individuare velocemente l'autore dell'investimento, poi riconosciuto senza ombra di dubbio dal denunciante.

Pagine

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici