Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Summit in auto dei nuovi Sarno: 4 arresti a Ponticelli

Operazione dei poliziotti della sezione "Omicidi" della Squadra mobile. Sequestrato un revolver


di  

CONDIVIDI:

Gio 07 Mag 2015 13:16


NAPOLI. Gli incessanti controlli della polizia, nel quartiere Ponticelli, teatro negli ultimi mesi di diversi episodi criminali, nella tarda serata di ieri hanno permesso ai poliziotti della sezione Omicidi della Squadra Mobile di Napoli (dirigente Fausto Lamparelli, vice questore Marco Basile, sostituto commissario Procacci) ad arrestare 4 giovani incensurati, trovatiin auto in possesso di un revolver Smith&Wesson calibro 357 magnum. Sarebbero legati, secondo gli investigatori, al gruppo di mala definito "Cito" o "nuovi Sarno", con base nel rione De Gasperi.



Terme di Stabia, esplode la protesta. E il sindaco è in sciopero della fame

Occupata la struttura termale delle Antiche Terme, Cuomo al quarto giorno di digiuno ma non risponde agli investitori di Ars Nova


di  

CONDIVIDI:

Gio 07 Mag 2015 12:27


CASTELLAMMARE DI STABIA. Ex dipendenti delle Terme di Stabia hanno occupato lo stabilimento delle Antiche Terme, completato, vandalizzato e mai riattivato. La protesta dei lavoratori, da tempo in attesa della soluzione della vertenza che li vede protagonisti nel fallimento delle Terme di Stabia Spa, si accavalla a quella del sindaco Nicola Cuomo, che da da quattro giorni ha dichiarato lo sciopero della fame, per richiamare l'attenzione del Governo nazionale e di quello regionale sul problema.



Pompei Scavi "scoppia", turisti a numero chiuso

Nelle prime domeniche ingressi gratis, ma non più l'assalto di folle impazzite


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 22:26


POMPEI. Troppi 35mila visitatori in un giorno solo per gli Scavi di Pompei «non sono un flusso sostenibile». Il soprintendente Massimo Osanna ha già contattato il ministro di Beni culturali e turismo, Dario Franceschini, per 'arrivare preparati' alla prossima domenica ad ingresso gratis, la prima di giugno, con un incremento di sorveglianza e il 'numero chiuso'. «Potrei, per settori - dice Osanna - ipotizzare di contingentare l'afflusso di visitatori bloccando gli ingressi oltre i 15-20mila.



Edenlandia, l'imprenditore: ecco perché mi vogliono cacciare

Schiano: «Il Comune vuole regalare il parco ad un'altra società»


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 22:16


NAPOLI. «Mi sembra chiaro. L’amministratore delegato di Mostra d’Oltremare ha detto pubblicamente che ci sono sette-otto richieste per acquisire Edenlandia». Il responsabile tecnico della New Edenladia Cosimo Barbato non ha dubbi, su quale sia il motivo che induce il Comune a dichiarare apertamente che vuole rescindere il contratto con la società che ha firmato per 30 anni il contratto di fitto dell’area con la Mostra.



Ritrovati due ordigni bellici a Giugliano

Sono due bombe della Seconda Guerra mondiale. Sul posto gli artificieri


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 22:12


GIUGLIANO. Due ordigni bellici, risalenti alla Seconda Guerra mondiale, sono stati ritrovati poco fa lungo via Santa Maria a Cubito, nel territorio del comune di Giugliano. Sul posto sono giunti gli agenti del locale commissariato di polizia, guidati dal primodirigente Pasquale Trocino, che hanno provveduto a mettere in sicurezza la zona, impedendo così ai curiosi di avvicinarsi. È stato chiesto l'intervento degli artificieri della Polizia che dvranno stabilire come intervenire per la rimozione dei due ordigni.



I pentiti smantellano il clan Marotta, 8 arresti

Il sodalizio criminoso, operante in particolare a Polvica di Nola,

gestiva gli affari illeciti: anche corse clandestine di cavalli dopati


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 20:33


NOLA. Le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia fanno ancora tremare il nolano, scacco al clan camorristico Marotta. Dopo la disfatta del clan Fabbrocino e del clan Di Domenico, la magistratura partenopea mette a segno un altro punto sgominando il clan Marotta, operante a Polvica di Nola: in otto finiscono dietro le sbarre.



Carabiniere suicida, allarme della psicologa: i militari non possono dire che stanno male

Maria Grazia Santucci: non bisogna togliere loro lo stipendio in caso di sospensione


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 19:00


NAPOLI. «Purtroppo la situazione è sempre la stessa: gli uomini non reggono più la pressione. Il militare che si è tolto la vita forse aveva i genitori anziani e si è trovato in una condizione di pressione psicologica, probabilmente ha compreso che il recipiente era oramai colmo ed ha pensato in cuor suo che l’omicidio fosse l’unico modo per preservare la sua la famiglia». È l’analisi che fa la psicologa Maria Grazia Santucci (nella foto), psicoterapeuta della famiglia, criminologo ed esperta in psicologia dell’emergenza.



Arrivata a Napoli la nave con 562 migranti, arrestati due scafisti

La Foscari al Molo 21. Sbarcati 562 migranti


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 18:29


NAPOLI. Saranno distribuiti in sette Regioni i 562 immigrati sbarcati stamattina nel Porto di Napoli dal pattugliatore della Marina militare "Comandante Foscari". 102 resteranno in Campania, tra Napoli e Caserta, 50 in Lombardia, 100 in Piemonte, 100 in Friuli, 50 in Veneto, Bolzano, 35 a Trento, i restanti in Abruzzo. Il prefetto di Napoli Gerarda Maria Pantalone, presente durante le operazioni di sbarco degli immigrati, ha espresso preoccupazione.



Un mostro al centro di piazza Plebiscito

Un capannone allestito proprio durante il Maggio dei Monumenti


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 16:38


NAPOLI. Maggio dei Monumenti con ecomostro a Piazza del Plebiscito. Borrelli e Simioli: "il capannone di Piazza del Plebiscito offende la città. Perchè non hanno usato la Mostra d'Oltremare per svolgere una iniziativa al chiuso?" Federconsumatori: "giovedì flash mob di protesta".

 



La crisi travolge anche l'alta cucina, chiude la Sacrestia

Dopo 44 anni il locale di via Orazio abbassa le serrande


di  

CONDIVIDI:

Mer 06 Mag 2015 15:01


NAPOLI. Era uno dei ristoranti più noti di Napoli. La Sacrestia, i locale di via Orazio, ha chiuso i battenti. La crisi ha travolto un’altra storica azienda della città, un marchio di qualità conosciuto nel mondo. Martedì scorso per i cinque dipendenti che erano rimasti sono arrivate le lettere di licenziamento. A nulla è valso il tentativo fatto negli ultimi tempi da parte del patron 83enne Dino Murolo di cedere il locale. L’accordo non è stato raggiunto e non c’è stata altra soluzione che abbassare le saracinesche.



Pagine