Giovedì 27 Aprile 2017 - 22:49

Ercolano, arrestato
il reggente degli Ascione

ERCOLANO. Michele Ascione, il 36enne ritenuto l’attuale reggente dell’omonimo clan e sorvegliato speciale con obbligo di soggiorno nella città, è stato scoperto dai Carabinieri della Tenenza di Ercolano in una sala scommesse in compagnia di alcuni pregiudicati. Tratto in arresto per violazione a prescrizioni della sorveglianza speciale, è stato tradotto ai domiciliari in attesa di essere giudicato con rito direttissimo.

Terzigno, rapina in opificio: un arresto

TERZIGNO. La mattina del 2 aprile all'interno di un opificio tessile di Terzigno il titolare si era visto irrompere un malvivente armato di pistola che lo aveva minacciato per impossessarsi di 400 euro e poi era fuggito a bordo di un’Audi A3. La vittima aveva richiesto al 112 l’intervento di una pattuglia, quindi erano intervenuti sul posto i Carabinieri della Stazione di Terzigno. I militari avevano raccolto dichiarazioni e descrizioni, effettuato il sopralluogo e hanno esaminato le immagini dei sistemi di videosorveglianza, raccogliendo una serie di elementi che hanno condotto tutti ad Alfonso Salvati, un 38enne di San Giuseppe Vesuviano a casa del quale, inoltre, i Carabinieri hanno trovato i vestiti indossati durante la rapina e  una pistola a salve privata del tappo rosso. L’uomo è stato sottoposto a fermo per rapina aggravata e tradotto al carcere di Poggioreale.

Con fiducia si aspetta il dissequestro del Mercadante

L’ufficio stampa del Teatro Stabile di Napoli rende noto che nella mattinata di oggi venerdì 21 aprile 2017 è avvenuto a Roma presso la sede del Ministero un importante e proficuo incontro tra il Presidente del Teatro Stabile di Napoli Filippo Patroni Griffi, il direttore Luca De Fusco e il Direttore Generale dello Spettacolo dal Vivo del Mibact Ninni Cutaia.  

In un clima cordiale e di grande disponibilità il Teatro Stabile di Napoli ha presentato un’ampia e aggiornata documentazione sullo stato dei lavori dell’impianto antincendio del Teatro Mercadante di Napoli, al fine di ottenere il ripristino dell’agibilità della sala di piazza Municipio. 

Al termine dell’incontro il Presidente Filippo Patroni Griffi si dichiara moderatamente ottimista sul mantenimento dello status di Teatro Nazionale da parte del Teatro Stabile di Napoli, fatte salve tutte le valutazioni che sono rimesse alla esclusiva competenza del Ministero. 

Con fiducia si aspetta il dissequestro del Mercadante così da poter compiere nei tempi stabiliti e programmati tutti i lavori di manutenzione necessari per poter riaccogliere quanto prima il pubblico della città. MiSi

 

Venezuela: appello 9 paesi dell'AmLat, cessi la violenza

Nove governi dell'America Latina - Argentina, Brasile, Cile, Colombia, Costa Rica, Messico, Paraguay, Peru' e Uruguay- hanno diffuso una dichiarazione comune in cui condannano la violenza nelle proteste antigovernative in Venezuela e chiedono alle autorita' di Caracas di "garantire i diritti fondamentali e preservare la pace sociale" nel paese. Nella breve dichiarazione, i governi si dicono "dispiaciuti che non siano state accolte le esortazioni della comunita' internazionale per fare si' che le manifestazioni annunciate in quel paese potessero svolgersi in un clima pacifico e senza violenza". "Consideriamo imperativo che la sorella Repubblica Bolivariana di Venezuela ritorni sul sentiero della democrazia istituzionale, stabilisca un calendario per lo svolgimento del cronogramma elettorale, liberi i prigionieri politici e garantisca la separazione dei poteri costituzionali", conclude in testo.

Cosentino sotto processo, condannato a 5 anni

Nicola Cosentino è stato condannato a 5 anni di reclusione nell'ambito del processo Il principe e la scheda ballerina. Il collegio presieduto dal giudice Orazio Rossi ha ritenuto colpevole l'ex sottosegretario per il reimpiego di capitali illeciti, reato aggravato dall'articolo 7; caduta invece l'accusa di corruzione. L'ex parlamentare del Pdl era accusato di essersi interessato per un finanziamento per la costruzione di un centro commerciale, mai edificato, che volevano gli esponenti del clan dei Casalesi.

Carpi: rubati 5 bus, 2 schiantati contro una scuola

MODENA. Hanno rubato cinque bus di Arianna, il servizio di trasporto pubblico di Carpi, in provincia di Modena, e hanno pensato bene di usarne due come 'arieti' contro la recinzione e l'ingresso dell'Istituto tecnico commerciale 'Meucci'. Questa la conseguenza piu' grave dell'intrusione, avvenuta nelle prime ore del mattino, di alcune persone ancora ignote all'interno del deposito bus di via Peruzzi a Carpi. Degli altri tre mezzi, due sono stati vandalizzati e lasciati nel parcheggio del deposito, mentre l'ultimo e' stato abbandonato in via Tre Ponti. Ora la scuola dovra' rimanere chiusa per i lavori di riparazione, e oggi il trasporto pubblico, pur garantito, subira' dei ritardi. Dalle Istituzioni e dal mondo sindacale arriva, ovviamente, una condanna unanime nei confronti dei responsabili. La deputata carpigiana del Partito democratico Manuela Ghizzoni, componente della commissione Istruzione della Camera, che questa mattina si e' subito recata al 'Meucci' per esprimere alla preside la propria solidarieta', fa sapere di "aver gia' avvertito di quanto accaduto il sottosegretario all'Istruzione Vito De Filippo, che si e' dimostrato preoccupato per la dinamica degli eventi", e di avere anche "sollecitato l'interessamento del ministero per non lasciare soli la Provincia e la scuola nell'intervento di ripristino". L'esponente dem invita a "non derubricare a semplice bravata" l'atto di vandalismo verificatosi nella notte, le cui modalita', sostiene, "raccontano di un crescendo di auto-esaltazione degli autori del raid", e auspica da un lato "che le Forze dell'ordine possano celermente individuare gli autori, affinche' rispondano dei gravi danni arrecati al patrimonio pubblico", e dall'altro "una reazione collettiva su quanto accaduto".

Parigi: spari sugli Champs Elysées, tre fermati

"Ho appreso con profonda indignazione il vile attentato terroristico che si e' verificato a Parigi, costato la vita ad un agente di polizia, ferendone altri e minando la tranquillita' dei cittadini", ha scritto il capo della Stato nel suo messaggio. Il presunto attentatore degli Champs-Elysees era stato arrestato lo scorso febbraio per avere minacciato la polizia ed era poi stato rilasciato per mancanza di prove: lo hanno reso noto all' agenzia di stampa Ap due funzionari francesi. Nella sua vettura trovate diverse armi. Notte di interrogatori, fermate tre persone a lui vicine. Il premier Cazeneuve: nulla ostacoli l'appuntamento democratico con le elezioni di domenica prossima in Francia. Ma il presidente americano commenta: l'attacco avra' grosse conseguenze sulle elezioni presidenziali. Anche Berlino pensa che ci potranno essere ricadute sul voto, ma non si sa quali. Marine Le Pen in lutto, chiede a Hollande il ripristino delle frontiere.

18enne spara nella sede dei servizi segreti, 3 morti

RUSSIA. Ha aperto il fuoco nella sala d'attesa della sede locale dei servizi segreti russi (Fsb) a Khabarovsk, nell'estremo oriente del paese, uccidendo un agente e un visitatore, mentre un'altra persona e' rimasta ferita, prima di essere a sua volta ucciso. Protagonista della vicenda un 18enne locale il quale, sostengono gli stessi servizi di sicurezza russi, "alcune informazioni indicano come membro di un gruppo neonazista"

Baretti di Chiaia, 16enne spacciatore arrestato

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato San Ferdinando hanno arrestato un ragazzo di 16 anni, responsabile del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Ieri sera poco dopo le 23, al vico Striano, i poliziotti hanno visto il giovane, in abbigliamento sportivo e con un cappellino da baseball, raggiungere un uomo a cui, dopo aver ricevuto 20 euro, ha consegnato una dose di cocaina. Gli agenti lo hanno subito bloccato. Indosso, il giovane spacciatore, aveva altre nove bustine di cocaina e la somma di 170,00 euro. Il 16enne è stato arrestato e condotto presso il Centro di Prima Accoglienza dei Colli Aminei.

Crolla il solaio di una scuola, 180 studenti senza aule

NAPOLI. Tragedia sfiorata per il crollo di un solaio in un'aula, che non ha colpito gli studenti solo perche' avvenuto durante la notte, e poi inizia l'odissea burocratica: i locali vengono dichiarati inagibili, e la preside si affanna a cercare una soluzione, "senza il minimo aiuto da parte di chi sarebbe preposto a intervenire, ossia la Citta' metropolitana". Rosaria Mancini, direttrice scolastica dell'istituto superiore Giancarlo Siani, e' alle prese da tre settimane con una vicenda in cui si intrecciano burocrazia, disagi e soprattutto la paura per il pericolo che solo fortuitamente non si e' abbattuto sui ragazzi. Lunedi' 3 aprile si scopre il crollo di un solaio: in un'aula della succursale del Siani, in corso Chiaiano, durante il weekend il soffitto ha ceduto, facendo cadere pesanti mattoni su almeno quattro banchi sottostanti. La struttura, risalente agli anni '60, pare sia in pessime condizioni. Subito dopo inizia l'odissea per i 180 studenti della succursale. Le classi 'sfrattate' sono ospitate nella sede centrale ma a rotazione: in pratica ogni giorno non fanno lezione dieci classi sulle 49 complessive del Siani. Una soluzione ovviamente temporanea, in attesa di definire il trasferimento: gia', perche' la preside di un'altra scuola, la Segre' di Mugnano, ha intanto messo a disposizione una decina di locali del suo edificio, attualmente non utilizzati. Ma qui scatta la sorpresa: l'area tecnica della Citta' metropolitana infatti fa sapere che il Segre' dispone di un certificato antincendio solo provvisorio, che consente l'ingresso a scuola solo degli studenti "titolari". "Insomma, siamo completamente abbandonati a noi stessi. Abbiamo rischiato una tragedia sulla pelle dei nostri ragazzi, e ora il Siani patira' il disagio dei doppi turni chissa' per quanto tempo", commenta sconsolata la direttrice.

Pagine

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici