Mercoledì 13 Dicembre 2017 - 2:13

Ultras Napoli, monta la protesta: decine di murales contro De Laurentiis

NAPOLI. Hanno un solo modo per far sentire la loro voce: striscioni e murales. Sono gli ultras e in particolare una parte di quelli che militano in Curva B, gli Ultras 72 del compianto capotiforo Pasquale D'Angelo. Destinatario dei murales comparsi questa notte a Napoli, nella zona di Fuorigrotta, è ancora una volta il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, “colpevole” di non aver attrezzato la squadra con una rosa adeguata e di non aver comprato giocatori all'altezza. Già da quest'estate gli Ultras 72 sono stati i primi a far sentire la loro voce di dissenso con lunghi messaggi indirizzati anche al mister Sarri. Un anno caldo e che comporterà di sicuro tanti momenti di tensione e tanti sacrifici. Il loro obiettivo, come hanno sempre ribadito, è il rispetto della “maglia” e dei “colori”. “Basta illusioni”. Questo pretendono.

Ucraino ucciso, presi i rapinatori-killer: hanno confessato

NAPOLI. I carabinieri di Castello di Cisterna hanno fermato a Scalea i due presunti responsabili dell'omicio di Anatoliy Korol, l'ucraino ammazzato nel corso di una rapina a Castello di Cisterna. Sono Marco Di Lorenzo di 32 anni e Gianluca Ianuale di 20, entrambi figli, anche se il primo non è stato riconosciuto dal padre, del pluripregiudicato e capoclan della zona, Vincenzo Ianuale. I carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna, agli ordini del colonnello Luca Corbellotti e del maggiore Michele D’Agosto, li hanno trovati in provincia di Cosenza. Si nascondevano in un immobile disabitato nelle campagne di Scalea. Qualche ora di interrogatorio con il procuratore capo di Nola, Paolo Mancuso, e il pm che dirige le indagini, Arturo De Stefano, durante le quali hanno confessato di aver ucciso il 38enne ucraino. A sparare materialmente è stato il più giovane dei due.  «Una risposta corale», così il generale Antonio De Vita, comandante della comando provinciale dell’Arma dei carabinieri, ha definito il risultato raggiunto. «Noi dovevamo dare una risposta, che non potrà far rivivere Anatoliy però sicuramente potrà dar fiducia alle due figlie e alla vedova della vittima».

Top model in Rianimazione, condizioni stabili

NAPOLI.  Condizioni di salute stazionarie (è ancora in rianimazione ed in coma farmacologico) per la 33enne modella olandese, Yfke Sturm, top model di Victoria's secret, rimasta gravemente ferita in un incidente in mare al largo tra i Maronti e Sant'Angelo (Ischia) e ricoverata nel reparto di rianimazione del secondo Policlinico di Napoli dove è stata portata ieri sera con un elicottero del 118. La donna era a bordo di un surf jet - tavola da surf motorizzata - quando, per cause oggetto di indagini della Guardia Costiera e della Procura di Napoli, è caduta in mare ed ha subito un impatto con il surf jet. La Guardia Costiera ha interrogato il personale di equipaggio e gli amici a bordo per definire l'esatta dinamica dell'incidente.

San Giorgio, il dramma familiare resta senza movente

SAN GIORGIO A CREMANO. Nessuno riesce a darsi una spiegazione. Parenti, amici e conoscenti ancora non riescono a immaginare che cosa abbia potuto portare Antonio Bani, 55enne guardia giurata, a esplodere otto colpi di pistola contro la moglie, Carmela Lembo, 50 anni, per poi suicidarsi. Incredulità e sgomento non solo tra i vicini, ma anche per il figlio della coppia, che non riesce a capacitarsi delle ragioni del folle gesto del padre. La donna resta ancora in prognosi riservata al Loreto Mare, dopo aver subito una delicata operazione chirurgica. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Al momento della tragedia il figlio della coppia non era in casa, così ad allertare i soccorsi sono stati i condomini del piano inferiore ai quali la donna è riuscita a chiedere aiuto con un filo di voce. Uno di loro l'ha subito caricata nella propria auto e l'ha portata all'ospedale Loreto Mare, dov'è giunta in gravi condizioni. Sottoposta ad una delicata operazione chirurgica, la donna non è in pericolo di vita. Carmela Lembo, per tutti Melina, è sorella di Carlo, candidato sindaco alle ultime elezioni comunali di San Giorgio a Cremano non eletto. Le ragioni del folle gesto dell'uomo, come detto, per adesso restano un mistero. Amici e parenti parlano di una coppia tranquilla e che si amava. Carmela Lembo, per tutti Melina, aveva postato diversi messaggi d'amore per il marito fino a due giorni prima della tragedia: «Nella vita ho conosciuto solo un uomo che ha saputo rendermi felice: mio marito. Mi ha resa moglie - scriveva - e soprattutto mamma. Grazie di cuore amore mio». Quarantott'ore dopo il dramma.

Omicidio di Pasquale Ceraso, si rafforza la pista dei Sibillo

NAPOLI. Un pregiudicato del rione Sanità, Pasquale Ceraso di 67 anni, è stato ucciso questa mattina  mentre si trovava a bordo della propria Renault Twingo. I sicari l'hanno centrato alla testa con una pistola calibro 7,65 prima di fuggire in moto. Sul posto i poliziotti della Squadra mobile della questura di Napoli. L'allarme è scattato grazie a una telefonata al 113 di un abitante della zona che ha riferito di aver sentito gli spari. Si rafforza la pista che porta alla faida anche se il pregiudicato aveva grossi conti “in sospeso”. 

Ercolano, allarme dell'antiracket sulla caserma dei carabinieri

ERCOLANO. La nuova caserma dei carabinieri ad Ercolano dev'essere completata. Se così non fosse, sarebbe «una sconfitta netta per lo Stato». A prendere posizione perché i lavori per la costruzione del presidio di ligalità dell'Arma possano riprendere ed essere completati prima di perdere i fondi europei indispensabili al proseguimento dei lavori, sono Radio Siani e l’associazione antiracket di Ercolano. L'opera, travolta dall'inchiesta sugli appalti ad Ercolano, rischia infatti di restare incompiuta, mentre è più che probabile che i fondi europei vadano perduti. In un appello al sindaco, Ciro Buonajuto, Radio Siani e l’associazione antiracket di Ercolano fanno sentire la loro voce per scongiurare l'ipotesi peggiore: «Si tratterebbe di un fatto di enorme gravità. Un balzo all'indietro preoccupante», affermano.

Bagnoli, de Magistris: «Nomina commissario? Commento quando sarà ufficiale»

NAPOLI. "Appena sarà ufficiale e qualcuno mi notificherà la nomina del commissario, allora la commenterò. Sono tredici mesi che, ogni giorno, facciamo un nome diverso, non metto in dubbio la veridicità dell'articolo ma sono abituato a confrontarmi con atti ufficiali". Commenta così la notizia della nomina ufficiale di Nastasi a Commissario per Bagnoli, apparsa oggi su 'Il Mattino', il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della presentazione delle linee guida del bilancio di previsione 2015 della Città Metropolitana. "Credo che tra istituzioni si debba comunicare in modo ufficiale e istituzionale, salvo che il Presidente del Consiglio non ritenga che la città di Napoli sia completamente espropriata. Qualora ci sarà la nomina e di fronte a una condotta di violenza istituzionale di questa portata, la risposta politica e istituzionale sarà adeguata e proporzionale", conclude il primo cittadino. Se la nomina di Nastasi dovesse essere confermata in giornata, il sindaco convocherà una conferenza stampa per commentarla e probabilmente annunciare ricorso.

"Miss ciclismo" fa tappa a Torre del Greco

TORRE DEL GRECO. “Miss Ciclismo 2015” è targata Torre del Greco. Grazie a Francesco Vitiello, organizzatore e responsabile del concorso per il Sud Italia e le isole, Torre sarà infatti protagonista della prossima tappa della kermesse di bellezza. Sabato 5 settembre alle 20 è in programma l’appuntamento al chiostro di San Francesco di Cava de’ Tirreni. Organizzata in collaborazione con la pro loco “Marcina città di Cava de’ Tirreni”, presieduta da Umberto Ferrigno, l’iniziativa è finalizzata alla preselezione nazionale delle aspiranti miss che parteciperanno alla pre-finale della manifestazione in programma ad ottobre 2015 sempre in Campania e sempre organizzata da Vitiello (che è anche vicepresidente del fan club Campania Vincenzo Nibali, il vincitore del Tour de France 2014 venuto a Torre del Greco lo scorso mese di gennaio). La finale si svolgerà, invece, il prossimo dicembre, in una località a scelta tra Lugano e Brescia.

Castellammare-Pompei, grave incidente sul raccordo per l'A3. Coinvolte 3 auto e una moto

CASTELLAMMARE DI STABIA-POMPEI.  È una bolgia infernale di traffico per chilometri quella che si è formata a causa di un grave incidente che ha coinvolto, intorno alle ore 18,30, tre auto e una moto sul raccordo per l'autostrada da Castellammare di Stabia verso Napoli. Sarebbero tre i feriti, di cui uno grave, trasportati in ambulanza al pronto soccorso dell'ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. Sul posto sono intervenuti, oltre ai sanitari del 118, anche i vigili urbani di Castellammare di Stabia e i carabinieri del nucleo radiomobile di Torre Annunziata, con i militari di Pompei competenti per territorio, poiché l'incidente stradale ricade in un'area confinante tra Castellammare e Pompei. Difficile prevedere quando si sbloccherà la situazione. Le auto sono incolonnate da Napoli e da Sorrento, in attesa che vengano ultimati i rilievi tecnici per comprendere la dinamica del sinistro e le responsabilità degli automobilisti coinvolti. Per tentare di rendere meno pesante la situazione, i vigili urbani di Castellammare di Stabia stanno facendo defluire lentamente le auto instaurando il senso alternato. Ma la situazione al momento è molto critica.

Scuola, Faraone: numeri della mobilità fisiologici

NAPOLI. I numeri della mobilità da Sud a Nord
degli insegnanti "sono fisiologici" e sono "più o meno gli stessi
dello scorso anno, con la differenza che quest'anno non sono precari
ma assunti con contratto a tempo indeterminato". A dirlo è il
sottosegretario all'Istruzione Davide Faraone, a Napoli dove ha
incontrato i dirigenti dell'Ufficio scolastico regionale della
Campania.

"Contiamo di chiudere con 160mila insegnanti in 2 anni, 80mila
quest'anno e 80mila il prossimo - spiega - e si procederà al concorso
al quale potranno partecipare coloro che sono abilitati. Ogni scuola
avrà insegnanti in più, significa potenziare attività didattiche e più
risorse economiche. Ogni scuola avrà risorse in più, tra i 25 e i
30mila euro". La riforma "funziona - conclude - e recuperiamo consenso
con i fatti".

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici