Giovedì 23 Febbraio 2017 - 1:14

A Marano per rifornirsi di droga: bloccati in tre

MARANO. Tre panetti di hashish e 1.000 euro in contanti: è quanto hanno trovato e sequestrato i carabinieri di Marano, che hanno arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio tre persone, Giuseppe Cannone, di 46 anni e Domenico Fimiani, 34enne, entrambi di Minturno (Latina) e il 20enne Luca Pellegrno di Aquino (Frosinone). I tre erano stati notati e bloccati in via San Rocco per controlli mentre si trovavano a bordo di due auto, una Ford Fiesta we una Fiat Panda. Al termine delle perquisizioni, i militari hanno trovato 3 blocchi di hashish, per un peso complessivo di 3 chili e mille euro in contanti. I tre si trovano ora nel carcere di Poggioreale. 

Affidamenti appalti rifiuti, arrestati due sindaci nel Casertano per corruzione

CASERTA. I carabinieri della Compagnia di Maddaloni, nel Casertano, hanno dato esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere nei confronti di Dario Di Matteo (in carcere) e Luigi Romano (ai domiciliari), sindaci dei Comuni di Teverola e di Vitulazio, e di un assessore all'Ecologia e un geologo: per gli inquirenti sarebbero responsabili a vario titolo di corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio, turbata libertà degli incanti e abuso d'ufficio in concorso. Al centro dell'indgine affidamenti irregolari del servizio raccolta rifiuti alla Dhi di Alberto Di Nardi, imprenditore finito già in carcere e coinvolto in inchieste in diversi comuni del Casertano della procura sammaritana negli ultimi due anni.

Murales di Maradona a San Giovanni firmato Jorit

NAPOLI. Comincia domani giovedì già dalle prime ore del mattino la realizzazione di uno straordinario murales in via Taverna del ferro nel cuore del quartiere San Giovanni, una delle zone più popolari di Napoli. Il murales sarà realizzato dell'artista napoletano Jorit - che sarà sul posto domani dalle otto - e che ha già realizzato altre bellissime  opere in città come il San Gennaro a Forcella. L'opera, alla cui realizzazione l'Amministrazione comunale, attraverso vari assessorati e la  Municipalità, ha offerto importanti supporti di natura logistica ed organizzativa, nasce anche con l'obiettivo di contribuire alla riqualificazione di un pezzo importante del quartiere e raffigurerà coprendo le intere facciate laterali di due edifici, il volto di Diego armando Maradona e di un bambino. Sarà il più grande murales del campione argentino. Jorit - che nasce a Quarto ma vive ed opera a Napoli - anche grazie a donazioni  di cittadini realizzerà il murales in un mese.

Disastro ambientale, maxi sequestro agli imprenditori Pellini di Acerra

NAPOLI. Il Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli ha eseguito un sequestro patrimoniale per un valore di circa 200 milioni di euro nei confronti di un gruppo imprenditoriale operante nel settore dello smaltimento dei rifiuti. Si tratta di fabbricati, terreni, autoveicoli e rapporti bancari che costituiscono il frutto e il reimpiego di tutta una serie di presunte condotte delittuose connesse, tra l’altro, al reato di disastro ambientale.

Melito, sfiduciato il sindaco Carpentieri

Venanzio Carpentieri non è più il sindaco della città. Poco dopo le 22 di ieri, 13 consiglieri comunali si sono presentati allo studio notarile Di Nardo di Marano presentando le proprie dimissioni dal ruolo che ricoprivano. Questa volta non c’è stato alcun ripensamento, al contrario di quanto accaduto a metà gennaio quando alcuni membri dell’civico consesso, come ad esempio Marco Ponticiello che di recente aveva formato i Riformisti Democratici con Patrizia Di Munno, di fatto dando un’ancora di salvataggio a Carpentieri, non se la sono sentita di firmare. Anche allora il notaio scelto fu Di Nardo di Marano. Con un’unica differenza: nella precedente occasione non se ne fece nulla, questa volta invece le firme ci sono e Venanzio Carpentieri, per la seconda volta in 4 anni, ha terminato anzitempo la sua esperienza da sindaco. La prima durò soltanto dal giugno 2011 al febbraio 2013, momento in cui si dimisero in 13. L’attuale, si è conclusa ad un anno dalla fine naturale della consiliatura prevista per il 2018. Ora, dopo un periodo di commissariamento, la città tornerà alle urne già questa primavera.

Listopoli Pd, il consigliere al pm: «Nomi avuti da Mola»

NAPOLI. Si è concluso l'interrogatorio reso dal consigliere comunale Salvatore Madonna al pm della Procura di Napoli titolare dell'inchiesta sul caso delle candidature di cittadini inseriti a loro insaputa nella lista "Napoli Vale" per le amministrative del 2016 a Napoli. Madonna è al momento l'unico indagato nell'inchiesta. Nel corso dell'interrogatorio, secondo quanto si apprende, Madonna ha ricostruito quanto accaduto in quel concitato 6 maggio 2016, e anche nella notte tra il 6 e il 7 maggio, termine ultimo per la presentazione delle liste elettorali. Nel corso di quelle ore Madonna ha spiegato di aver certificato 13 firme, 4 delle quali sono poi risultate regolari e 9 irregolari. Il consigliere Pd, autosospesosi dal partito, ha riconosciuto la sua firma aggiungendo però di non sapere chi avesse compilato il resto del verbale che gli fu sottoposto in quelle ore. Madonna ha poi sottolineato come fosse la prima volta che prendeva parte alle operazioni di autenticazione delle firme e di aver avuto fiducia nelle persone che gli hanno chiesto di apporre la sua firma. A consegnargli il verbale con i 13 nomi - avrebbe spiegato al pm, secondo alcune indiscrezioni - sarebbe stato Gennaro Mola, ex assessore del Pd e compagno della Valente.

Bagnoli, ok all'analisi dei suoli

NAPOLI. Via libera del Tribunale di Napoli ai tecnici di Invitalia per consentire l'accesso alle aree poste sotto sequestro, in modo da poter procedere con la caratterizzazione dei suoli, passaggio determinante al fine di poter verificare lo stato di inquinamento del suolo e quindi procedere con le gare per la bonifica. Le procedure di analisi del suolo dureranno circa due mesi, a cui si devono aggiungere altri trenta giorni per conoscere i risultati definitivi.

Collana, accolto il ricorso contro il bando regionale

NAPOLI. Il Consiglio di Stato si è espresso a favore del Consorzio Giano s.r.l. che aveva fatto ricorso contro il Bando Regionale che aveva portato all'assegnazione della gestione dello Stadio del Vomero all' "ATI Collana Cesport ", con il Consorzio Giano giunto al secondo posto della graduatoria. Il Consorzio Giano si era fatto inoltre promotore nel 2015 nei confronti dell'Amministrazione comunale di una proposta di gestione e riqualificazione dello Stadio ai sensi della Legge 147/2013 con conseguenti investimenti per il miglioramento ed il potenziamento dell'impianto. La sentenza, ora, rimette in discussione l'intera procedura operata dalla Regione, annullando, di fatto l'affidamento al citato consorzio CESPORT. Ci auguriamo che la Regione - ha dichiarato l'Assessore allo sport Ciro Borriello - al più presto possa trovare le condizioni per riaprire l'impianto al fine di garantire la possibilità di praticare le tante discipline sportive alle migliaia di sportivi napoletani che frequentavano la struttura sino a poche settimane fa. Mi sono già attivato nel chiedere al Vice Presidente della Regione Campania Bonavitacola un incontro urgente per far partire tutte le procedure possibili per riaprire in tempi rapidissimi la struttura, anche accollandoci temporaneamente, la gestione dell'impianto con l'aiuto di tutte le associazioni"

Si è insediato il prefetto Pagano: rapporto con istituzioni locali è fondamentale

"Fondamentale a Napoli, cosi' come lo e' stato a Bari, Taranto e Caserta, e' il rapporto con le istituzioni locali, soprattutto con il sindaco della citta'. Il mio compito sara' soprattutto quello di ascoltare. Ascoltero' ed accogliero' le esigenze non solo dei sindaci di tutto il territorio, ma anche di comitati e associazioni". Sara' dunque un rapporto diretto con i cittadini quello che si appresta a costruire il neo prefetto di Napoli, Carmela Pagano. "Stamattina - ha raccontato ai giornalisti nella sede di piazza del Plebiscito - ho incontrato il cardinale Sepe e le forze dell'ordine. L'idea e' quella di creare una sorta di coordinamento con le istituzioni locali, sui temi della sicurezza e riqualificazione del territorio. So che qui c'e' una realta' molto complessa, con tante criticita', ma non e' passato molto tempo dal mio ultimo incarico in Campania. Gia' quando ero prefetto di Caserta ho partecipato agli incontri tra tutte le istituzioni a livello regionale per combattere insieme la criminalita'". La Pagano ha scelto poi di sposare la linea nazionale, sul tema dell'immigrazione: "A Bari ho avuto modo di gestire situazioni del genere, affrontare spesso anche sbarchi spontanei, oltre naturalmente alla risoluzione dell'accoglienza. Chiedero' ai comuni di collaborare in caso di criticita'. Se c'e' un'emergenza terrorismo? L'attenzione e' alta in tutto il Paese, non c'e' un territorio a rischio zero - ha risposto la Pagano su alcuni contatti che si sono verificati nell'area napoletana tra frange del Fondamentalismo e criminalita'. "Anche in Puglia - ha sottolineato - c'erano la preoccupazione di un allarme tra la presenza di immigrati in regione e rapporti con i terroristi, trattandosi di una terra di passaggio. Ma parliamo di numeri assolutamente ridicoli. Non dobbiamo assolutamente sovrapporre questi fenomeni. I successi raggiunti su questo fronte anche grazie al lavoro delle forze dell'ordine, ci dicono che non si sottovaluta nulla".

Ercolano, preso pusher mentre spaccia

ERCOLANO. Michele Di Dato, un 21enne di Ercolano, incensurato, è stato bloccato dai carabinieri della locale tenenza che lo hanno sorpreso a vendere 2 dosi di hashish ad altrettanti acquirenti, identificati e segnalati alla prefettura. I militari lo hanno tratto in arresto e, nel corso della perquisizione domiciliare, hanno rinvenuto altri 1.35 grammi Di hashish, una dose di marijuana e circa 60 euro ritenuti provento di attività illecita e posti sotto sequestro. In un terreno nei pressi dell'abitazione del 21enne, inoltre, sono stati rinvenuti 3 panetti di hashish, in totale 3 etti, e 35 grammi di cocaina.

Pagine

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano