Giovedì 27 Aprile 2017 - 22:50

Quarto, consegnata
al Comune la villa
confiscata al clan

QUARTO. Un tassello importante, in ambito di legalità, è stato apposto questa mattina dall’amministrazione guidata dal sindaco Rosa Capuozzo. Alla presenza del Comandante della Polizia Municipale e dei militari della Tenenza di Quarto, è stata apposta la firma per la consegna, ufficiale delle chiavi della villa appartenente al ras del clan Polverino, Roberto Perrone, attualmente collaboratore di giustizia, da parte dell' agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata. «Questo è un chiaro segnale dell’attività che la nostra amministrazione sta attuando sul territorio sulla scia del percorso iniziato dai commissari. Il bene confiscato sarà destinato, grazie ad un bando pubblico, a cittadini ed associazioni e sarà rivolto prettamente al sociale», ha dichiarato il sindaco Rosa Capuozzo. 

Duecentomila euro per mettere a posto il parco Mascagna

napoli. Accompagnata dalla dirigente del Servizio Verde della Città Teresa Bastia e da Carmela Gargano dell’assessorato all’Ambiente, la commissione – erano presenti i consiglieri Felaco e Vernetti (Dema) e Rinaldi (Sinistra Napoli in Comune a Sinistra) e il presidente della commissione Ambiente della Quinta Municipalità Giovanni Greco – ha verificato lo stato di salute del polmone verde collocato al centro tra i due quartieri collinari del Vomero e dell’Arenella. 
Duecentomila euro la spesa necessaria, secondo la stima della dirigente Bastia, per ripiantare gli alberi tagliati di recente per motivi di sicurezza, ripristinare il calpestio rovinato in diversi punti del parco e l’erba nelle aiuole. 
La manutenzione del verde è assicurata dai sette giardinieri assegnati al parco, divisi in due turni, a cui spetta anche la pulizia delle aiuole. 
Maggiori cure, in considerazione del numero elevato di utenti, richiederebbero i due bagni pubblici collocati al centro del parco che spesso diventano oggetto di discussione per gli utenti dell’area verde che gradirebbero un servizio più efficiente.
Diverse le proposte formalizzate dal presidente Gaudini (nella foto), a nome della commissione, al termine del sopralluogo: ripristino dell’impianto di videosorveglianza installato qualche anno fa e ora non funzionante; rifacimento del campetto di basket e dei due campetti di bocce, magari attingendo alle risorse per le attrezzature sportive di quartiere stanziate dall’assessorato allo Sport; eliminazione della copertura in telonato realizzata dagli anziani visitatori del parco dello spazio da loro utilizzato e sua sostituzione con altra copertura adeguata alla protezione da sole e pioggia; destinazione della grande aiuola centrale esterna ad area di socializzazione per cani e di un piccolo spazio interno, prospiciente i giochi per bambini, ad orto didattico.

“Stage e Lavoro in Europa, 2017 Opportunità per i Giovani"

NAPOLI. Domani, 20 aprile, presso l’Auditorium di Scampia alle ore 16 si discuterà di “Stage e Lavoro in Europa, 2017 Opportunità per i Giovani“. 

A confronto esperti di politiche giovanili, amministratori locali, università e scuole, associazionismi ed enti di formazione impegnati nella progettazione europea illustreranno in planning le opportunità ai giovani offerte dalle politiche europee.

"Da Scampia insieme. Responsabili europei e nazionali con i giovani perché con il loro entusiasmo e la loro passione possiamo costruire il domani, progettando il lavoro e le nuove opportunità offerte dall'Europa". 

Così Andrea Cozzolino, Europarlamentare e Vicepresidente Commissione Sviluppo Regionale, che ha organizzato e promosso il

progetto che parte da Bruxelles per approdare in Campania e in Calabria.

Da Scampia si alzerà la bandierina di start della due giorni di iniziative itineranti con e verso i giovani. Appuntamenti importanti per il nostri territori che puntano i riflettori su occupazione giovanile e mondo del lavoro targato Europa che si concluderanno venerdì, 21 aprile all'University club di Cosenza con il secondo incontro.

"Siamo a Scampia per ribadire a gran voce che in questa fetta di territorio e in questi luoghi del Mezzogiorno si può ripartire e andare avanti.

Vogliamo ripartire dalla periferia difficile della città di Napoli”, conclude Andrea Cozzolino, "per una scelta strategica che segna la svolta di un territorio che  non è solo delinquenza, ma anche imprese coraggiose di giovani generazioni che hanno voglia di ricominciare".

Parteciperanno alla discussione:

Serena Angioli – Assessore ai Fondi Europei Regione Campania, Alfonso Marino – Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, Isabella Pitoni – Direttrice Agenzia Nazionale Erasmus+, Roberto Guglielmi – BXL Europe, Andrea Cozzolino – Vicepresidente Commissione Sviluppo Regionale.

Rosy Broccio

 

                                                                                     

 

Quarto, serie di furti in auto parcheggiate al centro commerciale: 2 arresti

QUARTO. I carabinieri della tenenza di Quarto hanno tratto in arresto in flagranza per furto e danneggiamento 2 complici, entrambi di Pozzuoli e già noti alle forze dell'ordine, Rosario Tizzano e Girolamo Di Costanzo.
Le 5 auto che avevano preso di mira erano tutte parcheggiate nel centro commerciale “Ipercoop Quarto Nuovo”.
I carabinieri hanno sorpreso i 2 mentre rubavano la batteria di un Lancia Y e alcuni capi di abbigliamento che erano all’interno. Li hanno quindi bloccati, nonostante avessero provato a nascondersi.
Perquisendo i soggetti e la Panda celeste su cui si spostavano, inoltre, i militari hanno rinvenuto grimaldelli e chiavi inglesi, oltre a 3 batterie di auto, numerosi capi di abbigliamento e un’autoradio, rubati poco prima e restituiti ai proprietari.
Gli arrestati dopo le formalità sono in attesa della celebrazione del rito per direttissima.

Tangenziale, appalti "truccati” per ditte vicine al clan dei Casalesi: 5 arresti

NAPOLI.  L'imprenditore Antonio Piccolo, considerato legato al clan dei Casalesi fazione Zagaria, i suoi due figli, un ex tecnico e un'ex addetta alla segreteria dell'Unità affari societari e legali della Tangenziale di Napoli spa sono i 5 destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli su richiesta della Dda partenopea nell'ambito delle indagini sugli appalti per la manutenzione di due gallerie e della pavimentazione stradale della Tangenziale di Napoli.  Le indagini sui due appalti, del valore di 1,6 milioni di euro, rappresentano un filone autonomo dell'inchiesta sulla Cpl Concordia in relazione ai lavori di metanizzazione del bacino Campania 30, effettuati dalla società Cogepi srl, che ha portato il 3 luglio 2015 all'arresto di 6 persone, tra cui Antonio Piccolo. Secondo quanto emerso dalle indagini e dagli accertamenti svolti direttamente dalla Tangenziale di Napoli spa, nell'ambito delle operazioni per l'individuazione di 30 imprese da invitare alla procedura negoziata sarebbe stata inserita in maniera fraudolenta la Cogepi srl, costituita nel 2013 e di proprietà dei figli di Antonio Piccolo, risultata poi vincitrice di entrambe le gare.

In un’intercapedine della finestra 700 grammi di droga, preso 44enne di Marano

MARANO. Teneva nascosta droga in un'intercapedine della finestra della camera da letto nell'abitazione, 44 enne finisce nei guai. Si tratta di Francesco Carandente Sicco, un 44enne di Marano arrestato dai carabinieri della locale Tenenza per detenzione di stupefacente a fini di spaccio. Sequestrati 7 panetti di hashish del peso complessivo di circa 700 grammi, 13 stecchette del peso complessivo di circa 30 grammi e 30 euro in banconote di vario taglio, oltre a un coltellaccio e 2 bilancini. L'arrestato è stato portato al carcere di Poggioreale. 

Da tabaccai a broker internazionali di droga: trasportavano cocaina in doppifondi di barche, in manette tre insospettabili

NAPOLI. Importavano ingenti quantitativi di cocaina dal Sud America alla Campania attraverso la Spagna, trasportandola a bordo di imbarcazioni munite di doppifondi. La Polizia, supportata da personale della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, del Servizio Centrale Operativo e con la collaborazione di personale dell'Unidad de Drogas Y Crimen Organizado di Madrid (Spagna), ha dato esecuzione, questa mattina, a tre ordinanze di custodia cautelare emesse dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di insospettabili stabiesi ritenuti gli organizzatori di un imponente traffico internazionale di cocaina dal Sud-America alla Campania. Gli arrestati, attraverso la Spagna, importavano ingentissimi quantitativi di cocaina che veniva trasportata a bordo di imbarcazioni munite di doppifondi. A loro è riferibile il sequestro di 680 chilogrammi di cocaina sequestrata a bordo dell'imbarcazione "Scugnizza", intercettata da personale della Squadra Mobile di Napoli e dalla Polizia Spagnola ad Aguilas (Murcia-Spagna) il 24 Luglio 2014. Allora vennero arrestati i fratelli skipper Andrea e Francisco Lopez e lo stabiese Bartolo Di Massa, 46enne, da anni residente a San Giustino in provincia di Perugia. La droga immessa sul mercato avrebbe fruttato oltre 115 milioni di euro. Le indagini seguenti hanno individuato uno strategico canale di approvvigionamento della droga che consentiva di saturare ampie fette del mercato di cocaina sul territorio nazionale. In tale contesto si è accertato come le holdings di narcos abbiano avviato il trasporto di ingenti partite di droga a bordo di imbarcazioni private in grado di trasportare fino a 2-3mila chili di cocaina per volta. In questo contesto il ruolo strategico nel traffico svolto dagli arrestati oggi, i fratelli Raffaele e Giuseppe Maurelli, di 46 e 44 anni, insospettabili, incensurati, originari di Castellammare e residenti a Scafati e di Paolo Del Sole, 39enne di Torre del Greco e titolare di una autorivendita a Scafati. I fratelli Maurelli, che abitano in una lussuosa villa di Scafati, titolari di una tabaccheria a Torre Annunziata, sono anche titolari di diverse società a Scafati, San Giuseppe Vesuviano e Torre Annunziata. Eseguito anche un ingente sequestro di beni mobili ed immobili riferibili agli arrestati. Le indagini hanno messi in evidenza anche contatti dei fratelli con la criminalità stabiese. 

De Magistris: presenze e turisti, noi molto soddisfatti

NAPOLI.  "Siamo molto contenti e soddisfatti, la città consolida un record di presenze turistiche che non ha mai avuto nella sua storia". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, commenta i lusinghieri dati del turismo a Napoli nelle vacanze di Pasqua. "Siamo soddisfatti - spiega de Magistris - perché sappiamo il lavoro che c'è dietro: dell'Amministrazione, mio personale, di tantissimi napoletani e di tanti operatori. Sappiamo quante sfide ci sono dietro tutto questo e quante ce ne saranno ancora, quanti ostacoli ci hanno messo per far tornare Napoli nel baratro".  De Magistris ammette che "sui servizi c'è ancora tanto da fare", ma aggiunge: "Siamo soddisfatti soprattutto perché la gente è contenta. Sono contenti i napoletani e i turisti.

Truffe ad anziani in trasferta: scoperti tre giovani di Secondigliano

NAPOLI. Hanno tentato di truffare un'anziana, fingendosi carabinieri, ma sono stati scoperti e denunciati per tentata truffa aggravata. Bloccati tre napoletani in trasferta. È accaduto a Castelpetroso, in provincia di Isernia. Da diversi mesi i carabinieri svolgono attività informative contro le truffe, attraverso incontri, distribuzione di un vademecum e uno spot sulle emittenti televisive regionali. Così quando a Castelpetroso, una 85enne del posto, è stata contattata da un sedicente avvocato ha subito capito che si trattava di una truffa. L'uomo ha chiamato l'anziana dicendole che figlia aveva causato un incidente stradale e che doveva immediatamente pagare una multa di ottocento euro, che sarebbe stata riscossa da un carabiniere in borghese nella sua abitazione. La donna insieme ad un suo vicino di casa, pensionato 80enne, ha allertato i militari della stazione di Cantalupo nel Sannio che attraverso la centrale operativa del comando provinciale hanno fatto scattare l'operazione: in tre, un 30enne, un 28enne ed un 27enne, tutti di Secondigliano, sono stati bloccati mentre si recavano dalla vittima a bordo di un'auto intestata ad una società di noleggio. Nei confronti dei tre è scattata una denuncia per tentata truffa aggravata. Sono in corso indagini per accertare se i tre siano coinvolti in altri episodi analoghi avvenuti in provincia di Isernia nei mesi scorsi. 

Estorsioni a imprenditori e droga dalla Spagna: arrestati 30 affiliati al clan Orlando

MARANO. Operazione anti camorra tra Marano, Calvizzano, Quarto: arrestate 30 persone per estorsioni e traffico di droga dalla Spagna. Accertato anche il condizionamento del clan al Comune di Marano poi sciolto per camorra. 
I carabinieri del gruppo di Castello di Cisterna hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautalare emessa dal Gip di napoli su richiesta della Dda partenopea a carico di 30 persone ritenute elementi di spicco del clan “Orlando” e responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso e di estorsione aggravata dal metodo mafioso, traffico di stupefacenti e detenzione di armi da guerra. Nel corso delle indagini i carabinieri hanno ricostruito la struttura del clan “Orlando”, capeggiato da un latitante, e dimostrato la provenienza dei profitti del sodalizio: estorsioni a imprenditori e controllo diretto di attività commerciali ma, soprattutto, importazione dalla Spagna di ingenti quantità di hashish che venivano redistribuite sulle piazze di spaccio di Marano, Calvizzano e Quarto, con i “gestori” che pagavano “il pizzo” al clan.
Documentate anche attività di condizionamento per le quali il 30 dicembre scorso era stato sciolto il comune di Marano per infiltrazioni camorristiche.

Pagine

Rubriche

I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici