Domenica 19 Agosto 2018 - 7:23

Comune, messi a bando due immobili inutilizzati da anni

NAPOLI. Sono stati emanati due bandi dal comune di Napoli per la messa a "reddito sociale" del patrimonio comunale inutilizzato, tutti rilevabili sul sito www.comune.Napoli.it, che riguardano due strutture complesse quali il Polifunzionale 14/b di via Dietro La Vigna a Piscinola e parte dell'Istituto Comprensivo "Marino-Santa Rosa" nel quartiere Ponticelli. Si tratta di locali chiusi che verranno riutilizzati per accompagnare attività di impresa e culturali, per chiunque volesse aprire un'attività redditiva ed anche senza finalità lucrative, ad opera di associazioni di promozione culturale. Il Servizio valorizzazione sociale di spazi di proprietà comunale e Beni Comuni sta inoltre provvedendo ad effettuare una prima ricognizione delle istanze di subingresso (cambi di gestione) per le locazioni commerciali di immobili di proprietà del comune. Un lavoro che a conclusione porterà nelle casse dell'ente circa due milioni di euro a seguito della regolarizzazione delle posizioni arretrate.

Camorra, sistema De Micco: ecco il pentito

di Bruno Pavone

NAPOLI. Un deposito di armi in un posto insospettabile. Case popolari che diventano palazzi super lusso. E poi disoccupati che chiedono posti di lavoro. C’è questo e altro nei lunghissimi racconti che Nunzio Daniele Montanino fa ai pm della Dda che il Roma pubblicherà a puntate nei prossimi giorni. È un collaboratore di giustizia molto vicino al clan De Micco e per i boss ha fatto di tutto e di più. Si è pentito delle sue scelte e ha iniziato a parlare con i pm. «Sono detenuto per il reato di camorra e appartengo al clan De Micco. In un mio momento di debolezza mi avvicinai a Luigi De Micco e verso il 2015 decisi di mettermi al suo servizio: facevo l’autista. nel mentre riuscii a guadagnare la sua fiducia e per questo iniziò a parlare con me di omicidi e soprattuto mi prestai ad aiutare alla latitanza di Francesco Di Bernardo e Flavio Salzano, che è morto».

CONTINUA A LEGGERE SUL ROMA IN EDICOLA O SUL GIORNALE ONLINE

Vasto, via Bologna riaperta al traffico

NAPOLI. «Nell’ambito del lavoro quotidiano del Comune di Napoli e della Municipalità 4 sull’area del Vasto, a supporto della vivibilità cittadina e della legalità, nella serata di ieri, 9 agosto 2018, si è provveduto all’intervento di rimozione dei New Jersey e di rifacimento della segnaletica verticale ed orizzontale in via Bologna, al fine di ripristinare la viabilità. Da oggi, dunque, Via Bologna è di nuovo aperta al traffico, dalle 15 in poi, cioè alla fine dell’orario di mercato. Viene così garantito un ulteriore accesso al nuovo parcheggio sotterraneo di Grandi Stazioni e rimosso un vero e proprio “tappo” che incoraggiava attività illegali e disordine» dichiarano gli assessori Alessandra Clemente e Mario Calabrese, insieme al Presidente della Municipalità 4, Giampiero Perrella che hanno promosso l’intervento, fortemente voluto dal territorio. L’Intervento, coordinato dal dirigente del Servizio Mobilità Sostenibile e del Sat Municipale Giuseppe D’Alessio e dal responsabile dell’Unità Operativa della Polizia Locale di San Lorenzo, Alfredo Marraffino, è stato possibile grazie al supporto dei servizi di realizzazione e manutenzione della linea metropolitana 1, all'Anm e alla Polizia Locale che continuerà a presidiare l’area di Via Bologna per garantire una corretta viabilità ed il nuovo doppio senso di marcia.

 

 

 

Controlli, blindate le piazze del centro

NAPOLI. Continuano le attività di controllo del territorio che la Polizia Locale di Napoli sta mettendo in atto unitamente alla Polizia di Stato e Carabinieri. Nella zona centrale della Città, in particolare in Piazza Carità e Piazza Trieste e Trento, fino a tarda notte uomini della Polizia Locale di Napoli del Reparto Motociclisti hanno operato con Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri effettuando numerosi controlli nei confronti dei tanti centauri che  si aggirano in quell’aria. A seguito delle verifiche effettuate sono stati elevati 82 Verbali per guida senza patente, per il mancato uso del casco protettivo e per mancata copertura assicurativa. Per le violazioni rilevate gli uomini della Municipale hanno proceduto ad effettuare 14 fermi amministrativi e 21 sequestri dei veicoli. In 7 casi si è accertato che i veicoli oggetto dei sequestri erano già sottoposti a fermo amministrativo ma continuavano a circolare. In un’altra operazione interforze in Piazza Garibaldi presso la stazione centrale che ha visto coinvolti gli Agenti del Nucleo Mobilità Turistica ed il personale dell’ Unità Operativa Rimozioni Auto della Polizia Locale di Napoli in collaborazione con la Polfer, sono stati effettuati numerosi controlli per il contrasto all'abusivismo nel trasporto pubblico di persone. Nella circostanza è stato intercettato un soggetto che trasportava persone nella sua auto privata da Marano a Napoli per 15 euro. Il conducente è stato sanzionato ai sensi dell’art 85 comma 4 cds e l’auto sottoposta a fermo. Un altro abusivo è stato fermato mentre con persone a bordo dell’auto privata effettuava la linea da Stazione Centrale a Ponticelli dietro corrispettivo. Il soggetto è stato sanzionato ai sensi dell’art 87 cds e l’auto sottoposta a fermo. Sono stati inoltre controlli 23  taxi autorizzati e verbalizzati tre di essi uno perchè non rispettava la fila, un altro perché prelevava clienti a meno di 100 metri dal posteggio ed ad un altro ancoragli è stato contestata  la sosta fuori dagli stalli a scopo di nolo. Durante tali operazioni venivano intercettati all’esterno della Stazione, precisamente lato corso Arnaldo Lucci e corso Meridionale, anche 5 parcheggiatori abusivi  mentre esercitavano l’ illecita attività. Questi sono stati verbalizzati ai sensi del Codice della Strada ed è stato loro  notificato anche l’ordine di allontanamento previsto dalla normativa vigente perché esercitavano in prossimità della stazione ferroviaria ostacolando la libera fruizione degli spazi di sosta vicini, Inoltre uno di essi nella stessa giornata è stato sorpreso ad esercitare  una seconda volta e sanzionato per non aver rispettato l’ordine di allontanamento sarà segnalato al Questore per l’emissione del Dacur.

 

Drogata e violentata, turista denuncia stupro in hotel a Capri

CAPRI. La Procura di Napoli indaga su un presunto caso di violenza sessuale a Capri. Le indagini sono scattate a seguito della denuncia presentata al Commissariato di Capri da una turista francese di 33 anni nella quale riferisce di essere stata stuprata da un cittadino americano nella stanza di un albergo dell'isola azzurra. Il fatto sarebbe avvenuto circa 20 giorni fa. La donna ha riferito inoltre di essere stata drogata con una sostanza che l'avrebbe stordita rendendole impossibile reagire alla violenza. La donna e l'uomo accusato di averla violentata, entrambi ritornati nei loro Paesi d'origine, potrebbero essere ascoltati dai magistrati nei prossimi giorni. 

Gestione rifiuti senza autorizzazione, scattano i sigilli

PALMA CAMPANIA. I Carabinieri della Stazione Forestale di Roccarainola e quelli della Stazione territoriale di Palma Campania hanno effettuato controlli sulla gestione dei rifiuti. In via Circumvallazione, su un fondo in uso a una ditta vendita auto, hanno constatato la presenza di un ingente quantitativo di rifiuti speciali, pericolosi e non, disseminati su una superficie di circa 650 mq. In dettaglio: 29 autovetture, 28 delle quali con numerose parti mancanti, 80 pneumatici, vari motori non bonificati, uno dei quali in fase di smontaggio. In un capannone e in un container sempre sull'area sono state trovate anche numerose parti meccaniche, non bonificate. Il titolare, un 42enne di Palma Campania, è risultato sprovvisto dei prescritti titoli autorizzativi ed è quindi stato denunciato per gestione illecita di rifiuti e deposito incontrollato degli stessi. L’intera area è stata sequestrata.
 

 

Il sindaco de Magistris incontra il generale della Forestale Luongo

NAPOLI. Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il generale di brigata Ciro Luongo che ha assunto in questi giorni il Comando Regione Carabinieri Forestale “Campania” subentrando al colonnello Roberto Miele. Il primo cittadino ha formulato al generale i migliori auguri per il prestigioso incarico e ribadendo la massima collaborazione da parte dell’Amministrazione comunale.

 

 

 

 

Mazzola e scalpello per minacciare l'ex moglie, arrestato

ERCOLANO. Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Polizia Portici Ercolano, hanno arrestato nel tardo pomeriggio di ieri, un 40enne originario di Torre del Greco, per i reati di evasione dagli arresti domiciliari. I poliziotti, sono intervenuti in piazza Pugliano su richiesta dell'ex moglie dell'uomo che mentre si trovava a casa di un familiare era stata raggiunta telefonicamente dal 40nne che assolutamente voleva incontrarla. L'uomo al rifiuto della donna si è presentato armato di mazzuola e scalpello all'esterno del cortile condominiale dove era la donna che era riuscita a chiudere il cancello giusto in tempo. Prontamente i poliziotti sono intervenuti ed hanno rintracciato l'uomo che intanto aveva fatto rientro nella sua abitazione in quanto sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. I poliziotti all'interno di un armadi, nell'abitazione dell'uomo hanno rinvenuto lo scalpello e la mazzuola che aveva impugnava poco prima per minacciare l'ex moglie. L'uomo è stato condotto al carcere di Poggioreale. 

Spari contro cancello condominiale a Portici

PORTICI. Spari nella tarda serata di ieri a Portici. Diversi colpi sono sti esplosi contro un cancello del parco condominiale “Astino" in via Dalbono. La polizia, che è intervenuta sul posto e a cui sono affidate le indagini, ha trovato nove bossoli calibro 9 x 21.

Sbarco fantasma di migranti a Pantelleria, fermato a Ischia scafista tunisino

ISCHIA. Un cittadino tunisino è stato fermato con l'accusa di essere lo scafista dello sbarco fantasma avvenuto a Pantelleria nel luglio scorso. La Compagnia della Guardia di Finanza di Marsala, con la collaborazione della Tenenza di Ischia, ha dato esecuzione ad un provvedimento di fermo emesso dalla Procura della Repubblica di Marsala a carico di un tunisino indiziato del delitto di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, per aver organizzato e condotto, quale scafista, un viaggio dalle coste tunisine a quelle dell'isola di Pantelleria, con a bordo due connazionali. I due tunisini erano stati rintracciati nel mese di luglio, privi di documenti di identità, sull'isola pantesca, dove erano sbarcati qualche giorno prima. Le investigazioni delle Fiamme Gialle di Marsala sono state avviate dopo che i due migranti erano stati trasferiti presso l'Hot Spot di Trapani-Milo e hanno preso prezioso spunto dalle dichiarazioni rese da uno di essi, il quale ha fornito dettagliate informazioni circa le modalità con cui hanno raggiunto l'isola di Pantelleria. «Questi, dopo aver lasciato Pantelleria una volta compiuto lo sbarco in rassegna, aveva trovato rifugio presso l'isola di Ischia, dove vivono la moglie e la figlia e dove è stato fermato, dietro attivazione della Compagnia di Marsala, dai finanzieri della locale Tenenza, che lo hanno condotto al carcere di Napoli Poggioreale». Nel corso delle indagini tecniche è altresì emerso come Berhouma Moncef fosse in procinto di organizzare nuovi e più lucrosi viaggi, adoperando natanti di maggiori dimensioni, così da poter trasportare un maggior numero di soggetti clandestini con un introito minimo di 15.000/20.000 euro a viaggio. 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli