Venerdì 20 Ottobre 2017 - 1:59

Ordine dei giornalisti Campania, eletti i vertici

NAPOLI. Per la prima volta una donna, Titti Improta, è eletta nel Direttivo dell'Ordine dei giornalisti della Campania. Dopo le votazioni del primo ottobre, il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti della Campania, riunito in via Cappella Vecchia, ha eletto all'unanimità i vertici per il triennio 2017-2020. Presidente confermato Ottavio Lucarelli, vicepresidente Mimmo Falco, segretario Titti Improta con delega alle pari opportunità e ai rapporti con le tv, tesoriere Paolo Mainiero. Ai consiglieri Salvatore Campitiello e Vincenzo Esposito, rispettivamente, le deleghe per le Scuole di giornalismo di Salerno-Fisciano e Napoli-Suor Orsola Benincasa. A Enzo Colimoro i rapporti con Fnsi, Inpgi e Casagit, A Massimiliano Musto i rapporti istituzionali e la delega per il Cup, il Comitato delle professioni. A Pino De Martino il coordinamento organizzativo. L'Ordine ha definito tra i principali obiettivi il proseguimento della formazione nelle cinque province a titolo gratuito e una sempre maggiore presenza nei territori in difesa delle fasce più deboli della professione. Si è insediato anche il Collegio dei Revisori dei conti. Presidente confermato Francesco  Marolda, vice presidente Francesco Ferraro, segretario Concita De Luca. Il Sindacato unitario giornalisti della Campania augura «buon lavoro a Ottavio Lucarelli, confermato presidente, e al consiglio dell’Ordine dei giornalisti della Campania».

Terremoto Ischia, insediato in Regione il comitato tecnico

NAPOLI. Si è insediato stamattina a Palazzo Santa Lucia a Napoli, presso la sede della Giunta regionale della Campania, il comitato tecnico a supporto del commissario delegato dal Governo per la ricostruzione post terremoto di Ischia, l'architetto Giuseppe Grimaldi. Fanno parte del comitato: Giovanni Cardinale, vice presidente del Consiglio Nazionale degli Ingegneri; Dimitri Dello Buono, responsabile laboratorio geo Sdi (geo Spatial Data Infrastructure) Cnr; Egidio Grasso, presidente Ordine Geologi in Campania; Roberta Santaniello, dirigente dell'Ufficio di diretta collaborazione del presidente della Regione Campania; Giancarlo Viglione, esperto di diritto amministrativo e diritto ambientale; Andrea Prota, docente presso l'Universita' degli Studi di Napoli Federico II, esperto ricostruzione post terremoto; Salvatore Giuseppe Duilio Provenzano, responsabile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri della Struttura di Missione per il coordinamento dei processi di ricostruzione. 

Taxi fuorilegge: multati 22 veicoli

NAPOLI. Dalle prime ore del mattino gli agenti della sezione Turistica congiuntamente al personale dell’Unità Operativa Rimozione Auto della Polizia Municpale hanno effettuato controlli una delle zone maggiormente interessata dal fenomeno abusivismo taxi, in particolare lungo la tratta che da Poggioreale conduce alla Stazione Centrale.

Sono stati verbalizzati 22 veicoli che circolavano in violazione della normativa vigente effettuando trasporto pubblico di linea abusivo. L’intervento era stato preceduto, nei giorni scorsi, da appostamenti ed accertamenti sui veicoli sospetti per i quali oltre ad emergere la totale assenza delle prescritte autorizzazioni per l’esercizio del trasporto pubblico in più casi era stata rilevata l’assenza anche reiterata della copertura assicurativa del veicolo utilizzato. In particolare, gli abusivi sono stati sanzionati elevando 7 verbali per il servizio abusivo di linea, 5 verbali per mancanza di copertura assicurativa e 3 per per guida senza patente, mentre in sette casi è stato applicato il fermo amministrativo ed in cinque il sequestro sottraendo la materiale disponibilità del veicolo.

L’importo totale delle sanzioni elevate ammonta a 13.779 euro. Clamoroso il caso di un abusivo che, oltre a non possedere i titoli autorizzativi per esercitare dell’attività, aveva addirittura la patente revocata da più di un anno per la qual cosa è stata sottratta la materiale disponibilità dell’auto sottoponendola a fermo presso la depositeria comunale, mentre il proprietario è stato verbalizzato per incauto affidamento del veicolo a soggetto non abilitato alla guida. I controlli sono proseguiti nella zona di piazza Garibaldi e Molo Beverello dove sono stati elevati 3 verbali per il mancato rilascio della ricevuta prevista per la tariffa predeterminata e 2 verbali per mancanza di documenti di guida al seguito, ad un tassista è stata ritirata la licenza perché non azionava il tassametro né tantomeno utilizzava la tariffa predeterminata.

Piazza Garibaldi, sequestro di droga e pistole

NAPOLI.  Gli uomini della polizia del commissariato Vicaria Mercato, unitamente a quelli dell'Ufficio Prevenzione Generale, hanno arrestato stanotte Angelino Bennardo, 29enne di Maddaloni, pregiudicato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. In occasione degli incessanti servizi di controllo del territorio predisposti nell'area di Piazza Garibaldi e zone adiacenti, finalizzati al contrasto alle attività illegali, criminalità diffusa e tutti i fenomeni di degrado urbano, i poliziotti del Commissariato Vicaria Mercato hanno notato due giovani nei pressi del portone dello stabile ubicato in via Padre Ludovico da Casoria, che cedevano, dietro compenso di soldi, alcune bustine di cocaina ad un ragazzo. Avvedutisi della presenza dei poliziotti, i due si davano a precipitosa fuga e iniziavano a salire le scale dello stabile cercando la via di fuga dal terrazzo dell'edificio. Dopo un rocambolesco inseguimento l'Angelino veniva bloccato. Nelle sue tasche venivano rinvenute 3 bustine in cellophane contenenti cocaina, per un peso di 0,61 grammi. Controllato il vano sottotetto dello stabile, nonostante la totale oscurità ed il numeroso materiale di risulta, all'interno di due buste separate, ben occultate sotto delle travi di legno, venivano rinvenute due pistole semiautomatiche, una marca Astra A90 Inox calibro 9x21 corredato di caricatore contenente 12 cartucce, ed una pistola semiautomatica Sil Saver P220 calibro 45, corredata di caricatore contenente 6 cartucce S&B 45 Auto. Inoltre si rinveniva un piccolo cartoncino con all'interno un bilancino di precisione di colore bianco/nero e numerose bustine in cellophane pronte al confezionamento. L'altro spacciatore nel corso dell'inseguimento all'interno del palazzo si era rintanato all'interno di una abitazione, la cui porta, chiusa a chiave dall'interno anche con l'ausilio di un chiavistello in ferro, veniva aperta solo con l'ausilio dei Vigili del Fuoco. All'interno dell'abitazione, la cui finestra era rimasta aperta e dalla quale era verosimilmente fuggito l'uomo, venivano rinvenuti un contamonete elettronico, la somma di circa 3000 euro in contanti suddivisi in moneta spicciola e banconote di piccolo taglio, un televisore al quale erano collegate diverse telecamere posizionate in diversi punti dell'androne dello stabile e su via Padre Ludovico da Casoria e zone limitrofe. 

Modificavano gli scuolabus
per aumentare i "paganti"

GIUGLIANO. Trasportavano a scuola bambini su mezzi modificati per aumentare il numero delle persone a bordo, con estintori scarichi o scaduti, senza sicurezza certificata dalla prescritta revisione oppure senza assicurazione, in un caso alla guida c’era un uomo con la patente scaduta, in altri 4, soggetti con patente diversa da quella occorrente per il particolare utilizzo.
è lo spaccato di quanto emerso nel corso di controlli effettuati dai carabinieri della compagnia di Giugliano in Campania a 80 mezzi usati per il trasporto di studenti da casa agli istituti scolastici del territorio dell’hinterland a Nord di Napoli. Elevate sanzioin per 16mila euro.
Durante le ispezioni sono stati controllate contestate 61 infrazioni al codice della strada. Scoperti 6 casi di circolazione su veicolo con numero di sedili aumentati per trasportare più persone, 3 di circolazione con estintori scarichi o scaduti e mancanza dei previsti martelli frangi cristalli, 5 di mancata revisione e 7 di circolazione senza assicurazione, 5 casi di mancato uso delle cinture di sicurezza e uno per circolazione di automezzo già sottoposto a sequestro e affidato al proprietario per la esclusiva detenzione in luogo chiuso.
Venuti alla luce anche numerosi casi di trasporto in soprannumero, anche su mezzi autorizzati, uso di veicoli per trasporto di persone senza titolo autorizzativo, inosservanza alle prescrizioni sul noleggio con conducente, velocità non commisurata a incroci.

Acerra, obbligava ragazze a prostituirsi: preso da carabinieri travestiti da cacciatori

ACERRA.  Sfruttava la prostituzione di 4 giovani ragazze: 29enne arrestato da carabinieri travestiti da cacciatori. Un nigeriano, già noto e in Italia senza fissa dimora, è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Acerra per sfruttamento della prostituzione. Indagando su un giro di prostituzione nella zona rurale di acerra al confine con la provincia di Caserta, i militari hanno accertato che obbligava 4 sue connazionali a prostituirsi, come accertato durante servizi di osservazione dei militari che si erano travestiti da cacciatori per non destare sospetti.
L’intervento dei carabinieri ha posto fine a quella che ormai era diventata una triste routine: ogni giorno l’uomo accompagnava in auto le ragazze sulla zona e le lasciava al margine della strada; poi si allontanava, intimando alle 4 di mettersi subito al lavoro e avvisandole che sarebbe tornato a fine giornata.
Al ritorno, con le buone o le cattive si appropriava dei soldi ricavati con il meretricio, come è stato accertato dai militari durante 10 giorni di osservazioni.

Evasione fiscale, sequestrati beni per due milioni a titolare di una ditta di rifiuti

CASAGIOVE. La Compagnia della Guardia di Finanza di Caserta ha eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - su richiesta della locale Procura - nei confronti di una ditta individuale, con sede in provincia di Caserta esercente l'attività di "raccolta e smaltimento di rifiuti solidi", avente ad oggetto le disponibilità finanziarie della ditta stessa ed i beni del suo titolare. In particolare, le Fiamme Gialle hanno sequestrato le giacenze su 4 conti correnti bancari, 3 appartamenti siti in Casagiove, nonché 26 automezzi tra camion, rimorchi e autovetture. L'adozione della misura cautelare reale segna l'epilogo dell'attività ispettiva condotta dall'Agenzia delle Entrate di Caserta essendo emerso che il titolare della ditta aveva omesso il versamento delle ritenute alla fonte operate sulle retribuzioni dei dipendenti per gli anni di imposta 2012 e 2013, così realizzando un'evasione fiscale pari a quasi 2 milioni di euro. 

«Ti taglio la testa se non paghi», presa insospettabile coppia
di usurai

SORRENTO. “Ti taglio la testa se non paghi”, questa la minaccia fatta alle vittime dalla coppia di usurai arrestata stamattina dai carabinieri di Sorrento in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal gip di Torre Annunziata nei confronti di Gennaro Giordano, 59enne, e Maria Sorrentino, 61enne, entrambi di Gragnano e gravemente indiziati di aver prestato soldi a tassi usurai nonché di estorsione aggravata in concorso (con l'aggravante del trattarsi di persone in stato di bisogno). I militari, coordinati dalla Procura Oplontina, hanno scoperto il giro di usura gestito dalla coppia di insospettabili. Le indagini hanno permesso di ricostruire che l'impiegato di un ente locale per il servizio antincendio sui Monti Lattari e la moglie casalinga, attraverso conoscenze e amicizie avevano creato una rete di contatti sul territorio in grado di fungere da ragnatela per persone bisognose di denaro (somme cospicue, nell'ordine di decine di migliaia di euro) che i due rendevano immediatamente disponibili con tassi di interessi del 60% all'anno. In particolare una vittima di un comune della penisola sorrentina, nel giro di qualche anno, da un prestito di 17.500 euro è stata costretta dietro pesantissime minacce documentate a pagare solo di interessi oltre 40mila euro. 

False mozzarelle Dop scoperte in Germania dal Consorzio

NAPOLI. Un formaggio a pasta filata venduto sfuso ed etichettato come mozzarella di bufala campana nel reparto gastronomia di due catene della grande distribuzione in Germania. L'irregolarità è stata scoperta nel corso di uno dei monitoraggi all'estero effettuati dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di bufala campana Dop. Il Consorzio ha segnalato il tutto all'Ispettorato centrale qualità e repressione frodi del Ministero delle Politiche agricole (Icqrf), che ha avviato la procedura "ex officio" prevista dall'Ue, con la responsabilità diretta di ogni Stato membro. Saranno le autorità preposte a definire le ipotesi di illeciti e le conseguenti azioni giudiziarie. ​"​Il mercato tedesco è strategico per l'export della mozzarella di bufala campana Dop, come abbiamo potuto confermare partecipando alla fiera Anuga di Colonia, che si è conclusa proprio ieri con un bilancio molto positivo in termini di promozione della bufala Dop​", spiega il direttore del Consorzio di tutela, Pier Maria Saccani. L'operazione è avvenuta proprio a ridosso di Anuga e rientra nel "patto di collaborazione" per il monitoraggio congiunto in Europa firmato dal Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop con i Consorzi di Tutela del Grana Padano Dop, Aceto Balsamico di Modena Igp, Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Parma Dop e Prosecco Doc. 

Dda di Napoli, tre pool al lavoro

Dopo una serie di riunioni con i titolari delle inchieste sulla camorra, il procuratore Giovanni Melillo ha deciso la nuova organizzazione della Direzione distrettuale antimafia di Napoli. I magistrati saranno ripartiti in tre gruppi ai quali verranno affidate le indagini antimafia su tre distinte aree geografiche. Un gruppo composto da 12 magistrati, coordinato dal procuratore aggiunto Filippo Beatrice, si occuperà dei clan napoletani. Un altro gruppo composto da altri dieci indagherà sulla provincia di Napoli fino ad aree di altri tribunali: Nola, Torre Annunziata e parte di Napoli nord. I dieci magistrati saranno coordinati dell'aggiunto Giuseppe Borrelli. Il terzo gruppo, composto da nove magistrati si occuperà del clan dei Casalesi e delle zone del Casertano e del Beneventano. Per questo gruppo il coordinatore non è stato ancora designato. Secondo indiscrezioni il pm Henry John Woodcock dovrebbe passare al pool coordinato da Borrelli per occuparsi del Giuglianese.

Pagine

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
RICETTE E CURIOSITÀ: ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica