Mercoledì 28 Giugno 2017 - 8:55

Insetti al San Giovanni Bosco, ecco le prime zanzariere

NAPOLI. Dopo le denunce e le ispezioni dei Verdi nel pomeriggio sono arrivate le prime zanzariere all'ospedale San Giovanni Bosco ed è stata riattivata l'aria condizionata al Pronto Soccorso.  «Il direttore sanitario ha risposto celermente alle nostre sollecitazioni per ottenere subito le zanzariere e di questo lo ringraziamo», dice il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione sanità Francesco Emilio Borrelli. «Nei prossimi giorni saranno istallate circa 140 zanzariere per evitare l'invasione di zanzare e altri insetti che denunciavamo da giorni. Adesso si procederà anche ad una disinfestazione straordinaria all'interno dell'ospedale e una all'esterno dove ci sono diversi acquitrini che creano le continue invasioni di insetti. Inoltre è stata riattivata l'aria condizionata del nuovo Pronto Soccorso che però aspetta ancora il collaudo definitivo. Durante la notte sono passato in ospedale per controllare la condizione dei pazienti e del personale medico e para medico. Alcune stanze erano vere e proprie fornaci piene di zanzare che le persone eliminavano a mani nude sopratutto per difendere dalle punture i ricoverati impossibilitati a farlo da soli. Ad un certo punto da alcuni medicinali sistemati nell'Obi sono usciti degli scarafaggi. Anche questo episodio è stato segnalato al neo Direttore Sanitario che si è impegnato a intervenire subito. Continuerò le mie ispezioni negli ospedali campani per ottenere il massimo dell'efficienza», ha concluso Borrelli.

 

Operata al femore a 102 anni, 3 anni in più di tutto lo staff

NAPOLI. Operata con successo al femore a 102 anni. Tre in più dell'età complessiva dei medici che sono intervenuti per sistemarle una frattura scomposta, che messi insieme di anni ne fanno 99. È accaduto alla signora Olimpia Cito, arrivata nei giorni scorsi al Pronto soccorso dell'ospedale evangelico Betania di Ponticelli per una brutta caduta, subito trasferita in Ortopedia e operata d'urgenza 6 ore dopo. A 5 giorni dall'intervento, "perfettamente riuscito", la paziente è stata dimessa "in ottime condizioni", riferiscono i sanitari. Dopo gli esami di routine e la valutazione anestesiologica, l'équipe di Giacomo Negri, direttore dell'Unità operativa di ortopedia, ha suggerito l'intervento. E nonostante le preoccupazioni dei familiari sui rischi dell'operazione legati all'età avanzata, Olimpia non ha avuto esitazioni e ha deciso di farsi operare "per riprendere al più presto le attività quotidiane". In sala gli ortopedici Andrea Accardo, 35 anni, e Pasquale Florio di 32 come lo strumentista Gennaro Sicignano. Ad assistere i 3 l'anestesista Matteo Rinaldi. "Il decorso post-operatorio è stato privo di complicazioni e la signora è stata dimessa con parametri stabili", spiegano ancora dall'ospedale. "Non è la prima volta che qui all'ospedale evangelico Betania operiamo dei centenari - afferma Negri - tanto che ogni anno annoveriamo diversi casi, e non solo in Ortopedia. Abbiamo deciso di effettuare l'intervento per le buone condizioni di salute della paziente, ma potendo contare anche su una esperienza consolidata di operazioni del genere". 

Fotografato da turisti: preso rapinarolex, denunciato ma irreperibile il complice

NAPOLI. Ieri mattina ha portato via due rapinarolex a due turisti, rintracciato grazie alle foto fatte da altri turisti in meno di 24 ore. La polizia ha sottoposto a fermo uno dei tre rapinatori che ieri a Napoli hanno strappato dal polso di due turisti americani due Rolex, uno del valore di 40mila euro, l'altro da 10mila euro. Il raid al corso Vittorio Emanuele, nella salita Pedamentina a Sammartino. L'arresto di M.G., sorvegliato speciale, è stato reso possibile anche dalle fotografie agli scippatori scattate con lo smartphone da altri turisti.  Il giovane è stato rintracciato proprio comparando le immagini dei telefonini con quelle registrate dal circuito di sorveglianza del commissariato del quartiere Montecalvario in cui la stessa mattina dello scippo aveva ottemperato all'obbligo di firma. A casa, durante perquisizione domiciliari, gli agenti hanno trovato anche gli abiti utilizzati nella rapina. Individuato e denunciato, ma ancora irreperibile, un altro suo complice. I due turisti vittima dello scippo sono un 73enne e una 40enne, entrambi finiti in ospedale per accertamenti: l'uno per le escoriazioni al polso, l'altra perché cadendo aveva battuto la testa. 

Morì dopo pestaggio, arrestati tre uomini del clan Terracciano

NAPOLI. Tre persone, ritenute affiliate al clan camorristico Terracciano, sono state arrestate dalla squadra mobile di Napoli nell'ambito delle indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia, su un omicidio pluriaggravato commesso a Napoli il 13 agosto 2005. Quella notte Raffaele Iannaccone, che lavorava in una panineria in via Toledo, fu costretto a uscire dal negozio, pestato, colpito al volto con mazze da baseball. La vittima finì in coma irreversibile e vi rimase per sei mesi prima di morire. Le indagini, solo di recente, hanno portato a una svolta anche grazie a "nuovi fatti emersi" e al "contributo dichiarativo di quattro collaboratori di giustizia", fa sapere la procura della Direzione distrettuale antimafia. I tre arrestati, spiega la procura, sono ritenuti responsabili dell'omicidio. 

Destinatari del provvedimento sono: Eduardo Terracciano, 36 anni, figlio di Salvatore, boss dell'omonimo clan detto ’o Nirone, morto di recente, e i nipoti del capoclan Francesco Terracciano e Salvatore Equabile, entrambi di 35 anni.

Cantone: preoccupato per la Tav di Afragola

NAPOLI. "Come cittadino e come possibile utente di quel contesto sono preoccupato perché si tratta di un volano importante". Lo afferma il presidente dell'Anac, Raffaele Cantone, commentando l'indagine aperta dalla procura di Napoli Nord sui terreni su cui è stata costruita la stazione dell'Alta Velocità di Afragola, inaugurata lo scorso 6 giugno dal presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni.

Scoperto un arsenale ad Afragola

AFRAGOLA. I carabinieri dell’aliquota radiomobile di Casoria hanno tratto in arresto ad Afragola per detenzione di arma clandestina e ricettazione Gennaro Esposito, 30 anni, di Afragola, già noto alle forze dell'ordine. L'uomo è stato sottoposto a perquisizioni, personale e  domiciliare; prima di poter procedere a entrambe i militari dell’arma hanno dovuto rincorrerlo e acchiapparlo perché aveva cercato di darsi alla fuga saltando giù da una finestra di casa sua con in spalla uno zaino che conteneva un fucile calibro 12 modificato e reso a canne mozze risultato oggetto di furto in appartamento, una pistola calibro 44 magnum con matricola abrasa, 40 cartucce calibro 9 mm , 10 calibro 44 magnum e 14 calibro 12. Le armi sono state inviate al Racis per verificare il loro eventuale utilizzo in fatti di sange e/o intimidazione. l’arrestato tradotto nella casa circondariale di poggioreale.

Sorpreso in controsenso aggredisce gli agenti: preso

GIUGLIANO. Ieri mattina, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Giugliano – Villaricca, hanno arrestato il pluripregiudicato 26enne di Giugliano in Campania Giuliano Panico in quanto ritenuto responsabile dei reati di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato ed inosservanza degli obblighi derivanti dalla sottoposizione alla misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
Verso le 13.45 i poliziotti stavano percorrendo Via Signorelle a Giugliano, strada a senso unico, quando all’improvviso hanno incrociato in senso opposto di marcia Panico al volante di una Fiat Panda. L’uomo ha quindi ricevuto subito l’alt, ma dopo aver speronato l’auto della Polizia si è diretto a velocità sostenuta verso via Colonna. Un lungo inseguimento, tutto in contro senso, è poi terminato in Via Santa Maria delle Grazie dove il 26enne ha abbandonato l’autovettura provando la fuga a piedi per poi nascondersi nel bagno di una vicina pescheria. Il tentativo è stato però vano in quanto i poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato. Ha provato a liberarsi scagliando pugni e calci, ma l’arrivo di altri agenti lo ha reso inoffensivo.
Dai primi accertamenti è  risultato che Panico era pluripregiudicato per reati contro il patrimonio ed anche sottoposto, dallo scorso gennaio, alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.

Il malvivente è stato pertanto arrestato ed in giornata sarà giudicato con rito direttissimo.

Due dei poliziotti sono stati invece accompagnati al locale ospedale, dove medicati dal personale sanitario, sono stati giudicati guaribili rispettivamente in 8 e 6 giorni.

 

Nel garage 108 chili di marijuana: 2 arresti

SANTA MARIA LA CARITÀ. I carabinieri delle stazioni di Sant’Antonio Abate e Lettere hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio D.V., un 52enne di Lettere già noto alle forze dell'ordine  H.M., un 27enne di origini albanesi residente a Pompei,  incensurato, cognato del primo.
Nel corso di perquisizioni effettuate contemporaneamente a Sant’Antonio Abate, Santa Maria la Carità e Pompei, i militari dell’Arma hanno rinvenuto 108 chili di marijuana contenuti in 22 bustoni di cellophane chiusi ermeticamente e nascosti in un box a Santa Maria la Carità nella disponibilità di entrambi; sequestrati anche 6.500 euro in casa del 27enne.
Gli arrestati dopo le formalità sono stati tradotti a Poggioreale.

Pianura, domenica di sangue: due feriti per rapine o agguati

NAPOLI. Due tentativio di rapina finiti nel sangue, secondo quanto hanno raccontato i feriti ai carabinieri, oggi a Pianura: uno in mattinata e l'altro in serata. entrambi sono stati centrati alle gambe: Salvatore Polverino e Massimiliano Costagliola, rispettivamente di 26 e di 24 anni. Apparentemente tra ui due episodi non esisterebbero collegamenti, ma i carabinieri a questo punto non escludono alcuna ipotesi.

Torre Annunziata, spari contro casa di un pregiudicato

TORRE ANNUNZIATA. Paura a Torre Annunziata, dove alcuni proiettili sono stati sparati all'indirizzo dell'abitazione di un pregiudicato con precedenti per droga. I proiettili hanno raggiunto il portone d'ingresso della casa. Per fortuna nessuno è rimasto ferito. Sul fatto indagano gli agenti del commissariato di polizia di Torre Annunziata agli ordini del primo dirigente Vincenzo Gioia.

Pagine

Rubriche

REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici