Sabato 16 Febbraio 2019 - 12:32

Parte Nauticsud, 800 barche alla Mostra d'Oltremare

NAPOLI. Una grande vetrina del meglio della nautica italiana, migliaia di metri quadrati coperti e all'aperto per ospitare 800 imbarcazioni portate in Mostra d'Oltremare da 200 espositori. È questo lo spettacolo del Nauticsud che si è aperto oggi per la 46ma edizione che proseguirà fino al 17 febbraio. I viali di Mostra d'Oltremare, che organizza la manifestazione insieme a a Gennaro Amato, presidente di Anrc (Associazione nautica regionale campana), si sono affollati sin da stamattina di visitatori, esperti di nautica, appassionati che cercano una nuova barca per l'estate o gli accessori giusti in uno dei tanti stand della Mostra.

«Parte oggi - ha detto il presidente di Mostra d'Oltremare Alessandro Nardi - un salone nautico molto prestigioso ed io sono felice che sia il mio primo evento come presidente di Mostra. Forse ho portato fortuna, perché c'è stato un 10% di incremento di espositori e imbarcazioni rispetto allo scorso anno. Ora dobbiamo solo auspicare la giusta risposta da parte del pubblico che, sono sicuro, non mancherà, e prepararci alle prossime edizioni. Insieme a tutti i soci ce la metteremo tutta per far crescere il salone e insieme all'Associazione Nautica Campana stiamo lavorando anche sullo sbocco a mare, in modo da poter competere sempre meglio con gli altri grandi saloni come Genova».

All'inaugurazione sono intervenute molte autorità a partire dagli assessori del Comune di Napoli, Raffaele  Del Giudice, Alessandra Clemente, Ciro Borriello e Laura Bismuto, il presidente della Camera di Commercio Ciro Fiola, il presidente della Commissione Attività Produttive della Regione Campania, Nicola Marrazzo, Alessandro Limatola, membro del cda di Mostra d'Oltremare, il direttore generale di Città Metropolitana di Napoli, Giuseppe Cozzolino, i consiglieri della Città Metropolitana di Napoli Giuseppe Iossa e Francesco Iovino, i consiglieri comunali a Napoli Carmine Sgambati, Fulvio Frezza, Maria Caniglia, Nino Simeone, Ciro Langella.  

«Nauticsud - ha detto il consigliere delegato di Mostra d'Oltremare Giuseppe Oliviero - è la grande vetrina dell'industria della nautica campana, che è la prima in Italia per il diporto. Era questo il nostro obiettivo quando siamo partiti con il rilancio del salone quattro anni fa e ci siamo riusciti. Ora dobbiamo lavorare per potenziare nel suo insieme l'intera filiera e aiutarla ad affacciarsi sempre di più sul mercato internazionale». 

Volontari puliscono il sagrato di Santa Maria della Sapienza

NAPOLI. I volontari dei Verdi, in collaborazione con l’associazione “Miniera” e con La Radiazza di Radio Marte, si sono dati appuntamento questa mattina all’esterno della Chiesa di Santa Maria della Sapienza  in via Costantinopoli 106 per effettuare la pulizia straordinaria del sagrato e della parte esterna dell’edificio chiuso da anni e ridotto ad un porcile. Decine di volontari hanno raccolto quintali di rifiuti conferendoli in maniera differenziata grazie alla collaborazione dell’Asia che ha contribuito fornendo il materiale necessario alla raccolta dei rifiuti. Tra i materiali raccolti sono state trovate anche scarpe, stendini, fornelli e bottiglie piene di urina. «Un intervento doveroso per un edificio di culto completamente sommerso dal degrado e dall’incuria nel pieno centro storico della città». Queste le parole del consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha partecipato lle operazioni di bonifica insieme a militanti, attivisti e numerosi istituzionali  del Sole che Ride, tra i quali il consigliere comunale del Sole che Ride Marco Gaudini, il coportavoce cittadino dei Verdi Lello Caiazza, il consigliere municipale del Sole che Ride e responsabile di Miniera Salvatore Iodice, i consiglieri municipali Verdi Debora Piemontese e Gianni Caselli, l'assessore della seconda municipalità Roberto Marino e il consigliere comunale Francesco Vernetti, il rappresentante dei Verdi Enzo Vasquez e tanti altri volontari.

«Abbiamo voluto dare un primo segnale concreto sulla necessità di restituire la dignità ai numerosi monumenti del Centro storico – hanno proseguito Borrelli con Gaudini e Iodice – ma ovviamente serve la collaborazione dei cittadini che devono avere più senso civico e rispetto per i tesori della nostra città. In quest’ottica chiederemo che la manutenzione e la pulizia della Chiesa sia affidata a Mario Avallone, commerciante della zona, che si è offerto di dare il proprio contributo a impedire che torni a essere una discarica a cielo aperto. Speriamo che l’esempio di Mario sia seguito da tanti altri commercianti o da semplici cittadini che hanno voglia di essere protagonisti di un nuovo modo di vivere e agire in città!.

“Je so' pazzo" trascritta e cantata in greco antico dai liceali

NAPOLI. È stata sensazionale la partecipazione registrata durante l'ultima edizione della Giornata Mondiale della Lingua e della Cultura Greca: due giorni (venerdì 8 febbraio e sabato 9 febbraio) di rappresentazioni teatrali, canti e danze nella Sala dei Baroni del Maschio Angioino. Studentesse e studenti di circa 40 licei classici (provenienti da Napoli, dalle province campane, dal Veneto, con la presenza di dieci classi greche) si sono sfidati in una maratona dal titolo "Il viaggio delle idee". Tra le tante esibizioni meritevoli segnaliamo la suggestiva interpretazione di “Je so' pazzo" di Pino Daniele, trascritta e cantata in greco antico dal liceo Carducci di Nola e le coinvolgenti auto-interrogazioni sul sapere ellenico messe in scena dal liceo Vico di Napoli. Si tratta della quarta edizione della Giornata Mondiale della Lingua Greca: il 9 febbraio è la data di morte, nel 1857, di uno dei sommi poeti della moderna lingua greca, Dionysios Solomos, che scrisse l’inno nazionale. In due giorni di celebrazioni oltre 500 ragazzi hanno animato la Sala dei Baroni del Maschio Angioino. Felicissimi gli studenti greci, che hanno visitato la città di Napoli e hanno poi partecipato alla manifestazione.     
«Avvertiamo un grande senso di fratellanza e vicinanza con i greci, la storia e la cultura ci uniscono. L'enorme partecipazione a questa splendida iniziativa ispira anche un messaggio da inviare all'Unione Europea: noi non ci pieghiamo di fronte ai diktat finanziari, alle disuguaglianze e alle ingiustizie, perché il popolo greco e il popolo napoletano hanno nel sangue il senso di libertà e di giustizia sociale. Colgo anche l'occasione per ricordare l'importanza dei licei classici, dove si studia la storia dell'umanità e il pensiero libero", dichiara il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

«Sono onorata di essere qui in rappresentanza del Governo greco e commossa dalle rappresentazioni dei licei classici, che hanno interpretato in modo personale storia e cultura greca. Il nostro Ministero appoggia questa iniziativa e vuole promuovere l'insegnamento del greco all'estero, in particolare alle nuove generazioni greche che vivono qui in Italia. Nonostante le difficoltà economiche del nostro Paese, cerchiamo di potenziare i dipartimenti di lingua greca all'estero. Ringrazio la Comunità Ellenica locale», dichiara il vice Ministro dell'Istruzione Greca Meropi Tzoufi.

«Da Napoli, dalla nostra comunità greco-partenopea, è partita l'idea della Giornata Mondiale della Lingua Greca. Siamo arrivati alla quarta edizione e ora le celebrazioni si sono diffuse in tutto il mondo, nelle scuole greche in Congo, in Australia, in Romania, in molti capoluoghi italiani. Da Napoli si è diffuso un nuovo filoellenismo, un sentimento di simpatia (greco sympatheia: patire con, provare emozioni con) verso il mondo greco», afferma il professor Jannis Korinthios, organizzatore della manifestazione.

«Sono felice di partecipare a questa cerimonia di fraternità, questa è tra le manifestazioni culturali più importanti che si svolgono in città. Noi napoletani consideriamo come nostri progenitori i greci, ci consideriamo della stessa famiglia. I ragazzi sono stati splendidi e hanno arricchito questa giornata. Il tema vero di queste giornate è la fratellanza, l'amore tra i popoli e le persone, e il libro più bello sull'amore lo si deve a Platone: il Simposio. Vista l'enorme partecipazione, dobbiamo pensare a un luogo ancor più grande che possa accogliere la Giornata Mondiale della Lingua greca», spiega l'Assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nino Daniele.

«I nostri corsi hanno un numero sempre maggiore d’iscritti e numerose attività collaterali. Napoli e la Grecia hanno un rapporto millenario e noi lo alimentiamo con le nostre iniziative: a luglio, ad esempio, abbiamo organizzato una raccolta fondi per la protezione civile greca impegnata nelle zone dei devastanti incendi estivi. Siamo felici dell'interesse che questa Giornata suscita tra i ragazzi e del patrocinio di numerose, importanti, istituzioni, sia greche che italiane» dichiara il Presidente Comunità Ellenica di Napoli e della Campania Paul Kyprianou.

 

Morta dopo essere stata dimessa, disposta autopsia anche sul feto

NAPOLI. La Procura di Napoli ha disposto degli accertamenti tecnici irripetibili sul feto che Anna Siena, la donna di 36 anni deceduta lo scorso 18 gennaio nell'ospedale Vecchio Pellegrini di Napoli dal quale era stata dimessa per una lombosciatalgia tre giorni prima, aveva in grembo prima di morire. L'esame è in programma per lunedì prossimo. La gravidanza della donna era emersa durante l'autopsua effettuata lo scorso primo febbraio al Secondo Policlinico. Al momento risultano indagati due medici.

Rifiuti, 500 litri di oli e grassi sequestrati dai carabinieri

NAPOLI. Ditta stoccava illecitamente solventi per pulire ambienti e attrezzature sanitari, oli e grassi alimentari. I carabinieri del Noe hanno effettuato verifiche in una ditta di Napoli operante nel campo del trasporto e dello stoccaggio di rifiuti denunciando per gestione illecita di rifiuti l’amministratore unico, un 73enne di Napoli. Nella sede della ditta sono stati sottoposti a sequestro 500 litri di oli e grassi, scarti dell’industria alimentare, che l’azienda poteva solo trasportare, non stoccare. Sequestrati anche 29 grandi sacchi di nylon contenenti circa 8 tonnellate di carte e pellicole fotografiche costituite anche da argento o composti dell’argento: erano stoccate in un capannone adiacente a quello principale, non coperto dall’autorizzazione allo stoccaggio. Sequestrate in quel locale anche 13 taniche contenenti 325 litri di solventi provenienti dalla pulizia di ambienti e attrezzature sanitarie, sostanze quindi spesso venute in contatto con sostanza ematica.

Pane in vendita nel bagagliaio dell'auto, finisce nei guai

BACOLI. Vende abusivamente pane che tiene nel cofano, denunciato. Un 51enne di Bacoli è stato sorpreso dai carabinieri della locale stazione ad esporre in vendita, su via Carannante, 60 chili di pane in cattivo stato di conservazione ed esposti a smog e intemperie; li teneva tra l’altro nel bagagliaio della sua auto. L'uomo è stato denunciato per violazione delle norme che disciplinano l’igiene nella produzione e nella vendita degli alimenti. Il pane è stato sequestrato.

Palpeggia una ragazza e aggredisce carabinieri nel centro storico

NAPOLI. Importunata, palpeggiata e derubata del cellulare. Vittima di attimi di violenza è stata una ragazza che si trovava in un bar di vico Candelora, nel Centro storico di Napoli. Ad aggredirla è stato un 38enne del Rione Traiano già noto alle forze dell'ordine che prima si è avvicinato alla ragazza e le ha chiesto una cartina per sigarette ma poi non avendola ottenuta - perché la giovane non ne era in possesso - ha iniziato ad importunarla e a palpeggiarla. Mentre la giovane si dirigeva nel locale per trovarvi rifugio, il 38enne la seguiva e le strappava di mano il telefonino lanciandolo lontano. La ragazza riusciva ad entrare nel bar e a chiudere la porta, con l'aggressore che tentava di sfondarla. Poi, avuta percezione che stessero per arrivare  i carabinieri, l'uomo si allontanava in direzione Largo Banchi Nuovi dove i militari dell'Arma lo hanno individuato. Quando gli si sono avvicinati per bloccarlo, il 38enne ha reagito lanciando prima alcune bottiglie di vetro con il collo rotto prese da un cassonetto e poi un vaso dell'arredo urbano. Infine l'uomo ha innescato una colluttazione a calci e pugni che ha causato ad un carabiniere escoriazioni e contusioni guaribili in 15 giorni. L'uomo è stato arrestato e portato nel carcere di Poggioreale. 

Svolta nel delitto Marino, ecco i nomi dei killer

di Luigi Sannino

NAPOLI. Patrizia Marino, madre dei fratelli Girardi, fu uccisa perché si era messa a fare la detective nel paese scoprendo chi aveva ammazzato i figli. Lo diceva in giro in tono minaccioso e così il gruppo Maisto, responsabile del duplice omicidio dei trafficanti legati al clan Di Lauro, avrebbe deciso di tapparle la bocca. Da allora le indagini non si sono mai fermate e se è ormai chiaro il movente, mancherebbe ancora qualche dettaglio per identificare con precisione chi ha compiuto l’agguato del 28 ottobre 2006 ad Arzano. Nel frattempo altre dichiarazioni di pentiti si sono aggiunte a quelle di Emiliano Zapata Misso e Giuseppe Ambra. Eccone alcuni passaggi, con la consueta premessa che le persone citate devono essere ritenute estranee ai fatti narrati fino a prova contraria. 

CONTINUA A LEGGERE SUL GIORNALE ONLINE

Abusi in casa, 14enne denuncia l'orco e lo fa arrestare

PROCIDA. Aveva deciso che quelle violenze e quegli abusi sarebbero dovuti terminare. Così una ragazzina di 14 anni ha trovato il coraggio di chiedere aiuto e denunciare il tutto ai carabinieri. L'ennesima storia di violenza sessuale a danno di un minorenne si è consumata tra le mura domestiche è avvenuta sull'isola Procida. Ad intervenire sono stati i carabinieri, nell'ambito di un'attività investigativa coordinata dalla IV Sezione della Procura della Repubblica di Napoli. I militari dell'Arma hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli nei confronti di un uomo del posto ritenuto responsabile di violenza sessuale aggravata e continuata. Il provvedimento restrittivo è stato emesso al termine di una delicata attività investigativa scaturita dopo la denuncia della giovane vittima che, fermamente intenzionata a porre fine ad una triste e lunga vicenda di abusi sessuali, a novembre aveva trovato il coraggio di rivolgersi ai Carabinieri di Procida supportata da personale dei Servizi Sociali. L'arrestato adesso è in carcere a Poggioreale. 

A Forcella, ristoratori e associazioni uniti per lo sviluppo e la legalità

NAPOLI. Un incontro gastronomico con ristoratori del centro storico per sostenere con varie associazioni del territorio la volontà dello sviluppo economico e sociale nella legalità.

Lo ha promosso, nello spazio comunale Piazza Forcella, l’associazione Annalisa Durante, nata – all’indomani dell’assassinio di una ragazza di Forcella, vittima estranea di un regolamento di conti camorristico – per creare azioni di coesione e riscatto insieme a istituzioni e realtà di impresa e volontariato del territorio. Copromotori Legambiente – parco letterario VesuvioManallart e Parte Napoli.

Il sodalizio, che gestisce le attività culturali e sociali dell’omonima biblioteca, ha così rilanciato zona Ntl – Napoli, Turismo e Legalità, il progetto per il recupero dell’area compresa tra Forcella, Maddalena e porta Capuana, ricca di monumenti e testimonianze, artistiche e sociali, di grande valore e rara bellezza, che attendono da tempo la giusta valorizzazione e promozione.

Artigiani, commercianti, esperti del settore, giornalisti e cittadini hanno degustato piatti tipici e cocktails, preparati al momento da pizzaioli, gelatai e bartenders del territorio.

Cocktail di benvenuto la sangria speciale, dedicata alla rinascita del quartiere, di Leandra del Forcella spritz, il locale di Luigi Di Maro aperto giusto poche settimane fa. Antipasto con una bruschetta coloratissima di salsiccia, pomodorini gialli e peperoncino del Miracolo, la nuova pizzeria trattoria che si trova proprio sotto al grande murale di Jorit raffigurante san Gennaro, che per molti è visto come simbolo del cambiamento avviato nel quartiere. Poker di primi piatti con orecchiette, zucchine e gamberi, pasta e patate con provola e basilico, mezzanelli alla genovese e un originale gnocco con provolone del monaco e pomodorino del piennolo, preparati dalle trattorie il CardinaleSpuzzuliamm,Terra mia e la Piazzetta: un mix di bontà e tradizione che è possibile andare a scoprire nel tratto di via Tribunali che congiunge via Duomo con castel Capuano e scende giù lungo via Pietro Colletta, per rientrare in Forcella al complesso archeologico di Carminiello ai Mannesi, dove opera Mario Granieri, il giovane che ha avuto il coraggio di denunciare recentemente un’azione intimidatoria subita. Secondi piatti con la braciola di carne al vero ragù napoletano dell’antica osteria Pisano del mitico Gennaro, e il baccalà con insalata riccia, pomodorini epapaccelle della Trattoria del Cardinale. È stata, quindi, la volta di Faccia gialla, la pizza fritta, dedicata a san Gennaro, ripiena con provola dop di Agerola, ricotta, pomodorini gialli del piennolo e un pizzico di peperoncino, preparata da Enzo Durante di 1947 Pizza fritta. Dessert con il gelato alla nocciola e cioccolato della storica gelateria al polo Nord di Antonio Raio, che ha ideato il famoso spumone, gelato unito a semifreddo dal gusto speciale.

Il sommelier Andrea, sotto la regia di Silvana Guida di Blu Parthenope, ha selezionato i vini di qualità promossi dall’associazione Strada del vino Vesuvio e dei prodotti tipici Vesuviani, presieduta da Michele Romano.

La presidente dell’associazione Soma e PsicheMena Castaldo, ha descritto le valenze nutrizionali delle proposte gastronomiche.

«Gli episodi di criminalità nel centro storico di Napoli sono un ulteriore pungolo di impegno per affermare zona Ntl – spiega il presidente dell’associazione Durante Giuseppe Perna –: abbiamo tutti, imprese e associazioni, l’obiettivo di generare un circuito virtuoso che produca uno sviluppo economico sano e allo stesso tempo solidale, attraverso il quale sostenere anche le attività sociali del quartiere. A tal proposito anticipo che stiamo lavorando a sviluppare ulteriormente l’app per gli smartphones, già operativa per le piattaforme Android e iOs, per inserire l’offerta artigianale e gastronomica del “turismo della legalità” che propugniamo».

All’incontro hanno partecipato il Sindacato unitario Giornalisti della Campania,Giovanni Pinto, presidente del teatro Trianon VivianiSlow FoodAvventura di Latta e Lanificio 25, il centro culturale oggetto di recente minacce anonime, nonché le associazioni MeridaAssistenzaAnziani.org e Fiab Cicloverdi.

 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis