Sabato 15 Dicembre 2018 - 19:03

Prima la lite davanti alla discoteca, poi l'estorsione: arrestato 19enne a Ischia

ISCHIA. Prima un gruppo di giovani aveva aggredito dei coetanei nei pressi di una discoteca di Ischia la notte di Capodanno. Poi nelle settimane successive erano continuate minacce e propositi di vendetta mediante sms, messaggi Facebook e Whatsapp, fino a giungere alla richiesta di una somma di denaro per evitare il proseguire e soprattutto il concretizzarsi delle minacce. I carabinieri hanno arrestato così un 19enne di Barano d'Ischia e denunciato in stato di libertà un altro 19enne baranese. I militari dell'Arma sono intervenuti subito dopo che la vittima aveva consegnato 500 euro nelle mani di uno dei due giovani del gruppo opposto. Per entrambi l'accusa è di estorsione.

Droga dalla Spagna per il clan Nuvoletta, 21 arresti

NAPOLI. I carabinieri del Nucleo investigativo di Napoli hanno eseguito 21 ordinanze di custodia cautelare nell'ambito di un'operazione, coordinata dalla Dda, su traffici di droga dalla Spagna diretti a Napoli, in particolare a Miano, e Marano. Colpito il clan Nuvoletta, subentrato nell'attività illecita ai Polverino

Quarto, bomba carta esplode davanti al bar

QUARTO. Paura la notte scorsa a Quarto. Una bomba carta è stata fatta esplodere davanti alla serranda di un bar di via Campana : “Le Chic Cafè”, poco lontano dalla famosa “rotonda di Maradona”. Il forte, pauroso boato, è stato registrato attorno alle 4,30 ed avvertito chiaramente dai residenti dei tanti insediamenti abitativi della zona. L’esplosione è stata fortissima, tanto da essere stata udita anche a diversi chilometri di distanza, fino alla località San Nullo di Licola, San Rocco di Marano e “Villaricca 2”, in direzione Qualiano.

Truffa coppia di anziani a Pozzuoli, arrestato

POZZUOLI. La solita storia. La solita truffa. Le solite vittime: una coppia di anziani. Ma stavolta con un finale diverso. Sì, perché questa volta il truffatore è stato arrestato dai carabinieri praticamente in flagranza di reato, proprio mentre era convinto di aver messo a segno il suo raggiro con la nota tecnica “del finto nipote”. Rosario De Felice, 43anni, ha tentato di vendere un accessorio per notebook di scarso valore per la somma di 1.900 euro. Per farlo aveva adocchiato una coppia di anziani, che evidentemente devono essergli parse le persone ideali nei panni delle vittime. Ma i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Pozzuoli, grazie al loro intuito, sono intervenuti praticamente in tempo reale arrestando il truffatore.

Nasconde la droga nel barattolo dei pelati, pusher in manette

NAPOLI. Si trovava ai domiciliari perché era stato indagato per il reato di rapina, nel frattempo però aveva pensato bene di 'arrotondare' spacciando cocaina a casa. A scoprire il pusher, un giovane di 24 anni, sono stati gli agenti del Commissariato di Polizia ''Decumani''. I poliziotti, infatti, questa mattina hanno effettuato una perquisizione in casa del ragazzo: durante il controllo gi agenti si sono insospettiti quando hanno notato nella dispensa della cucina alcune lattine di pomodori che pur essendo uguali avevano un diverso peso. Aprendo una lattina, perfettamente sigillata, i poliziotti hanno scoperto che all'interno c'era cocaina. In una confezione di merendine, inoltre, è stato trovato un bilancino di precisione. Rinvenuta e sequestrata anche la somma di oltre 2.300 euro. Il giovane è stato arrestato e condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Tentano rapina alle poste, presi due di Giugliano

SALERNO. Sono due rapinatori di Giugliano i responsabili dell’irruzione all’interno dell’ufficio postale di Ogliara verificatasi questa mattina. I poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Salerno li hanno arrestati in flagranza di reato. si tratta di Poziello Miraglia Vincenzo e di Ciccarelli Aldo, entrambi 49enni della provincia di Napoli, residenti nel comune di Giugliano, annoveranti precedenti specifici per il reato di rapina aggravata dall’uso delle armi.

Cosenza, morta bimba di 7 mesi: forse soffocata. Sospetti sulla madre

COSENZA. Tragedia a Cosenza, dove una bimba di sette mesi è morta forse soffocata da un cuscino. È accaduto nell'appartamento di via Molinella dove vive la famiglia. È stato il padre a dare l'allarme, passando nella stanza dove si trovava la piccola e notandola già priva di sensi. La bimba è stata portata in ospedale ma era già priva di vita. Forti sospetti sulla madre, che ha ingerito barbiturici e si trova ricoverata in ospedale, piantonata dai carabinieri. Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia di Cosenza e del Comando provinciale bruzio, che stanno ascoltando il padre della piccola, la madre e la sua badante.

Parco metropolitano delle colline, Rostan (Pd): inaccettabile non utilizzare 35 milioni

NAPOLI. «Il Parco delle Colline di Napoli, unico parco metropolitano d’Italia, proprio per la sua caratteristica di insistere nel tessuto urbano della città, svolge un ruolo fondamentale per mantenere l’unico polmone verde di una città densamente urbanizzata». Le parole sono della deputata campana Michela Rostan, componente della Commissione Ecomafie, rilasciate nel corso di una manifestazione pubblica tenutasi ieri a Chiaiano sul tema del rilancio del Parco metropolitano. «Data la necessità di tutelare i preziosi insediamenti produttivi che lo caratterizzano e di favorirne lo sviluppo puntando su progetti che incentivino il turismo, i consorzi di produttori agricoli, e le realtà dell’artigianato locale, considero inaccettabile - ha proseguito la parlamentare democrat - che vi siano fondi per 35 milioni di euro per il recupero del Parco dei Camaldoli ancora non utilizzati. Queste inefficienze nel gestire la cosa pubblica non possono più essere tollerate poiché allontanano sempre di più la città dalla necessaria sintonia con il Governo e con gli altri enti locali», ha concluso Rostan. 

Castellammare, arrestati padre e figlio spacciatori

CASTELLAMMARE DI STABIA. I carabinieri di Castellammare di Stabia hanno arrrestato Pasquale e Ciro Avella, 51 e 22 anni, padre e figlio. I due sono ritenuti responsabili di cessioni di cocaina a vari acquirenti, perpetrate in vicinanza della loro abitazione (nel rione Savorito). Per impedire la perquisizione della sua casa, Pasquale ha aggredito verbalmente e fisicamente alcuni militari, che comunque sono riusciti a immobilizzarlo e a procedere con l'atto d'indagine. Nell'abitazione sono stati rinvenuti e sequestrati 5 grammi di marijuana e 2 di cocaina.

Terra dei fuochi, Ercolano a secco
di fondi

ERCOLANO. Il punto è tanto semplice quanto disarmante:  «L'Amministrazione nel  2013 non aveva partecipato al bando della Regione Campania, né aveva aderito al Patto per la Terra dei Fuochi promosso dal Ministero dell’Interno». Risultato: Ercolano resta senza soldi. Parlaimo dei fondi attribuiti dalla Regione Campania per contrastare il fenomeno dei roghi di rifiuti, 7,5 milioni finiti nelle casse di vari Comuni della terra dei fuochi. Tranne Ercolano che, nonostante sia da tempo alle prese con il fenomeno degli incendi dell'immondizia, non ha ricevuto soldi perché, come spiega il sindaco, Ciro Buonajuto, «l'Amministrazione nel  2013 non aveva partecipato al bando della Regione Campania, né aveva aderito al Patto per la Terra dei Fuochi promosso dal Ministero dell’Interno». 

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno