Sabato 22 Settembre 2018 - 21:18

Allarme bomba agli uffici dei Giudici di Pace

NAPOLI. -Allarme bomba stamattina negli uffici dei Giudici di Pace fatto evacuare per precauzione. In seguito alla bonifica, gli artificieri della polizia hanno accertato che si trattava di un falso allarme. Utenti e dipendenti, oltre un centinaio, che erano stati fatti evacuare, sono potuti rientrare. L'allarme e' scattato poco dopo le 10 in seguito a una telefonata, anonima, giunta al 112 della Sala operativa dei carabinieri che annunciava la presenza di un ordigno nell'ex caserma in via Foria. Segnalazione, immediatamente, smistata alla polizia, in quanto zona di sua competenza, che ha inviato sul posto gli artificieri e l'unita' cinofila. Dopo oltre un'ora di controlli il cessato allarme.

Sale sulle ecoballe e minaccia di darsi fuoco

MARIGLIANO. Dramma umano e sociale al sito di ecoballe di Boscofangone, dove un padre di famiglia senza stipendio da 32 mesi e in preda alla disperazione, è salito su una delle nere collinette di “monnezza" armato di alcol denaturato e minaccia di darsi fuoco. L'uomo, Salvatore Bottiglieri 48 anni, separato padre di quattro figli, a seguito di questa grave precarietà ha perso tutto: casa, famiglia e dignità. Da oltre sette mesi vive e dorme in un container posto all'interno del sito, ai piedi delle ecoballe, campa di stenti solo grazie alla solidarietà di amici e colleghi che con lui dividono la medesima sorte. Sono undici infatti i dipendenti del consorzio regionale di Bacino, come lui impiegati nel sito di Boscofangone, che da 32 mesi non percepiscono alcuno stipendio, ma continuano nonostante tutto a svolgere il proprio lavoro di vigilanza per la sicurezza del sito, sicurezza che però ora nessuno più potrà garantire, le 57mila tonnellate di ecoballe infatti, sono ormai una bomba ad orologeria nelle mani di disperati e se l'esasperazione avesse il sopravvento, basterebbe un piccola scintilla per mandare in fumo le colline della vergogna e causare un disastro ambientale di proporzioni catastrofiche.

Turista inciampa nella pavimentazione sconnessa di via Toledo, ferito

Un turista è rimasto ferito dopo essere inciampato in un basolo sconnesso della pavimentazione in via Toledo. 

L' uomo, di mezza età, che era in compagnia della moglie, è caduto all' altezza del civico 146 ed è stato soccorso da alcuni passanti, che hanno chiamato il 118.

L'uomo ha riportato un ferita ed una contusione ad un braccio. I medici del 118 dopo averlo medicato lo hanno accompagnato in ospedale epr ulteriori accertamenti

 

 

Serra di marijuana in casa,
studente 21enne in manette

TERZIGNO. I Carabinieri di Terzigno hanno arrestato Ettore Iorio,  studente 21enne del luogo, responsabile di coltivazione di stupefacente. Nel corso di una perquisizione domiciliare i militari hanno rinvenuto e sequestrato nella sua casa 5 piante di cannabis indica che il giovane coltivava in un serra artigianale installata nel seminterrato, nonchè 37 grammi di marijuana già essiccata, che teneva nascosti in camera da letto.

Criminalità, 18enne ferito a colpi di pistola a Capodimonte

NAPOLI. Un ragazzo di 18 anni è stato ferito a colpi di pistola in circostanze non ancora chiarite questa notte nella zona di Capodimonte. Il ragazzo, che abita in via Ianfolla, a Scampia, si è presentato in compagnia della madre poco prima dell 1.30 al Pronto soccorso del "Cardarelli". I colpi di pistola gli hanno procurato la frattura della tibia. Il 18 enne è ricoverato con una prognosi di 25 giorni. Alla Polizia il ragazzo ha detto di essere stato ferito da rapinatori in via Salita Capodimonte, che lo avrebbero "punito" perché non era in possesso di denaro e di telefono cellulare. Ma la versione non è ritenuta credibile dalla Polizia. Gli agenti del Commissariato Arenella stanno interrogando il 18 enne ed effettuando riscontri sul suo racconto.  

Whirlpool, bloccati gli accessi alla zona industriale di Carinaro

CASERTA. Sesto giorno di protesta allo stabilimento Whirlpool-Indesit di Carinaro (Caserta). Anche questa mattina i dipendenti hanno bloccato gli accessi alla zona industriale impedendo a decine di camion di caricare e scaricare prodotti e merci della stessa Whirlpool e di altre aziende. Sul posto i funzionari della Polizia di Stato stanno cercando di mediare e convincere i manifestanti ad allentare il blocco per evitare che la tensione possa degenerare.

 

 

Colpo al traffico internazionale: 27 narcos dei Di Lauro in carcere. Volevano uccidere anche un nemico durante il Gran Premio di F1 in Spagna

NAPOLI. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno dato esecuzione a una Ordinanza di Custodia Cautelare emessa dal GIP di Napoli, traendo in arresto 27 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, estorsione e traffico internazionale di stupefacenti, aggravato dalla disponibilità di armi e dall’impiego di un minorenne.
Le indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, hanno documentato la gestione delle “piazze di spaccio” dei famigerati rioni a nord del capoluogo campano “Terzo Mondo” e “Berlingieri” da parte del clan “Di Lauro”, dedito all’importazione dello stupefacente dalla Spagna.
Nel corso delle investigazioni sono stati sequestrati 31 chilogrammi di “cocaina” dai militari dell’Arma, che hanno altresì sventato un progetto omicidiario all’estero ed accertato numerose estorsioni poste in essere nei confronti degli ambulanti del locale mercatino rionale.

SVENTATO UN OMICIDIO DURANTE IL GRAN PREMIO F1 A BARCELLONA. Il clan di Lauro stava progettando di uccidere alcuni rivali, affiliati agli scissionisti in occasione di un evento di risonanza mondiale come il gran premio di formula 1 di Montmelò-Barcellona del 27 aprile 2008. Gli affiliati stavano cercando armi e assistenza logistica. Un blitz dei Carabinieri e della Guardia Civil spagnola ha evitato che il progetto fosse portato a compimento. 

FINTE LOTTERIE PER IMPORRE IL PIZZO AGLI AMBULANTI. Attraverso una lotteria fasulla il clan Di Lauro imponeva il pizzo agli ambulanti che allestivano le proprie bancarelle nel mercatino del rione Berlingieri di Secondigliano, a Napoli. L'ordinanza di custodia cautelare, per 28 persone (l'attuale capo del clan, Marco Di Lauro, è latitante) è stata emessa dal gip Pietro Carola su richiesta del pm antimafia di Napoli Maurizio De Marco. Attraverso le estorsioni imposte anche con violenza e minacce dal gruppo De Lucia, il clan Di Lauro rimpinguava la sue casse: la cosiddetta "riffa" fruttava cinque euro a settimana per ogni bancarella.

MINORENNE USATA PER CONFEZIONARE LA DROGA. Una delle cinque donne arrestate, utilizzava una ragazzina che aveva circa 14 anni all'epoca dei fatti (2007-2008) per confezionare, tagliare e consegnare la droga. La ragazzina dopo avere dato una mano, provvedeva anche a portarla ai pusher in attività nelle piazze di spaccio del quartiere Secondigliano di Napoli.

 

 

 

 

 

Polveri sottili, San Vitaliano
comune più inquinato d'Italia

SAN VITALIANO. Polveri sottili: è allarme ambientale a San Vitaliano classificato dai rilievi di Asl e Arpac, il comune più inquinato d’Italia. Primato inquietante per la piccola cittadina dell’Agro nolano, che entra di diritto nella triste classifica dei primi dieci luoghi più avvelenati del mondo. Un record negativo e preoccupante che sta togliendo il sonno ai cittadini del piccolo comune, ma anche a quelli dei territori limitrofi, che nonostante i confini “immaginari” che ne delimitano la territorialità, respirano la stessa “mal’aria”. Stando ai dati registrati dalla centralina di rilevamento dell’Arpac posta in via Risorgimento, i valori delle polveri sottili avrebbero sforato i limiti stabiliti dalla legge; 50 microgrammi per metro cubo, la soglia del valore limite giornaliero può essere superato non più di 35 volte nell’arco di un anno, a San Vitaliano il limite è stato superato 51 volte in soli 100 giorni.

Tubercolosi in scuola a Soccavo, Ciotola (Fi): «Necessario vigilare e monitorare salute dei cittadini»

NAPOLI. Solo giovedì scorso sono partite le procedure di allerta ed emergenza, attivate da parte dell’Asl territoriale –  in seguito alla segnalazione agli organi  competenti –  di un ragazzino affetto da  Tubercolosi,  studente della scuola Pirandello Svevo di Soccavo. Questa malattia, che solitamente attacca i polmoni (ma può colpire anche altre parti del corpo) e si trasmette per via aerea attraverso goccioline di saliva emesse con la tosse secca, debellata in Italia da più di 40 anni, si è ripresentata improvvisamente nella 9a Municipalità della city partenopea. Il vice coordinatore di Forza Italia della città metropolitana di Napoli, Claudio Ciotola, chiede a tutti gli organi competenti di vigilare e monitorare la salute di tutti i cittadini che sono stati a rischio di contagio.

Acerra, volontario cade da due metri: è grave

ACERRA. Volontario della Protezione civile sale sul monumento ai Caduti di guerra per rimuovere alcune lastre di bronzo, ma cade da un'altezza di due metri. Adesso è ricoverato in gravi condizioni al Cardarelli di Napoli. L'incidente ieri, nel primo pomeriggio, nella centralissima piazza Castello. Sono da poco passate le 14,30, quando Francesco Barbetta, 65 anni, un vero e proprio mito del volontariato campano, giunge in piazza del Castello dove, secondo la segnalazione ricevuta dalla polizia locale, c’erano da rimuovere alcune lastre di  bronzo che nella notte qualcuno aveva tentato di staccare dal muro. Francesco, volontario da sempre in prima linea, sale sul monumento cercando con alcuni attrezzi di staccare la lastra posta sul davanti del monumento. Improvvisamente, perde l’equilibrio cadendo da poco più di due metri d’altezza, finendo con la schiena sul monumento di granito e poi a terra. Subito viene allertato il 118, che pochi minuti dopo è sul posto con un medico, che provvede a caricarlo a bordo del veicolo, portandolo a sirene spiegate presso il presidio sanitario acerrano, dove uno dei medici di turno, resosi conto della gravita della situazione, ha provveduto poi a trasferirlo. Oltre alla frattura di sei costole, ha riportato un versamento pleurico.

AMPIO SERVIZIO SUL GIORNALE IN EDICOLA

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
BIRRE IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli