Martedì 16 Ottobre 2018 - 3:36

Agguato sulla foce del lago Fusaro, arrestato ucraino

BACOLI. Un immigrato ucraino - George Mikailu, 41 anni, senza fissa dimora - è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentativo di omicidio e porto abusivo d'arma. George - secondo quanto emerso dalle indagini dei militari - è accusato di essere il responsabile del ferimento di un uomo di 32 anni avvenuto a Bacoli, in località Spiagge Romane, l'11
aprile scorso. L' ucraino avrebbe agito a bordo di uno scooter guidato da un complice, che i carabinieri stanno cercando di identificare. Contro l'uomo sono stati sparati tre colpi di pistola, che lo ferirono al braccio destro e alla guancia sinistra. Ricoverato all' ospedale Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli, l'uomo è stato giudicato guaribile in 20 giorni. Alla base del ferimento ci sarebbero stati rancori personali tra i due. 

 

Droga nelle aiuole, sequestro e un arresto al Parco Verde

CAIVANO. I carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna hanno arrestato per evasione dagli arresti domiciliari e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti G. D. M., 44 anni, già noto alle forze dell'ordine, attualmente sottoposto ai domiciliari per associazione per delinquere, ricettazione e detenzione a fini di spaccio di stupefacenti. Durante i controlli nel complesso di edilizia popolare del “Parco Verde”, i militari hanno sorpreso e bloccato il 44enne nei pressi della sua abitazione in stato di evasione. Sottoposto a perquisizione è stato trovato possesso di 60 dosi di crack, del peso complessivo di 13 grammi, 4 confezioni di marijuana, del peso complessivo di 5 grammi e di 210 euro in denaro contante, ritenuti provento d’illecita attività. Durante l’operazione i carabinieri, hanno esteso la perquisizione nelle zone adiacenti, rinvenendo nascosti tra le aiuole 48 stecchette di hashish, per un peso complessivo di 117 grammi, 51 confezioni di marijuana, per un peso complessivo di 60 grammi e 2 coltelli da cucina presumibilmente usati per tagliare lo stupefacente. L’arrestato è stato tradotto nel carcere di Poggioreale.

Chiaia. Rissa ai "baretti", 16enne accoltellato

NAPOLI. Rissa a Chiaia, nella zona denominata "baretti". Protagonisti della un gruppo di minorenni che per futili motivi hanno iniziato a litigare per passare dalla parole ai calci e pungi in pochi minuti. Durante la violenta rissa è comparso un coltello e un ragazzo di 16 anni è stato ferito al braccio. L'episodio è accaduto tra pizza San Pasquale e piazza dei Martiri. Il ragazzo ferito al braccio è stato prontamente soccorso dal padre che lo ha portato all'ospedale Pellegrini dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di 15 giorni. sull'episodio indagano gli agenti del commissariato "San Ferdinando"

Rione Traiano, maxi sequestro di droga

NAPOLI. I componenti di una famiglia di incensurati sono stati denunciati a piede libero nel corso di un'operazione antidroga dei carabinieri nel Rione Traiano. In una piazza di spaccio sono stati sequestrati tre chili di di stupefacenti e denunciate cinque persone.  Sono stati i militari del nucleo operativo della compagnia Napoli Rione Traiano (guidati dal capitano Nicola Quartarone) a portare a compimento con successo uno specifico servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dello spaccio di stupefacenti nel complesso di edilizia polare in viale Traiano, con perquisizioni e controlli di pregiudicati della zona. In particolare gli uomini dell'Arma hanno perquisito le numerose cantinole e in una di queste sono stati trovati: 1,1 kg di cocaina pura, sigillata a “panetto”; 1,3 kg di hashish, diviso in 20 panetti; 800 grammi di marijuana, divisa in 23 confezioni; un serbatoio per pistola calibro 9 con 11 cartucce; 5 radio trasmittenti; 2 flaconi contenente “lidocaina” e “etere etilico”, sostanza per tagliare lo stupefacente; 3 bilancini di precisione e vario materiale per confezionare lo stupefacente. Con successive verifiche i carabinieri hanno accertato che la proprietà
dell’immobile è riconducibile ad una famiglia del luogo, composta dal padre 66enne e madre 50enne incensurati, figlio 33enne già noto alle forze dell'ordine, figlia 35enne e il marito 40enne di
 quest’ultima, entrambi incensurati. Tutto il materiale è stato sequestrato, lo stupefacente se fosse stato immesso sul mercato, avrebbe fruttato ai pusher oltre 200mila euro.

Shopping a Chiaia con carte di credito clonate: tre arresti

NAPOLI. I carabinieri della Stazione Napoli Chiaia hanno arrestato per possesso di carte di credito di provenienza illecita e possesso documenti d’identificazione falsi Abbruzzese Enrico, 45 anni, residente in via A. Volta, Palumbo Stefano, 33 anni, residente in via Letizia Colli Aminei e Santojanni Ilaria, 34 anni, residente in via Giulio Palermo, tutti già noti alle forze dell'ordine. I militari dell’Arma, con l’aumentare delle denunce ricevute per carte di credito clonate, hanno intensificato le indagini che li ha portati ad effettuare numerosi controlli in zona, in particolare hanno fermato i predetti a bordo di una monovolume guidato da Abbruzzese e, sottoposti a perquisizione, li hanno trovato in possesso di 6 patenti di guida, 8 tessere sanitarie, 2 carte di identità, tutti falsi e di 6 carte di credito clonate. I documenti d’identità sequestrati riportavano tutti le foto degli arrestati ma con i dati anagrafici di ignari cittadini, titolari delle carte di credito clonate che avevano a seguito. Tutto il materiale è stato rinvenuto in un vano creato artigianalmente sotto il cassetto porta oggetti dell’auto ed è stato sequestrato come pure il monovolume. Proseguono le indagini dei Carabinieri per identificare le vittime di truffe messe a segno dal terzetto.

Bagnoli, de Magistris incontra Renzi: «No al commissario»

NAPOLI. "Negli uffici della sovrintendenza a Pompei c'è stato un incontro importante". Lo annuncia il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine del convegno, in corso alla Mostra d'Oltremare, sul ruolo dei sindaci e lo Sblocca Italia. L'incontro a cui il sindaco fa riferimento è venuto quello con il premier Renzi a Pompei, avvenuto alle 9, dopo una decisione rapida dl premier che, ieri sera ha fatto contattare il primo cittadino di Napoli per un confronto su temi e problemi della città. "Ho posto una serie di punti", spiega de Magistris, "soprattutto un no al commissariamento di Bagnoli. Siamo pronti a una proposta seria, discussa con la città e approvata dal Consiglio e dalla Giunta. Vogliamo dialogare con le istituzioni rappresentative degli equilibri democratici del Paese, la Regione Campania, il Governo; non siamo quelli del passato che sono stati immobili, in alcuni casi speculatori, che hanno sperperato risorse pubbliche. Abbiamo una proposta che non è il Vangelo, può essere migliorabile, ma non accettiamo il commissariamento. Su questo ho mantenuto una posizione ferma. Il presidente del Consiglio ha ribadito che la legge sta la e la deve attuare, vediamo quali saranno le sue prossime mosse". 
Molti gli argomenti di discussione, tra cui la conferma dell'appuntamento del sedici maggio per l'apertura della metropolitana di piazza Municipio, alla quale parteciperà anche Renzi. "Abbiamo fatto il punto su un nostro progetto importante che è quello delle Vele", prosegue il sindaco, che ieri "adesso sta in una fase molto avanzata. Contiamo di chiudere prima dell'estate l'abbattimento e la riqualificazione. Un progetto enorme dove sarebbe interessante porre la sede della città metropolitana, Scampia non più periferia ma centro. Il presidente ha accolto questa proposta con grande interesse". Il sindaco ha sottoposto al premier il problema dei tagli, gravosi "non solo per città di Napoli ma per tutti i sindaci". De Magistris ha fatto notare a Renzi anche il paradosso dell'Rc auto, "che sa di beffa", "il presidente ha convenuto che su questo bisogna operare una correzione, che la dovrebbe realizzare anche l'Anci". "Credo", conclude il sindaco, "sia stato un incontro importante perché si è riconosciuta una legittimità alle proposte di Napoli".

Vede l'ex con un uomo sposato, la picchia e la ricatta

TORRE DEL GRECO. I carabinieri della Stazione Capoluogo di Torre del Greco, agli ordini del comandante Vincenzo Amitrano, hanno arrestato per estorsione, tentata violenza sessuale e lesioni personali R. S., 30 anni, di Torre del Greco, già noto alle forze dell'ordine. L'uomo ha notato la sua ex compagna assieme ad un uomo e, dopo averli fotografati insieme, l’ha estratta con forza dall’auto e picchiata. Successivamente l'ha contattata chiedendogli soldi e una prestazione sesuale per evitare di divulgare sul web la foto scattata insieme al suo amico, in quanto quest’ultimo è sposato. Ma all’appuntamento concordato sul viale Europa si sono presentati i carabinieri che hanno arrestato l'uomo.

 

Cardarelli, donna tenta di uccidersi: eveva trasmesso l'epatite alla nipotina

NAPOLI. Una donna, di Bacoli, 61enne, nel piazzale antistante il pronto soccorso dell'ospedale Cradrelli si è data prima una coltellata alla gola e poi una al petto nel tentativo di uccidersi. La donna ha commesso l'estremo gesto davanti al personale delle ambulanze e ai parenti dei pazienti portati nel padiglione delle emergenze. La donna è stata soccorsa e trasferita subito in rinimazione ed è stata poi sottoposta ad intervento chirurgico. Ai medici del pronto soccorso che l'hanno aiutata ha detto di aver tentato quell'estremo gesto eprchè ha scoperto di aver contagiato la nipotina con l'epatite virale, patologia da cui è affetta.

 

 

Rifiuta di pagare parcheggio, abusivi lo picchiano

QUALIANO. Due immigrati africani che facevano i parcheggiatori abusivi a Qualiano nei pressi di un negozio picchiato un automobilista che ha rifiutato di pagare per la sosta dell' auto e sono stati arrestati dai carabinieri. Kyere Peter, 35 anni e Kwaku John, 27 anni, entrambi immigrati del Ghana e senza fissa dimora hanno aggredito a calci e pugni un 35 enne di Qualiano, che aveva parcheggiato l' auto al Corso Europa. L' uomo è stato medicato all' ospedale di Giugliano per ferite guaribili in 10 giorni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno arrestato i due africani per tentativo di estorsione e lesioni. I due ghanesi sono stati trasferiti nel carcere di Poggioreale. 

 

Arzano, tenta estorsione ad un ambulante: preso 22enne

ARZANO. Tenta di estorcere denaro a un ambulante, preso 22enne. I carabinieri della locale Tenenza insieme ai colleghi del Battaglione Puglia hanno arrestato per tentata estorsione e resistenza a pubblico ufficiale Salvatore Petrillo, di Arzano. Il giovane, già noto alle forze dell'ordine, è stato visto nel centro cittadino, insieme ad un complice in via d’identificazione, mentre avvicinava un ambulante. Il 22enne, millantando il possesso di una pistola, ha tentato di costringere il venditore  a pagare una somma di denaro per poter proseguire la sua attività. Alla vista dei carabinieri ha tentato la fuga, venendo comunque bloccato dopo breve inseguimento e una violenta colluttazione. Il complice è riuscito a far perdere le tracce. L’arrestato è in attesa di rito direttissimo.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano