Domenica 16 Dicembre 2018 - 18:36

Controlli al centro: 40 parcheggiatori abusivi e centinaia di multe

NAPOLI. I Carabinieri della Compagnia Napoli Centro insieme a colleghi del Nucleo Radiomobile di Napoli hanno effettuato servizi organizzati durante il fine settimana per contrastare fenomeni d’illegalità diffusa e per garantire una movida tranquilla nelle zone di piazza Bellini, in via Toledo, nei Quartieri Spagnoli e nel Quartiere Chiaia. Durante i controlli alla circolazione stradale sono state contestate 158 infrazioni al codice per un ammontare complessivo di circa 91mila euro e sono stati denunciati 21 giovani trovati alla guida in mezzo al traffico serale di auto e scooter senza aver mai conseguito la patente. 

Auto si ribalta sulla 162, morto un 19enne: un 22enne rischia l'amputazione della gamba

CERCOLA. Un 19enne è morto e un 22enne è ricoverato in gravissime condizioni a seguito di un incidente avvenuto poco prima delle 5 di questa mattina sulla Ss 162, nel comune di Cercola. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, all'altezza dell'uscita di via Argine, un'auto con a bordo tre persone, tra i quali il 19enne e il 22enne, è sfuggita al controllo del conducente e ha urtato il guardrail, fermandosi al centro della carreggiata; un'altra auto è sopraggiunta urtando la prima. Il 19enne di San Gennaro Vesuviano, Gaetano La Marca, è morto sul colpo, mentre il 22enne è stato trasportato all'ospedale Loreto Mare e rischia l'amputazione di una gamba. Il terzo passeggero, 21 anni, ha riportato ferite meno gravi ed è ricoverato all'ospedale Cardarelli. Nessuna conseguenza per gli occupanti della seconda auto, un 24enne napoletano e una 23enne di Pomigliano d'Arco.

 

Gomorra 2, il sindaco di Acerra dice no alle riprese

ACERRA. No alle riprese di Gomorra 2 ad Acerra. In riferimento all’ipotesi di girare delle scene della serie “Gomorra 2” ad Acerra, il sindaco Raffaele Lettieri ha annunciato la propria intenzione di agire in ogni sede opportuna per tutelare l’immagine della città e dei cittadini di Acerra «descritta da alcuni, che non conoscono la realtà della città, in maniera totalmente difforme da come è, ma solo frutto di stereotipi» spiega. «Nessuna richiesta di permesso o autorizzazione è mai pervenuta all’Ente, qualora tali richieste dovessero essere mai avanzate, quest’Amministrazione non autorizzerà alcuna ripresa, evitando così la spettacolarizzazione di questi stereotipi negativi già diffusi e malamente veicolati da qualcuno» ha concluso. Qualche tempo fa anche il sindaco di Afragola, Domenico Tuccillo, aveva detto no alle riprese della serie tv.

Pompei Scavi "racconta" ai visitatori i lavori per costruire il percorso per disabili

POMPEI. Onde evitare discussioni e polemiche sui disagi prodotti dal nuovo cantiere aperto negli Scavi di Pompei, la Soprintendenza "spiegherà" ai visitatori quello che sta realizzando. Parte, infatti, negli Scavi di Pompei il  progetto ''Pompei per tutti''  un percorso di visita facilitato, di circa 1,5 chilometri, che consentirà anche a persone con difficoltà motorie di visitare l’area archeologica attraverso un agevole e sicuro itinerario turistico che si sviluppa dall’ingresso di Piazza Anfiteatro al  Tempio di Venere. I lavori per la realizzazione del percorso agevolato è in corso e saranno raccontati ai visitatori. La Soprintendenza Speciale di Pompei, Ercolano e Stabia, assieme alla Direzione Generale del Grande Progetto Pompei, ha previsto, dal 3 al 14 agosto, punti informativi per illustrare il progetto. Sarà un nuovo modo di raccontare gli interventi di lavoro nel sito archeologico e rendere il pubblico partecipe delle attività di restauro e valorizzazione in corso negli scavi. Il progetto ''Pompei per Tutti'' consentirà 
Ai disabili di attraversare l’area centrale dell’antica Pompei. Inserito nell’ambito del Grande Progetto Pompei, l’itinerario prevede la realizzazione di una pista dedicata e il passaggio sui marciapiedi antichi che saranno resi praticabili anche agli utenti su sedia a rotelle, che così avranno accesso  alle domus e ai monumenti più importanti.
Prima di realizzare i nuovi percorsi si stanno effettuando scavi archeologici che stanno restituendo utili informazioni relative alla struttura degli antichi marciapiedi e dei portici del Foro e del santuario di Venere.
Dal 3 al 14 agosto (dal lunedì al venerdì alle ore 10, 11, 12)  gli archeologi sul campo illustreranno la loro attività agli interessati. Saranno organizzati dei punti informativi, identificati attraverso una segnaletica apposita, presso il Tempio di Venere (lato Nord), il portico Sud del Foro, il tempio di Apollo, via di Mercurio (in corrispondenza della Casa di Apollo), via dell’Abbondanza (in corrispondenza della Casa delle Venere in bikini), vicolo dell’Anfiteatro (lato su via dell’Abbondanza).
Il progetto rispetta al contempo gli standard dell’accessibilità museale e i criteri di tutela e conservazione del patrimonio archeologico garantendo la totale reversibilità. Particolare attenzione è stata posta all’armonizzazione estetica nel contesto del sito.
Dalle indagini in corso stanno risultando oggi meglio note le varie trasformazioni subite negli anni dai marciapiedi in connessione con gli  sviluppi urbanistici della città antica e le esigenze delle famiglie proprietarie delle domus.
Di particolare interesse promettono di essere gli approfondimenti che partiranno lunedì 3 agosto nel portico Ovest del Foro al confine con l’attuale muro di recinzione del santuario di Apollo, in collaborazione con la Seconda Università degli Studi di Napoli (prof. Carlo Rescigno).

Camorra e pizzo, torna libero il boss Luigi Cimmino

Associazione camorristica ed estorsione aggravata dal metodo mafioso. Non sono bastati due capi di imputazione solidi per trattenere in carcere Luigi Cimmino, considerato da inquirenti ed investigatori il boss del Vomero, il quale era finito in carcere una settimana fa nel corso di una clamorosa retata (nella foto). Contro di lui era stata emessa una ordinanza di custodia cautelare perché ritenuto il mandante di una serie di estorsioni compiute ai danni di alcuni cantieri edili della zona collinare e in particolare uno per l'ampliamento della Tangenziale e uno per i lavori di ristrutturazione di un padiglione dell'ospedale.

Una mega-pista di pattinaggio al parco del Poggio

NAPOLI. E’ stata presentata dalla giunta municipale della Terza Municipalità una proposta al Comune di Napoli di modifica del lago artificiale all’interno del parco del Poggio trasformandolo nella più grande pista di pattinaggio a Napoli. Il laghetto all’interno del parco è da anni abbandonato per carenza di manutenzione ordinaria dovuta alle difficoltà finanziarie in cui versa l'Amministrazione comunale. Per tale motivo la Giunta della III Municipalità ha approvato una delibera di proposta per trasformare il laghetto in una pista di pattinaggio a rotelle, destinata ad attività sportive e ricreative. La proposta di modifica del laghetto dovrà essere vagliata da Palazzo San Giacomo, sotto la cui competenza rientra la gestione del parco. A breve partirà una petizione popolare a supporto di tale iniziativa. 
red

Faida di Forcella, sparatoria in vico Carbonara: ucciso 21enne.

NAPOLI. È morto, poche ore dopo il ricovero, Luigi Galetta, 21enne meccanico incensurat. Il ragazzo è stato raggiunto da alcuni colpi di arma da fuoco in vico Carbonara fuori l'officina dove lavora. Trasportato a Loreto Mare, non è riuscito a sopravvivere alle gravi ferite. Sul posto le forze dell'ordine per i primi rilievi. L'agguato potrebbe rientrare nella faida che sta insanguinado Forcella.

Banda del buco rapina il Banco di Napoli, tre in fuga

NAPOLI. Sono entrati in tre nella filiale del Banco di Napoli di piazza Gugliemo Pepe armati fino ai denti. Hanno preso il bottino e sono scppati. Sul posto la pollizia che ha bloccato il tratto di strada tra corso Garibaldi e via Marina. Centinaia le persone presenti. Elicotteri sorvolano la città per scovare i tra banditi in fuga. Bottino da sogno: 100mila euro.

Giallo sulla bimba morta a Sarno, il medico: «Non c'è stata violenza»

NAPOLI. Potrebbe essere stata una congestione a causare il decesso della piccola romena di 3 anni giunta cadavere ieri sera dopo le 22 all'ospedale Villa Malta diSarno, nel salernitano. La bambina, secondo quanto trapela da fonti investigative, avrebbe accusato un malore subito dopo aver fatto una doccia nella sua abitazione. La bambina aveva da poco cenato. Il primo esame esterno sul corpo, eseguito dal medico legale Antonio Mirabella, su disposizione del pm di Nocera Inferiore Giuseppe Cacciapuoti, non ha riscontrato la presenza di segni di violenza sessuale e fisica. Per chiarire le cause del decesso della bambina si dovra' attendere l'autopsia che si terra' probabilmente domani mattina. La bimba e' stata portata in ospedale gia' cadavere dal padre, da due parenti e dai vicini di casa.

In un primo momento, era stato riferito ai sanitari che la piccola aveva avuto una crisi respiratoria. Il padre, ascoltato dai carabinieri immediatamente dopo il ricovero, come da prassi, secondo quanto riportato da un quotidiano locale, aveva reso dichiarazioni di sospette sevizie che chiamavano in causa i vicini. 

 Si chiamava Lidia e aveva compiuto tre anni il 31 maggio scorso. Secondo il padre, Gheorghe Buzatu, un romeno di 35 anni incensurato, sarebbe deceduta a seguito di una crisi respiratoria. I carabinieri hanno ascoltato l'uomo e hanno effettuato un sopralluogo nella casa, in Via sesta traversa Berlinguer, a San Marzano sul Sarno. Per ora i militari hanno potuto constatare solo precarie condizioni igienico-sanitarie ma nulla che faccia presupporre violenze di qualche tipo. La bambina viveva con il padre dal momento che la madre era rientrata in Romania. L'abitazione, composta da due locali attigui, è divisa da Buzatu con una coppia di nipoti romeni, trentenni e incensurati, che spesso si occupavano della bimba mentre l'uomo andava a lavorare nei campi. Sono stati ascoltati anche loro, ma dai verbali non emergerebbero, secondo quanto si è appreso, accuse o elementi di altro tipo che facciano pensare a violenze. Si è appurato invece che spesso la piccola rimaneva anche da sola nella dimora. Occorrerà attendere i risultati dell'autopsia per capire quali siano state le cause della morte della piccola Lidia. Le indagini sono affidate ai Carabinieri della Stazione di San Marzano sul Sarno coordinati dal capitano Michele Avagnale, comandante interinale del reparto territoriale di Nocera Inferiore.

Caldo, Napoli da record scatta il bollino rosso

NAPOLI. Primo fine settimana di agosto all'insegna del caldo torrido. Le citta' da 'bollino rosso' (quello con allerta di 'livello 3', il piu' elevato) saranno sette domani: Bari, Cagliari, Campobasso, Latina, Messina, Palermo e Perugia e dieci domenica (quando alle sette di domani si aggiungeranno Pescara, Reggio Calabria e Roma). Bollino 'arancione' (allerta di 'livello 2'), invece, domani a Napoli, Pescara, Reggio Calabria e Roma, e domenica ancora a Napoli. Da record anche le temperature, con picchi di temperature percepite di 41 gradi domani a Messina e di 40 domani a Reggio Calabria e domenica ancora a Messina e Reggio Calabria; 39 percepiti a Latina (domani e domenica), Palermo (domani e domenica) e Cagliari (domenica). Le temperature effettive, sempre tra domani e domenica, oscilleranno tra i 35 gradi di Roma e Cagliari e i 37 di Palermo e Messina.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)