Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Torre Annunziata, cade da uno scaffale mentre lavora: 37enne grave

L'uomo è volato giù da un'altezza di circa 5 metri


di  

CONDIVIDI:

Mar 19 Gennaio 2016 13:49


TORRE ANNUNZIATA. È in prognosi riservata G.C., 37enne dipendente della "Zeus Sport", caduto ieri pomeriggio da uno scaffale mentre stava lavorando in un deposito della fabbrica di abbigliamento che ha sede a Torre Annunziata. L'uomo è ricoverato in gravi condizioni all'ospedale Sant'Anna di Boscotrecase, ma non rischia la vita. Secondo una prima ricostruzione, il 37enne sarebbe precipitato da un'altezza di circa 5 metri, mentre lavorava nel deposito del negozio. All'uomo è stata asportata la milza.



Ercolano, concorso di idee per il marchio della città

Il sindaco: tutti coinvolti nello sviluppo del logo


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 19:30


ERCOLANO. È stato pubblicato oggi il bando per il concorso di Idee per la creazione di un logo per la promozione di Ercolano. Un marchio che servirà a potenziare l'immagine della città soprattutto a fini turistici. «È un'occasione per coinvolgere i cittadini, e mi auguro soprattutto i giovani, nello sviluppo del brand Ercolano attraverso la creazione di un marchio destinato a tutti coloro che si relazionano con la città e, in particolare, i turisti sia italiani che stranieri», ha detto il sindaco, Ciro Buonajuto.



Camorra, la pace in cambio di un morto

Nuove rivelazioni del pentito Riccio svelano i retroscena sulla guerra interna al clan Lo Russo


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 19:10


NAPOLI. I Lo Russo chiesero la testa di Francesco Sabatino, ma il ras Salvatore Scognamiglio si rifiutò di consegnare il suo affiliato al nucleo storico del clan di Miano. Un gesto coraggioso del reggente dell’organizzazione che però non servì a nessuno dei due: prima fu ammazzato lui,  il 5 agosto 2011, poi il figlio del pentito Ettore detto “Ettoruccio”. Una lupara bianca non riuscita:  il corpo del 35enne fu infatti trovato in un canalone di Chiaiano il 12 ottobre 2013, cinque giorni dopo la scomparsa. 



Il freddo fa la prima vittima a Napoli: trovato morto un clochard

Il cadavere nei pressi del Centro direzionale


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 19:00


NAPOLI. Il cadavere di un uomo, di età compresa tra i 60 ed i 70 anni, è stato trovato nei pressi del Centro direzionale, a Napoli. L'uomo, che non aveva documenti, potrebbe essere morto per il freddo. A stabilirlo con certezza saranno gli esami medico legali. Secondo quanto finora accertato, l'uomo dormiva in zona e solitamente si riparava dal freddo utilizzando alcuni cartoni. A dare l'allarme è stato un passante che ha allertato il "118": i soccorritori hanno constatato il decesso ed avvisato la polizia.



Il Comune di Capri diventa proprietario porto turistico per 5 milioni

Acquisito anche 49% quote da Invitalia 
 


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 18:45


CAPRI. Il sindaco di Capri, Gianni De Martino ha sottoscritto davanti al notaio l'atto di compravendita del 49% della società Porto Turistico di Capri ed ha versato nelle casse di Invitalia una cifra di poco superiore ai 5 milioni di euro. Questo era l'importo necessario per acquistare il 49% delle quote detenute da Invitalia, e da oggi il Comune di Capri diventa unico proprietario del suo porto turistico.



Alto impatto a Giugliano: 5 arresti e nove denunce

Controlli a tappeto nel weekend. Raffica di verifiche contro il contrabbando e la vendita di cd falsi


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 18:32


GIUGLIANO. Alto impatto dei carabinieri della compagnia di Giugliano che nello scorso weekend sono riusciti a far scattare le manette attorno ai polsi di cinque persone. Nel corso del servizio, che ha previsto un controllo capillare del territorio, i militari hanno anche provveduto a denunciare nove persone per vendita di sigarette di contrabbando e cd parata. Nel dettaglio, nel corso del weekend i militari della compagnia di Giugliano hanno svolto un servizio coordinato contro l’illegalità diffusa, arrestando  5 soggetti e denunciandone 9.



Scale di "Scusate il ritardo" intitolate a Massimo Troisi

Sui social scoppia la polemica: quelle non sono le scale del film


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 18:22


NAPOLI. "Scusate il ritardo, veramente, forse questa città avrebbe dovuto farlo prima". Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, durante l'intitolazione delle scale dove fu girata una storica scena di "Scusate il ritardo" a Massimo Troisi. Il primo cittadino ricorda le doti dell'attore nato a San Giorgio a Cremano dicendo che "Massimo è immortale, perché, a suo modo, interpreta ognuno di noi".



Le nuove frontiere dello spaccio: droga nascosta sotto l'auto con le calamite

A Caivano una Smart era diventata il “mezzo" per distribuire stupefacenti grazie a due calamite applicate con nastro isolante ad un contenitore di gomme da masticare.


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 16:41


CAIVANO. Droga nascosta con calamite sotto la smart. Carabinieri arrestano spacciatore. Due piccole calamite applicate con nastro isolante ad un contenitore di gomme da masticare e ecco realizzato un pratico e ingegnoso nascondiglio per una piazza di spaccio itinerante. I carabinieri nel nucleo radiomobile di Casoria hanno però scoperto il marchingegno e arrestato saverio tomaciello, 38enne, di caivano, già noto alle ff.oo., ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di eroina. I militari hanno bloccato il tomaciello mentre era alla guida della sua smart.



Casoria, colpo al bancomat da 50mila euro

I malviventi hanno praticato un foro in una parete


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 16:40


CASORIA. Banda del buco a Casoria. I malviventi sono entrati in azione nel fine settimana svaligiando il bancomat della filiale della Banca Popolare di Puglia , in via Principe di Piemonte. I banditi sono entrati all'interno dell'istituto di credito dopo aver praticato un foro in una parete, poi hanno scassinato il bancomat e una cassaforte, portandosi via un bottino da 50mila euro circa. Sull'episodio indagano i carabinieri della compagnia di Casoria.



Caso Quarto, il sindaco Capuozzo: il Movimento 5 Stelle ha preferito scappare, io no

“Quanto emerge nei verbali delle dichiarazioni rese da Rosa Capuozzo conferma che il Movimento 5 Stelle non sia mai stato portato a conoscenza della natura ricattatoria delle 'pressioni' del consigliere De Robbio". È quanto si legge in una nota dei gruppi parlamentari del M5S di Camera e Senato


di  

CONDIVIDI:

Lun 18 Gennaio 2016 16:29


NAPOLI. "Quanto emerge nei verbali delle dichiarazioni rese da Rosa Capuozzo conferma che il MoVimento 5 Stelle non sia mai stato portato a conoscenza della natura ricattatoria delle 'pressioni' del consigliere De Robbio". Si legge in una nota dei gruppi parlamentari del M5S di Camera e Senato. "Del resto -si sottolinea- la stessa sindaca di Quarto pare accennare i primi riscontri sulle presunte minacce subite ai pm solo negli ultimi interrogatori della scorsa settimana.



Pagine