NAPOLI. "Non commento mai le cose giudiziarie, in genere si aspetta la conclusione dei procedimenti. Solo i cafoni fanno speculazioni politiche quando si avvia un procedimento, in questo caso amministrativo-contabile". Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, risponde a una domanda sulle contestazioni della Procura della Corte dei Conti della Campania in merito alla costituzione di una Commissione d'inchiesta sulle società partecipate regionali in Consiglio regionale. "Si valuterà con molta serenità i motivi di contestazione da parte della Corte dei Conti: se ci sono errori si paga, se non ci sono errori si va avanti. Che c'è da chiarire più?" continua De Luca. "C'era una forte richiesta di fare un'indagine sulla gestione delle società partecipate - ricorda De Luca - e dunque si è fatta una commissione speciale per verificare le aziende. La contestazione credo che riguardi il prolungamento dei lavori della commissione: ma se si chiudeva si diceva che non si voleva fare chiarezza, se si è prolungato ci sono problemi", conclude.