E' morta la leggenda austriaca della Formula 1 Niki Lauda. Il tre volte campione del mondo, che aveva 70 anni, è deceduto nel sonno. "Con profonda tristezza, annunciamo che il nostro amato Niki è morto pacificamente con la sua famiglia lunedì scorso", ha fatto sapere la famiglia con una nota pubblicata dal 'Sun'. "I suoi risultati unici come atleta e imprenditore sono e rimarranno - si legge ancora - indimenticabili, come il suo instancabile entusiasmo per l'azione, la sua schiettezza e il suo coraggio. Un modello e un punto di riferimento per tutti noi, era un marito amorevole e premuroso, un padre e nonno lontano dal pubblico, e ci mancherà".

L'ex pilota si era sottoposto a un traspianto di polmone l'anno scorso e a gennaio era stato ricoverato in terapia intensiva a causa di una grave influenza.

Nel 1976 il gravissimo incidente al Gran Premio di Germania che lo lasciò sfigurato per tutta la vita e che danneggiò i suoi polmoni. Nonostante questo continuò a gareggiare e a vincere. Dopo il suo primo titolo mondiale di Formula 1 nel 1975, Lauda vinse altre due volte nel 1977 e nel 1984. Quando l'austriaco concluse la sua carriera agonistica nel 1985, aveva partecipato a 171 gare di Formula 1, vincendone 25 e salendo sul podio 54 volte.

"Oggi è un giorno triste per la F1. La grande famiglia della Ferrari apprende con profonda tristezza la notizia della morte dell’amico Niki Lauda, tre volte campione del mondo, due con la Scuderia (1975-1977). Resterai per sempre nei cuori nostri e in quelli dei tifosi. #CiaoNiki", si legge in un post pubblicato sul profilo Facebook della Ferrari.

"Caro Niki, grande e vero amico da cinquant'anni, ti penso tanto e la tua scomparsa lascia un enorme vuoto dentro di me", è il commosso ricordo di Niki Lauda da parte dell'ex presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo. "Con te ho vissuto alcuni dei momenti più belli della mia vita, abbiamo condiviso tante indimenticabili vittorie della Ferrari e siamo sempre stati uniti da grande affetto, anche quando ci siamo trovati a competere in campi avversi - prosegue Montezemolo in una nota - Sei stato un grande Campione, un Campione del Mondo in pista e fuori, un amico sincero, un uomo diretto e leale". "Sono vicino con grande affetto ai tuoi figli e a tua moglie e invito tutti i nostri tifosi a rivolgere un ultimo grande applauso a te, indimenticabile Campione", conclude.

"Tutti alla McLaren sono profondamente addolorati nell'apprendere che il nostro amico, collega e campione del mondo 1984 di Formula 1, Niki Lauda, è morto. Niki sarà per sempre nei nostri cuori e scolpito nella nostra storia", si legge in un post pubblicato su Facebook dalla casa automobilistica inglese. Su Instagram Jenson Button scrive: "Una leggenda ci ha lasciati. Riposa in pace Niki".

"Caro Niki, grazie per tutto quello che hai fatto per me. Ho imparato tanto da te, la tua passione, il tuo spirito combattivo, il non mollare mai, il tuo saper vivere due volte, e anche la tua pazienza con noi giovani. Io e tutti i 100 milioni di fan in giro per il mondo che hai con grande forza ispirato a non mollare mai nei momenti più difficili sto pensando a te e alla tua famiglia e si augura che tu possa riposare in pace", è il commosso saluto sui social di Nico Rosberg, campione del mondo nel 2016 con la Mercedes.