Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Peschereccio affondato, recuperata la seconda salma dei tre dispersi di Ercolano

Il cadavere in avanzato stato di decomposizione


di  

CONDIVIDI:

Gio 19 Mag 2016 13:47


ERCOLANO. Il cacciamine Gaeta della Marina Militare nell'ambito delle attività di investigazione subacquea sul motopesca Rosinella, iniziate ieri, a seguito della richiesta della Procura di Cassino, ha individuato e recuperato una seconda salma. I dispersi dell'equipaggio sono tre, un italiano e due tunisini, tutti residenti ad Ercolano. "Dopo l'autorizzazione dell'autorita' giudiziaria, ha provveduto al recupero. La salma, che non e' stata ancora identificata, sara' trasferita al porto di Gaeta.



Maltratta e picchia il padre, preso a Varcaturo

I carabinieri arrestano un 21enne


di  

CONDIVIDI:

Gio 19 Mag 2016 12:13


VARCATURO. I carabinieri della stazione di Varcaturo hanno tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia un 21enne del luogo già noto alle forze dell'ordine. Il giovane è stato bloccato dai militari, intervenuti d’urgenza su segnalazione al 112 presso la sua abitazione. Immediatamente prima aveva picchiato il padre 73enne a schiaffi e pugni.



Bambino investito da una moto pirata a San Giovanni, è grave

L'undicenne stava attraversando la strada quando è stato investito


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 23:15


NAPOLI. Ha riportato varie fratture un ragazzino di corso San Giovanni a Teduccio, investito dal conducente di una motocicletta che poi si è dato alla fuga. Sul posto gli agenti della polizia municipale, sezione infortunistica, hanno compiuto i rileivi e fatto scattare gli accertamenti per identificare il responsabile. L'incidente è avvenuto alle 19 e 30



Torre Annunziata, in scooter e armati: arrestati

I due avevano una pistola carica e con il colpo in canna. Sono stati fermati nel rione Provolera, territorio del clan Gallo-Cavalieri


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 21:05


TORRE ANNUNZIATA. A Torre Annunziata, nel rione "Provolera", area dove gli affari illeciti sono ritenuti sotto il controllo del clan "Gallo-Cavalieri", i carabinieri di Torre Annunziata hanno arrestato in flagranza di reato per detenzione e porto abusivo di arma clandestina e per ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale Andrea Langella, 20 anni, e Salvatore Carpentieri, 26 anni, quest'ultimo ritenuto contiguo al citato clan camorristico.



Caso Fortuna, anche l'amica del cuore conferma l'impianto accusatorio

Si è conclusa la seconda parrte dell'incidente probatorio nel corso del quale la migliore amica di Fortuna Loffedo ha confermato il racconto sulla morte della piccola di sei anni


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 19:01


NAPOLI. Pochi muniti da si è conclusa la seconda parte dell'incidente probatorio durante il quale sono stati raccolti i racconti delle tre figlie di Marianna Fabozzi, amiche di Fortuna Loffredo. Oggi è stata la volta della migliore amica della piccola di sei anni morta dopo un volo di otto piani di un immobile del Parco Verde. Per l'avvocato della famiglia di Fortuna, Angelo Pisani: «E' stato confermato l'impianto accusatorio. Non siamo piu nella fase investigativa ora c'e' la prova per il processo».



Perschereccio, ritrovato il cadavere di uno dei dispersi di Ercolano

In azione un mezzo della Marina militare


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 18:48


ERCOLANO. Sono riprese le attività di ricerca dei tre dispersi del peschereccio "Rosinella". Un mezzo militare della Marina militare italiana, con il supporto di una unità dalla Capitaneria di porto di Gaeta, ha effettuato un sopralluogo cinque miglia a largo di Baia Domizia per verificare la posizione esatta del relitto del peschereccio. Poco fa è stato recuperato un corpo all'esterno del relitto. Il cadavere non è stato ancora identificato. A bordo del Rosinella c'erano il comandante Giulio Oliviero e dei tunisini, padre e figlio, tutti residenti a Ercolano.



Omicidio Sodano, il boss Calabria evita l’ergastolo

Era indicato dai pentiti come colui che guidava l’auto sulla quale vi era il killer che fece fuoco nella piazza di Acerra.


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 17:50


NAPOLI. Negli anni ‘90 ad Acerra era in corso la guerra tra i cutoliani e gli appartenenti alla cd. Nuova Famiglia, oltre che la guerra interna per la supremazia sul territorio e si sparava con più facilità rispetto ad oggi. Ogni ambizioso camorrista sperava di farsi spazio nel mondo dell’illegalità eliminando anche chi era stato al suo fianco in agguati mortali. Numerosi erano i gruppi che si contendevano il territorio: De Sena, Mariniello, Lunardelli, Ferrara.



«Ostaggio davanti alla metro per aver girato un video»: la denuncia di Giorgia Meloni

La candidata di Fdi voleva denunciare l'evasione dei biglietti attraverso l'ingresso dai tornelli di uscita non scavalcabili


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 15:33


ROMA. Gira un video davanti alla stazione della metropolitana Magliana per denunciare l'evasione dei biglietti attraverso l'ingresso dai tornelli di uscita non scavalcabili e viene bloccata. Protagonista della 'disavventura' Giorgia Meloni, candidata sindaco di Roma, che ha denunciato l'accaduto in un video postato sul suo profilo Facebook e intitolato 'Le follie dell'Italia'.



Striano, scoperto opificio abusivo

Scoperti 7 operai "in nero", di cui 6 senza permesso di soggiorno


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 13:57


STRIANO. L'attività di servizio in materia di sommerso da lavoro, svolta dalla Guardia di Finanza di Torre Annunziata, ha condotto al sequestro a Striano di un opificio clandestino di circa 100 mq, realizzato al piano interrato di un immobile adibito a civile abitazione, dove era stata allestita una vera e propria catena industriale costituita da macchine cucitrici, tagliacuci ed assi da stiro. Scoperti 7 operai impiegati "in nero" di cui 6 senza permesso di soggiorno.



Ricercato da tre anni, uomo dei Polverino arrestato nel Casertano

Alessandro Brunitto stanato in una casa abbandonata a Lusciano. Dal covo dellatitante ordini con i pizzini


di  

CONDIVIDI:

Mer 18 Mag 2016 12:21


MARANO. Era "alla macchia" da 3 anni e le sue ricerche erano state estese a livello internazionale, ma i carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli l'hanno catturato a Lusciano, al confine fra le province di Napoli e Caserta. Alessandro Brunitto, ritenuto un elemento di spicco del clan Polverino e ricercato dal Giugno 2013, è stato catturato in una casa abbandonata che era stata addirittura provvista di un sistema abusivo di videosorveglianza.



Pagine