Martedì 13 Novembre 2018 - 5:43

Confindustria: la ripresa c'è

Dal Centro studi previsioni positive: Pil a +1,5%

ROMA. Confindustria conferma la ripresa economica in atto in Italia e sottolinea come il Paese non sia più la Cenerentola della crescita.

Se il Pil 2017 conferma la crescita dell’1,5%, quello del 2018 chiuderà invece l'anno con un +0,2% rispetto al +1,3% previsto lo scorso settembre toccando dunque un +1,5%. Lieve flessione invece per il 2019 anno in cui l’aumento del Pil dovrebbe attestarsi intorno all’1,2%.

A stimare i dati il rapporto del Csc presentato oggi che disegna uno scenario in cui l’espansione globale appare “robusta” e “solida” nonostante un’andatura non eccessivamente veloce che però “non lascia intravedere rischi di deragliamento”, neppure quello legati ad una guerra in Corea o in Medio Oriente che, come dice il capo economista Luca Paolazzi, “nessuno sembra volere”.

TRENO IN CORSA - Un treno in corsa, dunque, "a cui l’Italia appare decisamente agganciata". Ed è sull’occupazione che la ripresa già in corso ha dispiegato e dispiegherà i suoi effetti.

CENERENTOLA - Non più la Cenerentola della ripresa ma un capitolo dai segni positivi: ai 900mila posti di lavoro creati tra il 2014 e il 2017 si sommeranno i 370mila occupati in più rispetto ai livelli pre-crisi del 2008 che, secondo Confindustria, saranno traguardati a fine 2019.

LAVORO - L’occupazione proseguirà la sua crescita anche nei prossimi anni: le persone occupate infatti cresceranno dell’1% il prossimo anno e di un altro 0,9% nel 2019. "Questo non significa che il peggio sia alle spalle" spiega ancora il Csc: a 7,7 milioni di persone, infatti, manca ancora lavoro, in tutto o in parte.

GIOVANI - Per non parlare dei giovani , di quelli laureati che in 25mila hanno già lasciato il Paese. E anche le prossime elezioni “si presentano come un test molto rilevante”, valutano ancora gli economisti di Viale dell’Astronomia, che hanno già annunciato la convocazione a febbraio prossimo delle ‘assise generali’ per presentare alla politica la propria piattaforma e che guarda alle urne come ad un bivio. "Siamo di fronte ad una biforcazione: o si va avanti con le riforme o non si fa nulla e si rischia di tornare indietro".

12:24 13/12

di Redazione


Inserisci un commento


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici