Domenica 16 Dicembre 2018 - 11:10

Torre del Greco, giallo su un'auto ribaltata

TORRE DEL GRECO. Rubata e poi utilizzata per una rapina. È questa al momento l'ipotesi più plausibile per spiegare il ritrovamento stamane di una macchina di grossa cilindrata cappottata in via Purgatorio, a Torre del Greco. Probabilmente l'uomo che era alla guida ha perso il controllo dell'auto per poi darsi alla fuga. La macchina risulta appartenere ad un anziano residente a Pompei ignaro che la sua vettura fosse finita a Torre del Greco. Sul fatto indagano i carabinieri.

Coniugi uccisi a Giugliano, fermato il killer: è un 30enne di Pianura

GIUGLIANO. Svolta nelle indagini sul duplice omicidio dei coniugi a Giugliano. Per l'efferato assassinio di Luigi Simeone e Immacolata Assisi, di Melito, è stata fermata una persona all'alba di questa mattina. Si tratta di un trentenne incensurato di Pianura. Antonio Riano è stato fermato perché fortemente indiziato del delitto dopo una lunga notte di interrogatori. 

A quanto si apprende la persona fermata dagli agenti è un conoscente delle due vittime. Le indagini sono state coordinate dalla procura della Repubblica di Napoli Nord e condotte dagli
agenti del commissariato di Giugliano, diretti dal primo dirigente Pasquale Trocino.  I corpi sono stati trovati nella mattinata di domenica sulla scarpata di una vecchia cava di tufo. Le operazioni di recupero sono state particolarmente complesse, con i vigili del fuoco che hanno dovuto lavorare diverse ore.

Il movente del delitto è di natura economica: dietro al duplice agguato, secondo gli inquirenti, la caparra per l'acquisto della casa di Melito in via Colonne che la coppia aveva deciso di vendere. 

Cessate le esigenze cautelari: il sindaco di Ischia ottiene gli arresti domiciliari dal Riesame

NAPOLI. Il Sindaco Giosi Ferrandino ha ottenuto gli arresti domiciliari dai giudici del Tribunale del Riesame di Napoli. La decisione ieri notte e qusta mattina all'alba ha lasciato il penitenziario per fare ritorno ad Ischia. Era accusato di corruzione nell'ambito dell'inchiesta sul “sistema” Cpl.

Maggio dei Monumenti, ecco tutti gli eventi

SCARICA IL PROGRAMMA DEL MAGGIO

NAPOLI. E' stata presentata questa mattina, nella sala giunta di Palazzo San Giacomo a Napoli, la ventunesima edizione del Maggio dei Monumenti, iniziativa che si svolgera' a Napoli da domani, venerdì 23 aprile, al prossimo 2 giugno. Ad illustrare il cartellone di eventi il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, l'assessore comunale alla Cultura e al Turismo Nino Daniele e il direttore dell'Accademia di Belle Arti di Napoli Giuseppe Gaeta. "O core 'e Napule. Cori, cuori e colori" sara' il titolo della ventunesima edizione della manifestazione, uno slogan con il quale "abbiamo cercato di condensare la ricchezza di proposte culturali e variegate occasioni di incontro che la nosta citta' offre ai napoletani e ai turisti nel suo mese piu' bello", ha spiegato l'assessore alla Cultura Daniele. La musica sara' il tessuto connettivo del Maggio dei Monumenti 2015 ed in particolare i "cori", con le esibizioni musicali ed itineranti realizzate in collaborazione con l'associazione Cori Campani e l'accademia Vivarium Novum. Il tema si allarga ai "cuori", con una kermesse "che si e' da sempre ispirata - spiega l'assessore alla Cultura Daniele - alla dimensione del sentimento e della appartenza della comunita' alla citta' di Napoli", e ai colori, i "mill culure" di Pino Daniele, cui sono dedicati gli itinerari turistici "Napule e' na cammenata", curati dagli organizzatori della mostra internazionale di musica "Rock5". IlMaggio dei Monumenti prendera' il via con un prologo nel segno di Giacomo Leopardi: la sua tomba a Piedigrotta e' stata recentemente ristrutturata e domani una cerimonia ne ufficializzera' la riapertura al pubblico. Sono 600, invece, le opportunita' di percorsi, 200 gli eventi e le performance e ancora 40 gli appuntamenti tra incontri, letture e convegni e 40 le mostre d'arte. Gli allievi del corso di graphic design dell'Accademia delle Belle Arti di Napoli hanno curato la campagna promozionale dell'intera manifestazione. "Dedico ai nostri concittadini una "buona cammenata" - ha concluso Nino Daniele - perche' sara' un maggio grazie al quale presenteremo al mondo l'immagine vera e bella di una citta' non solo creativa e colta ma giustamente fiera ed orgogliosa".

«Incompatibile», Del Giudice si dimette dalla SapNa

NAPOLI. Raffaele Del Giudice, presidente di Asìa, si è dimesso da presidente della SapNa. A dichiarare la sua incompatibilità era stato Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione secondo la quale “Del Giudice ha già un incarico pubblico”.

Del Giudice, a febbraio, aveva sostituito Pietro Esposito, nominato dall’allora presidente della Provincia Antonio Pentangelo. Una scelta sbagliata, secondo l’autorità Anticorruzione, che prende spunto dalla legge Severino. Chi ricopre ruoli analoghi in enti pubblici (Del Giudice è amministratore di Asìa) non può infatti diventare amministratore di un ente di diritto privato in controllo pubblico.
La notizia è stata subito commentata su Facebook dal parlamentare di Forza Italia Paolo Russo: «Dopo il colpo di mano di de Magistris che, in evidente conflitto di interessi, lo spostò dalla guida dell'Asìa nonostante i debiti dell'azienda cittadina nei confronti di quella provinciale. Eppure li avevamo avvisati, eppure si continua a concepire la gestione della cosa pubblica come un fatto privato di cui non dover far conto a nessuno».

Il boss Zinco ucciso perché voleva rifondare la Mafia Flegrea

NAPOLI. È stato raggiunto da due sicari in scooter in via Cattolica a Fuorigrotta. Il boss Rodolfo Zinzo stava camminando tra la folla intorno alle 21 quando è stato raggiunto da tre colpi di pistola alla testa e alla spalla. Si è accasciato a terra in un lago di sangue. Trasportato da alcuni passanti in ospedale è morto pochi minuti dopo il ricovero. 

Antonella Leardi tra i bambini di Porta Capuana

NAPOLI. Momenti di commozione oggi pomeriggio a Porta Capuana, dove Antonella Leardi ha fatto visita ai bambini della parrocchia di Santa Caterina A Formiello. «Chi è la mamma di Ciro Esposito?». L'hanno accolta così tra la folla mentre lei, Antonella Leardi, arrivava a Porta Capuana con un dono speciale: i palloni offerti dalla Società Calcio Napoli per i bambini del campetto adiacente la chiesa. Un incontro carico di emozioni, durante il quale la madre di Ciro Esposito, il tifoso azzurro morto in seguito agli scontri fuori all'Olimpico il 3 maggio di un anno fa, ha fatto visita al campo di calcio dove giocano ogni giorno oltre 200 minori tra gli 8 e i 14 anni. Bambini che hanno accolto a braccia aperte Antonella Leardi, che ha voluto portare loro due palloni donati dalla società del patron De Laurentiis. «Lo sport è questo – ha detto la mamma di Ciro rivolgendosi ai piccoli – è aggregazione, unione, sana competizione. La violenza deve essere abolita non solo dallo sport, ma dalla nostra quotidianità. Ricordate, ragazzi, che l'odio distrugge tutto». Ad accogliere la signora Leardi e il marito Giovanni Esposito sono stati don Carmine Amore e Armando Simeone, consigliere della quarta Municipalità che ha organizzato l'iniziativa.

Centro storico. Arrestato rapinatore seriale di giovani studentesse

I Carabinieri del nucleo operativo della compagnia Napoli Centro hanno arrestato Salvatore Capuano, 33enne, di Cercola, già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, perchè ritenuto responsabile di una serie di rapine a mano armata ai danni di giovani studentesse. I fatti risalgono alle ore serali del 20 dicembre scorso, periodo in cui le strade del centro storico sono affollate da avventori per le festività natalizie. Secondo le indagini il Capuano si rese responsabile di tre rapine in sequenza tutte ai danni di giovanissime donne. In pratica il malvivente si avvicinò alle vittime prescelte e minacciandole, con un coltello puntato all’addome, riuscì a rapinare lo smartphone a due ragazze in rapida sequenza, e poi tentò di rapinarne un terzo ad un’altra giovane studentessa, non riuscendo in quest’ultimo caso per la reazione e le urla della vittima.In base alle testimonianze fornite dalle malcapitate ai militari, e grazie ai successivi approfondimenti investigativi (acquisizione di filmati ecc) i carabinieri sono riusciti ad identificare il presunto autore delle rapine, nei confronti del quale l’autorità giudiziaria ha poi emesso la misura cautelare.
Rintracciato e arrestato presso il suo domicilio a Cercola, dopo le formalità di rito Capuano è stato accompagnato presso il carcere di Poggioreale.

Retata nel regno degli scissionisti: due arresti, c'è un 17enne

NAPOLI. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Napoli Stella hanno arrestato per spaccio e detenzione di stupefacente Borriello Antonietta, 24 anni, residente a Casavatore, già nota alle forze dell'ordine ed un 17enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine, allontanatosi lo scorso 20 aprile dal Centro di Prima Accoglienza per minori di Salerno, ove era sottoposto agli aadd per lo stesso reato. I predetti sono stati notati su via Ghisleri, nel complesso di edilizia popolare del “Lotto T/A, area sotto l’influenza del clan camorristico degli scissionisti, mentre spacciavano stupefacenti a tossicodipendenti del luogo. Bloccati e perquisiti, sono stati trovati in possesso di 4 dosi di crack, per un peso complessivo di 4 grammi, che avevano nascosto nell’ intercapedine dell’ascensore di una palazzina e di 65 euro in denaro contante, ritenuti provento d’illecita attività. Borriello è in attesa di rito direttissimo menter il 17enne è stato accompagnato nel centro di prima accoglienza per minori sul viale Colli Aminei.

Aggredisce capotreno, macchinista e capostazione: denunciato un 57enne

QUARTO. Viaggiatore della Cumana inveisce contro il personale delle ferrovie per un ritardo del convoglio, denunciato. I carabinieri della locale tenenza hanno denunciato in stato di libertà per interruzione di pubblico servizio, violenza e minaccia a un incaricato di pubblico servizio un 57enne del luogo. In particolare i militari dell’Arma sono intervenuti presso la fermata di via Matteotti della ferrovia Sepsa Cumana per la segnalazione di una aggressione. I carabinieri, dopo aver sedato la lite e identificato i presenti, hanno accertato che il 57enne era giunto alla stazione a bordo del treno proveniente da Licola e, dopo aver appreso che per proseguire la corsa in direzione di Napoli Montesanto sarebbe stato necessario cambiare convoglio, aveva offeso e aggredito il capotreno, il macchinista e il capostazione. Ritardo di circa 20 minuti nel traffico ferroviario.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

LA SCIENZA PER TUTTI
di Michele Sanvitale
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
BIRRA IN CAMPANIA
di Alfonso Del Forno