Martedì 19 Giugno 2018 - 16:22

Accoltellarono un meccanico per non pagare il conto, arrestati

NAPOLI. Si rifiutò di pagare le riparazioni fatte al suo scooter e quando il meccanico si ribellò, lui ed un complice lo accoltellarono più volte. Accadde nel settembre scorso, a Napoli: oggi i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Napoli centro questa mattina hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli a carico di Gennaro Basco, 40enne, già noto alle forze dell'ordine e Vincenzo Arillo, 23enne, entrambi dei Quartieri Spagnoli. I due sono accusati di tentato omicidio, tentata estorsione e porto illegale di arma bianca. Fu Basco a rifiutarsi di pagare l'intervento e fu lui che dopo le opposizioni del meccanico chiamò Arillo per aiutarlo nella 'punizione'. E così Arillo colpì la vittima più volte all'addome, alla schiena e anche al viso. Solo grazie alle resistenze del meccanico non furono colpite zone vitali. I due scapparono subito, all'arrivo dei carabinieri e da allora si sono resi irreperibili. Oggi le ordinanze e gli arresti domiciliari.

Casoria, scuolabus fuorilegge: 6mila euro di multe

CASORIA. Operazione di controllo dei pullmini usati per portare a scuola i bambini: 6mila euro di multe elevate per varie irregolarità riscontrate. È il bilancio di un'operazione messa a segno dai carabinieri di Casoria che hanno controllato 52 mezzi usati per portare a scuola i piccoli, rilevando 20 irregolarità e contestando varie contravvenzioni al Codice della strada.

Camorra, de Magistris: «Non serve militarizzare la città»

NAPOLI. «Per la lotta alla camorra non serve la militarizzazione della città». Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris in merito alla possibilità avanzata dal ministro dell'Interno Angelino Alfano di inviare l'esercito in città per contrastare l'ondata di omicidi che si sta verificando in città da alcuni mesi. De Magistris, a margine dell'inaugurazione di una sala di registrazione, ha ricordato che, nell'ultimo Comitato per l'Ordine e la sicurezza alla presenza del Ministro, sono stati chiesti al Governo «più uomini delle forze dell'ordine perché - ha spiegato - stanno facendo un lavoro eccellente, ma sono pochi e devono essere rinforzati». Dal sindaco  sì all'esercito a Napoli «a presidio di obiettivi sensibili» come aeroporto, porto, stazioni e tribunali, ma - ha aggiunto - «la lotta alla camorra la fa l'esercito democratico della città, la facciamo noi ogni giorno, la fanno i poliziotti, i carabinieri, i magistrati e la gente per bene».

SUMMIT IN PROCURA. Intanto si è da poco concluso nella sede della procura di Napoli un vertice delle forze dell'ordine sull'emergenza criminalità nel capoluogo partenopeo. Alla riunione, presieduta dal procuratore Giovanni Colangelo, hanno preso parte i coordinatori aggiunti della Dda Filippo Beatrice e Giuseppe Borrelli, il comandante provinciale dei Carabinieri, generale Antonio De Vita, il questore Guido Marino, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Gianluigi D'Alfonso, i vertici dei rispettivi organi investigativi, il capo centro della Dia di Napoli Giuseppe Linares e il comandante dei Ros di Napoli Gianluca Piasentin. Nel corso dell'incontro è stato fatto il punto sulle attività investigative in corso sui gruppi criminali attivi a Napoli e provincia. 

Saviano, picchia la convivente incinta: arrestato

SAVIANO. Ha picchiato la convivente incinta al 4° mese di gravidanza, ma i carabinieri lo hanno fermato e arrestato. È finito così in manette a Saviano M.M.T., 27 anni, polacco, già noto alle forze dell'ordine, che stamane si è scagliato contro la convivente incinta. Era in stato di ebbrezza e l'ha picchiata e minacciata. La poverina in un attimo di respiro è riuscita a scappare rifugiandosi da un'amica, ma il ragazzo, ancora accecato dall'ira, è arrivato fin lì, ha sfondato la porta e le ha aggredite entrambe. Fortunatamente è arrivata segnalazione di lite in corso al 112 e i carabinieri sono subito intervenuti sul posto. Il 27enne si è scagliato anche contro i militari dell'Arma, che sono comunque riusciti a immobilizzarlo, arrestandolo per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali, violazione di domicilio e per violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Castellammare, bullismo in villa: denunciata una 18enne

CASTELLAMMARE DI STABIA. Ha 18 anni ed è una delle tre giovanissime che hanno aggredito nella villa comunale di Castellammare di Stabia una 15enne. Per motivi banali, la ragazzina era stata aggredita prima a parole, poi materialmente: uno schiaffo alla poverina che si è trovata vittima dell'episodio di bullismo. La malcapitata, aiutata da una amica che era con lei, ha composto sul cellulare il 112 e ha chiesto l'intervento sul posto di una pattuglia di carabinieri per essere aiutata. I militari dell'Arma della stazione di Castellammare, che gravitavano in zona nell'ambito dei servizi svolti a prevenzione e repressione dei reati contro la persona che stanno avvenendo sul lungomare e in villa, si sono precipitati lì e hanno sentito le due ragazze: raccolta la descrizione della "capobanda", l'hanno identificata e denunciata in stato di libertà: è una 18enne della città.

Torre del Greco, arrivano
le mini isole ecologiche

TORRE DEL GRECO. Arrivano a Torre del Greco le mini isole ecologiche. Da mercoledì 10 febbraio i centri di raccolta in miniatura (tutto l’occorrente per una corretta raccolta differenziata ma in spazi ridotti) saranno attivi nella parte bassa della città. I cassoni saranno posizionati nelle prossime ore in particolare a via XX Settembre, San Giuseppe alle Paludi, via Calastro, rione Raiola, piazzale Cento Fontane, via Luise, piazzale Riscatto Baronale.

Droga negli ovetti di cioccolata e
nelle salviette dei bimbi: 36 arresti

NAPOLI. Droga dal Parco Verde di Caivano, piazza di spaccio e complesso degradato alla periferia di Napoli, noto per le battaglie contro i clan e l'inquinamento ad opera del prete antiroghi don Maurizio Patriciello, ai vicini comuni del Casertano: cocaina, hashish e marijuana che viaggiava verso destinazione nascosta nelle salviettine dei bimbi o negli ovetti di cioccolata, per poi essere rivenduta anche a minorenni, davanti alle scuole. E' uno spaccato di inquietante degrado sociale quello che emerge dall'inchiesta dei carabinieri di Santa Maria Capua Vetere, coordinata dalla Dda di Napoli, che ha portato il gip di Napoli all'emissione di 42 ordinanze di custodia cautelare, 36 delle quali eseguite, di cui 18 in carcere e altrettante ai domiciliari. Il reato contestato è l'associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di droga. Una maxi-inchiesta con oltre 300 casi contestati di cessione di stupefacente che ha registrato momenti di grande tensione, questa mattina, quando alcuni indagati sono usciti dalla caserma del Comando Provinciale dell'Arma a Caserta per essere trasferiti in carcere. In manette anche il figlio dell'Angelo di Carditello. Coinvolti tantissimi studenti liceali.

Torre del Greco, premiati
i dipendenti del Comune
che trovarono e restituirono portafogli con mille euro

TORRE DEL GRECO. Ritrovarono un portafoglio con dentro oltre mille euro in contanti, oltre a diversi importanti documenti, e  senza esitazione avviarono le ricerche della proprietaria fino alla restituzione. Premiati dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Borriello i due dipendenti comunali protagonisti di questa bella storia. Si tratta di Giovanni Savino e Ciro Mennella, in servizio presso l’ufficio Albo Pretorio dell’ente.

Portici, aveva la droga addosso: arrestato

PORTICI. I carabinieri della stazione di Portici hanno arrestato C.I., 24enne di San Giorgio a Cremano, resosi responsabile di detenzione a fini di spaccio di sostanza stupefacente. I militari, attirati dal suo fare sospetto, lo hanno fermato e controllato in via Martiri di via Fani, mentre era fermo in sella al suo piaggio Liberty. Perquisito, gli hanno trovato addosso 8,5 grammi di hashish già suddivisi in stecchette pronte per essere cedute.

Torre del Greco, in manette per estorsione e rapina

TORRE DEL GRECO. I carabinieri dell'aliquota operativa della compagnia di Torre del Greco, agli ordini del maggiore Michele De Rosa, hanno arrestato Maria Ascione, 55enne già nota alle forze dell'ordine. I militari hanno dato esecuzione all'ordine di carcerazione emesso dalla procura generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Napoli relativo ad una condanna per estorsione e rapina, per un reato commesso a giugno 2009. Dovrà scontare 2 anni e 3 mesi di reclusione.

Pagine


cronaca
sport
politica
spettacoli

Rubriche

SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
REPORTACI
di Automobile Club Napoli
I PERSONAGGI
di Mimmo Sica
SCATTI DI BIRRA
di Alfonso Del Forno
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
RICETTE E CURIOSITÀ ATTENTI A QUEI DUE
di Antonio Sorrentino ed Enzo De Angelis
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)