Accessibilità:
-A A +A
Print Friendly, PDF & Email
Oltre 42 milioni per la stazione di Nola e la linea Napoli-Baiano

Delibera della Giunta regionale campana


di  

CONDIVIDI:

Mar 10 Mag 2016 15:00


NAPOLI. Con delibera della Giunta regionale Campania, relativa alla riprogrammazione degli interventi sulle linee ex Circumvesuviana, la Regione Campania ha disposto il finanziamento di 32.260.000 di euro per gli interventi di riqualificazione della stazione di Nola e dell'area antistante, e per l'eliminazione dei passaggi a livello sulla linea Napoli-Baiano. Sono stati inoltre finanziati 10 milioni di euro per l'automazione, la messa in sicurezza ferroviaria, e la soppressione dei passaggi a livello sulla linea Napoli-Baiano.



Villaricca, la Finanza sequestra 6 milioni di beni

L'uomo è in carcere per usura ed intestazione fittizia di beni


di  

CONDIVIDI:

Mar 10 Mag 2016 14:03


VILLARICCA. L'attività di servizio in materia di applicazione della normativa antimafia, svolta dal Gruppo di Giugliano in Campania della Guardia di Finanza, ha portato all'esecuzione di un provvedimento di sequestro patrimoniale, per un valore complessivo di oltre 6 milioni di euro, nei confronti di una persona residente in Villaricca, già colpita da ordinanza di custodia cautelare in carcere per reati di usura ed intestazione fittizia di beni.



Camorra ed estorsioni, 20 arresti tra Somma Vesuviana e Sant'Anastasia

Nel mirino della Dda i D'Avino e gli Anastasio, dediti alle estorsioni e al traffico di stupefacenti


di  

CONDIVIDI:

Mar 10 Mag 2016 13:52


SOMMA VESUVIANA. Minacce a chi non voleva pagare il pizzo. I carabinieri della compagnia di Castello di Cisterna stanno eseguendo un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli a carico di 21 indagati (di cui 20 destinatari della misura cautelare in carcere e una ai domiciliari) ritenuti responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, tentato omicidio, spaccio di stupefacenti e di estorsione aggravata da finalità mafiose.



Controlli e perquisizioni a Torre Annunziata e Boscoreale

Operazione della polizia


di  

CONDIVIDI:

Mar 10 Mag 2016 12:23


TORRE ANNUNZIATA. Gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza Torre Annunziata con la collaborazione del Reparto Prevenzione Crimine Campania hanno svolto una capillare attività di controllo nella zona oplontina e di Boscoreale. L’operazione, che ha visto impegnate ieri diverse pattuglie della Polizia di Stato, ha consentito di controllare 136 persone (55 pregiudicate) e 73 autoveicoli. Eseguite anche alcune perquisizioni e diversi accertamenti al Codice della Strada.



Melito, donna uccisa a colpi di pistola. Lavorava in un bar in via Lussemburgo

Il cadavere di Giovanna Arrivoli, 41 anni, è stato ritrovato in via Giulio Cesare. Era scomparsa da sabato

 


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 20:50


MELITO. In una zona campestre di Melito di Napoli, in via Giulio Cesare, in una fossa parzialmente coperta da terreno fresco i carabinieri di Giugliano hanno rinvenuto il cadavere di una donna Giovanna Arrivoli di 41 anni. Lavorava in un bar nella piazza di spaccio di Melito in via Lussemburgo. La donna è stata uccisa a colpi di pistola. Era scomparsa sabato scorso, molto nota nella zona. Aveva il corpo tutto tatuato. Sul posto ci sono i carabinieri della Compagnia di Giugliano e del nucleo Investigativo di Castello di Cisterna.



Quattro arresti per la faida del rione Sanità

In cella Antonio Genidoni la moglie Vincenza Esposito, la madre, Addolorata Spina ed Emanuele Esposito


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 20:48


Di Fabio Postiglione
NAPOLI. Svolta nella notte per il duplice omicido del 22 aprile scorso al rione Sanità dove hanno perso la vita due esponenti dei Vastarella. In esclusiva il Roma ha pubblicato questa mattina i nomi dei quattro arrestati: sono due donne e due uomini tutti imparentati tra loro e con il boss Pietro Esposito. C'è inoltre un clamoroso collegamento con l'omicidio di Marano, dove sabato son stati crivellati di proiettili padre e figlio. Compra subito la tua copia in edicola.



Ercolano, il boss Pietro Papale assolto

Omicidio Battaglia, accolta la linea difensiva dell'avvocato Vannetiello


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 19:28


ERCOLANO. Pietro Papale è stato assolto dall'accusa di essere il mandante dell’omicidio di Giuseppe Battaglia. Condannato invece a 30 anni Ciro Montella, considerato dagli inquirenti l'esecutore materiale dell'omicidio consumato l’8 marzo del 2009 fuori la chiesa di Pugliano, a Ercolano. L'accusa aveva chiesto l’ergastolo per Papale. Il Giudice dell’udienza preliminare presso il Tribunale di Napoli, De Ruggiero, ha accolto pienamente la linea difensiva illustrata dall’avvocato Dario Vannetiello del foro di Napoli, che difende Papale.



Torre del Greco, Borriello in strada per stanare i furbetti della differenziata

I controlli contro chi deposita fuori orario


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 17:29


TORRE DEL GRECO. È sceso in strada in prima persona il sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, per fare capire che l’amministrazione fa sul serio sui controlli legati al conferimento dei rifiuti. Nello scorso fine settimana il primo cittadino si è fatto vedere con agenti di polizia municipale e addetti della “Fratelli Balsamo”, la ditta che si occupa in città dello smaltimento della spazzatura, per controllare le strade dove i sacchetti vengono depositati fuori orario e spesso senza seguire le regole di una corretta differenziata.



Spaccia mentre è ai domiciliari: preso a Ercolano

In manette un 36enne


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 16:05


ERCOLANO. Giuseppe Lardone, 36enne, di Ercolano già noto alle forze dell'ordine, ai domiciliari per reati inerenti gli stupefacenti, è stato scoperto in flagranza dai carabinieri della tenenza di Ercolano, agli ordini del comandante Gianluca Candura, che in servizio di pattuglia lo hanno notato lanciare dalla finestra un involucro. Sotto la finestra c'era il "cliente" pronto a recuperarlo, invece è stato identificato e segnalato alla prefettura quale assuntore. Perquisito, aveva addosso anche una dose di hashish. Lardone è stato arrestato per spaccio.



Renzi: il sindaco di Ercolano minacciato dalla camorra

L'opposizione: parole gravissime, mai saputo nulla


di  

CONDIVIDI:

Lun 09 Mag 2016 15:38


ERCOLANO. «Un candidato sindaco che la camorra minaccia una volta alla settimana». Lo ha detto Matteo Renzi parlando del sindaco di Ercolano, Ciro Buonajuto, ieri sera dagli schermi di Rai3, alla trasmissione "Che tempo che fa". Parole che ovviamente non sono passate inosservate, provocando la reazione di alcuni rappresentanti dell'opposizione. «Sono tra i firmatari di un consiglio monotematico su legalità e criminalità, sulle discariche abusive e altro. Non ricordo di aver ascoltato un solo intervento riferito a minacce, nemmeno una al mese.



Pagine