Lunedì 29 Maggio 2017 - 20:40

Il rischio voto affonda Piazza Affari (-2,01%)

MILANO. Chiusura pesante per Piazza Affari con l'indice Ftse Mib a 20.784 punti (-2,01%) e l'All Share a 23.025 (-1,90%). Alla Borsa di Milano non piacciono le ipotesi di voto anticipato. Pesante tutto il settore bancario: Ubi Banca (-4,74%), Unicredit (-4,34%), Unipol (-4,05%), Banco Bpm (-3,89%), Mediobanca (-3,14%), Bper (-3,04%) e Intesa Sanpaolo (-2,06%), insieme a Generali (-2,02%).

Giochi, manifestazione di protesta il 31 maggio a Roma

ROMA - “Il 31 maggio dalle ore 14.00 in poi manifesteremo a Roma e subito dopo, dal 1 giugno, ci asterremo dalla raccolta per cinque giorni come primo segnale concreto da inviare all’indirizzo del governo e del Parlamento”.

Questo è il manifesto programmatico annunciato dall’Agcai (Associazione Gestori e Costruttori Apparecchi da Intrattenimento), presieduta da Benedetto Palese (nella foto).
“I gestori dovranno organizzarsi ‘senza se e senza ma’, tutti uniti, per rispondere compatti alle indicazioni che emergono dal tavolo comune delle associazioni Sapar, Agge, Assogioco-Confesercenti e Agcai.

Non saranno accettate scuse da nessuno e se qualcuno non è d’accordo lo faccia per solidarietà associativa. Non sarebbe giusto - afferma Palese - rompere l’unità del settore in questo momento strategico. L’obiettivo della protesta è inviare un preciso messaggio al governo:  i preventivati 394 milioni di euro richiesti per l’Europa al settore AWP non arriveranno perché le imprese con questo ulteriore aumento del Preu non riescono più ad ammortizzare i costi mensili di gestione. Oltre ai cinque giorni di mancata raccolta (che potrebbero aumentare) si farà ricorso agli ammortizzatori sociali per i dipendenti provi di lavoro.

In realtà - aggiunge il numero uno dell’Agcai - protesteremo contro un governo che ormai è da definirsi, senza ombra di essere smentiti, al servizio delle multinazionali a discapito della salute pubblica e delle imprese italiane”.

“E’ inaccettabile che anche dopo l’audizione in Commissione Bilancio ottenuta dopo la precedente manifestazione, il governo non abbia recepito i suggerimenti espressi a seguito della presentazione di emendamenti dagli stessi componenti della Commissione. Tutto ciò vuol dire - evidenzia Benedetto Palese - che gli interessi dell’esecutivo nazionale sono talmente forti e consistenti da rovinare i giocatori ‘rinchiudendoli’ tutti nei mini-casino, spingendo verso la chiusura oltre 5.000 aziende con più di 200.000 lavoratori”.

“Noi non ci arrenderemo mai! Manifesteremo chiedendo l’attenzione di tutti i media e dei politici che hanno letto con attenzione le nostre richieste ed hanno recepito il nostro allarme: siamo imprese e lavoratori al servizio dello Stato e come tali, dobbiamo essere tutelati”.

“Se il prodotto che distribuiamo per conto dello Stato è diventato pericoloso conclude il leader dell’Agcai - , lo Stato ha l’obbligo di cambiarlo. Non può pretendere di variare le imprese che lo distribuiscono, aziende autorizzate dallo Stato a cui adesso si vuole dare il ben servito. Questo non è accettabile”.

Manzo: Bcc Napoli tra le banche più affidabili

NAPOLI.  "Ottimi numeri e una radicata convinzione nel potenziale della nostra città, sono le caratteristiche dell'Assemblea della Banca di Credito Cooperativo di Napoli che ha approvato un bilancio che conferma la tendenza degli ultimi anni e che la vede tra le banche più affidabili, propositive ed efficienti. Un nuovo modello di Bcc il nostro che, in armonia con la riforma del sistema del credito cooperativo, diventa una realtà di riferimento stabile per imprese e famiglie", dichiara il presidente della Bcc di Napoli Amedeo Manzo. 

A "Spring in Naples" il ricordo di Victor Uckmar

NAPOLI - La sedicesima edizione di "Spring in Naples", simposio di fiscalità internazionale, quest'anno è stato dedicato Victor Uckmar che, insieme all'ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili partenopei, 15 anni fa scelse Napoli come luogo per diffondere saperi e coordinare la dottrina universitaria con la pratica professionale.

All'incontro, introdotto da Vincenzo Moretta, numero uno dei commercialisti napoletani, Carlo Ricozzi, comandante interregionale dell'Italia meridionale della Guardia di Finanza; Mario Nussi, presidente dell'associazione italiana professori di diritto tributario; Andrea Amatucci, (Università degli studi di Napoli Federico II); Giuseppe Corasaniti (Università degli studi di Brescia), sono state rese note le possibili e doverose modifiche allo Statuto dei diritti del contribuente illustrate proprio da padre dello Statuto, Gianni Marongiu (Università di Genova), preceduto dall'introduzione sullo stato dell'arte da Francesco Tesauro (Università Bicocca di Milano).

Al dibattito, moderato da Salvatore Tramontano, consigliere dell'Odcec, il rettore dell'Università Giustino Fortunato, Augusto Fantozzi, ha spiegato i principi costituzionali che tutelano il contribuente, con un'ampia disamina delle posizioni della giurisprudenza di legittimità.
Nella sessione pomeridiana, coordinata da Achille Coppola, segretario nazionale dei commercialisti italiani, è stata focalizzata la visione allargata ai principi europei esposta da Maurizio Logozzo (Università del Sacro Cuore di Milano) e l'analisi di un auspicabile codice europeo del contribuente evidenziata da Fabrizio Amatucci (Università degli studi della Campania Luigi Vanvitelli).

Il tema della tutela dei diritti fondamentali del contribuente durante la fase delle istruttorie ad opera dell'amministrazione internazionale nel rispetto dei principi costituzionali ed europei è stato affidato a Clelia Buccico, neopresidente della fondazione Odcec Napoli.
Nell'ambito dei diritti dei contribuenti sono intervenuti anche Immacolata Vasaturo (consigliere delegato dei commercialisti partenopei), Pasquale Saggese (Fondazione Nazionale Commercialisti) e Francesca Rosita Natta (ordine di Milano).

La conclusione dei lavori è stata affidata a Raffaele Perrone Capano (Università degli Studi di Napoli Federico II) che ha sottolineato l'impegno dell'Odcec di Napoli e della sua Fondazione a dare un concreto apporto alle future modifiche allo statuto dei diritti del contribuente che, se 17 anni fa ha segnato una svolta decisiva nei rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria, oggi necessita sicuramente di alcuni aggiustamenti.

Enrico Villano è stato eletto presidente dell’unione dei giovani commercialisti di Napoli Nord”

Enrico Villano è il nuovo Presidente dell'Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli Nord.
Villano, 31anni, aversano punta allo sviluppo dell’Unione di Napoli Nord perchè una associazione sindacale aperta a tutti i giovani commercialisti in continua crescita: “Sono davvero onorato – ha detto Villano – di poter rappresentare i giovani colleghi aderenti alla nostra associazione. Il compito della nostra associazione è quello di studiare i problemi della categoria, facilitare l'avvio alla professione dei giovani colleghi, prestare loro assistenza con tutti i mezzi a nostra disposizione e di rappresentare una cassa di risonanza per le istanze e le aspirazioni dei giovani commercialisti dei 38 comuni ricompresi nel circondario del Tribunale di Napoli Nord. Tutto ciò, animati da quello che Noi amiamo chiamare “Lo Spirito Unione”. Infine – conclude il neo presidente – a breve partiranno le prime iniziative: il Centro Studi ed un corso di preparazione all’esame di abilitazione per i praticanti”.
Nel consiglio direttivo sono stati eletti, oltre al presidente Enrico Villano, Fabio Credendino (Vicepresidente), Chiara Nicoletta Matacena (segretario), Domenico Flagiello (tesoriere), Giancarlo Falco (Direttore del Centro Studi) ed i consiglieri: Raffaele Carleo, Vincenzo Caterino, Nicola De Cristofaro, Raffaella Ilaria Dell’Aversano, Giorgio Sansone, Valentino Sibilio e Sabrina De Angelis (in rappresentanza dei Praticanti). Il Collegio Sindacale sarà presieduto da Carmela Romagnoli con componenti Fabio Motti e Ciriaco Tino.
Chiamati a svolgere la funzione di probiviri Gianluigi Raimo in qualità di Presidente e Francescopaolo Orabona e Quirino Razzano quali componenti.

Moretta: troppe responsabilità per i commercialisti nella revisione legale

NAPOLI – “Il sistema dei controlli è fondamentale nell’economia del Paese e viene attivato attraverso il ruolo del Collegio sindacale. Si tratta di un tema molto attuale e che riguarda da vicino la nostra professione. Il nostro appello riguarda le responsabilità nell’ambito della revisione legale: siamo convinti che nei confronti dei professionisti ci siano responsabilità illimitate, per questo motivo chiediamo regole più idonee per chi è impegnato in un lavoro delicato in prima linea.  Lo ha detto Vincenzo Moretta, presidente Ordine dottori commercialisti ed esperti contabili di Napoli, aprendo il convegno “Le responsabilità del Collegio sindacale, aspetti civilistici e penali”.

"I commercialisti devono garantire nei confronti della collettività che i bilanci delle aziende siano sani, in quest’ambito - ha aggiunto Moretta - le problematiche e le insidie non mancano e noi garantiamo grande professionalità e competenza specifica”.

 “Oggi c’è un inasprimento del contenzioso giudiziario in materia di bancarotta, complice la crisi economica che ha determinato un amplificarsi di fallimenti", ha sottolineato Roberto Pirro Balatto, sostituto procuratore della Repubblica di Napoli, sezione Reati di criminalità e finanziaria.

"Sul versante penale occorre valutare se la dichiarazione di fallimento è equiparabile ad una bancarotta ed ha quindi riflessi diretti ed analizzare in concreto se vi sono anche responsabilità penali nelle condotte da parte degli 'attori'. Non è detto - ha concluso il magistrato - che tutti gli aspetti tributari devono occupare le nostre aule di giustizia”.

“Esistono oggettivamente alcune difficoltà, però, la legge prevede una forma di controllo che deve operare in maniera diligente soprattutto in un periodo di crisi economica - ha evidenziato Enrico Quaranta, Giudice Sezione Tribunale delle Imprese di Napoli -. Gli strumenti non mancano, come l’accesso all’Autorità giudiziaria sia in sede civile che penale. Occorre poi sottolineare che ci sono stati alcuni casi in cui l'imprenditore ha deciso di eludere i debiti tributari e previdenziali per autofinanziare l'attività aziendale pagando gli stipendi e creando un vero e proprio corto circuito con un danno a carico della collettività e ci sono state sentenze che hanno evidenziato questa decisione”.

All'incontro, moderato da Massimo Zeno (docente all'Università di Benevento), hanno partecipato Concetta Riccio ed Eraldo Turi, consiglieri delegati dell'Odcec Napoli Nord, Francesca Marra Buonocore (presidente della Commissione di Diritto Societario); Ciro Esposito (docente all'Universita di Chieti Pescara) e Alfonso Furgiuele (docente all'Università Federico II).

Grimaldi Lines "traghetta" i giovani alla scoperta di "FuturoRemoto"

NAPOLI. Grimaldi Lines sostiene attivamente la cultura scientifica e l'innovazione tecnologica. La Compagnia è infatti main sponsor della XXXI Edizione di  Futuro Remoto, la più grande festa dedicata alla scienza, alla tecnologia, all'innovazione, all'arte e alla cultura in programma a Napoli da oggi fino al 28 maggio: una vera e propria piattaforma vivente di "social innovation", promossa dalla Fondazione Idis - Museo della Scienza, dalle sette Università della Regione Campania e dal MIUR - Ufficio Scolastico Regionale della Campania, in partnership con le principali istituzioni cittadine e regionali.

Le Connessioni sono il tema di Futuro Remoto 2017, declinato in 12 isole tematiche allestite nel cuore di Piazza del Plebiscito e in una fitta proposta di attività quali laboratori, incontri, grandi conferenze, lezioni in piazza, spettacoli e show. Sono le stesse connessioni e gli stessi valori che Grimaldi Lines ben conosce e sperimenta quotidianamente trasportando passeggeri in tutto il Mar Mediterraneo: il mare stesso è infatti sinonimo di connessione, di cooperazione e di condivisione.

Lo stand Grimaldi Lines si trova presso il Padiglione 8 dedicato ai Mezzi e sistemi per la mobilità dove verranno presentate le attività della Compagnia, leader mondiale nel trasporto di veicoli, di passeggeri e nella logistica integrata.

Presso lo spazio espositivo verrà inoltre presentato Grimaldi Educa, il grande progetto che la Compagnia dedica agli studenti italiani e che dal 2015 è oggetto di un Protocollo d'Intesa con il MIUR. L'obiettivo di Grimaldi Educa è quello di favorire l'orientamento professionale e la crescita personale dei giovani, grazie a percorsi di alternanza scuola/lavoro creati ad hoc per le necessità di ogni singolo istituto scolastico e a innovativi viaggi d'istruzione. Le proposte di Grimaldi Educa si rivolgono a tutto il mondo dell'Istruzione Secondaria, con particolare riferimento a Licei, Istituti Tecnici e Professionali a indirizzo turistico, nautico e alberghiero.
Oggi e domani sono in programma brevi laboratori conoscitivi dedicati all'offerta di percorsi formativi.

Infine, sul palcoscenico di Futuro Remoto 2017, la Compagnia di Navigazione sarà inoltre presente con tre interventi: il primo sul tema "I consumi energetici delle navi del futuro", previsto il 25 maggio alle ore 16.20, il secondo sul tema "Grimaldi Lines: investimenti in innovazione per un trasporto sostenibile di merci e passeggeri" previsto il 26 maggio alle ore 15.00 e il terzo sul tema "Il mondo della scuola a bordo delle navi Grimaldi Lines" previsto il 27 maggio alle ore 12.30.

Il Gruppo Grimaldi ha sede a Napoli, controlla una flotta di 120 navi e ha circa 13 mila dipendenti. Facente capo alla famiglia Grimaldi, il Gruppo è uno dei più grandi operatori di navi Ro/Ro e traghetti nel mondo.  Nel settore Passeggeri, oltre a Grimaldi Lines, il Gruppo controlla Finnlines, leader nel Mar Baltico, e la greca Minoan Lines, operante tra il Pireo (il porto di Atene) e l'Isola di Creta.
 

Aziende napoletane al top

NAPOLI. Confindustria ha consegnato a Roma il Premio “Imprese X Innovazione – Andrea Pininfarina” a 21 aziende che hanno investito con successo in ricerca e innovazione. Il Premio, realizzato in collaborazione con la Fondazione Giuseppina Mai, Intesa Sanpaolo e con il supporto tecnico dell’Associazione Premio Qualità Italia (APQI), si distingue per essere sull’innovazione, il primo in Europa ad aver adottato i parametri dell’European Foundation for Quality Management (EFQM). Tra le aziende vincitrici due aziende appartenenti all’ Unione Industriali di Napoli: la SMS Engineering e Telecom Italia Spa che il 20 settembre 2016 hanno anche ricevuto il Premio Nazionale per L’Innovazione, PREMIO DEI PREMI, al Quirinale dal Presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella.

Le aziende vincitrici del 2016 sono: Arcadia Consulting Srl; BTO Spa; Calzoni Srl; Comer Industries Spa; Consulenza aziendale per l’informatica SCAI Spa; Dedagroup; Epta Spa; Farmalabor Srl; Fluid-o-Tech Srl; Inaz Srl; Leonardo Srl; Marlegno Srl; Microtec Srl; Prisma Telecom Testing; Qui! Group Spa; Raytec Vision Spa; Roboze by Mekatronika Srl; Sidam Srl; SMSEngineering Srl; STMicroelectronics Srl; Telecom Italia Spa. Il Premio “Imprese X Innovazione – Andrea Pininfarina” di Confindustria partecipa, per la categoria Industria e Servizi, al Premio dei Premi, riconoscimento istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su mandato del Presidente della Repubblica. Delle 21 imprese premiate da Confindustria, 9 hanno ottenuto anche il Premio dei Premi: Arcadia Consulting Srl; BTO Spa; Comer Industries Spa; Dedagroup; Fluid-o-Tech Srl; Marlegno Srl; SMS Engineering Srl; STMicroelectronics Srl; Telecom Italia Spa.

La SMS Engineering è stata fondata nel 1998 da Antonio Ascione, Francesco Castagna e Massimiliano Canestro, tre studenti della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. A quegli studenti negli anni si è aggiunta Rosangela Capasso come socio, ex collega di studio. Dal 1998 è presente prima sul mercato campano e poi su quello nazionale ed internazionale. Nell’ultimo anno fiscale sono state erogate più di 28.000 ore di consulenza dalle nostre 35 risorse nell’ambito delle soluzioni ICT proposte alla clientela. SMS Engineering ha la sua sede centrale a Napoli e una sede commerciale a Londra. L’ultimo quinquennio, caratterizzato dalla crisi economica globale, ha visto la SMS Engineering affermarsi sul mercato quasi triplicando di fatto il valore del fatturato che nel 2015, si attesta intorno ai € 2.700.000. La Mission si fonda sull’idea che le nostre soluzioni informatiche sono un fattore di crescita, innovazione e successo. Ascoltiamo le esigenze, prendiamo in carico i bisogni, miglioriamo i processi, ottimizziamo i costi e le performance attraverso le nostre soluzioni ICT, frutto di una ventennale e consolidata esperienza maturata nel manifatturiero, nella distribuzione, nel settore della difesa e nel terziario avanzato. Realizziamo un’azione costante di trasferimento tecnologico modellando, sui bisogni reali dei nostri clienti, le più innovative soluzioni ICT disponibili sul mercato. L’azienda opera sul mercato ICT per lo sviluppo e la fornitura chiavi in mano di soluzioni applicative software, anche fortemente personalizzate, nonché in qualità di System Integrator per la realizzazione di Datacenter. Le soluzioni applicative per l’aeronautica, la logistica ed i trasporti (installate anche in Fiat e Maserati), insieme alle soluzioni software di Business Intelligence vengono proposte sui mercati esteri così come le competenze tecniche sulla cyber security per le quali l’azienda ha un Basic Order Agreement con NATO. SMS Engineering ha una elevata propensione nell’investimento in ricerca e sviluppo, che ne fa un’azienda leader nell’innovazione, comprovata dai numerosi premi nazionali ed internazionali ricevuti quali, tra gli altri: il Premio Nazionale per l’Innovazione 2016, Premio dei Premi, della Presidenza della Repubblica Italiana; il Premio IxI 2016, Imprese per Innovazione di Confindustria; Microsoft SMB Italian Partner of the Year 2014; European Business Awards National Finalist 2012/2013; European Business Awards Country Representative 2011; Nomination for Dow Jones Innovations Awards of the Wall Street Journal 2010;  UK Trade & Investments Market Entrant Award del Governo Britannico 2010; Impresa di Eccellenza nell’Innovazione premio Presidenza Repubblica Italiana 2008.

Nel 2016 la SMS Engineering ha ricevuto il Seal of Excellence per aver presentato un Progetto di Ricerca e Sviluppo nel settore Aeronautico per la realizzazione di una applicazione software chiamata AQUIS (Aeronautic Quality Improvement System) nell’ambito del Programma Europeo Horizon 2020. Un’altra Soluzione Software myWMS JIS (Warehouse Management System con logica just in sequence) nata da un’altra attività di R&S per il settore automotive è attualmente installata negli stabilimenti Fiat di Melfi e Maserati di Grugliasco.

Voucher, Cgil Campania pronta alla mobilitazione

NAPOLI - La Cgil in Campania è pronta alla mobilitazione contro il tentativo del governo di far approvare l'emendamento al decreto legge n.50/2017 che di fatto reintroduce lo strumento dei voucher. "Verrebbero meno, in questo modo - sottolinea il sindacato - gli impegni assunti formalmente dell'esecutivo in tema di lavoro occasionale. Secondo la Cgil, si tratta di una iniziativa "inqualificabile e inaccettabile". "In molte fabbriche e aziende della regione - riferisce il segretario generale della Cgil Campania, Giuseppe Spadaro - già si sta discutendo sulle forme di protesta da attuare per far arrivare alle Prefetture il dissenso del mondo del lavoro in merito a questa azione dal sapore chiaramente anticostituzionale".

Ragionieri, nuove opportunità per esperti contabili

ROMA - Giovani a farsi le ossa negli studi professionali, ricevendo in cambio fino a 500 euro per l'iscrizione all'Università. È questo il cuore dell'emendamento a firma del presidente della Commissione parlamentare di controllo sull'attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, Lello Di Gioia, che ha presentato la proposta al Forum della Cassa di previdenza dei Ragionieri dedicato a “Le opportunità per l'esperto contabile”. L'obiettivo è “il completamento di un percorso virtuoso che vede più esperti contabili, già ricondotti nell'alveo della Cassa, maggiore sostenibilità per le pensioni e più giovani che hanno maggiori garanzie e opportunità di crearsi il lavoro, e di conseguenza più iscritti alla Cassa”. All'incontro ha preso parte anche Mariastella Gelmini, già ministra dell'Istruzione e attuale vice presidente vicaria del gruppo di Forza Italia alla Camera, che ha sottolineato l'importanza di questa nuova figura professionale in un momento storico in cui “il 40% dei giovani è senza lavoro, occorre farsi carico e assumersi la responsabilità di individuare nuovi sbocchi”, dunque “il progetto pilota deve diventare un modello da esportare e applicare nei contesti professionali più diversi”. Il presidente della Cnpr, Luigi Pagliuca, ha infatti ricordato la “vasta campagna informativa che stiamo portando avanti da tempo” per promuovere “la nostra idea, che è quella di consentire ai giovani di frequentare gli studi professionali e le imprese ancora prima di raggiungere l'abilitazione”, che “consentirebbe – ha proseguito - un collegamento diretto tra teoria e pratica applicata, permettendo agli studenti di raggiungere il prima possibile l'esperienza necessaria per entrare nel mondo del lavoro”. Anche perché “si tratta di un professionista a tutto tondo, tenuto al rispetto dei canoni deontologici e, in particolare, all'obbligo di formazione continua, per essere all'altezza delle mutate aspettative del mercato”, ha precisato il vice presidente dei Commercialisti italiani, Davide Di Russo. Infatti “l’esperto contabile svolge un servizio di pubblica necessità”. E anche l'Associazione nazionale commercialisti “appoggia fortemente il progetto lanciato da Cassa Ragionieri”, ha rimarcato il presidente Marco Cuchel, “che tra l’altro ha incontrato il favore del Ministero del Lavoro di prevedere un percorso di alternanza università/lavoro, già dal primo anno di corso e permettere così una professionalizzazione anticipata rispetto ai tempi tradizionali”. La figura dell’esperto contabile “offre ai giovani l’opportunità di intraprendere in tempi brevi, già con la laurea triennale ed il superamento dell’esame per l’abilitazione, un’attività lavorativa autonoma”, ecco perché il presidente Unione nazionale commercialisti ed esperti contabili, Giuseppe Diretto, ritiene “importante diffonderne la conoscenza informando gli studenti dei licei e degli istituti tecnici superiori, in procinto di scegliere il percorso di studi universitario”. Così come “l’accesso alla professione in età meno avanzata rispetto ad altre professioni può garantire una carriera previdenziale più lunga”, ha ricordato il consigliere di amministrazione della Cassa dei ragionieri, Paolo Longoni, dunque “un’accumulazione di montante contributivo maggiore e di conseguenza una prestazione pensionistica più soddisfacente al momento della quiescenza”. Ovviamente “il futuro professionale dell’esperto contabile dipenderà da opportunità, vincoli e scelte”, ha affermato Marco Micocci, ordinario di matematica finanziaria e attuariale, sottolineando però che questa importante innovazione nel mondo delle professioni “e la sua iscrizione alla Cassa nazionale di previdenza dei ragionieri rappresenta, da un punto di vista simbolico, il completamento di un percorso molto importante che Cnpr ha realizzato negli anni”.

Pagine

Rubriche

ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)
I PERSONAGGI DEL "ROMA"
di Mimmo Sica
IL COMMERCIALISTA
di Carmine Damiano
ODISSEA GASTRONOMICA
di Antonio Medici
DIRITTI&LAVORO
di Carlo Pareto
IL FATTARIELLO
di Edo e Gigi (I Fatebenefratelli)